TUTTI AL MARE

Oggi arriviamo in spiaggia e ci piazziamo al sole. In bikini. Le più audaci sfoggiano bikini ini e taluni l’inverno trascorso in palestra. Stendiamo un telo sul lettino e, chi più chi meno, ci rosoliamo al sole. Entriamo in acqua e facciamo un bagno.

Il mare fa bene. Lo provò per la prima volta un medico di Londra, tale Richard Russel, a metà del Settecento. Il mare incuteva timore ma le convincenti teorie dell’esimio dottore e il bagno reale di Sua Maestà Giorgio III lo sdoganarono. Mr. Russel affermava che giovava alla salute respirarne l’aria, soggiornare sulla costa, berne l’acqua e immergersi in essa.
 Ma come convincere le persone a bagnarsi, dopo che per secoli avevano rifuggito l’acqua? Come innescare l’amicizia con le onde senza che si sporcassero di sabbia e sale abiti e calzature? Inventarono le bathing machines, cabine in legno su ruote che venivano spinte in acqua o trascinate dentro da cavalli. All’interno vi erano delle scalette che permettevano la discesa tra flutti tranquilli e discreti, così da potersi permettere anche un bagno adamitico.
 Nacquero e si diffusero rapidi gli stabilimenti sul mare ai quali si accedeva tramite un pontile in legno che partiva dalla spiaggia. Si andava da quelli spartani interamente in legno a quelli raffinati e lussuosi che videro il loro massimo splendore sul finire dell’Ottocento. Il primo in Italia sorse a Livorno nel 1781, poi toccò a Viareggio nel 1828, a Rimini nel 1843 e così via. Alcuni si svilupparono orizzontalmente, come avvenne lungo l’Adriatico; altri verticalmente, in Toscana e in Liguria. Offrivano ristoro, svago e cure idroterapiche. Consigliate a tutti, ma in particolare ai bambini per la prevenzione del rachitismo, i bagni di sole e di mare raggiunsero il culmine della popolarità in epoca fascista, quando il duce non faceva che nuotare e Claretta si mostrava provocante nel suo costume.
 I costumi, per l’appunto. A metà Ottocento, in determinati orari, gli uomini si tuffavano nudi, ma presto intervennero severi regolamenti a rivestirli con mutandoni fino alle ginocchia. Alle donne fu permesso di raggiungerli, pur separatamente, in mutandoni lunghi fino alle caviglie, gonnellino e cintura. Purtroppo e per fortuna il tessuto dei costumi castigati, così voluti dagli inflessibili regolamenti comunali, era il cotone che una volta bagnato diventava trasparente e aderiva al corpo scatenando la fantasia. Ecco che si spiavano! Le signorine gridavano in presenza di uomini, oh oh!, sorpresi nudi, ma allora, si chiedevano alcuni, perché non se ne tengono a debita distanza? E gli uomini non perdevano di vista le cabine da cui entrava e usciva il gentil sesso.
 Oggi arriviamo in spiaggia e ci sdraiamo al sole in costume più o meno succinto e entriamo in acqua. Ci guardiamo, ci spiamo ancora come allora? Probabilmente sì, ma la curiosità all’epoca era maggiore, la potremmo definire morbosità. Il desiderio galoppava, eros era in gran forma, e poi non ci si ritrovava al bar ma in uno splendido stabilimento sul mare.
A Pesaro sorse nel 1853, ma giunse al suo culmine nel 1903. Vi si poteva addirittura alloggiare. Al piano inferiore c’era un bar, sì c’era, come oggi; e un medico che visitava e proponeva un ciclo di cure appropriato. La mattina era frequentato da chi desiderava bagnarsi, ma durante il pomeriggio veniva raggiunto dalle signore e dai loro mariti. Le fanciulle si ritiravano a leggere romanzi e a ricamare. Tra esse palpitavano cuori in attesa di una dichiarazione d’amore e di una promessa di matrimonio sotto gli sguardi severi e intransigenti delle madri, mentre l’aria risuonava delle risate delle comitive di giovanotti che cercavano proprio quelle fanciulle, certi che le avrebbero trovate e avvicinate nonostante i divieti.





VI RICORDATE LE VOSTRE VACANZE AL MARE DI TANTI ANNI FA? QUANTO SONO CAMBIATE DA QUELLE ATTUALI?

4 commenti:

  1. Un post davvero carino, Anita ha sempre un gusto particolare per la ricerca del tempo perduto...adoro le atmosfere retrò evocate da stabilimenti come il Lido di Genova, certi bagni di Viareggio, e anche le suggestioni anni trenta-quaranta di Forte dei Marmi. Ho una buffa voto del 1936, dove il mio prozio fa sfoggio del fiscio con un costume tipo boxer, mentre sua moglie e la cognata sono vestite di tutto punto con persino la borsetta: le bambine piccole, invece, hano mutandine chiare. Di rimando sulle vacanze d'altri tempi, mi è venuta un'idea: perchè non dedicare un articolo alle stazioni termali, luogo di batticuori, corteggiamenti, magari anche caccia al marito oppure trasgressioni d'epoca?
    Patrizia

    RispondiElimina
  2. Grazioso post, Anita, i bei tempi andati hanno sempre un certo fascino. E poi io abito a pochi metri dal mare, per me non è una vacanza ma il sottofondo della mia vita ...
    Baci
    Liliana

    RispondiElimina
  3. molto cambiate ... non per forza in meglio o in peggio... è solo che è cambiata l'età ... ma anche le abitudini
    buon inizio settimana

    RispondiElimina
  4. ma si, forse cambiate nei "costumi" (in tutti i sensi, come modi di fare, gestire le vacanze stesse, al costume nel senso letterale :P ) ma la voglia di rilassarsi e divertirsi immagino sia sempre la stessa!!!
    certo forse le ragazze, per il fatto che avevano margini di libertà ridotti rispetto ad oggi, attendevano quei periodi per prendere sane boccate d'aria e chissà... per incontrare un bel maschietto che le facesse girare la testa...! ^_^

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!