L'AMORE CHE VIENE di Lisa Kleypas (Leggereditore) - Recensione

NELLA BOOK CHAT DI OGGI PARLIAMO DEL LIBRO DI UN'AUTRICE CHE MOLTE ROMANCE FAN AMANO A PRIORI: LISA KLEYPAS. LEGGEREDITORI HA APPENA PUBBLICATO UN SUO ROMANZO STORICO DEL 1988 ANCORA INEDITO IN ITALIA. QUALE SARA' IL VERDETTO?

Autrice: Lisa Kleypas
Titolo originale: Love, come to me 
Traduzione: Laura Liucci
Genere:   storico
Ambientazione: Concord, Boston Massachusetts U.S.A. 1869
Pubbl.originale: Onyx, 1988, pp. 411 
Pubbl. italiana: Leggereditore, 3 luglio 2014 in ebook,17 luglio 2014 in cartaceo, pp.328,  Il romanzo sarà disponibile dal 3 luglio a €  4.99 e dal 17 luglio a 14
Parte di una serie: No
Livello sensualità: MEDIO
Disponibile in ebook: Sì
TRAMA: Dopo la fine della Guerra civile americana, Heath Rayne, affascinante e volenteroso uomo del Sud, decide di trasferirsi a Concord, Massachussets, e di rifarsi una vita. Quando vede per la prima volta Lucinda Caldwell e se ne invaghisce, non può immaginare che di lì a poco i loro destini si sarebbero incrociati indissolubilmente. Allontanatasi da casa dopo un litigio con il suo promesso sposo, Lucinda rischia di affogare nelle acque gelide di un fiume. Sarà Heath a salvarle la vita e a prendersi cura di lei durante la tempesta di neve che impedisce loro di tornare a casa. Lucinda capisce subito che Heath non è come gli altri uomini che ha incontrato nella sua vita: è impetuoso, ironico, sensuale. Sa che è in grado di strappare ogni brandello di resistenza che lei stessa oppone al desiderio che le arde dentro e che può regalarle sensazioni che non ha mai provato. Ma sa anche di essere promessa a un altro uomo...




Eh già, siamo di nuovo qua… Samanthalarossa & Keiko le due pettegole del Romance Storico! Anche questa volta ci siamo date appuntamento per leggere e chiacchierare. L’occasione ce l’ha fornita l’ultimo romanzo di Lisa Kleypas da pochi giorni pubblicato da Leggereditore.
Cover originale 1^ ediz.
Un altro romance di Lisa Kleypas. Un’altra bella prova di questa scrittrice che in molte amano. Questo libro fu originariamente scritto negli anni ’80, uno dei suoi primi romanzi, permettetemi una cattiveria prima di continuare: preferisco un suo libro giovanile e forse un po’ acerbo, ai tanti romanzi dati alle stampe in questi ultimi mesi, inutili cloni delle ormai pluricitate 50 sfumature di ogni colore possibile. 
Una storia diversa, ambientata negli Stati Uniti che cercano di risollevarsi dalla sanguinosa e fratricida guerra civile, dove malcontento odio e diffidenza, ancora serpeggiano tra le opposte fazioni. Heath, il protagonista,  un sudista trapiantato al Nord ben conosce questo clima, quando decide di stabilirsi a Concord, Massachusetts. Un progressista, un ex combattente che riconosce i limiti della sua nazione che mi ha ricordato Rett Butler, un uomo intransigente e testardo, irriverente e sfacciato come il protagonista del mitico Via col Vento. Lucinda la nostra eroina, capricciosa  testarda e viziata come Rossella O’Hara benché nordista,  innamorata del suo integerrimo e un po’ freddino gentiluomo da anni: Daniel, l’Ashley Wilkes della situazione. Keiko concordi con questo mio paragone?

Certo! le dinamiche e il periodo storico in cui si muovono i protagonisti di questa storia ricordano molto da vicino "Via col vento". Heath è un uomo nuovo, si è sradicato per motivi famigliari dal suo amato Sud alla fine della guerra, con tenacia e lavoro ha costruito una sua piccola fortuna nel campo degli affari. Ha un vero colpo di fulmine per la nostra eroina Lucy, figlia di un commerciante di Concord e attende l'occasione giusta per avvicinarla. Ciò si verifica quando lei di sua iniziativa torna a casa da una visita presso degli zii e cade nel fiume gelato. Lui la salva e da qui si dipana  la loro storia. Lucy è una ragazza sostanzialmente viziata, figlia unica di un padre assente, ha sempre creduto di amare Daniel giovanotto di buona famiglia, con cui è da lungo tempo fidanzata e con cui vorrebbe sposarsi. Ma già dalle prime descrizioni che la Kleypas ci fornisce di questa coppia, capiamo che non potrebbero essere più sbagliati l'una per l'altro. Daniel è un uomo tutto d'un pezzo, regolato da rigide regole morali, freddo come spesso vengono accusati essere quelli del nord. Il suo amore per Lucy si  manifesta entro rigidi parametri, pochi incontri e soprattutto zero passione. Lucy , invece, aldilà del ruolo che si spinge ad interpretare per adattarsi a quei canoni rigidamente stabiliti, è molto esuberante, infiammabile, passionale. L'incontro con Heath è il detonatore che libera la sua vera indole. Quello però che salta agli occhi è come la Kleypas abbia creato dei personaggi figli del loro tempo. Il periodo storico influenza profondamente le loro vite e il loro carattere. Samantha, tu non trovi che il periodo successivo alla Guerra di Secessione come ce lo descrive questo romanzo sia oltremodo interessante?

 La Guerra di Secessione americana a noi italiani sembra quasi un evento cinematografico, ma dobbiamo riflettere quale fosse il clima nel quale l’autrice ambienta questo suo romanzo: una guerra civile sanguinosa si è appena conclusa, il sud latifondista e schiavista è stato sconfitto da un nord industriale, sta finendo un’era, siamo davanti a una svolta storica. Quattro anni di battaglie, famiglie annientate, reduci feriti e delusi. Approfittatori sciacalli e senza legge sciamano come cavallette per accaparrarsi terre, piantagioni e ricchezze a sud della linea Mason-Dixon, quella che era stata la linea di demarcazione tra la cattività e la libertà per gli schiavi in fuga nei decenni precedenti.
Cover della nuova edizione USA
Fu questa l’era della ricostruzione, l’era delle opportunità, opportunità per un uomo come Heath nato in quel sud sconfitto, passato attraverso le atrocità di un campo di prigionia e finalmente libero di riprendere in mano la propria esistenza. Un figlio illegittimo che la famiglia del padre non gradisce, un reietto tra i reietti, ma che al nord cerca il suo riscatto e il suo futuro.
A Boston Heath rincontra Damon, giovane rampollo di una delle cinque famiglie fondatrici della città, insieme decidono di lanciarsi in un’avventura, un azzardo economicamente incerto: rilevare un quotidiano mediocre e farlo diventare il punto di riferimento dell’editoria bostoniana. Il denaro di Heath e il pedigree di Damon uniti potranno compiere il miracolo. Lucy, la nostra protagonista,  che nel frattempo è stata costretta a un matrimonio riparatore con Heath, non vuole lasciare Concord, la famiglia e gli amici per seguire quello che a lei sembra un’attività destinata ad un fallimento certo. E’ questo il punto del romanzo in cui ho maggiormente odiato il comportamento di Lucy: capricciosa, viziata ed estremamente infantile, sei d’accordo con me Keiko?

 Sì per alcuni versi e no per altri. Certamente il comportamento di Lucy è in questa sezione di libro oltremodo sgradevole, metterebbe alla prova la pazienza di un santo. Sembra non capire la situazione in cui si trova, è egoista verso le esigenze del marito che la vorrebbe coinvolgere in una vita più interessante, verso il futuro insomma. Dobbiamo però capire da quale ambiente lei proviene: chiuso e tradizionalista. Lucy è il prodotto della sua educazione, sarebbe strano se non puntasse i piedi (anche se lo fa in modo pessimo) ha paura dell'ignoto, cresciuta com'è nella bambagia, sempre protetta da schemi e regole. Inoltre è intimamente convinta che quel matrimonio riparatore sarà una catastrofe, ritiene che lei e Heath siano troppo diversi. Ma la Kleypas, da brava narratrice qual è, fa crescere i suoi personaggi, li fa maturare ed è ciò che capita a Lucy. Dopo il  matrimonio dapprima si allontana dal marito, gli si nega intimamente, frequenta quasi per dispetto quegli ambienti di mogli ricche ed annoiate della Concord meno tradizionalista che lui detesta. Ma in seguito ad un avvenimento alquanto doloroso ecco che Lucy cambia, diventa una moglie devota,  presente e innamorata. Ed è strano che proprio a causa di quell'avvenimento sia Heath a cambiare, a diventare sempre meno allegro, più chiuso, più duro meno disponibile verso la moglie. C'è sostanzialmente un ribaltamento di fronti. Importante nella vicenda è sicuramente il personaggio di Damon: il socio di Heath è il suo perfetto contrario, proviene da una delle famiglie più antiche della città ma è costretto a lavorare per risanare le finanze di famiglia. Damon è un calcolatore freddo e distaccato, razionale e prudente, ma anche una spalla necessaria per contenere l'esuberanza di Heath. Avrà alla fine un ruolo chiave che ci farà capire come agisca contrariamente alla sua natura spinto dall'amore e dall'amicizia.
L'amore che viene è un romanzo che si discosta dal solito regency a cui la Kleypas ci ha abituate. L'ho trovata più realista, di solito le sue storie sono tutto un crescendo verso il lieto fine. Qui invece c'è una girandola di alti e bassi, i personaggi più che umani pieni di difetti. Lo stesso protagonista Heath è si un alpha, ma pieno di contraddizioni. In lui si dibattono due nature: solare, sfrontata e protettiva da un lato e oscura e inaccessibile dall'altro. I dialoghi tra la coppia sono spesso crudi, privi di quell'aura favolistica e sognante che troviamo nei suoi romanzi più recenti. Mi è piaciuto, mi è piaciuto veramente tanto, una Kleypas più dura ma sempre piacevole. Ho trovato però che alcune parti del romanzo e alcuni personaggi non siano stati completamente sviluppati come se l'autrice avesse sorvolato in fretta, vero samantha?

 Hai centrato il punto dove sono nate le mie maggiori perplessità su questo libro, ciò che ha rubato il cuore mancante nel mio giudizio complessivo. Ci sono delle lacune importanti a mio parere in questo romanzo:  due antagonisti sono presenti, Daniel lo storico fidanzato di Lucy e nel finale Raine una donna del passato di Heat.
Daniel all’improvviso scompare dal racconto e riappare qualche capitolo dopo come promesso sposo della migliore amica della protagonista, quando in precedenza aveva affermato essere una persona da non frequentare, quasi una compagnia nociva per la fidanzata. Non è stata una figura conflittuale, semplicemente a mio parere, perdonatemi il termine, un mentecatto. 
Raine che appare nel finale del libro,  è appena accennata, una vera bellezza del sud, tenera e indifesa.  In realtà una donna infame e calcolatrice, ma anche qui il personaggio non incide, non lascia il segno. Quello che manca al costrutto del racconto è un vero antagonista della coppia, un nemico plausibile, un cattivo di peso insomma.
4 cuori per questa opera giovanile, il quinto, anzi molti di più verranno per i romanzi più recenti di Lisa Kleypas, sei con me in questo giudizio Keiko?

Assolutamente d'accordo, convengo sui 4 cuori. Un'opera giovanile di spessore, ma non scevra dei difetti che hai  ravvisato. Un romanzo che vale comunque la pena leggere, perché la Kleypas è sempre la Kleypas.




cartaceo            ebook 


UNA FINESTRA SULLA STORIA: 
LA GUERRA DI SECESSIONE AMERICANA

La guerra di Secessione ebbe origine dalla decisione presa nel 1860 dagli Stati del Sud dell'Unione americana di fondare una confederazione separata. 


A metà Ottocento negli Stati Uniti era andato nettamente delineandosi il dualismo tra un Nord industriale in espansione e un Sud agrario, dominato da un'aristocrazia di grandi proprietari terrieri che traevano i loro profitti dall'esportazione di materie prime (cotone, tabacco e altre) e utilizzavano nelle piantagioni circa 3 milioni di schiavi neri. I sudisti intendevano allargare le aree aperte al lavoro degli schiavi, ma incontrarono sempre maggiori opposizioni. Ogni tentativo di accordo tra le due parti dell'Unione e tra il Partito democratico legato ai sudisti e il Partito repubblicano legato ai nordisti era andato frustrato, anche per gli effetti dell'agitazione degli abolizionisti, i quali nel Nord conducevano una crociata contro lo schiavismo. La situazione precipitò in seguito all'elezione Abraham Lincoln. Nel dicembre 1860 la Carolina del Sud diede inizio alla secessione, cui aderirono altri dieci Stati, i quali formarono una Confederazione eleggendo come presidente Jefferson Davis. La sproporzione delle forze era notevole: il Nord poteva contare su una potente industria e una popolazione di 22 milioni di abitanti, mentre il Sud aveva scarse risorse industriali con cui produrre le armi e una popolazione di soli 5,5 milioni.
Nel corso del conflitto le armate sudiste, guidate dal generale Robert Lee, opposero una straordinaria resistenza, ottenendo dapprima importanti vittorie, ma alla fine dovettero cedere. Nel 1863 Lincoln proclamò la liberazione degli schiavi degli Stati secessionisti (ma la schiavitù venne totalmente abolita solo nel 1865). La guerra era costata oltre 600 mila morti. La totale sconfitta degli Stati del Sud e la scomparsa della schiavitù posero le premesse di una rifondazione della nazione americana sulla base della supremazia industriale del Nord e del rafforzamento del governo federale. Lincon, che era stato rieletto presidente nel 1864, il 14 aprile 1865 venne assassinato da un fanatico sudista. ( *Fonte: Treccani)

L'AUTRICE
LISA KLEYPAS ha sempre amato leggere,specialmente storie romantiche ed iniziò a scrivere romance durante le vacanze estive del suo primo anno di università . Circa due mesi dopo, a 21 anni, aveva già venduto il suo primo romanzo. Più o meno nello stesso periodo fu eletta Miss Massachusetts, titolo che le diede accesso alle finali per Miss America. Sin dalla stesura del suo primo libro, la Kleypas si è dedicata alla scrittura a tempo pieno e i suoi romanzi hanno venduto milioni di copie e sono stati tradotti in 14 lingue, oltre a farle guadagnare diversi premi letterari , come i Rita Awards. Dopo diversi anni dedicati al romance storico, nel 2006 la Kleypas ha annunciato di volersi dedicare per un po' alle storie contemporanee, anche se in futuro ha intenzione di tornare a scrivere storici. In Italia la Kleypas è una delle autrici romance più amate, famosa per le sue serie e saghe familiari, fra le quali ricordiamo le serie storiche: Gamblers of Craven, Capitol Theatre, Bow-Street Runners, Wallflower e The Hathaways e le serie contemporanee: Travis e Friday Harbor. Nel 2012 dal suo romanzo Christmas at Friday Harbor è stato tratto il film Hallmark Christmas With Holly. Lisa Kleypas vive a Washington con il marito Gregory e i loro due figli.


UNITEVI A NOI E CHIACCHIERATE SU QUESTO ROMANZO: VI PIACEREBBE LEGGERLO? PERCHE'? L'AVETE GIA' LETTO? COSA NE PENSATE? CONDIVIDETE IL GUDIZIO DI KEIKO E SAMANTHA? CONTINUAMO A "CHATTARE"...

14 commenti:

  1. Mi piacciono le note storiche in calce alle recensioni. Complimenti anche alle due blogger interessante discussione.

    RispondiElimina
  2. Il periodo storico è uno dei miei preferiti, quindi lo leggerò di sicuro. Samanthalarossa e Keiko mi hanno proprio convinta! :-)

    RispondiElimina
  3. Ragazze complimenti,la Kleypas la compro a scatola chiusa ma dopo aver letto la vostra recensione non vedo l'ora di leggerlo
    Mel

    RispondiElimina
  4. Kleypas mia!!!!!!!!!!!!!!!
    Bella recensione, molto approfondita ogni tanto mi stupite piacevolmente, vi devo fare i complimenti non tutti i blog e non tutte le blogger sono così esaustive.
    Non intervengo mai, ma questa volta volevo dirvelo

    Michi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E perchè non intervieni mai Michi? A noi piace moltissimo quando le nostre affezionate lettrici spendono qualche minuto per commentare i nostri post. Ci fa sentire maggiormente l'idea di 'comunità' e il bello di condividere.

      In ogni caso i tuoi complimenti ci fanno molto piacere!

      Aspettiamo altri interventi, eh?!
      Ciao
      Francy

      Elimina
  5. KeiKo e Samanthalarossa siete sempre forti in questi botta e risposta! bell'analisi !
    Scarlet

    RispondiElimina
  6. Sinceramente trovo il vostro scambio di opinioni più interessante del romanzo.

    Per la prima volta ho abbandonato uno storico della Kleypas, è indubbiamente scritto bene ed anche a me ha ricordato moltissimo "Via col vento", però non sono riuscita ad apprezzare la protagonista, forse è stato l'atteggiamento troppo realistico, che comprendo ma che non mi emoziona più di tanto.
    Anche Heath non è il solito maschio alfa, gli manca l'atteggiamento scaltro e passionale dei suoi colleghi.
    Sono comunque d'accordo con voi che la qualità è di sicuro migliore rispetto a quella sfilza di brutte copie delle 50 sfumature, che vengono presentate come fossero il romanzo del secolo. Mi chiedo quanta gente ci sia, ancora, che le acquisti.

    Grazie per le recensioni, sempre avvincenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhahahah! Silvia grazie a te per averci detto che ti abbiamo appassionato più della Kleypas in questo caso! E per averci fatto sapere cosa pensi del libro.

      Elimina
    2. infatti Keiko ha scritto:
      ... L'amore che viene è un romanzo che si discosta dal solito regency a cui la Kleypas ci ha abituate. L'ho trovata più realista, di solito le sue storie sono tutto un crescendo verso il lieto fine. Qui invece c'è una girandola di alti e bassi, i personaggi più che umani pieni di difetti. Lo stesso protagonista Heath è si un alpha, ma pieno di contraddizioni. In lui si dibattono due nature: solare, sfrontata e protettiva da un lato e oscura e inaccessibile dall'altro...

      Elimina
    3. non ho ancora capito se vale la pena o no... il dibattito suggerisce che pur non essendo perfetto è comunque una lettura piacevole tuttavia in questo momento sono presa da Sognando te sempre della Kleypas che per me è nuovo(pur non essendolo).
      Lo trovo meraviglioso per i miei gusti! Adoro Derek Craven che è l'antitesi dell'eroe tradisionale eppure così imperfetto riesce a farmi innamorare...Mi chiedo se questa coppia sia o no all'atezza di questo libro che mi piace molto..?
      Samantha

      Elimina
    4. Ehhh cara Samatha Derek Craven è uno degli eroi più famosi della Kleypas...mattiti in fila perchè le sue ammiratrici sono tantissime! ;o)

      Elimina
  7. Io non sono un'estimatrice della Kleypas in salsa storica. Meno che mai di Derek Craven (adesso mi linciate...)

    Ma questo libro mi è piaciuto molto.
    Primo: l'affresco storico è notevole, proprio un aspetto in cui la Kleypas non mi ha mai convinta.
    Secondo: la maturazione dei protagonisti è profonda, coerente, accurata. Credibili all'inizio, sono perfetti alla fine.
    Terzo: proprio l'aspetto della "girandola di alti e bassi" mi ha coinvolta tantissimo. Questi si son sposati senza conoscersi. L'abbiamo capito tutte che insieme sarebbero stati perfetti, ma è invitabile che ci sia un periodo di assestamento. E la volontà di Heath di non soffocare la scintilla vitale di Lucy fa si che di tanto in tanto lei esploda!!
    Brava l'autrice a tenere vivo l'interesse dei lettori tenendo in equilibrio incomprensioni e passione.

    Però... però...
    Damon avrebbe meritato di più: l'ho trovato il personaggio più interessante dopo i protagonisti. Un vicolo cieco che sarebbe stato da sviluppare, ma non mi risulta che la Kleypas l'abbia mai fatto.
    Altra cosa che poco mi ha convinta è che Heath non si è solo innamorato di lei quando l'ha salvata, ma proprio quando l'ha vista attraversare la strada in paese. Tanto da acquistare una casa lì. Ma che esagerazione!!!! Pensare che lei è bella, ma molto lontana dalle perfette bellezze del sud a cui è abituato... L'autrice dice che ha visto in lei una scintilla: ma cos'ha i raggi x??? poco credibile!!!

    E poi ultima considerazione: io non ho visto tutte 'ste somiglianze con Via col vento. Magari l'autrice all'inizio ci pensava, ma questo libro è l'esaltazione dell'imprenditoria americana, del progresso, dell'indipendenza dal passato...
    o ricordo male o sono proprio miope: in Via col vento io questi aspetti non li ho mai visti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me Damon avrebbe meritato un libro tutto suo. Un personaggio veramente intrigante!

      Elimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!