SEI BELLISSIMA STASERA di Samantha Young (Mondadori) - Recensione

IN OCCASIONE DELL'USCITA DI "SEI BELLISSIMA STASERA"  NELLA COLLANA "EMOZIONI" DEI ROMANZI MONDADORI DI QUESTO MESE, RIPUBBLICHIAMO LA NOSTRA RECENSIONE CHE POTRA' INTERESSARE QUANTE DI VOI NON L'HANNO ANCORA LETTO.


Autrice: Samantha Young
Titolo originale: On Dublin Street
Traduttrice: Federica Garlaschelli
Genere: Contemporaneo
Ambientazione: Edimburgo, Scozia
Pubblic. originale: NAL Trade(Penguin), 2012, pp.336
 Pubblic. italiana: Mondadori, Coll.Omnibus, 10 settembre 2013, pp.324 , €14,90; i Romanzi Mondadori, Coll.Emozioni, ottobre 2016, pp. 263
Parte di una serie: 1° serie On Dublin Street
Livello sensualità: Alta
Disponibile in Ebook? Sì (€ 6,90)/ €3,99 


TRAMA: Sono trascorsi quattro anni da quando Jocelyn Butler, giovane americana, si è lasciata alle spalle un tragico passato per cominciare una nuova vita a Edimburgo, seppellendo il suo dolore, ignorando i suoi demoni, cercando insomma di dimenticare la sua vita precedente e di guardare avanti senza lasciarsi coinvolgere da alcuna relazione sentimentale.La sua esistenza solitaria procede bene fino a quando trasloca in un nuovo appartamento in Dublin Street, dove incontra Braden Carmichael.
Bello, brillante e molto ricco, Braden è un uomo abituato a ottenere tutto ciò che desidera e determinato a incrinare le difese solidissime di Jocelyn.
Sapendo quanto lei sia restia a qualsiasi tipo di relazione, lui le propone un accordo che soddisferà la loro fortissima attrazione senza creare alcun legame tra loro. Jocelyn, intrigata, accetta, ma si rende subito conto che per Braden non è abbastanza e che lui la desidera veramente, fin nel profondo dell'anima. E lei è davvero sicura di non volere qualcosa di più? Sarà capace di chiudere la porta in faccia all'amore?


 
 

*Recensione dell'edizione in inglese. 

Cover USA/ Web
Mi è venuta voglia di leggere On Dublin Street di Samantha Young appena ho scoperto che presto la Mondadori l’avrebbe pubblicato in italiano. Sapendo che si trattava di un romance ero curiosa di capire cosa avesse spinto la prestigiosa casa editrice a scegliere proprio questo libro per una collana da libreria. A lettura ultimata l'interrogativo mi rimane perché questa  storia è carina ma sia per lo stile che per  la trama si tratta di un romance piuttosto nella media, senza nulla che lo contraddistingua dai libri che vengono proposti ogni mese nelle collane  da edicola. Misteri del marketing editoriale? Mah... sicuramente le storie con protagonisti giovani che raccontano delle loro esperienze di vita (e di sesso) sono particolarmente in auge in questo momento e le CE ci si stanno buttando a pesce. Tra l'altro, come altri successi editoriali recenti, anche questo libro  è stato originariamente autopubblicato dall'autrice in ebook, prima di essere notato dal colosso Penguin.
Cover UK
La  sinossi in quarta di copertina già svela parecchio ( se non tutto) delle trama del romanzo, non aspettatevi molto altro,  a parte un piccolissimo subplot dedicato al rapporto fra la sorella del protagonista e un suo amico ( che avranno il loro happy end nella novella Until Fountain Bridge). Vediamo di ricapitolare. L'americana Jocelyn (Joss per gli amici)  ha perso a quattordici anni tutta la  famiglia in tragiche circostanze e  a causa di quell'esperienza traumatica non riesce più a lasciarsi andare ai sentimenti . Per otto anni la ragazza vive come ‘ibernata’, i rapporti umani sono ristretti all'osso e il suo cuore è chiuso a doppia mandata. Dopo gli studi Joss lascia gli States  (perchè troppi sono i ricordi) e approda in Scozia ( patria della madre), nella bella Edimburgo, dove un giorno, per caso, prendendo un taxi incontra uno sconosciuto che le fa battere il cuore, quello che pensava di non avere più. Lei però dà la colpa agli ormoni. Poco dopo  scopriamo che la sua nuova coinquilina, la bionda e solare Ellie,  che vive in un elegante appartamento in Dublin Street, altro non è che la sorella  di quell’affascinante sconosciuto (guarda te il caso, a volte!). Così,  i due finiscono inevitabilmente per rincontrarsi ( la scena del loro secondo  incontro è divertentissima) e anche se lei ha 22 anni e lui ( che adesso sappiamo si chiama Braden) 30  e sembra avere un debole per le spilungone bionde anoressiche, non ci vuole molto a capire che anche le piccoline linguacciute con reggiseno coppa D non gli fanno del tutto schifo, anzi! Il piacere è reciproco ed il sesso entra presto in  scena ( solo sesso eh, lei non vuole assolutamente pensare ci sia altro fra loro ) e siccome funziona meglio del previsto i due  decidono di comune accordo per un 'agreement' ( guai a chiamarla relazione) di tre mesi di solo sesso, no strings attached. Anche Braden, infatti, ha i suoi problemi a lasciarsi andare ai sentimenti a causa di una delusione passata. 
Dublin Street a Edimburgo
Seh, a chi  vogliono darla a bere questi due ?! E’ chiaro fin dall’inzio  che si attirano come calamite e che Cupido ha già scoccato la sua freccia . Ma la ragazza ‘ibernata dentro’ non ne vuole sapere di lasciarsi alle spalle il  passato e confessare a se stessa che si è innamorata del bel scozzese, perchè innamorarsi  può far soffrire, e lei  ha già sofferto abbastanza. Così per buona parte del libro  ci dobbiamo sorbire i suoi  no,  non non puo’essere, è solo sesso, niente di più, non mi importa veramente di lui, ci sto benissimo ma è solo un amico e.... bla-bla-bla…che noia!   Fossi stata in Braden, che è un  gnokkolone con profondi occhi blu, super fisico, un bel conto in banca e bravo a letto, io quest' americana pesante come il piombo l’avrei mollata da tempo al suo destino, altro che invaghirmene!
Oddio,  a dir la verità, lui a un certo punto al culmine ci arriva davvero e davanti all'ennesima paranoia di Joss pare deciso a mollare il colpo, ma lei ( guarda un po') in quel momento ha come un flash epifanico e  scopre che di lui le importa eccome e che non ci sta a farselo portare via da un'altra (che nel frattempo è comparsa all'orizzonte). Alla buon ora, signorina! E ci volevano tutte ste pagine per scoprirlo? E ha pure avuto bisogno dell'aiuto della sorella di lui  e di una terapeuta per chiarirsi le idee. Che strazio!
Come avrete capito, Jocelyn non è il mio ideale di protagonista. Anzi, a dirla tutta,  l'ho trovata a tratti proprio insulsa, spesso indisponente e davvero poco nelle mie corde fin dall'inizio ( a parte certe battute furbette che rifila al protagonista). Come si fa ad amare un libro (per giunto scritto in pirma persona)  quando il personaggio in cui ti dovresti immedesimare per goderne  a pieno ti è odioso, o quasi? Impossibile!
jpg
Cover ed.italiana 2013
A parte questo particolare mica da poco, ho trovato On Dublin Street un  romanzo scorrevole, con un cast di personaggi   semplicemente delineati ma credibili  e alcuni dialoghi ( soprattutto fra i protagonisti)  piuttosto gustosi.  Purtroppo la narrazione in prima persona tende ad appiattire un po' tutto, e a volte  la storia sembra un po' troppo la 'lista della spesa delle giornate di Joss' per i miei gusti.  
Il setting scozzese è una piacevole novità (soprattutto per chi come me Edimburgo l'ha visitata e conosce i luoghi descritti) ma è poco più di un  background di cartone; più in là di citazioni di strade, nomi di luoghi e monumenti non si va. Questo è soprattutto un romanzo di interni: l'appartamento in Dublin Street, il pub dove lavora a tempo perso come cameriera Joss, l'appartamento di Braden, bar e ristoranti vari. Anche perchè una buona parte del libro  è dedicata agli incontri sessuali tra i due protagonisti negli interni sopraccitati. Ma non aspettatevi niente di kinky, qui il sesso è piuttosto standard e con limitate variazioni sul tema. Il linguaggio è colorito, ci sono tanti f°°° qui e f°°° là,  ma in soldoni niente di nuovo sotto il sole. Un punto a favore, però, almeno per me,  sta nel fatto che in questo libro il sesso (anche insistito) è decisamente funzionale allo sviluppo della trama romantica perchè  è proprio quando  fanno l'amore  e cadono tutte le inibizioni (soprattutto quelle mentali)  che Jocelyn e Braden riescono comunicare i loro veri sentimenti, a dirsi 'fisicamente' quello che a parole non riescono a fare.

Tirando le somme, On Dublin Street è una storia d'amore discreta, nonostante la protagonista non propriamente simpatica ( gli altri personaggi sono meglio) , ma senza nulla di memorabile. Stile piuttosto semplice e nessun momento che mi abbia davvero afferrato lo stomaco.
Vale la pena spendere 14,90 euro per questo libro? Io vi suggerisco di optare per l'ebook ( €6,90) così prendete due piccioni con una fava: spendete il giusto ed  evitate  di avere sempre sott'occhio la copertina italiana che, insieme al titolo, è un'apoteosi di banalità.
P.S.(ottobre 2016) : Adesso che Mondadori ha pubblicato l'edizione da edicola, e il prezzo sia del cartaceo che dell'ebook sono scesi, direi che l'acquisto di questo libro non eccelso, ma discreto, può essere raccomandata senza tante remore. Inoltre, in questi tre anni dalla prima edizione del romanzo, alla narrazione in prima persona abbiamo ormai fatto tutte il callo.




     ebook                    cartaceo 


GUARDA IL BOOKTRAILER DI UNA FAN


 E GUARDA IN QUESTO VIDEO SAMANTHA YOUNG A PASSEGGIO PER I LUOGHI DEL ROMANZO A EDIMBURGO


LA SERIE ON DUBLIN STREET

1. On Dublin Street (2012) ed. italiana: SEI BELLISSIMA STASERA, Mondadori, 10 settembre 2013 Jocelyn Butler e Braden Carmichael 
2. Down London Road (2013) ed. italiana: COSI' COME SEI, Mondadori, 24 GIUGNO 2014 - Joanna Walker e Cameron McCabe  - Leggi QUI la ns recensione
2.5. Castle Hill  (2013)- novella -  ed. italiana: UN AMORE  A CASTLE HILL, solo ebook, Mondadori, OTTOBRE 2014 - Jocelyn Butler e Braden Carmichael
3. Before Jamaica Lane (2014)-ed. italiana: E ADESSO CI SEI TU, Mondadori, 31 MARZO 2014 - Olivia e Nate Sawyer
3.5 Until Fountain Bridge (2013)- novella (solo ebook) - ed. italiana: UN AMORE  A FOUNTAIN BRIDGE, solo ebook, Mondadori, 17 giugno 2014 - Ellie Carmichael e Adam Sutherland
4. Fall From India Place (2014)Ellie Carmichael e Adam Sutherland
5. Echoes of Scotland Street (2014) - ShannonMacleod e Cole Walker
5.5. Valentine (2015) - novella - personaggi vari della serie
6. Moonlight on Nightingale Way (2015) - Logan e Grace

6.5 One Kings Way (2015)- novella - Craig Lanaghan e Rain Alexander
****
L'AUTRICE
Samantha Young  è originaria dello Stirlingshire, una contea della Scozia. Dopo la laurea presso l'università di  Edimburgo l'autrice è tornata nella sua contea dove passa piacevomente le sue giornate a scivere di persone che vorrebbe che gli altri potessero incontare e di mondi che vorrebbe i suoi lettori  potessero vistare. Dopo aver scritto oltre dieci romanzi Young Adult di genere urban fantasy, Samatha ha fatto il grande salto e ha deciso di dedicarsi al contemporary romance per adulti con il romanzo On Dublin Street, inizialmente autopubblicato, che è diventato in poco tempo un bestseller . Da questo libro ha preso avvio una serie con lo stesso nome.
VISITA IL SUO SITO


VI PIACEREBBE LEGGERE QUESTO LIBRO? L'AVETE LETTO? COSA NE PENSATE? PARTECIPATE ALLA DISCUSSIONE.
Grazie a chi metterà il link di questo post sulle sue pagine social.

25 commenti:

  1. Ho letto in giro di questo romanzo e mi incuriosisce. Complimenti per la recensione hai dosato bene pro e contro. Ci farò un pensierino per l'ebook. Robby

    RispondiElimina
  2. Grazie Francy, mi hai evitato una lettura insulsa.

    RispondiElimina
  3. Non vedo l'ora di leggerlo anche io! ne ho sentito parlare molto bene e mi incuriosiscono i personaggi che lo compongono. Decisamente non me la lascerò sfuggire :)

    RispondiElimina
  4. Purtroppo la recensione mette in evidenza TUTTO quello che NON mi piace in un libro...
    Ennesima scopiazzatura di tanti altri romance senza niente di originale. Le CE Italiane hanno il brutto vizio di cercare quello che va di moda e di buttarlo sul mercato senza provare con altri libri, altri generi, altre autrici....
    Che noiaaaa....
    Una lamentela senza cognizione di causa visto che non l'ho letto. Provvederò con l'ebook e vediamo se l'idea rimane o cambia
    ;-)

    RispondiElimina
  5. Ho appena terminato "Sei bellissima stasera", un libro sorprendentemente intenso, profondo, dolce e commovente...oltre che spudoratamente sensuale. Braden è un personaggio che ti rimane dentro a lungo: affascinante, leale, e disposto a tutto per la propria donna. Joss, invece, è una ragazza spezzata da un dolore atroce: aver perso i genitori da bambina. Da quel momento in poi la sua vita è stata dissoluta e irregolare, almeno fino a quattro anni prima, in cui un tragico evento le ha permesso di rimettersi in carregiata e ha scelto di diventare una donna sobria, ma chiusa agli slanci della vita....almeno fino a quando incontra Braden. Braden rappresenta una ventata d'aria fresca, porta nella sua vita sesso, dolcezza e spontaneità. Il loro rapporto cresce poco a poco, l'attrazione si trasforma in passione e poi in amore, un amore furioso e travolgente. Nella vita di Joss cambiano tante altre cose, si affeziona alla sua coinquilina Ellie, la sorella di Braden e inizia a scoprire che il dolore non si supera mai, ma si impara ad accettare di provarlo e si riesce a trovare il coraggio di gestirlo. Dolcissimo e intenso il finale happy, e anche le considerazioni finali dell'autrice che mi hanno scossa nel profondo. Voto 9 PROMOSSO!

    RispondiElimina
  6. Mi è piaciuta moltissimo la tua recensione.. anche io non amo particolarmente questo tipo di protagoniste ma proverò a leggere comunque il libro :-)

    RispondiElimina
  7. Io non so cosa cercate o volete da un libro, sopratutto da un Romance. Io onestamente, voglio evasione per la necessita di staccarmi completamente da una realtà (la mia) a dir poco pesante. Non mi ritengo una lettrice che s'immedesima nei personaggi (sia prima persona o terza)...se penso a quelli di LORA LEIGHT...(mi viene da ridere..). La recensione fatta (o meglio stroncatura) mi sembra forte, per un libro godibilissimo e molto dolce. Io vi consiglio di leggero....Onestamente ne ho letti molto più noiosi e banali (vedi Julie JAMES). Il mio parere e SUPER PROMOSSO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lella!
      No, guarda la mia non è una stroncatura, perchè se fosse una stroncatura non avrei dato al libro un giudizio di DISCRETO, che non è certo un giudizio da stroncatura. Ho solo voluto sottolineare le luci e le ombre di questo libro che costa praticamente il doppio dei romance da edicola.
      La tua 'super promozione' è legittima, naturalmente, in questo caso ho piacere per te perchè non ti pentirai dei soldi spesi per acquistarlo. Che ci siano libri molto più noiosi e banali in giro non ci piove, come ho sottolineato più volte, questa è una storia carina, anche più di altre, che farà passare alcune ore piacevoli, ma che a mio parere non vale del tutto il prezzo di copertina . (Avendolo io letto in ebook e in inglese non mi lagno più di tanto perchè l'ho pagato molto meno.)
      Visto che non sei solita immedesimarti nei personaggi dei libri che leggi, sei fortunata...io ad un certo punto Joss l'avrei eliminata molto volentieri con le miei manine...così rimaneva solo Braden, che, mi ripeto anche su questo, è l'elemento vincente di questo romanzo. Ma poichè di 'romanzo' si tratta, Joss ha la fortuna di essere desiderata da lui nonostante il suo carattere del cavolo..nella realtà lui l'avrebbe mandata a quel paese dopo il primo appuntamento con 'dopo cena ' ne sono sicura. Ecco il bello del romance...per tutte c'è speranza di happy end!

      Francy

      Elimina
    2. Julie James noiosa???????

      Elimina
    3. Convengo con te Samatha...Lory ma quale libro della James hai trovato noioso???
      I dialoghi della James sono una finezza di contrappunto che la Young ancora se la sogna!

      Francy

      Elimina
    4. Sai Francy, se discutiamo dei prezzi dei libri, mi zittisco subito. Per me i libri sono tutti cari, pero gli E-book, secondo il mio modesto parere, in proporzione hanno un costo a dir poco esosissimo (e qui metto in mostra il mio lavoro- scusa, dovendo anche ammortizzare il costo del Kindle).
      Pero la domanda finale è: e più costoso un libro pubblicato integralmente da una casa editrice e messo in vendita in libreria o un libro tradotto parzialmente, magari male, in una edicola? Non lo so....Non mi dispiace di spendere qualcosa in piu...
      Si, la James l'ho trovata noiosa. Ho ritenuto le storie di una banalità, incredibile (e i libri li ho acquistati tutti e neanche terminati). A me dispiace ma su questa scrittrice non mi trovate d'accordo. Io, non sono sofistica come voi nel ricercare le scritture con finezze di contrappunto. Io sono più di pancia...e il bello del gruppo...non essere tutte d'accordo sulle stesse autrici..pero ti devo ringraziare, e credo che non ti ringrazierò MAI abbastanza Francy per aver consigliato la scrittrice SHERRY THOMAS, per me e la Bibbia dello Storico...i suoi libri sono SEMPLICEMENTE SUPERBI. Grazie ragazze per avermi sopportato.

      Elimina
    5. Cara Lella, non c'è di che, sulla Thomas lo sai con me sfondi una porta aperta e mi spiace che non sia pubblicata di più in Italia. I suoi ultimi a mio avviso non sono all'altezza dei primi ma non importa, è sempre sopra alla media. ( Sai che ultimamente si è data allo Young Adult per rigenerarsi un po'? Ma tonerà presto allo storico.)
      In ogni caso, hai azzeccato a pieno la filosofia di questo blog. Ognuno qui è libero di dire la sua senza problemi. Il tuo giudizio su questo libro può non trovarmi d'accordo ma vale esattamente quanto il mio, perciò ti ringrazio molto per averlo espresso. Sinceramente non so come sia tradotta la James in italiano, ma in inglese a me piace parecchio.
      Per ripondere alla tua domanda: sono da privilegiare senza dubbio le edizioni integrali, ma in libreria ci sono anche libri a 5 , 9, 10 euro adesso come adesso. La scelta del prezzo è una scelta di marketing perchè spacciano il libro come un ennesimo romanzo erotico, mentre non lo è pur essendoci un bel po' di sesso, questo è indubbio. CIAO!

      Elimina
    6. Concordo pienamente con Lella. E' stata un'ottima lettura, piacevole e coinvolgente.

      Marinella

      Elimina
  8. ..Allora Francy, come promesso ti lascio la mia opinione sul romanzo che nn si discosta molto dalla tua. Libro gradevole, di facile e scorrevole lettura, una storia romantica di evasione, niente di straordinario, perfetto per rilassarsi un paio di orette con una lettura tutt'altro che impegnativa. Più che un romance contemporaneo lo definirei meglio un New Adult, malgrado la maggiore età dei protagonisti e questo perchè certe situazioni, dinamiche e dialoghi tra i personaggi principali mi sono sembrati a tratti decisamente infantili...Qualche buona battuta ironica, lei decisamente spinosa, ritrosetta e spesso incoerente, lui fortunatamente compensa le sue mancanze.
    Che dire? una storia piacevole ma senza infamia e senza lode...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo naturalmente con il tuo giudizio Lory e grazie del commento. Sì molte caratteristiche di questo romanzo sono da New Adult, forse l'elemento erotico un po' insistito lo fa uscire dal genere. L'autrice lo definisce ADULT FICTION, ma la caratterizzazione limitata, il punto di vista esclusivo, il focus sui problemi esistenziali della protagonista lo rendono un po' un ibrido.

      Elimina
  9. Una domanda ragazze: utilizzate la parola "romance" come corrispondente dell'italiano "romanzo"?

    Jane

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella domanda Jane! Allora, il problema è che non ci piace il termine 'romanzo rosa'...'rosa' de che? E' vero che è un termine comunemente usato in italiano e che ormai riconoscono tutti, però è ecisamente poco 'politically correct'! Si sa che queste storie romantiche sono lette prevalentemente da donne ( ecco il perchè della scelta del termine 'rosa') ma non è detto che non ci siano anche uomini a farlo. Perciò chi preferiamo usare il termine ROMANCE, che è il termine con cui si identificano in inglese contemporaneo le storie d'amore. Un ROMANCE è un libro che tratta una storia d'amore a lieto fine. Nei secoli passati per 'Romance' si intendevano invece quei libri che trattavano storie fantastiche,con personaggi fiabeschi, tipo le storie di Re Artù e i dei suoi cavalieri. Storie che derivavano dai cicli cavallareschi bretoni in francese che è appunto una 'lingua romanza'.

      Il romanzo come lo intendiamo genericamente noi, cioè un' opera di fiction che però rispecchia una realtà che 'potrebbe essere vera', ma non è incentrato necessariamente su una storia d'amore a lieto fine, in inglese si chiama 'novel'.

      Francy

      Elimina
  10. Allora, ho appena terminato questo delizioso romanzo....SEI BELLISSIMA STASERA(concordo sul titolo scialbo e inappropriato) è un romanzo molto notevole. Io ci ho visto un tocco di novità,a cominciare dalla ritrosia di lei nel cominciare una storia che trascenda il semplice sesso. Poi Braden è da 10 e lode, un uomo davvero intrigante senza passato tormentato,o meglio,con un passato come ce lo abbiamo tutti ma senza martirio gratuito, come tanti protagonisti già letti*_____* poi mi è piaciuto come è stato scritto, molto giovanile, ma potente narrativamente parlando.Non è sicuramente NEW ADULT, perchè come età nn ci siamo e poi caratterialmente i due già sono formati, nn vanno più a scuola e hanno già un progetto di vita alla base, direi che si colloca tranquillamente nel ADULT ROMANCE.

    A me è piaciuto e parecchio e consiglio a tutte quelle che hanno ancora dei dubbi di leggerlo tranquillamente,non fosse altro per farsi una propria opinione...e poi è difficile che una volta letto nn vi piaccia, garantito!!!!!!!!^________^

    Grazia

    RispondiElimina
  11. Sono una voce fuori dal coro e me ne dispiaccio, ma questo libro non ce l'ho fatta proprio a finirlo, non era nelle mie corde, l'ho trovato noioso, scritto in una maniera abominevole con una punteggiatura usata a caso.
    Forse perché il libro precedentemente letto e appena riposto in libreria era la SEP e il confronto con quel capolavoro di storia, personaggi e modo di scrivere non era proponibile!

    RispondiElimina
  12. Ho letto attentamente sia i vostri commenti che la recensione.Trovo sia offensivo dire che sia scritto in maniera abominevole,ognuno è libero di dire la sua, ma questo termine è decisamente fuori luogo.La scrittura è fresca e giovane,la trama originale e con un tocco di romanticismo e profondità.Se questo libro è abominevole, la LEIGH è nauseante,perchè nn penso meriti un commento così crudo.Scusate se mi sono permessa,ma non mi piace quando sento offese gratuite nei confronti di un libro che,a mio parere,nn ha niente di abominevole.

    RispondiElimina
  13. @gloria: stiamo parlando di un libro, mica di una persona. i gusti personali nn si discutono, io ho un'amica che trova illeggibili la maggior parte degli storici, ma questo nn fa di lei una persona che io posso giudicare negativamente, essendo io un'amante dello storico in primis, di tutto ciò che è scritto bene poi. io leggo la leigh, la rice, la day, la black, prediligo cioè una letture che evidentemente si discostano dalla tua, ma questi sono gusti personali. per ciò che riguarda il termine "abominevole" questi, non era riferito alla trama, anche se so che samanthalarossa ha delle riserve pure su quella, ma era riferito alla modalità con cui è scritto. copio e incollo: (cit)"scritto in una maniera abominevole con una punteggiatura usata a caso". quando compro un libro, lo PAGO e vorrei che ciò che acquisto fosse per me godibile al 100%. capita però che il libro nn mi attragga o emozioni, e questo dipende dalla trama, ma ci può stare, i gusti son gusti. ma se oltre a questo c'è una forma di scrittura puerile, non è corretto grammaticalmente, ma ha uno stile che, per quanto possa non piacerti la storia, ha la capacità di farti arrivare fino in fondo perchè scritto bene, non mi lamento o comunque nn più di tanto. se una scrittrice scrive bene, ha capacità di tramettere, di entrare nei personaggi, questo fa sì che comunque il libro sia leggibile, se nn altro perchè trovi il modo di arrivare alla fine senza che ciò risulti pesante. l'osservazione di samanthalarossa era riferita a ciò, al tipo di scrittura. e lì nn ci sono gusti personali, ma la conoscenza dell'italiano corretto e il diritto di nn vederlo massacrato in un libro. chi scrive ha l'obbligo di dare al lettore un prodotto che sia perfetto sotto tutti i punti di vista, o per lo meno che lo sia dal punto dello stile, della grammatica e della punteggiatura, checchè ne dicano le nuove aspirati scrittrici. poi la trama può anche essere discordante dal proprio gusto personale, ma lì la questione è soggettiva. non basta scrivere una storia che coinvolga, bisogna avere la capacità di farla vedere al lettore, e questo accade quando si sanno usare le parole in maniera tale che nn puoi nn leggere, anche se consideri il libro non all'altezza delle tua aspettative per ciò che riguarda la trama. la Young non lo sa fare, non ha questa capacità. per quanto riguarda la leigh, io la leggo, così come la Rice, la Black, la Day, la Phillips. i miei gusti sono questi. e non le trovo nauseanti per nulla. le trovo erotiche, sensuali, divertenti, a volte ironiche e decisamente conoscitrici di ciò che una donna sogna di trovare in un uomo. che poi quest'uomo non esista è un'altro paio di maniche. stiamo appunto parlando di libri, romance, cioè opere di fantasia. ma questo non esula dal fatto che comunque, per quanto surreali, devono grammaticalmente corretti e scritti con stile che coinvolga.

    RispondiElimina
  14. Il bello di vivere in una democrazia è quello di poter esprimere i propri pareri in liberta. Libertà di stampa, Liberta di pensiero, Libertà di parola sono principi in cui penso tutti credano, se per me un libro è scritto in maniera abominevole lo dico, se a te la Leigh non piace e la trovi nauseabonda lo dici (anzi vallo dire pure in calce alla mia recensione io non mi offendo).
    Qui tutti i pareri sono validi, ognuno la pensa come vuole, e lo scrive non vedo dove sia il problema.
    Cmq, il paragone che avevo fatto nel mio commento, era tra il libro di Samantha Young e quello di Susan Elizabeth Phillips che avevo appena finito di leggere, entrambe contemporanei con un tocco di erotismo, il primo ripeto con una scrittura che non mi è piaciuta, il secondo, per me, un piccolo capolavoro, sia nella scrittura che nella trama.

    RispondiElimina
  15. L'ho finito a forza per cercare quel "bello" che tutti osannano. Ed è stato un peccato perchè l'inizio era davvero promettente. Sinceramente credo che sia l'ennesima copia romantica di tanti harmony letti. Scene erotiche: già lette, emozionanti quanto basta per farti girare pagina ma scarse di entusiasmo. Personaggi secondari di troppo, il libro è praticamente un woman fiction: l'amica di lei, la sorella di lui, la collega problematica e qualla un pò zoccola, l'amico disperato, il collega arrapato (da lei, ovvio) e per finire una matrigna affettuosa e due "fratellastri" rompiballe. Ah, dimenticavo le ex di lui: delle barbie fatte con lo stampino, belle e calcolatrici (ovvio, mica poteva mancare la bambola standardizzata). Lei Joss, Jocelyn una rompiballe numero uno. Nella vita reale sarebbe la classica musona che nessuno si fila. Braden, Brandon (o come si chiama) uno steriotipo romanzato dell'uomo harmony. Figo, ricco, amaliatore, pieno di donne che però è dolce, protettivo e attratto da una che, realmente, non calcolerebbe manco di striscio. Dialoghi superficiali buttati lì tanto per dare il "contentino": "Ciao piccola..." "Jocelyn è il nome di una donna sensuale"; e dai..... un minimo di originalità! Di contorno uno stile acerbo, poco approfondito che rimane sul vago con i soliti personaggi privi di spessoreche non emozionano ma ripeteno le stesse identiche cose all'infinito. L'unica cosa divertente è stato premere il tasto delete.

    RispondiElimina
  16. Assolutamente concorde con Rita!!! io l'ho adorato, devo averlo letto almeno 3 volte. in generale mi è piaciuta molto tutta la serie, ma questo primo volume mi è decisamente rimasto nel cuore. De gustibus non disputandum est, per fortuna che i gusti sono diversi, altrimenti sai che noia.

    RispondiElimina
  17. Verissimo Isabella ed è anche interessante se ci pensi quanto un libro possa restare nel cuore, per vari motivi, a qualcuno e non toccare più di tanto qualcun altro. Questo quando si parla di libri decenti. Altra cosa quando c'è chi si spertica in commenti a 5 stelle per cose imbarazzanti...ecco anche lì dovrebbe valere il 'de gustibus' ma mi viene spontaneo pensare in quel caso più che 'de gustibus' si debba parlare di 'de MALUM gustibus'.

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!