LA SAGA DELLA BICICLETTA BLU DI REGINE DEFORGES

Tra i libri di qualche anno fa che si possono trovare nei mercatini o presso i remainders può  essere interessante riprendere in mano una serie di romanzi, che fu un grande successo popolare in Francia negli anni Ottanta e che in Italia godette di un lancio in grande stile grazie a Rizzoli ma poi vide l'interesse sfumare: la serie della Bicicletta Blu (La Bicyclette Bleue) , scritta da Regine Deforges, rossa e trasgressiva donna di lettere d'oltralpe (fu editrice di inediti erotici e pornografici d'autore, beccandosi anche una condanna), porta nella storia del secolo breve con passione e interesse, creando una nuova figura d'eroina, figlia e nipote di Rossella O'Hara e di Angelica, ma molto diversa, soprattutto attenta ai fermenti e alle lotte che hanno caratterizzato il Novecento.
Tutto inizia dal primo libro della serie, La Bicicletta Blu, dove facciamo la conoscenza di Lea Delmas, bella e viziata figlia del proprietario di vigneti di Montillac, nel
centro della Francia, innamorata di Laurent, che però preferisce sposarsi con Camille, alla vigilia dello scoppio della seconda guerra mondiale. Lea si avvicina a Camille, incinta mentre Laurent si trova al fronte e si trasferisce da lei a Parigi, dove reincontra lo spregiudicato ed ambiguo François Tavernier, che diventa poi il suo amante.
Regine Deforges
L'intreccio è  all'inizio molto simile a quello di Via col vento, tanto da fruttare all'autrice una causa per plagio dagli eredi di Margareth Mitchell, causa poi vinta dalla Deforges, perché obiettivamente certe situazioni è abbastanza normale che si ripetano (quanti amori non contraccambiati, quante passioni per consolazione, quanti triangoli ci sono nella letteratura) e perché la storia si evolve in maniera ben diversa, già dal secondo libro della serie, Avenue Henri Martin 101 e poi nel terzo, Le vigne di Montillac, tutti e tre pubblicati da Rizzoli in italiano con delle belle copertine realizzate per l'occasione da Milo Manara.
Lea si unisce alla Resistenza, mentre le vicende dei personaggi intorno a lei vengono sconvolte dall'occupazione nazista: in particolare, diventa molto amica di Sarah Mulstein, giovane intellettuale ebrea, che verrà poi deportata e ritrovata da lei in fin di vita in un lager, da cui uscirà definitivamente segnata.
Finita la guerra, Lea sposa François, che si è rivelato essere uno dei capi della Resistenza e con lui comincia una caccia ai criminali nazisti. In Nero come un tango, quarto libro della serie, uscito dopo quasi dieci anni per la Tea, Lea si trova nell'Argentina peronista che dà asilo ai nazisti, cercando di salvare l'amica Sarah dai suoi demoni e incontrando un ragazzo di nome Ernesto Guevara, mentre nel libro successivo, Sulla via della seta, Lea si trova con François nell'Indocina francese alla vigilia del lungo processo che la porterà all'indipendenza.
In italiano al momento non  è uscito altro, ma Regine Deforges ha continuato la sua saga, come una sorta di Angelica del XX secolo, con altri titoli, come La Dernière colline, sempre ambientato in Indocina, Cuba libre, dove invece Lea e François vanno nella Cuba della rivoluzione castrista, Alger ville blanche e Les Généraux du crépuscole dove l'avventura è sullo sfondo della guerra di Algeria e per finire Et quand vient la fin du voyage, dove Lea torna in Francia, alla vigilia del Sessantotto, sempre intenzionata ad assicurare alla giustizia i collaborazionisti del regime di Pétain e i nazisti.
I libri sono tutti disponibili in francese, in edizione tascabile, mentre per le edizioni italiane bisogna affidarsi all'usato, in attesa che qualcuno si decida di ripubblicare una serie che non ha niente da invidiare ad altre storie del secolo breve, dal Cavaliere d'inverno di Pauline Simmons in poi. L'autrice ha anche il coraggio di provare a fare i conti con tante pagine oscure del passato francese, dal collaborazionismo durante la seconda guerra mondiale all'ambiguità in Algeria e Indocina, raccontando una saga che appassiona chi ama amore, intrigo, avventura, erotismo, ma che è anche un ritratto d'epoca.
Dopo un grande interesse manifestato dal regista francese Claude Pinoteau negli anni Ottanta a fare un film dalla saga in stile kolossal, e si fecero i nomi di Harrison Ford, Nastassja Kinski, Sophie Marceau e altri, La Bicicletta blu fu trasposto in miniserie nel 2000 con Laetitia Casta nel ruolo di Lea. Uno sceneggiato interessante ma che non ha lasciato segno, purtroppo.


Elena Romanelli


GUARDA COME INIZIAVA LO SCENEGGIATO....

CONOSCETE QUESTA SAGA DI REGINE DEFORGES? COSA NE PENSATE ? VI PIACEREBBE FOSSE RISTAMPATA IN ITALIANO?

10 commenti:

  1. Rammento lo sceneggiato, non un capolavoro, ma gradevole e...molto francese! Se non ricordo male, anche il protagonista maschile era decisamente interessante...
    Mi piacerebbe leggere i romanzi, anche se le saghe troppo lunghe e articolate mi lasciano di solito scettica; ad attirarmi e l'ambientazione '900 e differente rispetto a molti altri romanzi...e poi mi pare di aver letto da qualche parte che l'autrice è nata il 16 settembre...come me ^^
    Patrizia

    RispondiElimina
  2. Io avevo cominciato a leggere il primo volume, parecchi anni fa, ma l'avevo piantato in asso proprio per la somiglianza con "Via col vento". La trama era praticamente la stessa, eccetto le scene di sesso che abbondavano solo nel romanzo della Deforges. Non so se avrei voglia di riprenderlo in mano, anche se il periodo storico trattato è interessante.

    RispondiElimina
  3. Mi sembra di aver visto qualcosa dello sceneggiato con la Casta, ma purtroppo mi è rimasta impressa lei per la sua incapacità di recitare e non mi ricordo questo Francois... forse si trova qc su youtube? ci darò un'occhiata. Se dite che nei romanzi l'autrice descrive dettagliatamente le scene d'amore forse è il mio genere. Ciao Maristella

    RispondiElimina
  4. CIAO MARISTELLA! Su YOUTUBE se ha i voglia di vederne un altro po'trovi lo sceneggiato in francese : ce ne sono diverse parti . In Italia è stato trasmesso da RAI2 ma su Youtube non ho trovato nessuna clip.

    Francy

    RispondiElimina
  5. Ciao! Georges Horraface e' di origine Greca ed e' molto amato in Grecia ... a me lo sceneggiato e' piacciuto tantissimo ma non sono riuscita a trovarlo in Italiano ... il libro l' ho letto in Greco, i primi tre volumi, e mi piaccerebbe leggere anche i seguenti, magari in Italiano!

    RispondiElimina
  6. Ho letto i primi due libri mi manca il terzo ma non so come e dove reperirlo. Mi piacerebbe averlo! Dove abito non esistono mercatini dell'usato per quanto riguarda i libri di cui sono letteralmente "divoratrice". Qualche consiglio o suggerimento? Grazie

    RispondiElimina
  7. Ho letto i primi due libri mi manca il terzo ma non so come e dove reperirlo. Mi piacerebbe averlo! Dove abito non esistono mercatini dell'usato per quanto riguarda i libri di cui sono letteralmente "divoratrice". Qualche consiglio o suggerimento? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Giusy mi sembra che tu lo possa trovare solo nell'usato, io ho trovato questo su Amazon ( seconda mano) a un prezzo non basso, ma lo stesso qualcuno sempre su Amazon lo vende anche al doppio! Prova a dare un'occhiata: https://www.amazon.it/vigne-di-Montillac-R%C3%A9gine-Deforges/dp/8817673250/ref=sr_1_36?ie=UTF8&qid=1481040550&sr=8-36&keywords=regine+deforge

      Ciao

      Elimina
  8. ma magari li trovassi, sono anni che li cerco!

    RispondiElimina
  9. Avevo 22 anni e dato che adoro Laetitia Casta l'ho visto nell'estate del 2000

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!