Summer in Love: " COPACABANA" di Aina Sensi


DOPO FERRAGOSTO, NUOVO APPUNTAMENTO CON SUMMER IN LOVE 2106. 
OGGI AINA SENSI, CON IL SUO COPACABANA, CI REGALA UN RACCONTO BREVE MA DECISAMENTE HOT E SENSUALE QUANTO LO E' LA TERRA CHE HA SCELTO COME SFONDO PER LA SUA STORIA....ATTENTE A NON SCOTTARVI!...BUONA LETTURA!

Attenzione: La lettura di questo racconto è riservata ad un pubblico adulto.

Non sono sempre stata così. Amavo la vita e gli uomini e avevo sogni. Fino a quell’estate in cui conobbi lui. Nessun nome, solo un luogo: Copacabana. Parlare non è mai stato essenziale durante i nostri incontri.
Era una vacanza solitaria, di quelle che si fanno per scoprire se si è in grado di staccarsi dal resto del mondo senza avvertire solitudine. Quel giorno le onde hanno spinto il suo windsurf sulla battigia di fronte al mio asciugamano e se n’è uscito dall’acqua guardandomi come un lupo punta un capretto. Non ero mai stata una ragazza molto gettonata, ed è per questo che la sua freccia mi trafisse come un panetto di burro. “Muscoli scolpiti da ore e ore di palestra”: l'avevo letto tante volte nei libri. Finalmente riuscivo a dargli una forma e un volto.Continuò a ronzare attorno a quella parte della spiaggia tutta la mattina. Non ci perdemmo mai d’occhio, pur fingendo di ignorarci. Se ne stava coi suoi amici alle prese con racchette e palline, e mi diede il tempo di prendere confidenza con ogni avvallamento della sua pelle. Presi a fantasticare sulla potenza che quei muscoli avrebbero potuto sprigionare, sulle forme che avrebbero potuto assumere. Il sole doveva aver baciato a lungo quella pelle nocciola, e più restavamo a portata di sguardo più avrei voluto fare la stessa cosa. Non mi ero mai concessa tanti pensieri proibiti tutti insieme, prima di allora.Tornò nel pomeriggio e andò dritto al sodo. Mi strizzò l’occhio e fece un cenno con la testa. Io gli sorrisi e mi strinsi nelle spalle, e allora lui mi gettò la chiave della camera, poi si incamminò. Tentennai, chiedendomi che razza di donna volessi essere. O non essere. Più che prendere una decisione, mi ci abbandonai. Lasciai che quel brivido mi solleticasse, accantonai un moralismo che là, a Copacabana, stonava come gli orsi polari.Lo seguii oltre dalla spiaggia, lungo il vialetto che portava al suo bungalow. Entrai dopo di lui, e come richiusi la porta mi trovai il suo corpo addosso, le mani poggiate al muro ai lati della testa. Braccata. Non avrei più potuto cambiare idea neppure volendo.


PER CONTINUARE A LEGGERE QUESTO RACCONTO
TI ASPETTIAMO GIOVEDI' 18 AGOSTO PER UN NUOVO RACCONTO ROMANTICO DI SUMMER IN LOVE 2016...NON MANCARE!
Ricordati di commentare i racconti!

Nessun commento:

Posta un commento

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!