Come districarsi fra i titoli nobiliari inglesi ?

...It all makes sense. Darcy is (I think) a baronet, and Sir William Lucas is only a knight. (Jane Austen, Pride and Prejudice)
Se anche voi siete appassionate dei romanzi ambientati in epoca Regency o Georgiana ( o in qualsiasi altra epoca storica inglese) in cui i protagonisti sono, o hanno a che fare, con membri del ton, cioè dell'alta società , avrete talvolta avuto qualche problema a districarvi nell'intricatissimo sistema dei titoli nobiliari inglesi (guarda qui).

Qual è la differenza fra Marquis e Viscount? E qual è l'esatta pronuncia? Un nobile veniva chiamato con il suo titolo nobiliare o con il suo cognome di famiglia? Cosa sono i titoli 'di cortesia'?

Cerchiamo di fare un po' di chiarezza e di risolvere ( una volta per tutte?) le nostre curiosità facendo ricorso ad un interessantisismo articolo scritto da una delle autrici di historical romance per la quale usi , costumi e titoli nobiliari dell'Inghilterra del XVIII° e XIX° secolo sono 'il pane quotidiano': JO BEVERLEY .

TITOLI NOBILIARI INGLESI NEL XVIII° e XIX° SECOLO
di Jo Beverley

(...) La nobilità inglese si basa essenzialmente sulla primogenitura, cioè il primo figlio maschio eredita tutto. Se un nobile non ha figli maschi, il titolo e i beni che appartegono al titolo stesso vanno al parente maschio più prossimo, probabilmente un fratello o un nipote.

Un numero molto ristretto di titoli possono essere trasmessi per linea femminile, se non c'è un erede diretto, ma essi passano subito all'erede maschio se la donna ha un figlio ( per esempio nella monarchia). Alcuni titoli possono essere trasmessi automaticamente a un'erede femmina ( se non c'è erede maschio) e la maggior parte possono essere restaurati dalle future generazioni attraverso una petizione alla Corona. (Su questa materia non sono informatissima perciò mi limito a dire questo.)

Il figlio maggiore è chiamato heir apparent ( erede evidente), poichè lui è chiaramente l'erede. Se non c'è l'erede maschio, l'erede è presunto ( presumptive) poichè, non importa quanto possa essere improbabile ( se anche il duca fosse un vecchio monaco benedettino in punto di morte) la possibilità di concepimento di un erede più prossimo è sempre presente. Perciò un erede presunto non ha il titolo dell'erede legittimo ( Vedi sotto i titoli degli eredi legittimi) .

Se un nobile muore lasciando una moglie ma non un figlio maschio, deve passare del tempo per assicurarsi che la moglie non sia incinta prima che l'erede evidente possa ereditare il titolo.Un erede deve essere legittimo per nascita. Un nobile può legittimare figli non legittimi e/o sposare successivamente la loro madre, ma questi figli non potranno essere suoi eredi legali.

I nobili (Peers) hanno diritto a un seggio nella Camera dei Lords (House of Lords) . Da notare però che chi ha un titolo di cortesia ( quelli che hanno solitamente gli eredi) non ha diritto a nessun seggio.

La maggior parte dei nobili non usano i loro cognomi come titolo . Perciò di solito va così: un Arthur Bingham, conte di Middleborough è detto Lord Middleborough, mai Lord Bingham. (O, per la stessa ragione, Lord Arthur.)
RANGHI DI NOBILTA' (PEERAGE)

A) A parte i reali, il rango più alto della nobiltà inglese è il titolo di DUCA (Duke).

Sua moglie è duchessa ( Duchess). Essi saranno il duca e la duchessa di qualcosa, ad esempio il duca e la duchessa di Manchester (Duke and Duchess of Manchester). Ci si rivolge a loro chiamandoli "Your Grace" ( vostra grazia), però i familiari posso chiamarli duca o duchessa. Ad esempio: "Bella giornata per andare a caccia eh, duca?" o ci si può rivolgere al duca con il suo titolo: " Vi va ancora un po' di porto, Manchester?"

Da notare che il duca avrà anche un nome di famiglia , cioè un cognome, ( come ad esempio Cavendish) ma non ne farà abitualmente uso. La duchessa non userà mai il cognome. Se Anne Pitt sposa il duca di Stone ( il cui cognome è Cherry) , lei sarà la duchessa di Stone è si firmerà informalmente Anne Stone, non come Anne Cherry.

Il primo figlio maschio di un duca è il suo erede e assumerà il secondo miglior titolo nobiliare del padre come titolo di cortesia (courtesy title). Quasi tutti i nobili hanno più di un titolo nobiliare a rappresentare la loro scalata ai ranghi della nobiltà. L'erede di un duca spesso è marchese (Marquess), solo un rango inferiore rispetto al padre (in inglese si può scrivere marquess o marquis ma hanno la stessa pronuncia :/ markuess /, con la voce che cade sulla seconda parte della parola, su '-uess' ). Il titolo potrebbe però essere anche di conte o visconte. Da notare che un titolo di cortesia non dà diritto a un seggio nella Camera dei Lords o ad altri privilegi concessi ai 'Pari del Regno' ( Peers).

Se l'erede di un duca ha un figlio maschio prima di diventare duca a sua volta, suo figlio assumerà il titolo nobiliare di rango immediatamente inferiore al padre come titolo di cortesia. Se l'erede del duca muore prima del padre, il suo primo figlio maschio diventa l' 'erede evidente' ( heir apparent ) del duca e assume il titolo del padre. A parte l'erede, a tutti i figli maschi di un duca viene dato il titolo di cortesia di Lord seguito dal loro nome. Ad esempio Lord Richard Somerset o Lord Peter Wimsey. Non sono MAI Lord Somerset or Lord Wimsey.

A tutte le figlie femmine di un duca viene dato il titolo di cortesia di Lady, più il nome e cognome, ad esempio : Lady Mary Clarendon ( MAI Lady Clarendon). Titolo che mantengono anche se sposano un non nobile. Se Lady Mary sposa Mr. Sticklethwait, diventa Lady Mary Sticklethwait. Se sposa un nobile, assume il titolo del marito . Se Lady Mary sposa il conte di Herrick diventa contessa di Herrick, cioè Lady Herrick. Se sposa un nobile che ha un titolo di cortesia, potrà invece usare a piacimento o il titolo di cortesia del marito o il suo titolo di nascita.

Da notare che in tuti i casi i titoli con Lord e Lady più nome proprio e cognome ( es.: Lady Anne Middleton) e Lord o Lady più cognome o titolo (Lady Middleton) sono esclusivi. Nessuno può essere entrambi allo stesso tempo. Inoltre, Lord o Lady più 'nome proprio' è un titolo conferito alla nascita. Non può essere guadagnato in seguito a meno che il padre non acquisti un titolo nobiliare, elevando così il rango dell'intera famiglia. Perciò Lady Mary Smith non è Lady Smith e vice versa. Lord John Brown non è Lord Brown e vice versa. Se Mary Smith sposa Lord Brown diventa Lady Brown, non Lady Mary. ( Se sposa Lord John Brown, diventa Lady John Brown.)

B) Dopo il duca , il secondo titolo di maggior rango è quello di MARCHESE (Marquess/Marquis) [pronuncia per entrambe le grafie: markuess]

Un marchese sarà marchese di qualcosa, ad esempio marchese di Queensbury (Marquess of Queensbury). Sua moglie sarà marchesa ( Marchioness [pronuncia: 'marsciuness', n.d.t] ). Lui è il marchese di Queensbury o Lord Queensbury, o semplicemente Queensbury per amici e familiari , e sua moglie è la marchesa di Queensbury o Lady Queensbury. Si firmerà con il nome proprio e il titolo del marito, ad esempio: Marylou Queensbury.

L'erede evidente di un marchese acquista un titolo di cortesia appena inferiore a quello del padre. Tutti gli altri figli maschi avranno il titolo di Lord più 'nome e cognome'. Le figlie avranno il titolo di lady più nome e cognome. Stessa cosa come che per il titolo di duca [ vedi su].

C) Sotto al marchese c'è il CONTE ( Earl ).

Sarà quasi sempre conte di qualcosa. Sua moglie è contessa (Countess). Ci si riferisce a lui come al "conte di Cranthorpe" o "Lord Cranthorpe", o "Cranthorpe" per i più intimi. Alcuni conti non usano 'di' come in Earl Spencer ( conte Spencer), ma è un caso talmente raro da dover essere evitato a mio parere, a meno che non si tratti di un punto chiave nella trama.
Sua moglie è la contessa di Cranthorpe o Lady Cranthorpe, e si firmerà come Desdemona Cranthorpe.

Come per il duca, l'erede di un conte prenderà come titolo di cortesia il titolo appena inferiore rispetto a quello del padre e il figlio dell'erede, a sua volta, quello immediatamente inferiore.

A tutte le figlie di un conte viene dato il titolo di cortesia di Lady più 'nome proprio' ..ecc. , stessa cosa che per il duca (vedi sopra). Gli altri figli maschi di un conte sono detti semplicemente "the honorable" (onorevole) , titolo che però non è usato nelle conversazioni informali.

D) Segue il VISCONTE ( Viscount) [pronuncia:' vaicaunt']

Sua moglie è viscontessa. Con questo titolo non è usato il 'di' ('of' ) . Sarà, per esempio, il visconte Brummidge (Viscount Brummidge), normalmente detto Lord Brummidge, o semplicemete Brummidge. Sua moglie sarà detta Lady Brummidge e si firmerà , ad esempio, Anne Brummidge.

L'erede di un visconte non ha titoli particolari. Tutti i suoi figli sono detti 'honorable'.

E) L'ultimo in ordine d'importanza è il BARONE ( Baron).

Sua moglie è baronessa. Da notare che i termini barone e baronessa in Inghilterra vengono usati solo nei documenti formali. In genere vengono semplicemente chiamati Lord e Lady. Lei si firmerà con il nome di battesimo più il titolo del marito. Per i figli di un barone vale quanto detto sopra per i figli di un visconte.

F) Poi segue, ma non fa parte dell'alta nobiltà (Peers), il BARONETTO (Baronet).

Un baronetto è chiamato Sir più nome di battesimo e cognome. Ad esempio: Sir Richard Wellesley. Sua moglie è detta Lady più cognome, ad esempio: Lady Wellesley. Non Lady Mary Wellesley, a meno che non sia figlia di un duca, marchese o conte. La moglie di un baronetto si firmerà con il nome di battesimo e il cognome del marito, ad esempio: Mary Wellesley.

I figli di un baronetto non hanno distinzione particolare. Il titolo, però, è ereditabile, cosa che lo distingue dal...

G) CAVALIERE ( Knight), che è un titolo simile al baronetto ma non è trasmissibile. La moglie di un cavaliere sarà Lady più 'cognome del marito'.

ALTRI TITOLI

DOWAGER
[pronuncia: 'dauager']

Quando una nobile rimane vedova è detta 'dowager' [n.d.t. termine che non ha corrispettivo in italiano se non nel concetto di 'vedova di nobile'] , ma in pratica questo titolo non viene usato finchè il figlio maggiore (l'erede) non si sposa, perchè si potrebbe fare confusione su chi sia la vera Lady Middlethorpe, ad esempio.

Anche se ha una nuora, la vedova di un nobile continuerà comunque ad essere comunemente chiamata con il suo titolo originale a meno che non si rischi di fare confusione. Perciò, se la Dowager Duchess of Tale fosse a un party in casa mentre la nuora si trova a Londra, la gente non le si rivolgerebbe costantemente chiamandola 'dowager duchess'.

PEERESSES on their own right
[donne nobili per titolo proprio]

Ci sono davvero pochissimi titoli che possono essere trasmessi a una figlia
se non c'è l'erede maschio; quello di Regina , per esempio. In questo caso l'uso è lo stesso che per le mogli di un nobile , ma il marito non acquisisce nessun titolo per matrimonio, come ad esempio è successo per il duca di Edimburgo che non è re.

Una nobile per titolo proprio continua a mantenere il proprio titolo anche dopo il matrimonio e nel caso in cui il titolo del marito sia superiore al suo, lei viene chiamata con entrambi i titoli, per secondo quello di rango inferiore. Il suo diritto al titolo rimane nonostante il matrimonio e può essere trasmesso. Poichè il marito non guadagna nessun titolo con il matrimonio potrebbe esserci una contessa di Arbuthnot sposata a un Mr Smith.

Il figlio maggiore di una nobile con titolo proprio eredita il titolo della madre e assume il suo titolo immediatamente più basso in rango. Se non avesse figli maschi, l'erede potrebbe essere la figlia maggiore, ma finchè quest'ultima non eredita il titolo, avrà soltanto il titolo di Lady che le spetta per nascita , ad esempio: Lady Anne, perchè una figlia femmina è sempre 'presunta'. Ci potrebbe sempre essere l'erede maschio.

PROBLEMI COMUNI TROVATI NEI ROMANZI
  1. Scambio di titoli di cortesia come fra Lady Mary Smith e Lady Smith.
  2. Scambio di titoli nobiliari, come quando ,ad esempio, Michael Downs, duca di Rosebury (Earl of Rosebury) viene chiamato di volta in volta Lord Rosebury, Lord Downs e Lord Michael Downs.
  3. Conferimento di titoli non spettanti. Come quando Jane Potts sposata con il visconte Twistleton (Viscount Twistleton) diventa erroeneamente Lady Jane.
  4. Far risposare la vedova di chiunque ( ma soprattutto di un nobile) prima che sia passato il tempo necessario ad assicurarsi che non sia incinta. O meglio, prima di assicurasi di chi sia il figlio che sta aspettando!
  5. Far acquisire ad un 'erede presunto' pieno potere su titolo e proprietà prima di essersi assicurati che la vedova del nobile non sia incinta di un probabile erede. (Sono sicura che questo è un dettaglio legale di cui ci si occupa in sede di testamento, anche se non ne conosco i particolari.)
  6. Far ereditare un titolo a un figlio adottivo. Prima del Novecento l'adozione legale non era possibile in Inghilterra e anche oggi, un figlio adottivo non può ereditare un titolo nobiliare. Anche se il figlio è figlio naturale di suo padre, se non è nato nel vincolo del matrimonio non può ereditarne il titolo. Comunque, siccome un tempo non c'era il test del DNA, un figlio si riteneva sempre legittimo a meno che non fosse il padre stesso a dichiarare il contrario. Anche se saltava fuori che il figlio assomigliava in modo sospetto al vicario, il padre non poteva negarne la paternità in un secondo momento. Questo, immagino, fu fatto per evitare il caos che poteva derivare da i nobili che decidessero di disconoscere i propri eredi per puro sfizio.
  7. Far lasciare un titolo in eredità, segue quello detto sopra. Un titolo non può essere lasciato in eredità a qualcuno scelto dal nobile in questione. Esso viene dato in base alle 'credenziali di nobiltà' (original letters patent), che dicono che il titolo va all'erede legittimo più vecchio in ordine di discendenza. La proprietà può essere lasciata a qualcun altro, a meno che non sia 'inalienabile', ma il titolo è trasmesso ai legittimi consanguinei .
  8. Far ereditare un titolo a una nobile ( senza fratelli) e poi conferirlo al marito di quest'ultima. Forse potrebbe essere fattibile - tutto può esserlo - per speciale decreto della Corona, ma non sarebbe la norma.
(Copyright Jo Beverley1994)
  • Per leggere la versione originale di questo articolo , vai qui.
Grazie a Jo Beverley d'ora in poi forse capiremo un po' meglio i vari titoli nobiliari inglesi quando ne incontreremo qualcuno nei suoi romanzi o in quelli delle sue tante colleghe.

P.S.: Ho avvisato Jo Beverley della traduzione del suo articolo sul blog ed ecco cosa mi ha risposto (thanks a lot, Jo! ) :
Hi Francesca
I'm delighted that you are enjoying my books so much. Thanks for translating the article. The Italian system of titles -- not really having them, but having them anyway, as I understand it -- is equally confusing to me!
All the best,
Jo

Anche tu ti sei trovata a volte chiederti chi fosse più 'nobile' fra un marchese e un visconte? Conoscevi già l'esatta pronuncia di marquis e viscount ? Lascia il tuo commento .

35 commenti:

  1. Molto interessante, grazie!!
    Ma l'arciduca?
    ciao!
    Diletta :D

    RispondiElimina
  2. Bellissimo post, e soprattutto molto utile.
    Susa

    RispondiElimina
  3. Sì, davvero un post molto bello e interessante, che spero mi potrà essere molto utile in futuro, se, come vorrei, continuerò nei miei scellerati tentativi di scrittura.
    Un caro saluto
    Georgette

    RispondiElimina
  4. Anch'io mi unisco al generale apprezzamento per il post, cara Francy. Sai, vero, che è uscito il nuovo libro della Beverly? The Secret Wedding.
    Looking forward to reading it.
    Hugs
    Viv

    RispondiElimina
  5. - Diletta, non mi risulta che esista l' arciduca fra i 'Peers of the realm' inglesi. Si accontentano del duca che già è il livello di nobiltà più alto appena sotto il re.Infatti i figli del sovrano sono sempre soprattutto Duchi di qualcosa, come il Duca di York che è sempre il secondogenito maschio dei reali inglesi ( sin dal 1400!).

    -- Georgette sono felice di poterti essere utile...e continua a scrivere, abbiamo bisogno di nuove autrici italiane di historical romance...la prossima potresti essere tu!

    -- Viv, non solo so dell'ultimo romanzo della Beverley,l'ho anche già comprato!
    THE SECRET WEDDING , appartenente alla cosiddetta 'rakish trilogy', iniziata con 'A LADY'S SECRET' -- che tu Viv hai già letto...io invece ce l'ho ancora lì che mi aspetta!:0) -- è infatti già sulla mia libreria.
    Appartiene al gruppo dei romanzi con ambientazione Georgiana (cioè settecentesca) della Beverley, a cui appartiene la sua famosissima saga dei Mallorens.
    Ora non mi rimane che trovare il tempo per leggerlo!

    Francy

    RispondiElimina
  6. Un post decisamente interessante!
    Alla tua domanda Francy rispondo sì, sì e ancora sì. Quando ho cominciato a scrivere mi son o fatta una lavorata sui titoli nobilari che non ti dico. Infatti conoscendo poco l'inglese mi sono rivolta alla biblioteca perchè in in internet trovavo solo testi stranieri. Ho passato due giorni alla Farini e se non fosse perchè ho avuto la fortuna di avere accanto un professore di storia inglese dubito che avrei ottenuto grandi risultati.
    un bacione

    RispondiElimina
  7. utilissimo post!ha risposto a molte domande ke mi sono sempre posta!salvato sul mio pc!

    RispondiElimina
  8. Ragazze mi fa molto piacere che abbiate apprezzato il post! Questo è un argomento abbastanza spinoso, le regole di etichetta in materia, come vedete, sono tantissime! Indagare su questo genere di cose mi diverte molto...quindi senz'altro altri post del genere seguiranno!

    PS: 'Anonimo' la prossima volta firma il commento, ci fa piacere sapere il nome di tutte le nostre lettrici e commentatrici!

    RispondiElimina
  9. l'anonimo sono io,scusami!mi kiamo roberta!

    RispondiElimina
  10. Ciao Roberta. Grazie del commento e benvenuta!

    RispondiElimina
  11. ciao
    l'arciduca è il figlio dell'imperatore come il duca è il figlio del re.
    Invece ho sentito parlare anche del titolo nobiliare "principe" non associato però ad un figlio di un re anzi molte volte la parentela con un reale è molto alla lontana.
    Sarei curiosa di sapere da dove deriva. Qualcuno lo sa?
    ciao
    lilu

    RispondiElimina
  12. Lilu, come sempre in questo caso Wikipedia ci viene in aiuto. A questo link:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Principe

    si può trovare una spiegazione sull'origine e uso del termine/titolo 'principe'che sono sicura soddisferà la tua curiosità!

    Ciao.
    Francy

    RispondiElimina
  13. LadyAileen11/05/09, 23:47

    Il titolo di Arciduca in realtà era un titolo riservato ai principi Asburgo. ^_^

    Un post semplicemente fantastico, devo dire che conoscevo i vari titoli (a furia di leggere romance) ma non l'uso di Lord e Lady. ^_^

    Conserverò questo post. GRAZIE

    RispondiElimina
  14. molto chiaro! ed utile!
    a presto, vi ho trovato via Google e vi seguirò...
    rosa

    RispondiElimina
  15. CIAO ROSA, BENVENUTA! Spero che il nostro blog di patite di romance possa diventare anche per te un piacevole passatempo!

    Francy

    RispondiElimina
  16. quello che stavo cercando, grazie

    RispondiElimina
  17. Ciao a tutte, sono molto felice di aver scovato questo blog e questo utilissimo articolo! Mi è rimasto un solo dubbio: la figlia di un baronetto, quindi, non viene chiamata lady, ma solo con nome e cognome?
    Grazie (ora vado a spulciare anche il resto del blog, sono anch'io un'appassionata di historical romances e aspiro a diventarne un'autrice ^_^)

    Laura.

    RispondiElimina
  18. CIAO Laura,benvenuta!

    Sei capitata senz'altro nel posto giusto se se appassionata di romance books, soprattutto di historicals!

    Questo è una 'biblioteca' che vedrai essere frequentata da persone che (come te) amano leggere ma anche scrivere romance. Se vuoi essere sempre aggiornata sui nostri posts, basta che ti iscrivi al blog. Troverai il form qui a destra, sul sidebar sotto la scritta'iscriviti al blog!

    Chi ama scrivere questo mese si è cimentata in racconti di Natale per la nostra rubrica 'Christmas in love!'...a proposito, se ne hai uno nel cassetto, mandacelo entro Natale, potresti vederlo pubblicato! L'indirizzo è :
    irosadifrancy@gmail.com

    E poi vedrai che troverai articoli e informazioni varie su tutto fa rosa in Italia e negli States!

    Saluti a presto.
    Francy

    PS: Sì,la figlia di un baronetto non ha un titolo particolare, per cui sarà solo Miss......

    RispondiElimina
  19. Avrei una domanda, ho cercato di pubblicarla precedentemente, ma non credo di esserci riuscita... se ne doveste trovare due uguali mi scuso!
    Volevo sapere una cosa un po' strana. Faccio un esempio pratico: se la figlia di un marchese sposa il figlio di un conte, quindi un visconte, che è di livello inferiore a lei, lei diventa viscontessa e si "abbassa" al marito? Perchè è stato scritto in fondo che è inusuale che lui diventi marchese e poi non credo che valga con le figlie, ma con le vedove!
    Grazie comunque in anticipo per l'articolo, è stato illuminante :)
    Nicole

    RispondiElimina
  20. Ciao Nicole!

    Generalmente, come abbiamo detto la moglie acquista per matrimonio il titolo nobiliare del marito, ma se sposa un uomo di rango inferiore al suo, può mantenere il titolo 'di cortesia' che le deriva dal padre e che è superiore a quello che le deriverebbe dal marito fintanto che il marito ha a sua volta un 'titolo di cortesia',
    perchè erede di un casato. Quando però il marito eredita il titolo, la moglie prende il suo titolo e lascia il precedente derivatole per nascita anche se si tratta di un titolo superiore.

    Spero di aver soddisfatto la tua domanda.

    Francy

    RispondiElimina
  21. Decisamente utilissima, ti ringrazio davvero!
    Nicole

    RispondiElimina
  22. Molto bello e interessante questo post. Mi piacerebbe avere dei chiarimenti. Non ho trovato informazioni sulla vendita di titoli nobiliari, se non sbaglio accadeva in epoca rivoluzione industriale che Lord in declino fossero costretti a vendere il proprio titolo a ricchi industriali, è così? Ne facevano parte anche le terre legate al titolo? Grazie. Natasha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Natasha, mi permetto di risponderti io e ti confermo che alla vendita del titolo non era annesso nessun trasferimento di terre. Essendo spesso e volentieri nobili decaduti a dover vendere il titolo perchè costretti (spesso e volentieri non vendevano per necessità oggettiva, ma per la necessità di mantenere un certo tenore di vita che ci si aspettava dal nobile in questione), spesso non c'era molto da trasferire.
      Capita anche, nella storia, di nobili che danno in fitto il proprio titolo nobiliare in cambio di denaro con la clausola che esso torni in seno all'erede del nobile che ha venduto il proprio titolo, alla morte del compratore o dopo un dato periodo di tempo (ad esempio lo fece il filosofo Montesquieu).
      In epoca Elisabettiana e Stuart era la stessa Corona a vendere titoli nobiliari in cambio di denaro a ricchi possidenti borghesi (perchè, di base, l'acquisizione di un titolo nobiliare rendeva il nuovo possessore davero tale solo in presenza di una ricca rendita, anche perchè costava caro), o a concederli in cambio di grandi favori resi alla corona. In quel caso poteva capitare che assieme al titolo venissero concesse anche terre (di solito in Irlanda o nelle Colonie). Probabilmente sono stata poco esaustiva, e rispondo anche tremendamente in ritardo. ;)
      Mi scuso.

      Elimina
  23. Cra Natasha, come forse varai letto, questo post è la traduzione di un vademecum pubblicato dall'autrice inglese JoBeverley non è opera mia, io mi sono limitata a tradurlo, in realtà non sono molto ferrata in materia e proprio per questo m i è piaciuto tradurlo e pubblicarlo sul blog. Alle domande ch emi poni, quindi, non so dare risposta, mi spiace. Sono sicura però che con una ricerca più approfondita sul blog, specialmente nei siti in inglese, riuscirai a tr ovare la tua risposta.

    CIAO
    Francy

    RispondiElimina
  24. grazie, davvero curioso e interessante, era un aspetto a cui non avevo mai fatto caso.

    RispondiElimina
  25. Premetto che questo blog è molto interessante. Ora avrei una domanda: se ad una donna non nobile viene per una qualche ragione conferito un titolo nobiliare, questa assumerà il titolo di Lady + nome o di Lady + cognome?
    Ciao. :)
    Anna

    RispondiElimina
  26. Questa è la seconda volta che cerco di postare, spero che non troviate 2 messaggi uguali, comunque volevo solo fre i complimenti per il blog e chiedere se qualcuno può suggerirmi una qualche monografia da leggere, su usi e costumi dell'Inghilterra del XVIII e XIX secolo. Grazie e ancora complimenti!
    Maria

    RispondiElimina
  27. Ciao a tutte!
    Ho scritto qualke tempo fa ma il mio commento forse non è stato ricevuto...
    Vi kiedo si illuminarmi su un dubbio: la figlia di un conte è Lady nome e cognome. Ma per cognome s intende il titolo del padre???
    Inoltre se il conte muore, e suo fratello eredita il titolo e ha a sua volta una figlia, la figlia del 1º conte sarà Lady nome e cognome o titolo come la cugina???
    Spero di esserm spiegata bene...!
    Grazie!
    Rita

    RispondiElimina
  28. Sì, molto interessante. E ora una domanda: come tradurresti Your Lordship, His Lordship, Your Ladyship, Her Ladyship? Vostra Signoria, Sua Signoria?
    E sono a metà libro e non ho ancora capito che razza di titolo nobiliare abbia il personaggio, presumo sia un Earl/Conte, ma non ci è ancora stato comunicato. Per tutto il libro si fa riferimento a lui come Montgomery Fairfax, Lord Fairfax of Doncaster.
    Mmm....

    RispondiElimina
  29. Per intenderci, il romanzo di cui parlo sopra è A Borrowed Scot, di Karen Ranney, seguito di La Duchessa delle Highlands

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao 'Jack'! ;o)
      Rispondo alla domanda di prima: in italiano 'Your Lordship' / Your Ladyship' io li tradurrei come 'Vostra signoria'. Quanto al libro della Ranney che citi se non viene fatto esplicito riferimento al titolo del protagonista nel libro ( che non ho letto ) potrebbe essere qualsiasi nobile a cui possa essere attribuito titolo di LORD, percià alta nobiltà.
      Ciao.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Mille grazie, Francy, e allora che Vostra Signoria sia, ho già aggiornato le pagine precedenti. Nel frattempo ho chiarito anche alcuni altri punti.
      Innanzitutto, come spiega la stessa Ranney nella postfazione, non si tratta di nobiltà inglese, ma scozzese. Il titolo esatto sarebbe, secondo lei, Lord of Parliament, istituito prima del 1707, ed equivale a un "Baron" inglese.
      Il protagonista, Lord Fairfax è ispirato a un vero Lord Fairfax, della branchia americana della famiglia, ma finì per ereditare il titolo.
      E' il terzo romanzo della Ranney che traduco e devo consegnarlo lunedì prossimo, il che vuol dire che ho a disposizione quattro giorni per finirlo. Li passerò con il naso incollato allo schermo del computer, groan!

      Elimina
    4. Allora buon lavoro Jack! felice di esserti stata d'aiuto...aspettiamo che anche questo nuovo della Ranney possa essere disponibile in italiano...anche grazie a te! ;0)

      Elimina
  30. Ciao sono Cecilia e avrei una curiosità, un conte poteva sposarsi con una donna non nobile? Grazie

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!