VINCENT ( Mafia Men vol.2) di Kristen Kyle



Autrice:  Kristen Kyle
Ambientazione: Atlantic City, USA
Genere: ContemporaneoMafia romance
Pubblicazione: Kristen Kyle, gennaio 2018, p. 358
Livello sensualità: ALTO
Parte di una serie: 2° serie Men of Honor 
Disponibile in ebook a  € 1,99 e in Kindle unlimited

TRAMA: Sono nato per essere un re, ma non mi sono piegato al mio destino.
Mi sono impegnato per guadagnare quel privilegio.
Ho combattuto per essere il migliore.
In quella lotta la mente è sempre stata la mia arma più affilata, il cuore un ostacolo da eliminare.
Ho vinto.
Ogni guerra, tuttavia, ha i suoi costi, e io ho commesso un errore che ha distrutto la mia famiglia.
Da allora le mie notti sono turbate dagli incubi, i miei giorni avvelenati dal pentimento e dal rancore.
Ora, però, ho finalmente la possibilità di conquistare la pace.
La donna che mi ha rovinato la vita è tornata dal passato in cerca di protezione.
Ha trovato la morte.
Ma la morte è un dono da concedere ai giusti, la vendetta è la condanna dei traditori.
Mariana Hernández pagherà per ogni suo peccato, implorerà la salvezza e invocherà la sua fine.
Non avrò pietà, perché in me non c’è un briciolo di misericordia.
Perché non conosco perdono.
Scenderò all’inferno pur di farmi giustizia.
E Mariana verrà con me.


Con il primo romanzo della serie Men of Honor, Kristen Kyle, ci ha introdotti nella malavita di  Atlantic City, svelandoci i complicati meccanismi che si celano dietro al potere (vedi qui). A distanza di sei mesi dalla sua nomina a Padrino della Famiglia, Vincent, è impegnato a consolidare la sua posizione  all’interno dell’organizzazione, momento delicato che richiede tutta la sua attenzione. Vincent , ci viene descritto come un uomo freddo e calcolatore, estremamente razionale negli affari, tanto quanto è  passionale nella vita privata. Un uomo cresciuto per comandare, con un forte senso della famiglia e dell’onore e una radicata morale cattolica, distorta ed adattata alla sua professione. La sua fede diventa per noi, uno spiraglio sulla sua coscienza; su quella parte di sé che si interroga e che dubita, ma che mette a tacere appena fuori dal confessionale. Un uomo orgoglioso, complicato, pieno di contraddizioni, ma per questo, estremamente affascinante.

Sei mesi prima mio padre aveva avuto un infarto. Quella stessa notte, con le braccia inondate di tubi, la voce bassa, il volto scavato dalla sofferenza, mi aveva affidato le redini della Famiglia e mi aveva detto che il senso di responsabilità era una prigione…… Ero un Padrino prima ancora di essere Vincent Calabrese. Ciò che ogni parte di me bramava non contava più un cazzo, era importante solo l’equilibrio della Famiglia, la sua crescita, la sua prosperità….”
La sua determinazione e il suo ferreo controllo vengono stravolti dal ritorno di Mariana Hernández, la donna che ha amato  sei anni prima, e che l’ha tradito, trasformandolo in un guscio vuoto. Quando ho chiuso il libro, ho riflettuto un po’ prima di scrivere la recensione, mi sono chiesta qual sia per me l’elemento chiave per la riuscita del romanzo e la risposta è senza ombra di dubbio, la protagonista. Solo una donna con il background di Mariana, cresciuta a pane e violenza a Ciudad Juárez, in Messico, può infatti davvero capire  Vincent e il suo modo di vivere. Così come è stato per Nikolaj, una protagonista diversa, magari con una vita “comune”, avrebbe trasformato il romanzo in una forzatura. Torniamo a Mariana. Nipote di un trafficante di droga, dopo la morte dei suoi genitori, è stata accolta in casa e cresciuta come una parente indesiderata da una donna meschina che le insegnato ben presto a non aspettarsi mai niente dagli altri.
“…la moglie di mio zio aveva la bava alla bocca dalla voglia di infierire sull’orfanella che il marito le aveva imposto di crescere. E quella donna non era seconda a nessuno, soprattutto quando si trattava di punire, di insultare, di minare le sicurezze  del prossimo. Il mio rapporto con lei si era articolato in una continua serie di sottrazioni. Aveva raziato le mie energie, le mie speranze, le mie timide pretese di affetto materno fino a lasciarmi vuota e devastata. Non avevo mai avuto niente che fosse mio. Nemmeno i pensieri. Non dovevo riflettere, solo obbedire…”
L’unico momento di gioia che la vita le ha concesso è stato l’incontro con Vincent, l’unico uomo che l’ha fatta sentire desiderata. Due mesi di un amore totalizzante,  che li ha cambiati entrambi per sempre. Un sentimento puro, nato tra due persone abituate alla violenza, un’oasi di pace per le loro anime, che ben presto si è trasformato in una condanna. Sogni e speranze sacrificati, a loro insaputa,  per un ennesimo gioco di potere e  alleanze. Dopo la partenza di Vincent dal Messico , Mariana ha dovuto vivere prigioniera di un mostro che l’ha torturata per anni, con l’unico conforto del ricordo di quei giorni passati con lui. Anni difficili da dimenticare, che l’hanno vista umiliata e ferita, ma che ha sopportato per lui: Lit , suo figlio.
Volevo il meglio per me per mio figlio, volevo che lui avesse ciò che io non avevo mai avuto: l’amore, la libertà, il sole e il chiaro di luna. Il mondo intero. Ma prima dovevo distruggere un altro mondo. Il suo, il mio, quello che mi aveva ridotto a una larva, a un’ombra di me stessa.”
In fuga dalle macerie della sua vita, Mariana arriva ad Atlantic City  in cerca di protezione, ma  capisce ben presto il suo errore. Se le  violenze subite non l’hanno cambiata, lasciandola nel profondo  la stessa dolce  ragazzina che Vincent ha imparato ad amare, lo stesso non si può dire di lui. Il ragazzo carismatico e affascinante che  le raccontava  le sue passioni, non esiste più, al suo posto Mariana si trova ad affrontare un uomo vittima della sua sete di vendetta. Davanti a lei  non c’è il suo Vincent, solo il Padrino, che le infligge l’ennesima umiliazione. Con un solo sguardo da parte di Mariana, il tradimento e la vergogna provati da Vincent dopo il suo rientro dal Messico spazzano via come uno tsunami, la fredda facciata di autocontrollo dietro cui si è trincerato per anni. La sua Tormento, è tornata e Vincent non ha dubbi, Mariana deve pagare, anche se per farlo, lui deve rinunciare ad un pezzo della sua anima. Quasi contro la mia volontà, ho provato una sorta di tenerezza per Vincent. Allo stesso modo, però, non si può fare  a meno di tifare per Mariana; una donna vittima suo malgrado di una vita che non ha scelto, di ammirare la forza e la tenacia di una madre disposta a tutto pur di salvare suo figlio.
In fondo, io lo capivo. Lui non  mi aveva punito per diletto, ma perché era davvero convinto che gli avessi distrutto la vita. La sua motivazione era così profonda che non avevo la forza di arrabbiarmi, solo di provare dispiacere per me stessa e per lui”
Non è facile per il lettore, assistere  alla moltitudine di “ castighi verbali” ai quali Vincent sottopone Mariana, ancora più difficile è accettare che una donna così provata dalla vita, debba subire ancora. Il romanzo è una continua altalena emotiva che lascia sfibrati.  Per fortuna , quando tutto sembra perduto, quando si ha la sensazione di aver toccato il fondo della disperazione, l’autrice ci regala un epilogo che ripaga di tutto.
”Vincent “ è un romanzo che vi farà provare un arcobaleno di sensazioni, vi farà riflettere e arrabbiare, ma vi regalerà tante emozioni. Un romanzo bellissimo, che consiglio. Adesso aspetto Vasilij.






Finalmente dopo mesi di attesa ho avuto Vincent tra le mie mani. Era dal libro dedicato a Nikolaj che avevo adocchiato il padrino di casa Calabrese e non vedevo l’ora di conoscerlo meglio.
Vincent mi ha affasciata fin dalla sua prima comparsa. Il suo carattere mi intrigava e incuriosiva e la Kyle è stata all’altezza delle mie aspettative.
Parliamo di un Mafia Romance per cui, come già detto altre volte, accettiamolo per quello che è: un romance che fa da cornice ad un personaggio sfaccettato e ben costruito. Vincent non è un cattivo qualsiasi ma un uomo che, nel male, rimane fedele ai sui principi, alla famiglia e a tutte le persone che dipendono da lui. È un Re con l’arduo compito di proteggere chi lo circonda, il padrone indiscusso, diviso tra fedeltà alla sua famiglia e l’amore della sua vita. Ama il potere ma non lo sottovaluta, sa di essere sempre un passo davanti agli altri e ne gusta il sapore: Perché accontentarsi di piegare un uomo, creando le premesse della sua ribellione, quando si può distruggere ogni suo proposito di contestazione?
Insomma, un tipino mica da poco… non credo sia stato facile riuscire ad entrare nella sua testa e rendere bene l’idea di un uomo potente che apparentemente ha tutto e che, allo stesso tempo, ha paura di perdere tutto perché il filo conduttore del libro non è tanto la vendetta che Vincent sembra meditare nei confronti di Mariana, quanto il tormento che prova. La famiglia e il dovere verso quest’ultima o Mariana? Fedeltà al clan o la donna che non ha mai dimenticato? Mariana ha fatto l’errore più grave di tutti: l’ha tradito e per questo deve pagare; non è una questione di vendetta ma di principio.
Mariana Hernández sta scappando dal marito violento che non ha mai amato. Scappa da una vita che non ha scelto, non solo per salvarsi ma soprattutto, per proteggere suo figlio. L’unico che può aiutarla è Vincent Calabrese, il potente padrino di Atlantic City. Lui è stato il suo primo amore ma dovrà fare i conti non più con un ragazzo innamorato ma con un padrino, ricco, potente e soprattutto spietato. Non verrà accolta a braccia aperte. Quella che lei credeva come l’unica via per la salvezza si trasformerà in una discesa verso gli inferi, dove l’angelo che amava si è trasformato in un demone.
In un gioco decisamente ad armi impari, Mariana farà del suo meglio per non soccombere e dimostrare che lei è stata una pedina innocente, in un “gioco” più grande di lei. Mariana non ha armi, è nuda davanti al padrino. Non ha nient’altro se non un figlio da proteggere e la sua verità da difendere.
I punti di vista alternati permettono di entrare nella testa dei personaggi e di seguirli attraverso la loro evoluzione: dallo sconcerto, al dubbio, al tormento e di scoprire le rispettive vulnerabilità.
"Vincent" mi è piaciuto non solo grazie allo stile scorrevole e pieno di phatos ma soprattutto grazie ai personaggi psicologicamente ben delineati.
Consigliato a chi ama le storie tormentate e fuori dal comune .








LA SERIE MEN OF HONOR
1. Nikolaj (2017) - Nikolay Sokolov e Isabella Calabrese - Leggi QUI la ns recensione
1.50 Izabella (2017) - novella gratuitaNikolay Sokolov e Isabella Calabrese
2. Vincent (2018) - Vincent Calabrese e Mariana
**** 
LEGGI UN ESTRATTO...
Quando io e mia cugina eravamo bambine, zia Cayetana amava raccontarci storie raccapriccianti. Lo faceva ogni sera, mentre ci insegnava a cucire. Traeva piacere dal tessere il cotone insieme alla paura, dal disegnare fiori che nella nostra immaginazione profumavano di sangue.Era una donna gretta, egocentrica, ignorante e soprattutto gelosa, ma questo l’avevo capito più tardi, quando uno dei sicarios di mio zio aveva fischiato al mio passaggio. Quel suono lo ricordavo ancora. All’epoca non sapevo cosa significasse, ma zia Cayetana sì. Per invidia, mi confinò nella mia stanza per settimane.
Rinchiusa nella camera angusta, costretta al silenzio per giorni e giorni, rielaboravo le sue storie. I miei sogni, allora, si riempivano delle grida disperate della Llorona, di immagini di serpenti piumati e muli senza testa.C’era un racconto che, però, mi perseguitava anche nelle ore di veglia. Narrava di una fanciulla promessa al diavolo. Oh, lei non sapeva di esserlo. Si era innamorata di un uomo bellissimo, al punto da fuggire per stare con lui. Dopo due notti dalla fuga, si diceva, il suo corpo era stato ritrovato privo di vita, gli occhi ciechi erano spalancati per l’orrore. Aveva visto il vero volto del diavolo ed era morta per questo.Come aveva fatto a non riconoscerlo sin dall’inizio, mi ero chiesta. Come poteva un volto mostruoso spaventare fino a provocare la morte?La leggenda sbagliava.Quando si guarda il diavolo, non è l’orrore a fermare il cuore ma il dolore.Lo scoprii in quell’istante. Il diavolo aveva bellissimi occhi blu, labbra tentatrici e tratti del viso scolpiti nel marmo con una attenzione alla forza e una alla grazia.Il diavolo non era solo crudele, ma seducente. Attraente tanto da indurre al pianto, ammaliante al punto da mortificare chi lo guardava. Perché il diavolo era capace di infiltrarsi in ogni pensiero, di avvelenare ogni sogno con la speranza di poterlo toccare, ma la consapevolezza di contare per lui meno di niente.Sei anni prima avevo conosciuto un uomo.Adesso, la creatura formidabile che mi fissava dall’alto, però, non aveva nulla di umano, in essa non albergavano più il calore e la compassione.Vincent Calabrese era diventato un mostro.

GUARDA IL BOOK TRAILER


**** 
L'AUTRICE
Kristen Kyle ama la lettura, i gatti e il vino caldo. È cresciuta guardando Il Padrino  e  Scarface  e ha sempre saputo che prima o poi avrebbe scritto un Mafia Romance. Che gusto c’è nel descrivere un “man of honor” senza parlare del suo cuore? Nikolaj, il primo libro  della serie Man of Honor,  è stato il suo romanzo d’esordio. 

VISITATE LE SUE PAGINE SOCIAL


TI INTRIGA LA TRAMA DI QUESTO ROMANZO? L'HAI GIA' LETTO? COSA NE PENSI? IL TUO PUNTO DI VISTA CONTA PER NOI, LASCIA UN COMMENTO.
Grazie se condividerai il link di questa recensione nelle tue pagine social.



Nessun commento:

Posta un commento

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!