LE REGOLE DEGLI AMORI IMPERFETTI di Mara Roberti (EmmaBooks) - Recensione

Autrice: Mara Roberti
Genere: romance contemporaneo
Ambientazione : Italia
Pubbl. Originale: EmmaBooks, pagg. 186 , 28 ottobre 2014, € 4,99
Parte di una serie: no
Livello Sensualità : 
MEDIO
Disponibile in ebook: solo in ebook

TRAMA:  Se il segreto dell’amore fosse racchiuso in una tazza di tè? È quello che scoprirà Elisa, partita per trascorrere un fine settimana in un borgo arroccato e fuori dal tempo, alla ricerca del romanticismo perduto. Fra gli aromi del tè, antiche leggende e i segreti di una misteriosa camelia gialla che fiorisce solo una volta all’anno, si inseguono amori ostinati e impossibili, le storie di due donne che amano troppo e sfuggono alla felicità per paura di essere ferite. L’amore però non accetta regole ed Elisa imparerà a riconoscerlo nei posti più impensati. Nei fiori, nei silenzi di una madre o nelle ferite del cuore. Le regole degli amori imperfetti è un viaggio fra i sapori, i sogni e la magia delle piccole cose, per chi ha bisogno di ricominciare a credere che la felicità non solo è possibile, è necessaria.
                                                               
Se la vita è come una tazza di tè, significa che qualcuno di noi sarà l’acqua e qualcun altro il tè. Ci sono persone che sentono di poter cambiare ciò che le circonda, di lasciare il segno, di dare il proprio sapore alle cose e alle situazioni. Di solito sono le persone che si tuffano nella tazza, impavide e impazienti.
Poi ci sono le persone che aspettano, che si adattano, che accolgono, che cambiano colore a seconda degli umori altrui, che quasi mai si impongono. Attendono, liquide e trasparenti, le foglioline di tè che daranno gusto alla loro vita. Le persone acqua.
Non sarà facile per me esporvi le suggestioni e le considerazioni che seguiranno, perché questo libro prima di essere un’esperienza di lettura è un’esperienza emotiva. La storia che Mara Roberti ci narra ne “Le regole degli amori imperfetti” è incentrata principalmente sulle figura di Elisa e Daria, figlia e madre, su ciò che è la realtà odierna della prima e su ciò che è stata la vita della seconda; tutto collegato da un filo narrativo che, associando le regole del tè e dell’esistenza, danno vita a un romanzo di rara intensità. 
Elisa si trova in un momento cruciale della sua vita, ha due buone amiche Alessandra e Ornella e un lavoro, vive con la zia ed ha una relazione con Diego molto controversa, data la lontananza che li separa e gli impegni di entrambi. Un giorno riceve la notizia di aver vinto un soggiorno in un borgo ritenuto il più romantico d’Italia e decide di partire con Diego per cercare di rivitalizzare la loro relazione, la ritiene una chance irrinunciabile. Decide di farlo anche contro il parere delle amiche e della zia, che non vedono di buon occhio questo rapporto data l’ambiguità di comportamento di Diego. Questo viaggio e il soggiorno a Roccamori sconvolgeranno la vita di Elisa, perché qui scoprirà qualcosa del suo passato e metterà le basi al suo futuro.
Come entrano l’amore e le regole del tè in questo romanzo? Ci entrano di prepotenza, attraverso il racconto in flasback dei momenti cruciali della vita di Daria e della stessa di Elisa. Daria, che tanta influenza ha avuto sul modo di sentire la vita e di vivere l’amore della figlia;  ha imparato  da sua madre Elisa le regole del tè fin da piccola, regole che sono state il leit motiv della sua gioventù. Da sua madre ha imparato ad associare i colori, i sapori, i profumi di questa straordinaria bevanda alle persone, al loro gusto, al loro carattere fino a farne uno schema per la conoscenza del loro vero io.
L’amore per entrambe è stata sofferenza, entrambe hanno amato e perduto. Daria non ha avuto scelta, la scelta fu fatta per lei. Elisa, invece, ha scelto la rinuncia volontariamente. Ha amato all’inverosimile Daniele, un uomo meraviglioso con cui aveva passato dei giorni stupendi e proprio quando credeva che la felicità fosse a portata di mano, a causa di un evento inaspettato, si costrinse a respingerlo perché pensava che tale accadimento avesse provocato quella situazione. E proprio Daniele ricompare a distanza di anni, inaspettatamente, nella sua vita; è fidanzato con la sua migliore amica Alessandra, ma le fa capire che non ha mai smesso di cercarla, che quel che c’era tra loro non è mai morto. Elisa non lo ascolta, vuole provare a costruire qualcosa con Diego, anche se sente dentro di sé che è Daniele l’amore vero, passionale, indimenticabile. Così Elisa parte per il suo viaggio verso Roccamori e qui, in uno scenario
suggestivo e decadente, nella locanda che tanti anni prima aveva visto la nascita e la morte dell’amore della madre verso un uomo mai perdonato, negli splendidi giardini pieni di fiori di camelia, tra stravaganti sessioni di tè con le vecchie signore del luogo, troverà risposte ad un passato ( il suo e quello della madre) mai veramente compreso e capirà che l’amore è grande solo se accompagnato dal coraggio. Qui dove tutto ebbe inizio ci sarà la fine di un viaggio nel tempo, l’amore avrà la sua rivincita sulla sofferenza e la solitudine ed Elisa finalmente avrà l’agognato lieto fine con l’uomo del suo destino.
Questo romanzo ha avuto su di me un impatto straordinario, mi son detta: “Mara Roberti riesce a far vibrare le mie emozioni come un diapason, descrive i turbamenti e i pensieri di Elisa come se fossero i miei”. C’è stato un raro momento in cui ho sentito la piena connessione tra me, la protagonista e l’autrice, come se stessimo vivendo in simbiosi le cose che accadevano, ma soprattutto le sensazioni che
venivano descritte. Questo è un romanzo emozionale, non si legge, si sente. Con parole semplici e raffinate Mara descrive un gamma infinita di luoghi interiori dell’animo umano. Il tempo e il suo dipanarsi. La solitudine e l’abbandono che cercano sempre un riscatto. L’amore,  che si può decidere di vivere o no, a seconda della personalità che si ha, del coraggio che si dimostra. La verità che rende liberi quando fa incastrare tutti i pezzi al posto giusto e dà un quadro finalmente chiaro che permette di riprendersi l’esistenza. Mara è bravissima a descrivere le regole del tè come un paradigma delle regole di vita, per poi dirci alla fine che in fondo i precetti aiutano a tracciare e a conoscere il sentiero ma non sono il sentiero. E’ l’amore sbocciato, vissuto, realizzato il fine ultimo.
Coprotagonisti del racconto sicuramente i personaggi secondari abbozzati e non, che contribuiscono ad inserire volta per volta notizie, insegnamenti, colore. 
La scrittura della Roberti è veramente efficace nell’intrecciare situazioni e impressioni, il suo stile pulito, raffinato, non ampolloso, rendono la lettura del libro piacevolissima. Questo non è un romance di solo intrattenimento, è un romanzo sulla vita, fa riflettere, va ponderato per gustare appieno le sue molte sfumature (come una miscela di tè) , per alcuni versi è 'spaccacuore' ma vi lascerà sicuramente un ricordo indelebile come è stato per me.










COME INIZIA IL ROMANZO...
Trentun anni prima.
L’ultimo sole del pomeriggio tingeva di rosa la parete della stanza, immergendola in una luce inafferrabile, che cambiava troppo in fretta per avere il tempo di coglierla. Un attimo prima di raggiungere il culmine della sua bellezza si ritirava, sprofondando ogni cosa nel buio. In quell’attimo però era perfetta, una nebbiolina rosa e dorata che faceva galleggiare gli oggetti come se fossero privi di peso: il tavolino davanti alla finestra, i fiori che non avevano neanche fatto in tempo a mettere nel vaso, i vestiti gettati sulla sedia.
Daria allungò il braccio sul petto nudo di lui e gli strinse le dita. Renato ricambiò subito la stretta. Da dove si trovavano, sul letto, il cielo era una battaglia di luce e di colori infuocati. Lo sentì sospirare, il petto troppo magro che si alzava e poi abbassava di colpo. Lo sfiorò con le labbra.
Renato la attirò a sé con l’altro braccio e la baciò delicatamente sulla fronte, un bacio sofferto, troppo rapido. «Sei la cosa migliore che mi sia mai capitata. Lo sai. E anche la peggiore.»
Il sorriso le morì sulle labbra, ma lei lo fece rinascere in qualche modo. «Solo finché continui a torturarti inutilmente.»
Daria si sollevò su un gomito e lo guardò dall’alto. Il ciuffo scuro gli cadeva sugli occhi castani, grandi e spaventati. A vederlo così, provò una fitta improvvisa al petto. Era così bello e così diverso dall’uomo che conoscevano tutti. Ed era merito suo, lo sapeva. Era stata lei a cancellargli quell’espressione seria e concentrata dal viso, a insegnargli a sorridere con gli occhi, a socchiudere quelle labbra carnose. Eppure le sembrava che le stesse scivolando via. Sempre

più bello e sempre più inafferrabile, come la luce del tramonto che entrava dalla finestra.
«Non sono una delle tue camelie, Renato. La vita non è una delle tue camelie. Puoi godertela e basta, senza chiederti in continuazione se stai facendo la cosa giusta.»
Lui la prese e la spostò sopra di sé, le strinse il viso fra le mani e la guardò negli occhi con un tale amore e una tale tristezza che Daria non riuscì a reggere il suo sguardo e li distolse.
«Io parto domattina» gli disse senza guardarlo. «Ti farò avere l’indirizzo non appena avrò trovato un posto. Il nostro posto. E ci sarà un grande giardino, te lo prometto, il giardino più 
bello che avrai mai visto.» Posò la guancia sul suo petto. Sentì il cuore che batteva, più rapido di quanto avrebbe mai lasciato intuire il suo viso calmo e controllato. Si chiese se avrebbe avuto il privilegio di sentire quel battito per tutta la vita o se avrebbe potuto soltanto cercarne l’eco nel proprio. 
Renato le accarezzò i capelli lentamente. «Ti sbagli» le disse. «Tu sei proprio come una delle mie camelie. Perfetta e sensuale e piena di sorprese. Ma sei l’unica cosa che abbia mai amato più di loro.»
«Mi raggiungerai, vero?» chiese lei con una nota strozzata nella voce. «Come abbiamo deciso.»
In quel momento sentirono alcuni passi che salivano di corsa le scale della pensione. Renato si irrigidì e la mano scivolò via dalla sua testa. I passi si avvicinarono sempre di più.
La luce rosa era scomparsa e la stanza scivolava a poco a poco nel buio, mentre l’ultima luce del giorno restava impigliata fra i petali delle camelie appoggiate sul tavolo.
Daria chiuse gli occhi. C’era solo una stanza accanto alla loro, vuota, ed erano all’ultimo piano. I passi si fermarono. Alzò gli occhi e incrociò lo sguardo spaventato di Renato. Solo in quel momento capì di che cosa erano fatti davvero i suoi dubbi e le sue paure. Capì che facevano parte di lui. Che erano fatti della stessa materia del suo amore per lei. Si chiese se il desiderio di essere felice sarebbe stato più forte.
In quella frazione di secondo, prima che la porta si aprisse, pensò che il desiderio non era abbastanza, solo il bisogno di essere felice avrebbe potuto salvarli. E neanche il loro amore poteva arrivare a tanto. ...




DA LEGGERE DI MARA ROBERTI

Le scarpe son desideri (2013) - solo ebook, Emma Books
Love trainer (2013) - solo ebook, Emma Books
Gli uomini preferiscono le befane (2103) - un racconto nell'antologia - solo ebook, Emma Books
Buon lavoro! (2014) - un racconto nell'antologia - solo ebook, Emma Books

***
L'AUTRICE
Mara Roberti è il lato “in rosa” di una traduttrice che un giorno si è accorta di aver trascurato le proprie emozioni. Per la fretta, le aveva cacciate tutte da qualche parte dentro di sé, proprio come si fa con gli oggetti che non si ha il tempo di rimettere in ordine. Le emozioni però non le freghi come i calzini, prima o poi tornano a galla, e le sue lo facevano cogliendola alla sprovvista e commuovendola nei momenti meno opportuni. Ha iniziato a scrivere per questo, per vivere le proprie emozioni e tornare a credere nei sogni, quei sogni per cui ci sembra di non avere mai tempo, e per cui invece dovremmo trovarlo.

INCONTRA MARA SULLA SUA PAGINA FACEBOOK:
https://www.facebook.com/pages/Mara-Roberti/505338556186321?fref=ts


TI INTERESSA QUESTO LIBRO? TI PIACE LEGGERE STORIE CHE PRESENTANO INSIEME ALLA STORIA D'AMORE ANCHE PROBLEMATICHE DI VITA E AMICIZIE FEMMINILI? HAI GIA' LETTO IL ROMANZO? COSA NE PENSI?


LA LUCE DELL'AMORE di Mary Balogh (Mondadori) - Recensione

Autrice: Mary Balogh
Titolo originale: The Arrangement
Traduttore: Elena Riva
Genere: Storico
Ambientazione: Inghilterra, 1815
Pubblic. originale: Dell, 2013, pp.380
Pubblic. Italiana: Romanzi Mondadori collana Emozioni n. 31, ottobre 2014
Parte di una serie: 2° libro della serie Survivors' Club
Livello sensualità: MEDIO
Disponibile in ebook? Sì,€ 2,99



TRAMA: Rimasto cieco a causa di un colpo di cannone sul campo di battaglia, Vincent Hunt, lord Darleigh, si è ormai abituato alla propria condizione. Non così la sua iperprotettiva famiglia, che fa di tutto per trovargli moglie. Per sfuggire alle macchinazioni matrimoniali, Vincent decide di ritirarsi in campagna, dove tuttavia gli è impossibile mantenere l’anonimato. Vittima dell’ennesima trappola, viene però salvato dall’intervento di una sconosciuta dalla voce sensuale, Miss Sophia Fry, che in conseguenza di ciò viene cacciata di casa dal tutore che la ospita. E questa volta è Vincent a venirle in soccorso offrendole un matrimonio di convenienza: un accordo nato dalla disperazione, ma che schiuderà loro sorprendenti prospettive…


Mary Balogh è, devo ammettere, uno delle mie autrici preferite nell’ambito del Romance storico. Ha uno stile delicato e sofisticato e la sua scrittura non manca mai di affascinarmi. Anche se questo, forse, non è il mio
preferito tra tutti i suoi libri, mi è piaciuto molto. Vincent e Sophia sono giovani e un po' ingenui, ma la loro storia e l’approfondimento psicologico dei personaggi accurato come al solito, mi hanno conquistata.
Una storia affascinante, un risveglio di passione e di redenzione. In questo nuovo libro,  Mary Balogh  unisce un eroe di guerra consegnato al buio eterno da un colpo di cannone a una ragazza diventata invisibile ai più che, troverà la felicità, mostrando al nostro protagonista  la luce dell'amore. Due personaggi imperfetti, Vincent infatti non è il classico eroe alpha e Sophia non è la bellissima vergine illibata tipica di tanti regency.
Il libro si apre con Vincent Hunt, visconte Darleigh, in fuga da casa sua. Le  donne della sua vita, una madre, una nonna e tre sorelle, cercano di trovargli una moglie presentandogli continuamente nuove candidate più o meno adeguate. Normalmente un nobile di ventitre anni, avrebbe potuto facilmente difendersi da queste manovre, ma Vincent è cieco e ha permesso alla sua famiglia di regolare la sua esistenza negli ultimi anni, lasciandosi viziare e accudire dalla sue parenti. Incerto su come prendersi cura del suo futuro, Vincent fugge dalla sua dimora avita per rilassarsi, meditare  e diventare finalmente  padrone della propria vita.
Vincent finisce la sua fuga arrivando nel villaggio della sua infanzia,  tuttavia il soggiorno del giovane visconte nella sua città natale, non è destinato ad essere tranquillo come avrebbe potuto desiderare. Il suo arrivo non passa inosservato, si trova subito coinvolto in una festa di benvenuto e quasi intrappolato da una ragazza in una situazione compromettente. Fortunatamente per lui, Sophia "il topo" arriva a salvarlo dal matrimonio con l’antipatica cugina. Purtroppo per la ragazza, il suo salvataggio non risulta apprezzato dai propri congiunti ed essendo la parente povera, viene subito sbattuta fuori di casa dagli zii che avevano architettato la trappola allo scopo di accalappiare un nobile come marito per la figlia. Lasciata da sola e  senza un soldo, Sophia si reca nella chiesa del paese per cercare rifugio e lì trascorre la sua prima notte da senzatetto. Qui la trova  la mattina dopo Vincent che, spinto dal rimorso, le offre un accordo: un matrimonio di convenienza. Quando però Sophia si rifiuta di legarlo a sè  per il resto della vita, Vincent suggerisce un compromesso: dopo un anno di matrimonio si separeranno per vivere due vite tranquille e indipendenti. Sophia acconsente a malincuore e subito viene catapultata a forza nella vita del suo futuro sposo; prima presentata agli amici del club dei sopravvissuti a Londra e dopo un matrimonio affrettato, subito costretta a conoscere la famiglia iperprotettiva che la considera a prima vista una cacciatrice di dote.
Questo secondo libro della serie dei Survivors ci racconta una storia d’amore dolce, tenera e delicata. Non c’è un personaggio negativo, non ci sono conflitti o fraintendimenti, ma solo due ragazzi feriti che, costretti dalle circostanze a un’unione frettolosa, cercano di trarre il meglio dagli eventi,  prima attraverso l’aiuto reciproco,  poi con una bella amicizia e infine con l’amore.  Ci sono alcune scene di sesso, ma sono così dolci che non posso classificare questo libro come molto sensuale. Tre cose mi sono piaciute in questo romanzo: in primo luogo, Sophia che riconquista la sicurezza in se stessa grazie all’apprezzamento del marito che la vede e la sente senza conoscerne l’aspetto fisico modesto. Poi, Vincent che conquista la sua libertà non miracolosamente riguadagnando la vista, ma piuttosto attraverso la protagonista che gli fornisce i mezzi per farlo: un cane addestrato e una pista privata per correre e galoppare senza pericoli. Infine, l’evolversi del loro amore,  lento ed inesorabile che li condurrà verso una felicità insperata.
Mary Balogh ancora una volta, scrive una storia d’amore commovente, senza grandi sussulti o amplessi focosi, perfettamente calzante ai due giovani e ingenui protagonisti, forse un po’ troppo zuccherosa, ma sicuramente gradevole.












 LEGGI QUI IL NOSTRO POST IN CUI MARY BALOGH PARLA DI QUESTA NUOVA SERIE - THE SURVIVORS' CLUB


DA LEGGERE NELLA SERIE THE SURVIVORS' CLUB 
1. The Proposal (2012) - ed. italiana: LA PROPOSTA,  Mondadori, I Romanzi Emozioni, nr 17, agosto 2013 Hugo Emes, Lord Trentham e Gwen, Lady Muir - LEGGI QUI la ns recensione
1.50.The Suitor (2013) - novella solo in ebook -  Philippa Dean e Julian Crabbe - inedita
2.The Arrangement (2013) -ed. italiana: LA LUCE DELL'AMORE,  Mondadori, I Romanzi Emozioni, nr 31, ottobre 2014  Vincent Hunt, Visconte di Darleigh e Sophia Fry
3. The Escape (2014) - Sir Benedict Harper e Samantha McKay
4. Only Anchanting (2014) - Flavian, Visconte di  Ponsonby e Agnes Keeping
5. Only a Promise (2015) - Ralph Stockwood e Chloe Muirhead

L'AUTRICE
Mary Balogh, una delle più acclamate e premiate autrici contemporanee del genere storico/regency, è nata a Swansea, nel Galles, terra di mare e montagne,canzoni e leggende. Un bagaglio di emozioni che l'autrice ha portato con sè quando decise di trasferirsi in Canada con un contratto di tre mesi come insegnante. Quella che doveva essere un'esperienza temporanea si è però trasformata in una nuova vita, perchè in Canada Mary ha incontrato Robert che ha sposato e con il quale ha avuto tre figli.
In Canada Mary ha anche iniziato la sua carriera di scrittrice, pur continuando a fare l'insegnante a tempo pieno. Il suo primo successo, A Masked Deception, scritto a mano nei ritagli di tempo sul tavolo della cucina, uscì nel 1985 e vinse in quell'anno il premio della rivista Romantic Times come miglior opera prima nel genere regency. Molti romanzi e racconti hanno seguito negli anni quel primo successo e oggi Mary Balogh è una scrittrice romance a tempo pieno e ogni suo libro è atteso con impazienza da milioni di fedeli lettrici in tutto il mondo.
VISITA IL SUO SITO: http://www.marybalogh.com/

TI PIACEREBBE LEGGERE QUESTO LIBRO? L'HAI GIA' LETTO? CONDIVIDI LA NOSTRA RECENSIONE? COSA PENSI DI QUESTA NUOVA SERIE DI MARY BALOGH?


Anteprima: FIDANZATO DI SCORTA di River Jaymes (Triskell ed.) - Recensione

ESCE IL 29 OTTOBRE !
Autrice: River Jaymes
Titolo originale: The Backup Boyfriend #1
Traduttrice: Barbara Cinelli
Genere: M/M
Ambientazione: San Francisco, USA
Pubblic. Originale: Self published
Pubblic. Italiana: Triskell Edizioni, 29 ottobre 2014,pp.224
Parte di una serie: 1° serie   The Boyfriend Chronicles
Livello sensualità: Medio/Alto
Disponibile in ebook: sì, e in cartaceo con Print On Demand

TRAMA: Professionalmente parlando, il dottor Alec Johnson ha quasi raggiunto tutti i suoi obiettivi. Insieme al suo ex, il dottor Tyler Hall, è anche il vincitore di un premio a loro destinato per il lavoro che svolgono con i senzatetto. Purtroppo, però, la sua vita privata fa un po’ pena, soprattutto perché ci sono in previsione per lui diversi eventi ai quali dovrà partecipare insieme a Tyler e al suo nuovo fidanzato. Nel tentativo di sollevarsi l’umore, Alec acquista una moto, ma non ha nemmeno idea di come si usi.
Dylan Booth non ha tempo per il dottor “Incapace” e per la sua Harley del 1964, ma nonostante sia un meccanico un po’ arrogante, non riesce a dire di no alla sua richiesta di aiuto.
Dopo aver trascorso la sua adolescenza per le strade e aver perso il suo migliore amico a causa dell’HIV, Dylan decide che dare una mano a quell’uomo impegnato a fare del bene sia il minimo che possa fare.
Ma vedere Alec interagire con il suo ex rende Dylan stranamente protettivo nei suoi confronti, tanto che invece di presentarsi come meccanico dichiara di essere il suo nuovo fidanzato.
L’ex sospetta che Dylan stia mentendo.
Alec sostiene che Dylan sia pazzo.
E Dylan non è sicuro di riuscire a fingere di essere gay.


Comincia tutto per gioco, per sfida verso l’ex di Alec, che è capace di metterlo  tanto a disagio e Dylan non riesce a vedere la vulnerabilità e la sofferenza sul viso di quest’uomo  che praticamente non conosce. Stare zitto e lasciare che Alec anneghi nel compatimento e nel senso di perdita per la rottura di una relazione che durava da due anni è impossibile per lui tanto che si presenta come il nuovo compagno di letto. Ed esagera pure, aggiungendo particolari piccanti. Il perché Dylan si comporti così non riesce a spiegarselo. In fin dei conti non conosce Alec  se non per via della motocicletta che ha acquistato e l’unico legame tra i due è Noah, un amico comune.
Dylan è un uomo particolare, vissuto per strada per sfuggire ad un padre violento, non ha mai conosciuto la madre, non ha nessun titolo di studio, ma è orgoglioso di quello che è e non ha nessuna vergogna di ciò che ha fatto in passato. Ha anche pagato un prezzo davvero alto nei suoi trent’anni di vita, tanto che è arrivato al punto di prendere ciò che il destino offre senza pensare a domani. Non esiste il domani, non esistono i legami del “per sempre”, non esiste assolutamente di dare ancora un pezzo di sé a qualcuno e poi doverlo perdere così come ha perso il suo migliore amico a causa dell’HIV. Dylan è anche un uomo aperto, che non tollera le etichette che la società impone, non ama sentisti incasellato in un ruolo, non vuole essere costretto a dire o a fare cose che non riesce ad elaborare dentro di sé. È talmente aperto e consapevole di sé che non trova strana o ripugnate l’attrazione che prova per Alec, nonostante sia stato etero per tutta la sua vita. L’attrazione è così forte e il desiderio così grande che, da fidanzato per finta, il passo ad amici con benefici è brevissimo. Solo che Alec è un uomo totalmente diverso da lui.  Alec impegna corpo e anima in una relazione e Dylan non vuole nemmeno sentire la parola relazione. Cominciano così i problemi, i tira e molla e le distanze che prendono creano voragini che non si riempiono se non con al reciproca presenza. Hanno bisogno l’uno dell’altro.
Il tono del libro è assolutamente ironico, divertente, le elucubrazioni mentali di Dylan sono spassose e alcune da grassa risata proprio ma, mentre da un lato abbiamo questa leggerezza che fa sorridere, dall’altro c’è una profondità incredibile. Tutti e due devono cambiare qualcosa per riuscire a stare insieme. Dylan ha bisogno di elaborare e soprattutto di accettare alcune cose del suo passato che aveva rimosso, ha necessità di far pace con una parte di sé che lo tiene distante dagli affetti e che non gli permette di dire quello che prova ma soprattutto di accettare di essere amato e di legarsi a qualcuno. D’altro canto Alec deve imparare che prima di chiunque altro deve compiacere se stesso, deve fare le cose perché le vuole lui, non perché si aspettano che lui le faccia.
Non è una storia facile la loro e nonostante il sesso sia grandioso, non c’è solo quello. Hanno bisogno di crescere,  di confrontarsi, di accettarsi. L’autrice è bravissima a svelare strada facendo quali sono i nodi da sciogliere, non lascia questioni in sospeso e ci presenta i personaggi in maniera perfetta, con tutti i loro alti e bassi. Dylan in special modo, ha uno spessore e una psicologia complessa ma, nonostante tutto, si riesce ad entrare nella sua testa e a capire il suo comportamento. La sua evoluzione è lenta ma inesorabile e quando finalmente arriva ad accettare che legarsi  a qualcuno non è una cosa così spaventosa, lo fa con una scioltezza incredibile. Ama, perciò rischia.









COME INIZIA IL ROMANZO...

Non lontano dalla meta prefissata, la moto di Alec si spense allo stop e l'anziana signora dietro di lui accelerò mostrandogli il dito medio mentre gli passava accanto. Non c'era niente di paragonabile all'essere insultati da una pensionata ed essere lasciati lì a mangiare la sua polvere. Letteralmente. Alec tossì quando i gas di scarico e il pulviscolo gli colpirono il viso. Chiaramente l‟universo lo stava prendendo a schiaffi per aver ignorato il consiglio di un esperto e aver comprato quella moto. Un acquisto impulsivo innescato da una mattinata molto difficile, di certo. Ma essere addirittura costretto a spingere la propria Harley Davidson d'epoca – o per meglio dire, vecchia – verso il garage del suddetto esperto? Non era esattamente il modo migliore di iniziare la relazione con quella moto, né di portare avanti il piano, recentemente formulato, di lasciarsi il passato alle spalle e rifarsi una vita. Una che non includesse Tyler, il suo ex, a ogni occasione. Una nuova ondata di determinazione lo colpì. Motivato, Alec si sollevò
sulla gamba destra e lasciò cadere tutto il suo peso sul pedale. Il motore sputacchiò, non molto convinto, prima di spegnersi, e due ulteriori tentativi portarono allo stesso risultato. Perplesso, aggrottò la fronte e guardò il cumulo di metallo che aveva tra le gambe. «Va bene, fa i capricci,» disse una voce.
Il suggerimento implicito al fatto che stesse prendendo sul piano personale la natura poco collaborativa della moto fece arricciare le labbra di Alec all'insù e lo indusse a cercare con lo sguardo la fonte di quelle parole. Davanti all‟entrata di una costruzione di metallo, sotto le parole Adams' Vintage Motors dipinte in rosso, un uomo se ne stava appoggiato allo stipite della porta. Dylan Booth. Al telefono, la sua voce roca era scivolata su Alec come olio caldo, ma l'immaginazione non aveva reso giustizia a quell'uomo. Indossava un paio di jeans macchiati d'olio e una maglietta nera, e aveva lineamenti definiti e classici. Le braccia erano incrociate sul petto e sembrava rilassato, ma gli occhi erano vigili, quasi lo stessero valutando. Sicuramente stava ridendo dentro di sé per la situazione in cui Alec si era cacciato con le sue stesse mani. Alec cercò di far sì che gliene importasse qualcosa, ma fallì. L'umiliazione di quel momento impallidiva se paragonata alla notizia che aveva ricevuto riguardo a Tyler. Il pensiero del suo ex ragazzo gli fece stringere con determinazione la presa sull'acceleratore. Dopo un altro tentativo fallito di far partire la moto, grugnì disgustato e scese. Fortunatamente Dylan Booth, nonostante avesse tutti i diritti di prenderlo in giro, evitò ulteriori commenti mentre Alec spingeva la moto lungo il vialetto d'accesso. «Mi fa piacere conoscerla finalmente di persona.» Quando arrivò davanti a Dylan, Alec abbassò il cavalletto e si sfilò il casco, grato di poter respirare un po' d'aria fresca. Sforzandosi di rimanere composto si presentò: «Sono Alec Johnson.» Mentre si avvicinava, il meccanico si ripulì lentamente le mani in uno straccio e il sole del tardo pomeriggio si rifletté negli occhi più verdi che Alec avesse mai visto. Con aria un po' riluttante, il meccanico gli tese la mano. «Dylan Booth.» Le spire delle sue impronte digitali erano macchiate di grasso. C'erano abrasioni fresche sulle sue nocche, come se fosse stato coinvolto in una rissa con uno dei suoi veicoli. Alec si protese per stringergli la mano e i suoi calli ruvidi che percepì lo colsero di sorpresa. ...




DA LEGGERE NELLA SERIE THE BOYFRIEND CHRONICLES
1. The Backup Boyfriend (2013) - ed. italana: FIDANZATO DI SCORTA, Triskell edizioni, ottobre 2014 
2. The Boyfriend Mandate (2014)

L'AUTRICE
River Jaymes di giorno lavora come dottore in un paesino sperduto in Alaska e ha accumulato negli anni un certo numero di divertenti aneddoti. Di notte la sua parte aggressiva prende il sopravvento e viene fuori a giocare. River ama leggere e scrivere libri provocatori, che contengono vari livelli di humor e abbondanza di scene hot (generalmente fra due uomini fisicamente molto attraenti).

VISITA IL SUO SITO: http://www.riverjaymes.com/

TI INTRIGA LA TRAMA DI QUESTO ROMANZO? TI PIACEREBBE LEGGERLO? L'HAI GIA' LETTO? COSA PENSI DELLO STILE DI QUESTA AUTRICE?


LO VOGLIO di Kristan Higgins (Harlequin/Mondadori) - Recensione

Autore: Kristan Higgins
Titolo originale: The Perfect Match
Traduttrice: Chiara Alberghetti
Genere: Contemnporaneo
Ambientazione: USA
Pubbl.originale: Harlequin, 2013
Pubbl. italiana: HM Harlequin Mondadori da libreria, 21 ottobre 2014, pp.384, € 12,90
Parte di una serie: 2° serie Blue Heron
Livello sensualità: MEDIO
Disponibile in ebook? Sì , € 6,99                                                         
TRAMA:  La perfezione sembra la caratteristica principale di Honor Holland, precisa, impeccabile e organizzata come nessuno mai. 
Tanto che a ogni compleanno ha un bizzarro appuntamento fisso e imprescindibile. 
Una sorta di messa a punto, per essere certa di non stare invecchiando troppo, o troppo in fretta. 
Quando però, viene inaspettatamente mollata a trentacinque anni dall'uomo che ha frequentato, di nascosto, per una vita, il muro di perfezione dietro al quale si è a lungo nascosta crolla improvvisamente, rendendola avventata e impulsiva, al punto di prendere decisioni impensabili per lei. Infatti, un po' per fare ingelosire quel farabutto, un po' per spirito di solidarietà, accetta di sposare Tom Barlow, che ha bisogno di un matrimonio di convenienza per ottenere la Green Card. 
Ma trattandosi di Honor, c'è da aspettarsi che questo finto fidanzamento si riveli la cosa più autentica che le sia mai capitata. 
Così perfetta come solo l'amore può essere.

                                                                 

Il romanzo, ancorché autoconclusivo, è logicamente collegato con quello precedente " Se
torni, ti sposo"  che ha come protagonista la sorella Faith. Questa invece è la storia di Honor, la sorella minore, sempre precisa, dedita al lavoro, inappuntabile nel suo abbigliamento serioso e monocolore , accompagnato dall'immancabile cerchietto per capelli. 
A seguito della sconvolgente scoperta che Brogan  l'amico del cuore/fidanzato,dopo otto anni di  frequentazione non vuole sposarla, anzi la paragona candidamente " al suo un vecchio guantone di baseball", Honor con il cuore spezzato e l'autostima sotto i piedi decide di dare un taglio alle vecchie abitudini e, come tutte le donne, inizia con un drastico taglio di capelli.
Ma non basta....Lei vuole una famiglia, dei figli, un amore....
Così comincia una divertentissima ricerca, non certo dell'uomo ideale, impossibile da trovare nell'ambito del piccolo paese dove vive, in quanto quelli appetibili sono tutti già accasati,  ma almeno di uno " discreto".
E qui, dopo esilaranti incontri e situazioni grottesche di ogni tipo, la vita di Honor si intreccia con quella di Tom, un ingegnere meccanico inglese che insegna presso il College locale ed al quale, in mancanza del rinnovo dl contratto, scadrà il visto di soggiorno, con l'immancabile amara prospettiva del ritorno in patria.

IL MIO SBAGLIO PREFERITO di Chelsea M. Cameron (Harlequin Mondadori) - Recensione

Autrice: Chelsea M. Cameron 
Titolo originale: My Favorite Mistake
Traduttrice: Luigi Bertolini
Genere: New Adult , erotico
Ambientazione: Usa
Pubblic. originale: Autopubblicato con  Createspace, 2012
Pubblic. italiana: Harlequin Mondadori,  Libreria , 20 ottobre 2014,€14,90
Parte di una serie:  1° serie “My favorite mistake”.
Livello sensualità: Media
Disponibile in ebook? Sì


TRAMA: Due segreti. Una scommessa. Chi cederà per primo? Fin dal loro primo incontro, Taylor Caldwell non sa se desidera baciare o prendere a pugni Hunter Zaccadelli, il suo nuovo coinquilino. Da una parte Hunter è un affascinante ragazzo dagli occhi blu, irresistibile e pieno di charme. Dall'altra è il tipico bad boy, con la chitarra sempre in mano e il corpo coperto di tatuaggi. Forse è per questo motivo che Taylor ha paura di innamorarsi di lui, non vuole restare scottata e quindi è necessario che Hunter se ne vada... prima che sia troppo tardi. Anche Hunter ha avuto le sue delusioni e i suoi dolori nel passato, ma Taylor ha una risata così sexy e inoltre non gliene fa passare una liscia! Insomma non può darsi per vinto facilmente e le propone una scommessa: se lei riuscirà a convincerlo che lo odia o lo ama sul serio, lui se ne andrà dall'appartamento, lasciandola finalmente in pace. Ma quando il passato riemerge all'improvviso Taylor deve decidere: fidarsi di Hunter confidandogli il suo segreto più nascosto o fare tutto il possibile per vincere la scommessa e allontanarlo per sempre. 


“Non mi piaci. Non mi piace l’odore dei tuoi capelli, non mi piace dover sempre pensare di svegliarmi e vedere la tua faccia. Detesto come il letto mi è sembrato vuoto quando te ne sei andata. Non mi piace come sei stata brava con la mia famiglia, e in particolare con Harper, e come ho desiderato vederti ancora insieme a loro, ma non da semplice ospite. Sì, da membro della famiglia, hai capito bene. Non mi piaci per niente."

Nell’ultimo periodo la mia smodata passione per i New Adult si era un po’ affievolita, probabilmente anche a
causa dell’abnorme invasione di questo genere di letture  che non sempre ho giudicato valevole di approfondimento, per cui sono rimasta silenziosa, aspettando che qualche nuovo titolo mi colpisse risvegliandomi da questa sorta di torpore. Per cui eccomi qui a parlarvi di “Il mio sbaglio preferito” di Chelsea M. Cameron, una lettura che con la sua freschezza e vivacità colpisce dritto al cuore di chi legge, pur essendo una storia senza eccessive pretese e ben farcita di luoghi comuni. Vi avverto che questo romanzo è indirizzato ad un pubblico che apprezza le ambientazioni nei campus universitari (stile “Uno splendido disastro”) e che ha amato “Ti aspettavo” di J. Lynn, un titolo a cui la Cameron pare essersi ispirata parecchio, soprattutto nel raccontare l’adorabile personaggio maschile. Come accennato lo schema è molto classico: lei brava ragazza innocente lui playboy incallito che ci prova con tutte, finchè  scopre che l’unica che gli resiste è la sola che vale la pena conquistare.

NICKY di Monica Lombardi (EmmaBooks) - Recensione

*ATTENZIONE GIVEAWAY!* UNA COPIA DI QUESTO LIBRO VERRA' ESTRATTA TRA TUTTE LE LETTRICI CHE LASCERANNO UN COMMENTO INTERESSANTE A QUESTA RECENSIONE ENTRO IL 31/10/14.


Autrice: Monica Lombardi
Genere: Romantic Suspense
Ambientazione : Italia
Pubbl. Originale: EmmaBooks, pagg. 57 c.a. , 13 ottobre 2014, € 1,99
Parte di una serie: 0.5 serie GD Team
Livello Sensualità : MEDIO



TRAMA: Una missione tutta italiana per il GD Team, a un anno dalla sua nascita. Nicky si sta godendo una vacanza rilassante al sole della Toscana, quando è costretta a interromperla per entrare in azione. Lei e Jet dovranno fingersi una coppia di texani, per cercare di incastrare un pericoloso russo dagli occhi di ghiaccio, coinvolto in affari particolarmente odiosi. Ma la vera missione, per Nicky, è sforzarsi di tenere Jaime Travis fuori dalla sua vita. E dal suo cuore. Dopo Vertigo, il primo capitolo della serie dedicata al GD Team, una novella che ci porta indietro nel tempo di qualche anno, al 2009, a quell’incarico che Nicky non è mai riuscita a dimenticare…



Jet l’avvicinò di più a sé, piegando la testa in modo da poterle parlare contro i capelli.
«Ti sta mangiando con gli occhi.»
Dunque aveva ragione, se n’era accorto anche lui. 
«Vuoi fare il marito geloso?»
«Di certo non è bene che pensi che sono un marito smidollato. Esci con Buck?»
L’improvviso cambio di discorso la spiazzò. «Questo che c’entra?» gli domandò, tirando indietro la testa di scatto per guardarlo.

Scrivo questa rece a un’ora impossibile. L’ora in cui di solito, la gente ormai dorme da ore. In piena fase 
Nicole "Nicky" Kelly
REM. Io invece trovo sia il momento migliore della giornata. Forse perché mischio chiacchiere, aneddoti e storie proprio a un’ora in cui uno dovrebbe godersi un po’ di sano riposo. La notte è fatta anche per aprire la copertina di un libro, virtuale in questo caso, e lasciare che la storia si racconti da sola e ci racconti di personaggi che magari già conosciamo e che non vedevamo l’ora di incontrare di nuovo. Storie che abbiamo letto e di cui attendevamo con ansia un nuovo capitolo, un seguito o un prequel.

La novella di Monica Lombardi, Nicky, fa parte della serie GD Team pubblicata da Emma Books qualche mese fa e vede come protagonista la coppia Nicole Kelly e Jaime Travis. Nicky e Jet per gli affezionati. Per coloro che aspettano con ansia il secondo libro che li vedrà interamente protagonisti. Qui li incontriamo in missione, una delle prime, in cui si fingono sposati e devono incastrare un boss russo che alimenta i suoi affari con un traffico piuttosto ripugnante. 

Jaime 'Jet ' Travis
Ambientata nella nostra bella Italia, tra Lucca e Milano, con descrizioni di una veridicità tangibile, proprio come solo la penna di Monica sa fare, la novella è una pièce godibilissima, con molto romance, la giusta dose di action e sano humour. Una puntata in giro per la bella Toscana, con una Nicole Kelly sempre più conscia dell’attrazione che la spinge verso quel ragazzaccio, bello e solare di nome Jaime Travis. Un uomo off limits. Per il loro lavoro, che li vede colleghi da oltre un anno. Per la sua ferma convinzione che lui sia un tipo da cui stare lontana, non solo per l’innegabile fascino che lo rende un impenitente tombeur de femmes - 
e certo Nicky non vuole rientrare nella sua lista nera delle facili conquiste – ma soprattutto per la chimica prepotente che li avvicina. Per le situazioni e i ruoli che devono impersonare che li vedono protagonisti di situazioni in cui sfuggire al minimo contatto fisico è impensabile. Mantenere le distanze, convincersi che sia solo lavoro diventa sempre più una sciocca menzogna. Anche dolorosa. Perché in maniera irrazionale, sfiorarsi in questi giorni italiani è necessario come respirare. 
Questa breve storia brilla di luce piena proprio in questi strepitosi momenti di contatto. Abbracciarsi, sfidarsi apertamente, fingendo di essere ciò che si ha paura di poter diventare: una coppia. Mettere dei limiti. Che non possono essere superati. Per paura, per rispetto, per convinzione. Nicky percepisce Jet sottopelle. La sua voce, il suo tocco, ciò che dice, ciò che non dice. Sono segnali di un cambiamento nel loro rapporto. Non sono solo colleghi di lavoro. Non sono solo amici. Le loro battute, il loro condividere l’intimità di chiacchiere, una cena, un giro in moto, compere, scherzi e anche un letto (ahimè in maniera del tutto platonica, ma forse questo non dovrei dirvelo) sono solo le basi di qualcosa che prima o poi, a dispetto di ostacoli e ragioni che il cuore si affretta o forse fa finta di condividere, una lettrice fedele, appassionata ed entusiasta come me, non vede l’ora di poter leggere davvero. 

Anteprima: L'ULTIMA CONCUBINA di Catt Ford (Dreamspinner) - Recensione

Autrice: Catt Ford
Titolo originale: The Last Concubine
Traduttrice: Stella Mattioli
Genere: MM
Ambientazione: Cina Imperiale
Pubblic. Originale: Dreamspinner Press
Pubblic. Italiana: Dreamspinner Press in Italiano, 21 ottobre 2014, pp.223
Parte di una serie: no
Livello sensualità: medio alto
Disponibile in ebook: solo in ebook

TRAMA: Quando la principessa Lan’xiu, contro la propria volontà, viene consegnata dal fratello come offerta all’harem del generale Hüi Wei, la sua unica domanda è quando il suo segreto sarà scoperto. Non si fa illusioni: quando il generale scoprirà che lei è in realtà un lui, la morte sarà il suo unico futuro, anche se non ha intenzione di arrendersi. Lan’xiu si è vestito da donna per tutta la vita, ma non è fragile. Sa usare una spada come i migliori guerrieri.
 Il generale Hüi Wei ha tutto quello che un uomo può desiderare: potere, ricchezza, successo sul campo di battaglia e un harem di concubine. All’inizio guarda Lan’xiu con sospetto, ma si sente stranamente attratto da lei. Quando scopre che la bellissima giovane in realtà è un uomo, la sua prima reazione è quella di estrarre la spada. Piuttosto che sprecare una tale bellezza, decide di godere della sottomissione di Lan’xiu: la principessa accende una passione e un desiderio profondi, che egli non ha mai provato per le altre mogli. Ma gli intrighi di corte, le ambizioni politiche e i dubbi del generale potrebbero essere un ostacolo troppo grande per il loro amore.


Un connubio tra MM e Storico, per me che sono appassionata di entrambi i generi, non è facile da trovare. Ci sono state altre pubblicazioni MM storiche, ma pur essendo interessanti non hanno mai lasciato il segno. L’ultima concubina invece è una storia che mi ha appassionato e coinvolto proprio in virtù dell’ambientazione.
Siamo nella Cina Imperiale, dove gli intrighi politici per conquistare il maggior numero di province, sono all’ordine del giorno. Invischiato in uno di questi, si trova Lan’xiu, principessa offerta in dono al generale Hui
Wei, con l’intento di provocarlo e scatenare così una guerra che porterà il fratello di Lan alla conquista di altre province. Sì, perché Lan non è una ragazza, bensì un giovane uomo di diciotto anni che ama vestirsi da donna, ama la setosità degli abiti femminili, ama adornare e acconciare i suoi capelli. Quello che però non ha previsto il fratello di Lan è la passione che scoppia tra la principessa e il generale. Hui ama la sottomissione di Lan, le reazioni che riesce a ottenere e giorno dopo giorno, si innamora di questo ragazzo che ha portato nella sua vita la gioia della passione vera che non aveva mai sperimentato con  le sue mogli e concubine. Hui sente che si sta innamorando di Lan e che è corrisposto. Oltre che alle lotte politiche, Lan e Hiu devono affrontare anche le gelosie interne all’harem. Qualcuno trama nell’ombra, perché capisce l’ascendente  che Lan ha sul generale, ne è gelosa e cerca in tutti i modi di uccidere ciò che intralcia il suo desiderio di ascesa al potere.
Diverso da ogni altro libro letto, L’ultima Concubina ha atmosfere particolari, molto sensuali e coinvolgenti. È un po’ difficile giudicare l’attinenza storica perché la storia della Cina Imperiale non è così alla portata di tutti, ma da alcune ricerche  che ho svolto si capisce che l’autrice ha fatto un notevole  lavoro per ciò che riguarda usi e costumi che rendono abbastanza verosimile il libro. La suddivisione in ranghi, l’harem, la coabitazione delle moglie e delle varie concubine si svolgeva davvero come ci viene presentata qui. Non so dire se l’omosessualità fosse così accettata, visto che si lascia intendere pure una storia d’amore tra la terza e la quarta moglie di Hui Wei, una liason tra l’eunuco di Lan’xiu e il capo delle guardie dell’Harem e una storia che dura da anni tra il capo delle guardie reali nonché amico fidato e consigliere di Hui Wei e una guardia. Mi fa piacere pensare però che fosse così, anche se  alla fine il sesso di Lan rimane un mistero per i più e questo è da attribuire al fatto che Lan prediligeva mostrarsi come donna piuttosto che come uomo.
La sensualità che permea il libro ha un risvolto che lascia intendere che Catt Ford ama le situazioni dove c’è un Dom che dirige i giochi, non importa se questo è un generale cinese o un fotografo dei nostri tempi come in Una mano forte, l’importante è che ci sia quella dominazione che fa di uno dei protagonisti colui che sottomette l’altro, anche se in realtà poi vediamo che la dominazione è solo fisica, perché a livello mentale ed emotivo il Generale Hui Wei è totalmente  devoto e sottomesso ai desideri della sua principessa.
Ho un affetto particolare per questo libro perché nel mese di agosto di quest’anno, la coordinatrice in lingua italiana per Dreamspinner, Emanuela Piasentini, chiese nei vari gruppi Facebook un aiuto con la lettura della prima revisione dopo la traduzione del testo, poiché aveva troppi libri in cantiere da controllare (per nostra fortuna) e troppo poco tempo a disposizione.  Ancora una volta mi sono resa conto, se mai ne avessi avuto bisogno, di che lavoro immane c’è dietro alla pubblicazione di un libro. Noi lettrici godiamo del prodotto finito ma dimentichiamo troppo spesso che dopo essere stato tradotto, c’è qualcuno che si prenda la briga di sistemarlo per noi, di renderlo scorrevole, godibile, capibile e soprattutto di limare e aggiustare tutte quelle imperfezioni che darebbero adito a giudizi impietosi, di poca professionalità, quando in realtà si tratta di poco tempo a disposizione per riuscire a dare un prodotto che sia di qualità.
Non mi aspettavo che questo storico mi piacesse davvero perché, come ho detto all’inizio, non ho
avuto grande feeling con altri storici MM. Sono rimasta piacevolmente colpita invece dalla bellezza della storia e dei personaggi, dalla capacità dell’autrice di renderli interessanti e non stereotipati. Anche il linguaggio è adatto al genere, non solo nelle conversazioni tra i vari protagonisti ma anche nelle descrizioni ambientali;  nello stesso tempo mette quella passione e quella brama nelle scene di sesso che la contraddistinguono e la rendono un’autrice che crea personaggi che hanno una  personalità variegata, non statica e sono capaci di mostrare il lato più intimo di sé senza remore. La principessa Lan’xiu è dolce e remissiva con le altre concubine e mogli, consapevole del fatto che occupa il gradino più basso del rango, ma nello stesso tempo, quando si trova in intimità col suo Generale, pur essendo a lui sottomessa, non esita  a prendere ciò che vuole e con forza.
Saranno felici coloro che amano i finali lunghi, poiché quando il libro vero e proprio finisce, c’è un piccolo resoconto di quello che accadrà negli anni a venire.











L'AUTRICE
CATT FORD vive di fronte al monitor del suo computer, in un altro mondo, dove i suoi amici gay immaginari obbediscono a ogni suo ordine.

Ama i gatti, la cioccolata, i balli lenti, dormire, i Monty Python, i suoi amici australiani, essere un po’ matta, raccontare realtà diverse attraverso le parole e i vetri levigati dal mare. Non le piacciono i bruchi, il fumo delle sigarette e le persone maleducate che pensano che la parola che inizia con F (offensiva verso gli omosessuali) sia accettabile.
È una perfezionista frustrata, consola se stessa con la leggenda che si narra sui tessitori di tappeti Persiani: che il loro lavoro comprende sempre la presenza di un errore per non causare l’ira degli dei, anche se per lei non è necessario compiere un errore di proposito. Almeno uno scappa sempre. Scrivendo libri di fantasia, ha soddisfatto il suo bisogno di assistere a conversazioni intelligenti, cosa che è possibile solo quando si possono controllare entrambi gli interlocutori e, nei romanzi erotici, dove tutto si risolve per il meglio, la maggior parte delle volte.
VISITA IL SUO BLOG : 
http://catt-ford.livejournal.com/

VI INTRIGA LA TRAMA DI QUESTO ROMANZO? VI PIACEREBBE LEGGERLO? VI PIACCIONO GLI M/M AMBIENTATI NEL PASSATO? 
QUANDO L'AVRETE LETTO FATECI SAPERE COSA NE PENSATE.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

GUARDA IL VIDEO DEL BLOG!