UOMINI IN ABITI REGENCY ( 2 )

If people turn to look at you on the street, you are not well dressed.
George Bryan 'Beau' Brummell


Per completare quello che abbiamo detto qualche tempo fa (vedi qui) circa i sensibili cambiamenti dell'abbigliamento maschile all'inizio dell'Ottocento, periodo che in Inghilterra prese il nome di Regency , entriamo un po' più nel dettaglio...

Quali erano i capi essenziali del new deal della moda maschile d'inizio Ottocento?

LA MARSINA (Tailcoat)
La marsina (soprabito a coda di rondine) era un capo d'abbigliamento di rigore per ogni uomo, almeno per chi apparteneva alla nobiltà e alla classe media. Essendo derivata da un soprabito abitualmente usato per andare a cavallo, la marsina era più corta sul davanti e divisa in due trasversalmente , con lunghe 'code' sul retro per facilitare la cavalcata. Aveva il collo alto dietro ed era molto aderente sulla schiena e sul petto. Poteva essere a uno o a doppio petto e veniva portata sia abbottonata che aperta. Il davanti era normalmente tagliato più corto rispetto al panciotto sottostante. La marsina era generalmente di lana , ma poteva anche essere di lino nelle stagioni più calde. Di giorno la gamma dei colori poteva essere più varia, ma di sera la moda dettava solo colori scuri (nero o blu) per questo capo d'abbigliamento che poteva avere bottoni ricoperti in stoffa oppure in ottone o peltro.

IL CAPPOTTO (Great coat)
Come soprabito veniva anche usato il cosiddetto 'great coat', un cappotto che copiava quelli a mantellina dei postiglioni. Spesso le mantelline che decoravano il retro del cappotto erano più di una. Nel 1797, Jane Austen in una descrizione dell'eroe di Northanger Abbey, Henry Tilney, scrive: "the innumerable capes of his great coat looked becomingly important."( le innumerevoli mantelle del suo cappotto apparivano piacevolmente importanti). Brummell non approvava queste distorsioni alla linea originale del 'great coat', perciò la sua moda durò poco e fu sostituita da quella di cappotti lunghi dal taglio più semplice .


IL PANCIOTTO (Waistcoat)
Il panciotto , che inizialmente aveva le maniche, diventò senza maniche già dopo il 1740. A quanto pare prese origine dalla giacca di un fantino. Poteva essere in lana, lino o seta ed era spesso in tinta unita ma anche in broccato, a strisce o a disegni. Aveva il collo montante sul dietro e a volte ampi risvolti ripiegati, soprattutto a inizio Ottocento. Il panciotto solitamente era più lungo sul davanti della marsina, perciò si poteva intravedere al di sotto della stessa e andava a coprire la parte alta dei pantaloni o delle brache. Il più delle volte era a un petto, ma poteva anche essere a doppio petto. Panciotti e brache erano generalmente più chiari rispetto alla marsina perchè, sotto l'influenza dello stile Neoclassico, con l'abbigliamento si voleva conferire al corpo maschile l'aspetto di una statua di marmo. Non tutti i fisici, però, potevano permettersi questo stile. Famose, a questo proposito, le battute e i disegni satirici del periodo che rappresentavano l'obeso Principe di Galles (che aveva pretese di eleganza) strabordante dentro agli attillatissimi abiti alla moda.

LA CAMICIA (Shirt)
La camicia era solitamente in lino o cotone. Era lunga e larga (non molto diversa da quella dei secoli precedenti), con maniche che avevano spalle scese e collo montante, che a volte poteva arrivare anche a sfiorare la mandibola.
La camicia poteva arrivare a mezza coscia o alle ginocchia, aveva un'apertura ( ma non completa) sul davanti e si sfilava dalla testa. E molto spesso era l'unico capo di biancheria indossato! Ecco perchè un uomo in maniche di camicia era spesso considerato indecente...era un po' come vederlo in biancheria intima.
Le maniche con rouches ai polsi
( un retaggio del Settecento) erano considerate fuori moda in questo periodo, però le rouches sul davanti erano ancora accettate. Le camicie non venivano confezionate dai sarti ma dalle cucitrici (seamstresses). Le camicie 'pronte da indossare' cominciarano ad essere messe in vendita già dalla metà del Settecento.

BRACHE E PANTALONI ( Breeches, pantaloons , trousers)
Le brache (Breeches), cioè i pantaloni corti al ginocchio tipici dell'abbigliamento maschile nel Settecento stavano gradualmente scomparendo. Per un certo periodo di tempo essi rimasero in auge come capo più indicato per la sera, ma furono poi relegate ad occasioni molto formali o per i ricevienti a corte. Le brache potevano essere di lana, cotone, lino o seta, per le occasioni più formali. Esse avevano generalmente la vita più alta sul davanti ed erano un po' meno sblusanti sul dietro rispetto a quelli di fine Settecento. Esse continuavano però ad avere l'apertura con patta a doppia abbottonatura sul davanti, erano aderenti alle cosce e chiuse con cinturino o bottoni appena sotto il ginocchio.
I cosiddetti Pantaloons (pantaloni) furono introdotti alla fine del Settecento dai rivoluzionari francesi. Avevano doppia abbottonatura sul davanti e potevano essere di diverse lunghezze, fino a metà polpaccio o alla caviglia e si portavano molto aderenti. I pantaloni erano in pelle di daino (buckskin) o in tessuto di colore chiaro, bianco, beige o crema.
I pantaloni (Trousers) come li conosciamo oggi ,invece, fecero il loro primo ingresso nel guardaroba maschile durante il periodo della Reggenza. Avevano la vita alta, fino almeno all'obelico, l'abbottonatura sul davanti era sempre doppia ed erano tenuti su da bretelle. Si portavano molto più larghi rispetto ai pantaloni precedenti (Pantaloons), anche se spesso erano più aderenti alla caviglia, a volte muniti di ghette sottopiede che li facevano scendere a coprire le scarpe. Anche questi pantaloni potevano essere di lana, lino o cotone. Inizialmente erano portati solo di giorno, ma, a poco a poco, essi furono accettati anche come capi adatti alle occasioni mondane. Ma non ovunque. Da Almack's, la famosa sala da ballo londinese, ad esempio, non si poteva entrare senza le regolamentari brache da sera. Una volta fu negato l'ingresso persino al Duca di Wellington ( probabilmente l'uomo più famoso del suo tempo) perchè oltre ad essere arrivato in ritardo indossava pantaloni lunghi invece dei regolamentari pantaloni eleganti al ginocchio.

LA CRAVATTA (Neckcloth/ cravat)
Il fazzoletto da collo o cravatta diventerà da questo momento in poi un accessorio indispensabile dell'abbigliamento maschile. All'epoca si trattava di una lunga striscia sottile di lino o seta che si girava più volte attorno al collo e si annodava sul davanti. Sotto l'influenza di Beau Brummell,l'arbiter elegantiarum dell'epoca, il colore in auge e più indicato per la cravatta di un gentiluomo diventò 'il bianco virginale' ed era essenziale che essa fosse molto inamidata perchè diventò di moda portarla alta, a volte fin oltre la mandibola ( e doveva riuscire a rimanere così per ore!) e annodarla in modo elaborato.
Beau Brummel era famoso per in suoi nodi ricercati. Per ottenere la 'studiata non- curanza' delle pieghe nella sua cravatta, ad esempio, Brummel si piegava in dietro sulla sedia, come per farsi radere, e si girava la cravatta intorno al collo. Poi abbassava il mento, molto lentamente, finchè il lino inamidato non raggiungeva la 'speigazzatura' perfetta. Se una piega era troppo profonda o lo era troppo poco, la cravatta veniva scartata. Una volta un ospite in casa Brummel vedendo un valletto uscire dalla stanza guardaroba del suo padrone con in mano un mucchio di candide cravatte, gli chiese cosa stesse portando via e lui rispose:'Queste sono i nostri fallimenti, signore'.
C'erano diversi tipi
di nodi con cui poteva essere annodata una cravatta, alcuni considerati più formali, altri più adatti alle occasioni informali. Alcuni semplici, altri complicatissimi. Come è possibile vedere nell'immagine qui sopra(tratta da una pubblicazione del 1818) ogni nodo aveva il suo nome: L'Orientale (The Oriental), il Matematico ( Mathematical), l' Osbaldeston, il Napoleonico (Napolean),l'Americano ( American), il Postale (MailCoach), il Trono d'Amore ( Trone d’Armour), l'Irlandese (The Irish), il Sala da ballo ( Ball Room), il Collare da cavallo (Horse Collar), quello da Caccia (Hunting), il Maharata, il Nodo di Gordio ( Gordion Knot) e il Nodo a botte ( Barrel Knot).


I CAPPELLI
Durante questo periodo il cappello di moda era a cilindro, molto alto, con una tesa piccola, appena sollevata ai lati. C'era anche il cappello a bicorno, alto, ampio e con la calzata poco profonda. Il bicorno diventò famoso attraverso la moda militare, anche perchè lo portava abitualmente Napoleone, ma anche i civili a volte lo indossavano. Il cappello a cilindro era spesso chiamato 'beaver' (castoro) perchè era prodotto con feltro di alta qualità fatto con il pelo del castoro. Il cappello era un accessorio con cui un gentiluomo poteva distin-guersi. Se era fatto interamente di castoro il cappello continuava a mantenere la forma anche sotto l'acqua, mentre cappelli di qualità inferiore in misto lana o in pelo di coniglio e castoro dopo essersi bagnati iniziavano ad ammosciarsi e dovevano essere portati dai cappellai per farli stirare e ridare loro la forma originale. Un 'beaver' di buona qualità poteva costare da una ghinea fino a 40 scellini ( perchè a un certo punto i castori cominciarono a scarseggiare), in un epoca in cui un operaio specializzato guadagnava 2 scellini e 2 pence al giorno, è evidente che un capo del genere potevano permetterselo solo i ricchi. La popolarità raggiunta dal 'beaver' fu tale che John Jacob Aster, padrone della più grande ditta di commercio di pelli degli Stati Uniti , diventò milionario, mentre i poveri castori rischiarono di estinguersi.

LE ACCONCIATURE
Le acconciature maschili a partire dagli ultimi decenni del Settecento cominciarono a fare a meno di parrucche incipriate e code. Gli uomini cominciarono a portare ' i propri capelli' corti ed acconciati. Il look da 'colpo di vento', molto in voga, era il più difficile da ottenere. Si dice che Byron (vedi foto a destra) dormisse con i bigodini in testa per riuscire a mantenere la sua famosa acconciatura. Lo stile Neoclassico in auge nel periodo portò a prediligere tagli 'alla romana': esistevano il taglio di capelli alla Tito ( che si ispirava a quello del famoso imperatore romano), con capelli uniformemente corti lasciati un po' più lunghi sulla fronte dove venivano arricciati e pettinati in avanti, e quello alla Bruto, un po' più corto del precedente. Era anche di moda portare una frangia corta riccia e riccioli ai lati del viso sopra le orecchie. Alcuni uomini portavano ancora i capelli lunghi, soprattutto nell'Europa continentale. Le basette diventarono via via sempre più comuni, ma per il resto, gli uomini dell'epoca avevano il viso rasato. Solo alcuni militari ( soprattutto tedeschi) portavano i baffi . Barbe e pizzi non verranno portati dagli uomini ancora per diversi decenni. Le parrucche erano ancora comuni all'inizio del periodo Regency, ma alla fine dello stesso scompariranno quasi del tutto,rimanendo solo per alcune professioni come parte della 'divisa d'ordinanza', come per i medici e gli avvocati (in Gran Bretagna per gli avvocati e i giudici che discutono cause penali in tribunale la parrucca è obbligatoria ancora oggi!).

LE CALZATURE
Le calzature di moda in quest'epoca per il giorno erano gli stivali da cavallo, in pelle nera o marrone. Potevano essere i cosiddetti 'Hessians', cioè gli stivali alti (di derivazione militare) che avevano una parte che poteva essere tirata su a protezione del ginocchio durante la cavalcata e ripiegata per camminare. Hobby in St.James's Street era il calzolaio specializzato in stivali più famoso di Londra e poteva contare far i suoi clienti il Principe di Galles (Giorgio III), Wellington, Byron e molti altri VIPs dell'epoca. Per le occasioni formali si continuavano ad indossare, con le brache in seta al ginocchio, le scarpe da ballo con fibbia. Scarpe che verranno a poco a poco sostituite dalle scarpe con le stringhe. Si portavano anche stivaletti alla caviglia.

GLI ACCESSORI (Accessories)
In questo periodo accessori come guanti, bastoni da passeggio, orologi da taschino, catene per gli orologi, e portafogli di pelle o stoffa, ebbero grande successo. Le spade non erano più di norma indossate dagli uomini in abiti civili. E infatti i bastoni da passeggio (walking sticks) diventarono di moda quando una legge vietò di indossare la spada nelle strade di Londra. (vedi qui immagini degli accessori più in voga.)

** Fonti: The Georgian Index; The Customer's Manifesto


E ora, come al solito, questi abiti e accessori ci piace vederli indossati da veri gentlemen...Enjoy, ladies!





Siete anche voi tra quelle che non resistono a un uomo in marsina, pantaloni attillati e Hessians? Fascino indiscutibile, come mostrano queste foto di fotomodelli del 2000 in abiti dell'800.Meglio che con quelli moderni...che ve ne pare? Lasciate i vostri commenti.

9 commenti:

  1. Attendevo il seguito da giorni, grazie francy sei meglio della Treccani sai^-^!?!

    Tra l'altro il modello ricciolino non è affatto male! E il video è splendido.

    baciiiiii

    RispondiElimina
  2. Concordo con Veronica, post del genere solo qui li trovo e sono tremendamente interessanti. Continua a deliziarci così Francy... we want more!:D

    RispondiElimina
  3. GRAZIE RAGAZZE MI FATE DIVENTARE ROSSA!!!

    Ma continuate a frequentare il blog perchè questo tipo di post sono quelli che io amo di più e quindi potete certamente contare sul fatto che molti altri ne arriveranno!
    Il primo dovrà necessariamente essere sull'arbiter elegantiarum dell'era Regency per eccelenza: Beau Brummell !

    BACI
    Francy

    RispondiElimina
  4. Adoro questo tipo di post. Sono molto interessanti. ^_^ Continua così!

    RispondiElimina
  5. davvero interessante il blog, ma soprattutto complimenti per la scelta delle foto ^____^

    RispondiElimina
  6. Ahhhh... sospiro in quanto adoro questi abiti! Non faccio altro che leggere romanzi rosa storici da una vita... tanto che quando mi sono sposata ben 14 anni or sono mio marito indossava un mezzo tight. Era bellissimo ed elegante. Per la prima volta nella mia vita l'ho guardato con gli occhi di una delle eroine protagoniste di tutti i romanzi che ho letto. Il mio cuore s'è gonfiato come un palloncino. Un libertino finalmente caduto nella rete dell' amore...grazie per questo bellissimo Blog

    RispondiElimina
  7. Benvenuta tra noi cara Katia! Davvero il tuo matrimonio deve essere stato da favola...se tuo marito aveva il mezzo tight chissà tu! Sì, certi abiti ci fanno sognare. A pensarci bene non dovevano essere proprio comodi, soprattutto per le signore, ma è indubbio che esaltassero la femminilità. Quanto agli uomini...splendidi pavoni!

    Continua a seguirci perchè anche noi bibliotecarie romantiche amiamo svisceratamente i romance storici!
    Francy

    RispondiElimina
  8. Risposte
    1. Grazie a te per averci letto Piera.

      Elimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!