CHRISTMAS IN LOVE 2010 ... altri due racconti da leggere e commentare!

Oggi i racconti che vi proproniamo sono due, uno dolce e un po' malinconico e un'altro decisamente sensuale, per chi ama il romance rosso...fuoco!
Continuate a leggere e commentare questi racconti,le vostre osservazioni saranno preziose anche per le autrici e vi faranno partecipare al nostro gioco di Natale! (Se ancora non sapete le modalità per partecipare alla nostra gara di racconti leggete qui.) BUONA LETTURA!
ECCO IL SECONDO RACCONTO...



Per chi vive lontano dai propri cari, Natale vuol dire tornare a casa. Per chi vive molto lontano e non ha grandi mezzi per viaggiare, Natale vuol dire fare un viaggio lungo e faticoso.
Lucia ha riempito la sua valigia più del solito, ad aumentare il volume ci sono i regali per i suoi parenti, ma soprattutto i giochi per i suoi amati nipotini. Non è stato facile ritagliare un po’ di tempo per comprare i regali per tutti, l’ultimo acquisto è di poche ore fa, giusto in tempo per completare il suo bagaglio. Adesso è ora di partire.
Freneticamente controlla tutta casa, non può permettersi di dimenticare nulla, soprattutto il gas acceso o un rubinetto aperto. Prima di chiudere definitivamente la porta a chiave, ripensa a tutti i suoi movimenti di quella mattina. Ha preso tutto, può andare.
Per la discesa è d’aiuto l’ascensore, ma gli ultimi gradini che la portano fuori dal portone sono da fare a piedi, così come il percorso fino alla fermata dell’autobus. Ed è sempre durante quel percorso che Lucia si rimprovera di aver riempito troppo la valigia. Se solo la strada fosse più liscia, se il marciapiede non la costringesse a salire e scendere una decina di volte… Si fa forza, c’è di peggio. Tra un po’ salirà sull’autobus, poi prenderà il treno e sarà di nuovo in famiglia.
In stazione c’è una strana atmosfera, mai vista tanta calca. I treni sono in ritardo come al solito. Lucia si siede sulla sua valigia e aspetta. Se i treni sono bloccati dalla neve, non sarà un problema che riusciranno a risolvere tanto in fretta. Sta ricominciando a nevicare. Sarebbe uno spettacolo bellissimo se potesse osservarlo dalla finestra di casa, ma seduta sulla valigia, al freddo, più aumentano i fiocchi di neve, più inizia a disperare di non poter tornare a casa in tempo per la Vigilia.
Lucia fissa il cielo, “Ti prego, ti prego! Non voglio passare il Natale da sola!”. Niente, la sua preghiera sembra essere caduta nel vuoto. Nevica più di prima.
Una valigia appare improvvisamente accanto a lei. È una valigia delle stesse dimensioni della sua, differisce solo per il colore, un elegante nero contro un verde scuro. Con tutti i posti possibili, proprio lì, a pochi centimetri da Lucia. Chi aveva poggiato la valigia non l’aveva nemmeno notata, concentrato com’era verso i monitor con gli orari dei treni. Poi sentendosi osservato, da chi prima di lui aveva fatto suo quello spazietto…
«Piacere, Luca»
«Piacere, Lucia» risponde lei colta di sorpresa.
«Così ci tocca attendere?! Possibile che ogni Natale sia la stessa storia?!»
«Già» replica Lucia, ma improvvisamente non le dispiace più tanto dover stare ad aspettare.
«Lucia, ma senti freddo?»
«No…ora passa…», blatera qualche parola imbarazzata da tanta confidenza.
«Aspetta…»
«Non ti scomodare…Luca». Le sembra strano aver pronunciato il suo nome. Si conoscono da due secondi e già lui è così gentile, e il loro rapporto così informale.
Luca tira fuori dalla sua valigia una sciarpona lunghissima dai colori pacchiani.
«Ma cos’è?»
«Mia nonna mi crede un gigante! Ha fatto una sciarpa di due metri! Se non la metto si offende, per questo la tengo a portata di mano. Appena arrivo a casa…»
«La indossi per farle piacere. Ma allora non posso…»
«Mettila! Stai gelando! Poi tu sei così bella che ti sta bene qualsiasi cosa…Anche questa sciarpa!»
I due ridono di gusto, complici in questa strana situazione. Il freddo è sparito. Il tempo non ha più importanza. Il blocco dei treni è diventato una benedizione.
Una voce gracchiante annuncia che il treno è in arrivo. Lucia non sa come dire a Luca che quello è il suo treno, deve andare.
«Luca, questo è…»
«È anche il mio treno!». Questa affermazione rincuora Lucia. «Io sono nella carrozza 9, posto 12».
Lucia prende il suo biglietto, non riesce a nascondere un luminoso sorriso: «Io carrozza 9, posto 11!».
Adesso anche Luca sorride rilassato. Non l’ha persa. «Allora, andiamo! Abbiamo un lungo viaggio da fare insieme».
LADY PONSETIA (*)


(*) Questo è uno pseudonimo, il vero nome dell'autrice che verrà svelato a fine concorso.


...E IL TERZO RACCONTO...




Gli occhi le lacrimavano e le sue narici erano violentate dall’odore acre e disgustoso della plastica bruciata.
“Non posso credere che sia successo” urlava Melissa incapace di muoversi davanti al suo albero di Natale che bruciava.
“Credici ed esci di qui prima che il fumo ti intossichi!” le rispose indaffarato Gary, il suo amico e vicino di casa che, con un estintore in mano, cercava di domare le fiamme scaturite dall’abete di plastica.
“Mi spieghi come hai fatto a incendiare tutto?”
“Non ne ho idea," rispose la ragazza il cui bellissimo incarnato era offuscato dalla fuliggine " ero certa di saper collegare i fili elettrici delle lucine colorate e invece, quando ho inserito la spina…bum!!Un botto improvviso e poi fumo e fiamme”.
“La verità è che non hai nessuna idea di cosa voglia dire corrente, circuito e tensione” la derise il giovane tra un colpo di tosse e l’altro.
“Vorrei tanto negare, ma credo proprio che i fatti ti diano ragione” concluse Melissa sedendosi mestamente sul pianerottolo condominiale in attesa dei vigili del fuoco.
“Beh, almeno il peggio è passato – le parole di Gary risuonarono come uno squillo di tromba – l’incendio è domato. Sono l’eroe del giorno!”
“E’ vero. Sei stato molto coraggioso e hai salvato il mio appartamento.” “Sapevo che non avevi ancora finito di pagare il mutuo e poi, quando poco fa ti ho sentita urlare, ho pensato che se ti avessi abbandonata al tuo destino avrei rischiato di non trovare facilmente un’altra vicina di casa bella come te.”
Questa volta Melissa non riuscì a sostenere lo sguardo malizioso dell’amico. La notte che avevano trascorso insieme il mese precedente era ancora vivida nella memoria di entrambi. Era stata incredibile. La mattina dopo però Gary si era defilato senza troppe spiegazioni e da allora il loro rapporto era planato su una rassicurante amicizia. Melissa ci era rimasta male, anche perché quel giovane dottore così affascinante e misterioso le piaceva molto. La loro, comunque, era sempre stata una frequentazione assidua dal momento in cui due anni prima, laureati da poco in due delle più prestigiose università del paese, si erano trasferiti entrambi a Boston per iniziare le loro rispettive carriere. Si erano conosciuti così, acquistando due appartamenti attigui in un elegante condominio del centro.
Le sirene spiegate dei pompieri riempirono la strada antistante e interruppero quello scambio di battute. Tre uomini, equipaggiati a dovere, scesero dal camion e si precipitarono su per le scale fino a raggiungere il primo piano. “Non vedo fiamme in giro – gridò il primo della fila – signorina ci ha chiamati lei?” aggiunse rivolgendosi a Melissa.
“Sì, sono stata io, ma credo che ora la situazione sia sotto controllo” rispose la ragazza.
“Questo lo lasci decidere a me – replicò sbrigativo il capo di quella piccola squadra per poi disporre risoluto – ragazzi date un’occhiata in giro per essere sicuri che sia tutto in ordine.” L’uomo che aveva davanti era decisamente più alto della media e i suoi occhi, che pure aveva intravisto solo per un istante sotto l’elmo di sicurezza, erano di un nero profondo e vellutato. “Gli occhi di una tigre” pensò lei mentre lo seguiva con lo sguardo aggirarsi risoluto nel suo appartamento.
“Credo si sia trattato di un corto circuito” spiegò il capitano Sean Bristinday al termine dell’ispezione, dopo aver congedato i suoi uomini. “In futuro dovrà stare più attenta alla corrente elettrica” concluse osservandola da capo a piedi. Il salone dell’appartamento di Melissa era piuttosto malridotto. Il fumo aveva sporcato le pareti che ora avrebbero richiesto una vigorosa rinfrescata.
“Se non ci fosse stato il suo amico, adesso sarebbe senza casa. Questo genere di incendi, se non viene domato in fretta, può facilmente distruggere tutto” aggiunse con tono deciso il capitano guardandola, finalmente, con attenzione. All’aitante vigile del fuoco non sfuggì la dolcezza dei grandi occhi color oltremare con sottili striature gialle della donna che, seppure sporca e spaventata dalla brutta avventura, emanava il fascino ammaliante di una femminilità spontanea e raffinata. Neanche i jeans e la semplice maglietta che indossava, ormai anneriti e sgualciti, riuscivano a mortificare il suo fisico flessuoso e slanciato. Gary, intanto, immobile e glaciale, osservava la scena discosto di qualche passo. Era impossibile non notare l’atteggiamento ammirato del pompiere. Ma perché la cosa gli dava tanto fastidio? Diciotto mesi prima era stato ferito profondamente dal tradimento di una collega d’ospedale della quale credeva di essersi innamorato. Da allora si era ripromesso di evitare coinvolgimenti sentimentali impegnativi. Infatti, dopo la notte di passione sconvolgente trascorsa con Melissa, si era affrettato a riposizionare il loro rapporto su un piano puramente goliardico mostrandosi impermeabile a qualsiasi approfondimento ulteriore.
“Non riesco a immaginare una bella donna come lei tutta sola mentre rimette a posto questo disastro.” Il timbro suadente del capitano squarciò i pensieri di Gary come una lama affilata. Non aveva mai pensato che qualcun altro avrebbe potuto prendere, nel cuore di Melissa, il posto che lui si era rifiutato di occupare.
“Non sarà sola, amico! Ci sarò io ad aiutarla” si sorprese a sottolineare alla volta dell’uomo che, con il casco d’ordinanza sotto un braccio e i capelli corvini scarmigliati, aveva l’aspetto di un dio greco. “Stavo per offrirmi di fare la stessa cosa” lo apostrofò il vigile del fuoco guardando intensamente Melissa. “Lei è molto gentile capitano, ma credo che me la caverò senza l’aiuto di nessuno”. La sussurrata tensione che la ragazza aveva istintivamente avvertito tra i due uomini, la stupiva. Gary geloso? Impossibile!
“Comunque le lascio il mio numero di telefono, nel caso cambiasse idea” tagliò corto il pompiere mentre deponeva il proprio biglietto da visita nelle mani della donna. “Mi chiami quando vuole” concluse scoccandole un’occhiata che non dava adito a dubbi su ciò che pensasse.
“Ti va l’idea di una doccia? Offro io!” propose Gary con un sorriso guardando il suo rivale uscire dal portone dello stabile.
“Eccome! Vado a prendere qualcosa di pulito da indossare e ti raggiungo nel tuo appartamento” rispose la donna. Il giovane dottore dai capelli neri e dagli occhi smeraldo non riusciva ancora a scrollarsi di dosso la sensazione di fastidio che aveva provato poco prima a causa l’atteggiamento del vigile del fuoco. Estratte le chiavi, aprì la porta della sua casa e l’attraversò sfilandosi la felpa impregnata di fumo. Velocemente si liberò anche dei pantaloni e della maglietta, piuttosto sporchi e malridotti. Raggiunse il bagno e si infilò sotto la doccia. L’acqua tiepida sembrò improvvisamente snebbiargli pensieri e sentimenti. “Sono stato uno stupido” pensò ad alta voce. Nello spazio di pochi istanti la sua mente fu ripercorsa da tutte le intense chiacchierate condivise con Melissa in quei mesi, da tutti i brodi di pollo che lei gli aveva preparato quando aveva l’influenza, da tutte le partite a carte disputate durante le piovose domeniche pomeriggio d’autunno, da tutte le cameratesche cenette condivise alla fine di estenuanti giornate di lavoro. Come aveva fatto a non capire di essersi innamorato di lei? C’erano voluti gli occhi da triglia di un cascamorto qualsiasi per squarciare quel velo? Chiuse il rubinetto e si avvolse nell’accappatoio. Giusto in tempo. Melissa, avvilita per i danni riscontrati nel suo appartamento e ancora piuttosto spaventata, era appena arrivata con asciugamani e abiti puliti sul braccio, anelando una doccia ristoratrice.
La sua voce era flebile e stanca quando gli chiese “Ti va di ordinare una pizza mentre mi lavo?”
“Nessun problema. Lo faccio subito e preparo anche due cioccolate calde. Ne abbiamo bisogno entrambi” rispose lui. Lo sciabordio dell’acqua, però, ipnotizzò Gary che, mentre versava il cacao nelle tazze, ascoltava rapito lo scroscio caldo che immaginava accarezzare il corpo della sua vicina di casa. D’improvviso capì che la voleva. Ma non solo per quella notte. Voleva che parlasse con lui, che mangiasse con lui, che facesse l’amore con lui, tutte le notti. Senza pensarci entrò in bagno e aprì la cabina della doccia. Melissa tutta insaponata, restò immobile per lo stupore. “Sei incantevole” le disse con voce roca lasciando cadere l’accappatoio e serrandola tra le braccia, “Gary, no. Non ce la farei a sopportare un altro abbandono. Soprattutto in questo momento” gli disse mentre lacrime di frustrazione le rigavano il volto confondendosi con le gocce d’acqua. “Ma io non nessuna intenzione di abbandonarti, amore mio. Non più” sussurrò facendole sentire la sua vibrante eccitazione. Lei non smise di piangere. Senza parlare, si perse sulle sue labbra. Il bacio che seguì divampò più incandescente delle fiamme che poco prima avevano domato insieme. Ma questo incendio non sarebbe stato altrettanto facile da spegnere. Le mani di lui la percorsero tutta, come un brivido. Le spalle, la schiena e giù fino ai glutei risalendo poi, per serrarle i seni e per titillarle i capezzoli. Le paure di Melissa si sciolsero con l’acqua che continuava, dolcemente, a bagnarli. Fu lei ad appoggiarsi alla parete della doccia e ad inarcare il bacino verso quello di lui che accettò l’invito con entusiasmo. Nell’attimo in cui Gary la penetrò con decisione, un turbine di sensazioni invase la mente della donna che si lasciò trascinare su vette di piacere mai provate prima avvinghiandosi al possente corpo di lui per approfondire l’amplesso. Il grido femmineo, soffocato di estasi, si confuse con il ruggito che proruppe dalle labbra dell’uomo mentre spandeva in lei la sua virilità. Rimasero allacciati e paghi per un interminabile, meraviglioso istante durante il quale l’acqua della doccia continuava a percorrere i loro corpi esausti.
“Che succederà adesso?” Fu Melissa la prima a riprendere il controllo e a pronunciare quelle parole. Senza smettere di fissarlo, si slacciò dall’abbraccio, chiuse il rubinetto e si avvolse in un telo di spugna rosa antico, morbido e profumato. Anche l’uomo uscì dalla doccia, raccolse l’accappatoio e lo indossò. “Succederà – rispose Gary allegro e deciso – che tu verrai a vivere qui con me e che nessun pompiere potrà mai più permettersi di farti la corte.”
ANNABELLE VIXEN (*)

(*) Questo è uno pseudonimo, il vero nome dell'autrice verrà svelato a fine concorso.

Vi sono piaciuti questi racconti? Cosa ne pensate?Adesso tocca a voi! Non dimenticatevi di lasciare un vostro commento così potrete partecipare all'estrazione dei nostri premi di Natale.
Appuntamento a lunedì 20/12 per i prossimi racconti di Christmas in Love!

13 commenti:

  1. Sono entrambi belli, ma forse preferisco il secondo. Complimenti alle autrici!

    RispondiElimina
  2. Il secondo credo che sia quello che preferisco tra tutti e tre quelli pubblicati finora.

    Brave tutte però.

    RispondiElimina
  3. anch'io preferisco il secondo sarà perchè adoro i particolari e non è troppo breve

    RispondiElimina
  4. Entrambi carini e romantici al punto giusto!Anche a me ha convinto di più il secondo racconto ma solo perchè la storia è stata approfondita meglio! Complimenti ad entrambe!

    RispondiElimina
  5. Belli questi racconti di Natale ma come le amiche che mi hanno preceduto ho preferito il secondo perchè il primo troppo breve.Un saluto a tutte da Niki.

    RispondiElimina
  6. Cimplimenti ad entrambe le autrici....ma il secondo mi ha convinto di piu..la storia è piu delineata e seppur sia un racconto breve i caratteri dei personaggi si avvertono molto..Bello!!
    Juliet

    RispondiElimina
  7. Sono tutti e due carini,ma preferisco il secondo.

    RispondiElimina
  8. Il primo racconto è carino, peccato che il racconto si interrompa proprio all'inizio della storia d'amore lasciandomi insoddisfatta.
    Il secondo mi è piaciuto molto. La storia è interessante e ben raccontata e mi piace la caratterizzazione dei protagonisti.

    Emy

    RispondiElimina
  9. Personalmente non trovo che la brevità di un racconto possa andare a suo discapito, anzi, siamo state noi a chiedere alle nostre autrici di scrivere racconti brevi e anche brevissimi.

    Però posso capire se una lettrice che ama il romance si dispiace se di una storia d'amore legge solo l'inizio e nulla più, ma...il resto è lasciato all'immaginazione e sappiamo che la nostra sa viaggiare molto bene quando vuole.

    Io guardo soprattutto a quanto una storia riesce a coinvolgermi, non importa la lunghezza,e a volte posso apprezzare più il racconto di uno scambio di sguardi tra la folla che dodici pagine di noiose parole senza sugo...tutto è relativo.

    Comunque la pensiate, grazie per i vostri commenti, li apprezziamo moltissimo!
    Francy

    RispondiElimina
  10. Mi è piaciuto molto il primo. C'è vita vissuta unita a fantasia e una dolcezza infinita.

    RispondiElimina
  11. ladymacbeth18/12/10, 22:41

    Io canto fuori dal coro! Preferisco il primo per un paio di ragioni: prima di tutto si svolge in Italia (è evidente, i treni sono in ritardo!), sinceramente non vado pazza x le storie raccontate da autrici nostrane, ma ambientate in un contesto a noi completamente estraneo; in secondo luogo ho trovato molto originale la scelta dell'autrice di volerci raccontare la premessa di un amore, ognuna è libera di immaginare come saranno andate le cose su quel treno! Cmq mi complimento con entrambe le autrici x il coraggio nel mettersi in gioco e l'impegno profuso.
    Saluti e tutte e grazie.

    RispondiElimina
  12. Ragazze, vi ringrazio davvero per i vostri commenti perchè sono circostanziati ed interessanti non solo lasciati così per fare. BRAVISSIME! Solo consiglio a chi lo fa di firmarsi!!! Così può partecipare al nostro gioco di Natale che estrarrà libri in omaggio a chi lascia i commenti a Christmas in Love e sono libri che vedrete vi paiceranno...perciò FIRMATE I COMMENTI,PLEASE!!!
    Francy

    RispondiElimina
  13. Entrambi i racconti sono molto belli, il primo più delicato, il secondo più "appassionato".
    Devo dire che ho preferito di più il secondo per la maggiore caratterizzazione dei personaggi e perchè mi ha coinvolto di più!!
    Fairy S

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!