MATRIMONIO D'AFFARI di Tessa Dare (Mondadori)

BUON INIZIO SETTIMANA ALL'INSEGNA DEL ROMANCE STORICO D'AUTORE. CON QUEST ROMANZO, USCITO FRA I ROMANZI MONDADORI DI QUESTO MESE, TESSA DARE SI CONFERMA FRA LE NOSTRE AUTRICI DI STORICI ROMANTICI PREFERITE.

Autrice: TESSA DARE
Titolo originale: The Duchess Deal
Traduttore: Piera Marin
Genere: Storico, Regency
Ambientazione : Londra, 1817 circa
Pubbl. Originale: Avon, 2
017, pp. 384 
Pubbl. Italiana:  Romanzi Mondadori Classic n.1183, maggio 2019, pp.331 
Parte di una serie: 1° serie Girl Meets Duke
Livello Sensualità : ALTO
Disponibile in Ebook a €2,99

TRAMA: Emma Gladstone rappresenta alla perfezione quello che l'arrogante duca di Ashbury sta cercando: una donna in età fertile, di famiglia rispettabile, bisognosa di denaro, e soprattutto disposta a condividere il letto con un uomo orribilmente sfigurato. Dal canto suo, Emma, figlia di un vicario dell'Hertfordshire, è pronta a tutto piuttosto che tornare strisciando da suo padre. Ma quando la ragazza si presenta all'improvviso nella dimora di Ashbury, rivendicando ciò che le spetta per il suo lavoro di sarta, qualcosa d'imprevedibile travolge i loro sensi, tracciando un solco profondo nel cuore indurito del duca…


Posso affermare che questo “Matrimonio d'affari “ di Tessa Dare è uno dei migliori romance letti ultimamente. L'argomento non  è certo nuovo ma il modo in cui l'ha raccontato l'autrice lo rende speciale.
Il duca di Ashbury, tornato da Waterloo segnato sia nel corpo che nello spirito, ha appena perso la fidanzata che per sposarlo, nello stato  in cui si ritrova, ha richiesto condizioni che il duca non ha accettato.
E' questo il motivo per cui una sera si vede piombare in casa una giovane donna, vestita con un abito bianco che “sembra il vomito di unicorno. O la pelliccia di una bestia che si dice infesti le montagne dello Himalaya”  e che gli chiede di essere pagata per il lavoro fatto:
...“-Posso avere il mio denaro, per favore?Lui strinse il pugno attorno alle monete -Solo quando mi avrete consegnato il vestito-Che cosa?-Se pago per il vostro lavoro , è giusto che in cambio abbia il vestito-Volete il vestito adesso?-Solo se voi volete il denaro adesso.-D'accordoPortò le mani al fianco dell' abito e iniziò a slacciare una fila di gancetti nascosti nella cuciture del corpinoDannazione-Basta!Gli venne in mente una cosa. Forse poteva realizzare ancora quella fantasia anche se con metodi diversi e meno riprovevoli.Era giovane, sana. Era colta.Cosa più importante. Era disperata.Andava beneAndava molto bene-Avete una scelta da fare, signorina Gladstone. Posso pagarvi le due sterline e i tre scellini.Posò  il denaro sulla scrivania. Lei fissò le monete con sguardo intenso-Oppure- continuò lui -posso fare di voi una duchessa.”
Dopo aver fatto la sua boutade, il nobile se ne esce con questa  proposta strana che naturalmente Emma non prende in considerazione.
Chi è Emma Gladstone? E' una giovane sarta che da sei anni si trova a Londra e lavora per un atelier in cui disegna anche modelli per le signore del ton.
Pensando alla proposta del duca , la ragazza si rende conto che è allettante e in cuor suo sa che la accetterà.
In realtà Ashbury non ha idea del guaio in cui si sta cacciando perchè colei che lui crede una tipa qualunque che si eleverà socialmente, sposandolo, lo farà impazzire e lo aiuterà ad uscire dalla sua solitudine...ma questo è il finale della storia.
Dunque gli accordi sono questi: matrimonio privatissimo, tutte le notti a far sesso fino alla gravidanza sicura (sì perchè il fine delle nozze è generare un erede in modo da tenere in famiglia la gestione del patrimonio), isolamento in campagna con casa personale e quasi più nessun contatto tra i coniugi,  in caso di buon fine e nascita di un maschio...altrimenti altro sesso fino al soddisfacimento delle clausole.
Emma però, gli chiede qualcosa in più per non sentirsi una “vacca da monta”: almeno durante la cena oltre al pasto consumato insieme, lei esige anche della conversazione.
E qui inizia la parte ironico/sentimentale/tragicomica del romanzo.
Primo: il tavolo chilometrico della sala da pranzo viene ridotto ai minimi termini dalla ragazza che si porta piatti e bicchieri a lato (quello non rovinato dallo scoppio di un razzo in modo da non imbarazzarlo) di un Duca che comincia ad essere scioccato.
Secondo: essendo marito e moglie , lei insiste per avere un nome con cui chiamarlo e dal momento che lui insiste su “Duca o Ashbury”, lei inizia a rivolgerglisi con appellativi come “Tesoro, dolcezza, biscottino, cherubino …."
Il Lord sempre più insicuro decide che è ora di “consumare”che è poi quello per cui si è sposato. Ma anche qui avrà delle sorprese che lascio a voi leggere.
Dopo qualche problema, finalmente, arrapatissimo, Ashbury inizia il duro lavoro di fecondazione,  ma gli effetti collaterali, per lui, si rivelano distruttivi: pensa alla moglie notte e giorno, se non  è intento alla copulazione, immagina tutti gli annessi e connessi con visioni quanto mai reali del corpo della donna.
Per svagarsi comincia ad uscire la sera e siccome la sua parte di viso distrutta non è facile da guardare, a Londra si sparge la voce che  esista un “Mostro a Mayfair”
Insomma, le avventure private e pubbliche della nuova famigliola, sono tutte da leggere.
Mi sono piaciuti molto i vari personaggi che ho incontrato in questa vicenda: le amiche che si coalizzano per far sentire Emma una di loro, il ragazzino che vuole aiutare Ashbury e che si definisce “La Minaccia”, il maggiordomo Khan che è veramente uno spasso e anche il povero gatto che si innamora anche lui del Duca (nonostante tutto).
Naturalmente i due protagonisti sono perfetti l'uno per l'altra.
Emma vuole finalmente un po' d'amore e non si lascia ingannare da tutte le sceneggiate del marito che in realtà l'ammira.
E il Duca, che non crede più in nulla ma spera ancora, che accetta di essere manipolato perchè il desiderio che qualcuno lo tratti come un “uomo” e non come una “bestia “, lo rendono docile come un bambino.
Certo è che la descrizione della devastazione fisica del giovane corpo, è stata dura da leggere, e mi ha fatto riflettere sul fatto che le campagne napoleoniche hanno mietuto il fior fiore della gioventù da entrambe le parti.
A parte questa riflessione personale, mi sono divertita con i continui battibecchi tra marito e moglie ma anche con quelli tra Ash e Khan che, dopo trent'anni di servizio, non si crea problemi a trattare il suo datore di lavoro come un pari grado pieno di manie!
Consiglio la lettura Un matrimonio d'affari  a tutti perchè è un modo piacevole di passare qualche ora senza pensieri!







****

Il Duca di Ashbury, chiamato Ash, ha deciso di ammogliarsi. Vuole una donna che possa dargli un figlio per continuare la sua stirpe. É talmente ricco che non gli interessa avere una compagna aristocratica, anzi. Cerca una persona povera e rispettabile e che abbia il coraggio di dividere il suo letto. Un lato del suo corpo, infatti, è ricoperto di orribili cicatrici e sa che potrebbe generare in chi lo vede, momenti di terrore e disgusto come è capitato con la sua ex fidanzata. Per caso nella sua villa di Londra arriva Emma Gladstone, sarta, e Ash decide che la ragazza è proprio quella che cerca. Firmano un contratto e si sposano. La convivenza però si rivela difficile a nascondere i sentimenti, perché tra i due sta nascendo un amore profondo e dopo alcune vicende tutto si completerà nel modo migliore.
Il romanzo si legge in fretta, è gradevole e ci sono dei dialoghi a volte esilaranti. La servitù, che spera che il Duca cominci a sciogliere il suo cuore, fa di tutto perché i protagonisti si innamorino.
Nel libro è messo in evidenza la paura che prova Ash nel farsi vedere dagli altri, al timore di vedere negli occhi di chi gli sta di fronte sconcerto o pietà e tutto questo provoca in lui un modo di comportarsi rude, arrogante e molto brusco. Solo l'amore di Emma gli farà capire quanto invece potrà vivere serenamente insieme a lei.
Ci sono vicende che sembrano far pensare che si apra una crisi tra Emma e Ash, ma l'autrice di volta in volta le fa esaurire velocemente, senza trascinare pensieri ansiosi per pagine e pagine. Ci sono anche vicende un po' assurde, tipo quella del Duca che si presenta a un ballo con vestiti stracciati, cosa che il Ton non avrebbe ammesso, ma si sa che ai duchi si perdona quasi tutto.


   







VUOI LEGGERE UN LUNGO ESTRATTO DI QUESTO ROMANZO? CLICCA QUI!

****
LA SERIE GIRL MEETS DUKE
thumbthumbthumb

1. The Duchess Deal (2017) - ed.italiana : MATRIMONIO D'AFFARI, Mondadori, coll. I Romanzi Classic, maggio 2019 - Emma Gladstone e Duca di Ashbury
2. The Governess Game (2018) - Alexandra Mountbatten e Chase Reynaud
3. The Wallflower Wager (2019) - Penelope Campion e Gabriel Duke

****
CHI È L'AUTRICE
Tessa Dare ha in pochi anni raggiunto le classifiche dei bestsellers con i suoi romance storici e ha vinto diversi premi incluso il prestigioso Rita Award e un RT Book ReviewsReviewer’s Choice Awards. La rivista  Booklist l'ha definita " la nuova stella del romance storico" e i suoi libri sono al momento stati tradotti in dodici lingue. Tessa ha lavorato come bibliotecaria e la lettura è sempre stata la su occupazione preferita. Attualmente vive con il marito, i due figli e il cane nella California del Sud in un confortevole bangalow .

VISITA IL SUO SITO: 

TI PIACEREBBE LEGGERE QUESTO LIBRO? L'HAI GIA' LETTO? COSA NE PENSI? 
Grazie a chi condividerà il link di questa recensione sulle sue pagine social o la consiglierà ad un amico.


3 commenti:

  1. Lovely blog. Thanks for sharing with us.This is so useful.

    RispondiElimina
  2. Davvero bella la storia tra il Duca e la sarta con i loro dialoghi frizzanti e divertenti. Non ho amato, invece, la figura del maggiordomo, decisamente fuori contesto e con un approccio troppo moderno.

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!