LA SEDUZIONE DI UN HIGHLANDER di Maya Banks (Mondadori)

Autrice: Maya Banks
Titolo originale: Seduction of a Highland Lass
Traduttrice: Giuliano Claudio Acunzoli
Genere: Storico
Ambientazione: Scozia, 1134
Pubblicazione originale: Ballantine, 2011, pp.323
Pubblicazione italiana: Mondadori, I romanzi Extra Passion, nr 87, marzo 2018, pp . 336
Livello sensualità: ALTO
Parte di una serie: 2° trilogia fratelli McCabe
Disponibile in ebook a € 3,99

TRAMA: Sempre fedele al fratello maggiore e al suo clan, Alaric McCabe accetta di sposare, per il bene della sua gente, Rionna McDonald, figlia di un loro prezioso alleato. Durante il viaggio per raggiungere la promessa sposa, Alaric viene attaccato e ferito gravemente e si salva solo grazie al miracoloso intervento di un angelo delle Highlands: Keeley McDonald, infatti, è coraggiosa e abilissima nell'arte dell'erboristeria e della medicina. Il fascino indomito della ragazza seduce i sensi del guerriero, risvegliando in lui un'ardente passione. Tra cospirazioni e pericoli, l'amore proibito di Alaric e Keeley mette così a dura prova il senso del dovere del valoroso highlander finché...

Dopo gli accordi presi  “Nel letto di un highlander”(vedi qui) , Alaric McCabe, lascia il castello ancora in fase di ristrutturazione, il fratello Ewan e la cognata Mairin in attesa di un figlio, per recarsi dal futuro suocero a chiedere  formalmente la mano di Rionna McDonald.
Inizia così “La Seduzione di un highlander” il secondo libro della trilogia dedicata ai fratelli McCabe.
Siamo alle porte dell’inverno, nelle Highland scozzesi, e mentre è già nel territorio dei McDonald, un’imboscata uccide la scorta e ferisce quasi mortalmente il giovane Alaric che, solo grazie all’intelligenza del suo cavallo, riesce ad arrivare ad una capanna e qui svenire. La casupola è abitata da Keeley McDonald, guaritrice esperta e splendida giovane donna cacciata dalla casa McDonald  con marchio di ignominia.
La ragazza riesce a trascinare in casa il guerriero e gli salva la vita intervenendo con prontezza e conoscenza,  sulla brutta, profonda e lunga ferita.
Durante il delirio causato dalla febbre e dal dolore, Alaric si rende a malapena conto del passare dei giorni..
“- Angelo- gracchiò il guerriero-sono andato in paradiso. Non può esistere altra spiegazione  per una bellezza come la tua-
Keely provò un indubbio piacere  ma poi ricordò che solo un’ ora prima la considerava un demone dell’inferno.”
…finchè nella casetta irrompono Ewan e l’altro fratello Caelen guidati lì proprio dal cavallo del ferito.
…“Abbietto terrore la travolse quando vide uomini armati aggirarsi in casa.
 – Cosa gli hai fatto- ringhiò lo sconosciuto indicando con la punta della spada il ferito steso a terra.
Keely sgranò gli occhi e non riuscì a trattenere un sussulto d’ indignazione .-Io? Nulla mio buon cavaliere. Cioè tranne salvargli la vita, cosa non proprio insignificante-
Il  guerriero la guardò con occhi socchiusi poi la strattonò  avvicinandola a sé  e stingendole tanto il braccio da strapparle un grido di dolore.
-Lasciala andare Caelen , ordinò  quello che sembrava il loro capo.”
Naturalmente, con l’irruenza tipica della stirpe, obbligano Keeley a seguirli fino a casa anche perché Alaric ha ancora bisogno di cure e Ewan vuole avere vicino qualcuno che possa aiutare Mairin  nel parto.
La giovane guaritrice si ambienta subito nel clan McCabe e trova nelle donne delle vere amiche dopo che ha raccontato quello che le era successo dai McDonald e come era stata cacciata nonostante fosse imparentata con Rionna e con lei fosse come una sorella.
La vicinanza tra Keeley e Alaric fa sbocciare la passione nonostante entrambi sappiano che il loro amore non è destinato a sfociare nel matrimonio giacchè l’alleanza con i Mc Donald è necessaria per rafforzare l’opposizione a Cameron Duncan che vuole a tutti i costi l’eredità che spetterà al primo figlio di Mairin.
Tra imboscate, ferimenti e obbligatorie spiegazioni, la storia procede sino ad un finale quanto mai inimmaginabile.
…“Alaric si sdraiò accanto a Keely e la strinse forte a sé. Lei parve accorgersi, perché si accoccolò contro di lui deliziandolo ancora una volta con la morbidezza di quella pelle liscia e delicata. Sembrava così piccola, così calda e fragile contro il suo corpo molto più massiccio e muscoloso.
Lei era un miracolo. Il suo miracolo. Uno per il quale avrebbe ringraziato Dio ogni giorno della sua vita.”
In questo secondo episodio della famiglia McCabe, la Storia viene solo sfiorata perché la priorità è data alla nuova vicenda amorosa e al consolidamento della precedente con la nascita dell’erede di Mairin che potrà dare benessere e sicurezza al popolo di laird Ewan.
Mi è piaciuto il progredire del racconto con il passaggio dalla fredda foresta al castello, in cui ho ritrovato il calore umano delle gente povera di cose materiali ma ricca di umanità. Sempre affettuosissimo il giovane rampollo di Ewan così come è sempre insofferente Caelen che poi si riscatterà con  un’azione quanto mai inattesa.
Quello che mi è dispiaciuto è aver visto ancora una volta il trattamento riservato alle donne  oltre che a Keeley, alla povera Rionna che continua ad essere usata come una pedina nel gioco delle alleanze.
Per quasi tutto il romanzo la storia è stata piacevole anche perché la Banks è maestra nel creare suspense e passione…poi la parte decisiva è scivolata quasi nel Fantastico con un risveglio che si può definire miracoloso e poco credibile se non si pensa che si sta leggendo un romanzo...Forse un po’ eccessivo!








COME INIZIA IL ROMANZO...
1
Alaric McCabe contemplava le aspre terre del suo clan, lottando contro l’incertezza che lo tormentava. Prese un lento respiro e alzò lo sguardo verso il cielo. Quel giorno non sarebbe nevicato, ma non mancava molto. L’autunno era sceso sulle Highlands, portando con sé i primi freddi e accorciando di molto le
giornate. Dopo anni di stenti e fatiche, Ewan, suo fratello maggiore e signore dei McCabe, aveva compiuto enormi progressi nella lunga battaglia per riportare il clan alla gloria di un tempo. Quell’inverno non avrebbero patito la fame, né i bambini sarebbero stati costretti ad affrontare il freddo senza abiti adeguati. Adesso toccava a lui fare qualcosa per il clan. Era in partenza per il maniero dei McDonald, dove avrebbe chiesto formalmente la mano di Rionna tenendo così fede all’accordo stretto settimane prima. Laird McDonald voleva che vi restasse un po’ di tempo, in modo da conoscere coloro che avrebbe governato dopo il matrimonio con la sua unica figlia ed erede. Voltò la testa e studiò il cortile del maniero, che ferveva di attività mentre un drappello di armigeri McCabe si preparava a scortarlo nel viaggio. Ewan avrebbe voluto assegnargli i migliori guerrieri, ma lui aveva rifiutato. Mairin, la sua sposa e la loro castellana, correva ancora dei gravi pericoli, soprattutto adesso che era incinta. Finché Duncan Cameron fosse stato in vita, la minaccia ai McCabe non sarebbe mai cessata. Cameron bramava ciò che la giovane lady portava in dote: la fortezza di Neamh Alainn che, grazie al lascito disposto dal padre, il defunto re di Scozia, sarebbe passata sotto il loro controllo non appena avesse messo al mondo il primo figlio.
Nel frattempo, vista la minaccia posta da Cameron non solo alla fragile pace nelle Highlands ma al trono stesso di re David, Alaric aveva accettato un matrimonio destinato a cementare l’alleanza con il clan loro vicino. Un clan le cui terre si trovavano proprio tra il territorio su cui sorgeva Neamh Alainn e quello dei McCabe. Era un buon matrimonio. Rionna McDonald era giovane e di bell’aspetto, nonostante fosse una strana ragazza che preferiva i doveri e le armi di un guerriero ai privilegi di una nobildonna. Inoltre, lui avrebbe ottenuto ciò che gli era precluso se restava con i McCabe: le terre, un clan, la possibilità di trasmettere al proprio erede lo scettro del comando. E allora, perché non si sentiva affatto ansioso di montare a cavallo e andare incontro al suo destino? Si voltò sentendo dei passi. Mairin risaliva il pendio con tutta la fretta permessa dalle sue condizioni mentre Cormac, il guerriero che le faceva da scorta quel giorno, la seguiva con aria esasperata. Era avvolta nello scialle, ma le labbra le tremavano comunque per il freddo. Alaric tese la mano e Mairin la prese, appoggiandosi a lui mentre tirava il fiato. — Non dovevi salire fin qui — la rimproverò. — Rischi di congelarti. — No, non doveva — concordò Cormac. — Se il laird lo scopre, andrà su tutte le furie. Mairin alzò gli occhi al cielo e poi guardò Alaric preoccupata. — Hai preso tutto ciò che ti serve per il viaggio? Lui sorrise. — Ma certo. E Gertie ci ha dato tante di quelle provviste che basterebbero per un tragitto lungo il doppio. Mairin gli diede un colpetto sul dorso della mano, poi tornò a stringergli le dita. D’istinto prese a carezzarsi il ventre arrotondato, guardandolo con occhi tormentati. Alaric l’avvicinò a sé, in modo da ripararla dalla brezza gelida. — Non pensi che sarebbe meglio rinviare la partenza? Ormai è quasi mezzogiorno. Forse dovresti aspettare e metterti in viaggio domattina all’alba.Lui trattenne un sorriso. A Mairin non piaceva l’idea che partisse. Ormai si era abituata al ruolo di lady e voleva tutti i membri del clan esattamente dove dovevano trovarsi: sulle terre dei McCabe. E adesso che il viaggio non poteva più essere rimandato, dava voce sempre più spesso alla sua insoddisfazione e
ai suoi timori. — Non resterò via a lungo — le ricordò. — Solo qualche settimana. Poi tornerò e rimarrò qui fino al matrimonio, quando dovrò trasferirmi al maniero dei McDonald. Lei fece una smorfia a quelle parole, che ribadivano la decisione di Alaric di lasciare i McCabe e diventare un McDonald a tutti gli effetti. — Mairin, non mettere il muso. Non fa bene al bambino. Né gli fa bene il fatto che tu stia quassù al freddo. Mairin sospirò e lo abbracciò. Alaric mosse un passo indietro e scambiò un’occhiata divertita con Cormac. Quella ragazza era diventata ancora più emotiva adesso che la gravidanza giungeva al termine, ma i membri del clan avevano ormai imparato ad aspettarsi i suoi improvvisi slanci d’affetto. — Mi mancherai, Alaric. E so che mancherai anche a Ewan. Non dice nulla, ma è molto pensieroso. — Anche voi mi mancherete — replicò lui solennemente. — E puoi star certa che sarò qui quando metterai al mondo mio nipote. A quelle parole il volto di Mairin s’illuminò. Si scostò di un passo, poi gli carezzò la guancia. — Sii buono con Rionna. So che tu ed Ewan pensate che abbia bisogno di una mano più ferma ma, a dire il vero, io credo che le serva solo amore e comprensione. Alaric sbuffò, sentendosi a disagio. Non poteva credere che sua cognata volesse discutere d’amore con lui. Lei rise. — Vedo che ti ho messo in imbarazzo. Ma ti prego, ascolta le mie parole. — Milady, il laird vi ha vista e non sembra compiaciuto — l’ammonì Cormac. Alaric si voltò e vide Ewan in piedi nel cortile, le braccia incrociate e l’espressione contrariata. — Vieni, Mairin — le disse, prendendola a braccetto. — Meglio che ti riporti da lui prima che decida di venirti a prendere.
*****
LA TRILOGIA HIGHLANDER - FRATELLI MCCABE
1. In Bed with a Highlander (2011) - ed. italiana: NEL LETTO DI UN HIGHLANDER, Mondadori, coll. Extra Passion, settembre 2017 - Ewan McCabe e Mairin Stuart - Leggi QUI la ns recensione
2. Seduction of a Highland Lass (2011)- ed. italiana: LA SEDUZIONE DI UN HIGHLANDER, Mondadori, coll. Extra Passion, marzo 2018  - Alaric McCabe e Keeley McDonald
3. Never Love a Highlander (2011) - Caelen McCabe e Rionna McDonald

*****
L'AUTRICE

Maya Banks  è il nom de plume di Sharon Long. L'autrice vive in Texas con il marito , i tre figli e un assortimento di gatti. Quando non scrive, alla Banks piace andare a caccia, a pesca o giocare  a poker. Vera 'figlia del Sud', ama proporre nei sui libri personaggi e ambienti del sud degli Stati Uniti. Oltre alla serie Romantic Suspense  KGI, la Banks ha anche scritto storici e ha da poco pubblicato una serie erotica tradotta anche in italiano.

VISITA IL SUO SITO: 
http://mayabanks.com/


TI INTRIGA LA TRAMA DI QUESTO ROMANZO? L'HAI GIA' LETTO? COSA NE PENSI? LASCIA UN COMMENTO IL TUO PUNTO DI VISTA CONTA PER NOI.
Grazie se condividerai il link di questa recensione nelle tue pagine social o ne consiglierai la lettura ai tuoi amici.

Nessun commento:

Posta un commento

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!