'LA VITA CHE HO SOGNATO' DI MARIANGELA CAMOCARDI - PROLOGO

Lo sciabordio dolce e monotono delle onde sulla riva sas- 
sosa faceva da sottofondo, accompagnando i baci dei corpi 
giovani e abbronzati, caldi di sole e passione. Adorava essere 
baciata da lui, le piaceva sentire la sua pelle asciutta e com- 
patta, i muscoli che le guizzavano sotto le dita. La sua bocca 
le faceva nascere la voglia di spingersi oltre, di lasciarsi an- 
dare a sensazioni meravigliose. 
Era un peccato? No, qualcosa di così bello non poteva es- 
serlo e sarebbe bastato arrendersi al desiderio per averne la 
certezza. Una richiesta esplicita e eccitante come le carezze 
audaci che gli permetteva di farle e che, azzerando la ragione, 
le facevano dimenticare che era una brava ragazza e che 
avrebbe dovuto respingerlo… 
Perché si era sempre fermata a un passo dalla felicità?, si 
chiese tornando bruscamente al presente. Quale assurdo co- 
dice d’onore le aveva fatto sempre anteporre i suoi doveri di 
figlia obbediente e ansiosa dell’approvazione dei genitori al 
piacere di essere amata da qualcuno che amava con altrettanto 
slancio? Perché annullarsi per gli altri era ormai così naturale 
da non considerare quanto le sarebbe costata la rinuncia. 
Avrebbe voluto essere egoista, pensò, fissando la sottile lama 
di luce che penetrava dalle persiane accostate e disegnava una 
linea diritta sul pavimento. 
Ora il silenzio della camera era rotto dal lieve ronfare del- 
l’uomo che, allungato sul lato sinistro del letto, continuava a 
dormire profondamente. Sopra la testiera, appesa alla parete 
dall’intonaco azzurro, la riproduzione di una Madonna di Raf- 
faello creava un non so che di profano, piuttosto che dare un 
senso di misticità. Benché avesse gli occhi gonfi e offuscati 
dalle lacrime versate durante la notte, fissò il ritratto della Ver- 
gine a labbra serrate, quasi implorando un’inespressa grazia. 
Era sempre stata così restia a esigere qualcosa per se stessa da 
dubitare comunque di essere esaudita. 
Con un sospiro si allontanò dalla finestra e sedette sulla 
seggiolina della toeletta. I lineamenti che vide riflessi nello 
specchio le parvero quelli di un’estranea. Il viso era spettrale 
e l’espressione di tristezza, più che da sposina in luna di miele, 
sembrava appartenere a qualcuno in procinto di recarsi a un 
funerale. Dio, e non era così?, si disse con lucida rassegna- 
zione. Non erano forse stati uccisi tutti i suoi sogni, quella 
notte? 
Tenne a bada il dolore con uno sforzo di volontà e respirò 
profondamente per impedirsi di ricominciare a piangere, men- 
tre lo sguardo indugiava sul corpo allungato tra le lenzuola. 
Anche se il rilassato abbandono del sonno ne ammorbidiva le 
spigolosità, la figura prona denotava un fascino virile che qual- 
siasi donna avrebbe apprezzato. La schiena liscia si assotti- 
gliava nei fianchi stretti e le gambe forti rivelavano un quoti- 
diano esercizio fisico. Ci teneva molto a essere in forma, quel 
suo marito dal sorriso scanzonato che le amiche le invidiavano 
apertamente. Leo, del resto, riservava più tempo allo sport e 
alle esigenze personali che agli affetti. Le attenzioni di cui era 
capace le rivolgeva essenzialmente a se stesso, più che a chi 
era parte della sua vita. Fania distolse lo sguardo da lui e nella 
mente balenarono frammenti della cerimonia di nozze, avve- 
nuta il giorno prima. 
Il casto abito bianco era di seta, con intarsi di pizzo rica- 
vati dalla veste da sposa della bisnonna. La sarta che cuciva 
per loro era brava e aveva scelto un modello che slanciava la 
sua figura sottile, ma con un seno decisamente mediterraneo. 
Sui capelli, un semplice velo di vaporoso tulle fermato da una 
coroncina di fiori. Quando lo aveva indossato persino la sua 
ipercritica madre le aveva elargito un sobrio cenno del capo. 
Donna dal carattere e dalla severità d’altri tempi, raramente 
Armida lasciava trapelare i suoi stati d’animo. Le emozioni 
non si mettevano in piazza, ripeteva. Erano indice di man- 
canza di pudore e di frivolezza morale. E tuttavia, vedere la 
propria figlia con l’abito da sposa per un istante aveva scal- 
fito la sua inalterabile compostezza esteriore. Armida offriva 
agli altri un’immagine standard di se stessa, come lo sfondo 
del teatrino parrocchiale del loro quartiere, sempre uguale, 
quale che fosse la rappresentazione. Infatti il fugace spiraglio 
di umanità lasciato trapelare era svanito in fretta: la cerimo- 
nia incombeva e cedere all’emotività era poco opportuno. 
Nella piccola chiesa addobbata di fragranti rose bianche, il 
brusio degli invitati, quando la sposa era apparsa sul portale 
al braccio del padre, aveva turbato Fania anche di più. Nella 
sua voce, incontrollabile, era affiorato un tremito durante lo 
scambio dei voti nuziali, che don Giuseppe, l’officiante, con 
tutta probabilità aveva avvertito. La voce di Leo era invece 
riecheggiata calma e sicura. Lui era d’altronde sempre così pa- 
drone di sé da indurla a pensare, per il poco che lo cono- 
sceva, che esercitare un ferreo controllo sulle proprie reazioni 
non gli costasse la minima fatica. Era disinvolto in qualunque 
situazione, e quando erano andati dai parenti con gli inviti e 
le bomboniere, le sue giovani cugine se lo erano mangiate con 
gli occhi quel bel fidanzato dal volto marcato e dai mossi ca- 
pelli bruni. Avrebbero voluto essere al suo posto, Fania ne era 
consapevole. 
Allo sposalizio era seguito un pranzo in un locale di poche 
pretese e quasi tutte le donne presenti avevano civettato sfac- 
ciatamente con Leo, affatto scoraggiate dall’aria appena infa- 
stidita del novello sposo. Si erano poi disputate il bouquet che 
lei aveva lanciato alle spalle, pronta a congedarsi da familiari 
e ospiti. Dentro, mascherata da un sorriso forzato, cresceva 
l’ansia di ritrovarsi sola con un marito con cui non c’era nep- 
pure confidenza, conscia di dover dare inizio a una vita co- 
niugale e di profonda intimità con quello che, dopotutto, era 
un cortese estraneo. 
Che stupida era stata ad angustiarsi a quel modo… 
Fania chinò il capo e riprese a piangere sommessamente. 
Chi l’aveva detto che l’inferno era il castigo riservato dopo 
la morte a chi era stato malvagio nel corso dell’esistenza? 
E lei che male aveva fatto per meritare tutto questo? 

MARIANGELA CAMOCARDI - LA VITA CHE HO SOGNATO - Mondolibri 
*USCITA 2 MAGGIO 2011*

Nessun commento:

Posta un commento

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!