UNA TATA PER PAPA'di Flora A.Gallert & Claudia Crocioni

Autrici: Flora A. Gallert & Claudia Crocioni
Genere: Contemporaneo
Ambientazione: New York
Pubblicazione:  Gallert&Crocioni, 2017,  pp 91
Parte di una serie: Bitter Sweet New York
Livella Sensualità:  BASSO
Disponibile solo in ebook a € 0,99
TRAMA: Daniel Lee è un padre single che si divide tra il lavoro e il piccolo Kevin, la cui madre è scappata per inseguire il suo sogno di diventare modella. Per Daniel la vita non è affatto semplice, il suo lavoro di avvocato gli occupa la maggior parte del tempo e le sue giornate sono una corsa contro il tempo. Da un giorno all’altro nella vita del bambino compare Bonnie.
Bonnie tiene compagnia al piccolo quando il papà ritarda, Bonnie lo diverte, è simpatica. E Daniel se da un lato è felice per la gioia del bambino, dall’altro è infastidito da ciò che lei possa pensare di lui. Complice il suo matto amico Mike Harris, un vero dongiovanni, decide di assumere una tata e tra le tante mamme provocanti, interessate più a lui che al bambino, ai colloqui si presenta anche Bonnie. Nel vederla, Kevin fa salti di gioia e Daniel non potrà far altro che sceglierla. Bonnie ci sa fare con Kevin, da quando c’è lei in casa tutto ha un sapore più dolce, perché è bellissima con tutte le sue imperfezioni e lui semplicemente è cambiato, non ha più voglia di storie da una notte. 
Peccato che la tata sia l’unica donna capace di resistergli e non ne capisce il motivo, anche quando la sua maschera cade rivelando i suoi sentimenti. 
Che stesse nascondendo qualcosa?


Romanzo breve  con un’idea di partenza, se non proprio originale, almeno carina. Peccato però che non sia stata elaborata al meglio. 
Daniel  è un avvocato penalista e ha uno studio in società con il suo storico amico Mike. Gestire lavoro e famiglia per un papà single come lui, non è facile, ha orari impossibili e spesso trova Kevin  ad aspettarlo  solo e sconsolato all’uscita di scuola. Durante uno dei suoi soliti ritardi, Daniel scopre che a intrattenere Kevin c’è una ragazza, Bonnie, buffa e divertente, come si siano incontrati  rimarrà un mistero. Se all’inizio Daniel  la guarda con freddezza nel giro di 10 righe (le ho contate) non si sa’ come, cambierà idea e si scoprirà attratto da lei.  Spinto dai suoi orari impossibili e dalle insistenze di Mike, Kevin deciderà di assumere  Bonnie come baby-sitter, la ragazza però nasconde un segreto (di Pulcinella) che verrà svelato ahimè nel peggiore dei modi. 
Scrivere un romanzo breve non offre molte possibilità di dilungarsi in spiegazioni, quindi i personaggi devono essere incisivi, qui però  si è davvero esagerato.  Tutto sembra forzato e sopra le righe, sia  i personaggi  che  la trama. Abbiamo  la sexy segretaria tutta tette e zero cervello,  l’amico e socio Mike  avvocato specializzato in diritto societario che, più che un dongiovanni, mi è sembrato un 17enne con gli ormoni fuori controllo. Altra nota di colore la maestra e le mamme degli amici di scuola  di Kevin, tutte ninfomani, con mani lunghe come polpi. Anche i protagonisti non sono da meno in quanto a stranezze, forse il personaggio più riuscito è proprio Bonnie. Parecchi errori e refusi , non hanno aiutato nel giudizio e un epilogo a dir poco ridicolo ha dato il colpo di grazia. 








COME INIZIA IL ROMANZO...
Prologo
«Bonnie, dove credi di andare?» chiese una donna alta e austera a quella che doveva essere la propria figlia,erano due gocce d’acqua ma quest’ultima aveva i lineamenti del viso più addolciti.
«Vado dove è giusto che sia!» rispose arrabbiata la seconda. Gli occhi che lanciavano saette, era decisa e determinata. Nulla e nessuno poteva fermarla, da giorni programmava questa partenza, era tutto pronto: il biglietto solo andata del pullman, la valigia, la casa presa in affitto. Avrebbe lasciato la sua famiglia e avrebbe fatto ciò che era giusto, smettendo di vivere nell’ipocrisia.

«Rovinerai tutto quanto, sappilo.»
«È già tutto rovinato, non capisci? Tutto! Ma io non sono come tutti voi, io non sono come… lei.»
Non riusciva nemmeno a pronunciarlo quel nome, tanto le ripugnava ciò che aveva scoperto sul suo conto.

«Sappi che una volta sorpassata la soglia di casa, non sarai più la benvenuta 
qui» le disse la donna, stringendole un braccio. La ragazza lo ritrasse, prese la valigia e con furia la trascinò via, uscendo all’aria aperta. Percorse a piedi il tragitto che le restava per arrivare alla stazione, godendosi per l’ultima volta l’aria di Safety Harbor che l’aveva vista crescere. Man mano che si allontanava, si sentiva sempre più libera, i sensi di colpa che attanagliavano il suo cuore, man mano si allentavano. Stava facendo la cosa giusta e lo sapeva bene. Una nuova vita a New York l’attendeva, un’occasione per ricominciare, senza più errori.
CAP. 1Lo Studio di avvocati Lee & Harris si trovava ad Harlem, un quartiere poco distante da casa mia, situata in Upper West Side. Il mio amico Mike Harris, nonché socio in affari, era titubante ad aprire il nostro studio in questa zona di New York, ma viste le mie condizioni di padre single, visto l’affitto non troppo alto per uno studio che ci permetteva due uffici più un ingresso abbastanza ampio dove poter collocare una segretaria e vista la sua passione per le segretarie, soprattutto se erano alte e bionde, lo spinsero ad accettare questa mia proposta.E così, da quattro anni, era nato il nostro studio legale: io ero un avvocato penalista, mentre lui era specializzato in diritto societario, due rami completamente diversi, proprio come lo eravamo noi due. Io, l’affidabile, responsabile e serio Daniel Lee e lui, lo sciupafemmine più cafone di New York, Mike Harris, che tentava in ogni modo di riportarmi sulla cattiva strada. E questo non me lo potevo proprio permettere.«Sei ancora qui?» urlò Mike, dalla stanza adiacente alla mia. «Sì, come al solito Mr Jackson è in ritardo» sbuffai, dirigendomi verso la macchinetta del caffè per l’ennesima volta in quel giorno.«Oh, Signor Lee, non crede di bere un po’ troppo caffè?» mi chiese Chanel, la segretaria, appoggiandomi una mano sul braccio e guardandomi con intensità diritto negli occhi.«È stata una giornata piuttosto pesante» le risposi, rintanandomi nel mio ufficio e chiudendo la porta dietro di me.Mike entrò senza bussare.«Adesso mi spieghi!» disse in un sussurro stizzito.«Cosa?» chiesi stanco e gettando un’occhiata all’orologio.«Perché quella lì vuole te e non me!» fece un cenno verso la porta chiusa per indicare la segretaria.«Non lo so, forse perché sei un gran cafone?» risposi annoiato. Le donne erano diventate il mio ultimo pensiero. «Ho scelto a posta quella con la minigonna e le tette rifatte…»
«E infatti tocca che mi scriva da solo tutte le e-mail ai clienti perché lei non conosce la grammatica!»
«No, adesso mi spieghi cosa ci frega della grammatica. La paghiamo profumatamente e sicuramente non per robe futili come la grammatica.»
«Beh… mi piacerebbe affidare alla persona che pago qualche mansione in più oltre a quella di intrattenere i clienti» risposi infastidito, stavolta adocchiando di sfuggita l’orologio da polso.
«Però devi ammettere che abbiamo molti più clienti da quando c’è lei…»
«No, affatto. Abbiamo sempre i soliti clienti che vengono più volte del dovuto. Come questo Mr Jackson, ma non posso, non posso disdire i suoi appuntamenti, è il cliente più importante che ho e se vinciamo la causa, sto a posto per un po’, posso rallentare il ritmo e concedermi di più a…»
***** 
NELLA SERIE BITTER SWEET NEW YORK

UN BACIO A 5 STELLE 
“Chiusi gli occhi e ripensai alle labbra di Giulia trattenendo il fumo in bocca. Sapevo che me ne sarei pentito. Sapevo che sarebbero state le labbra più dolci di sempre. Sapevo che quando una cosa non potevo averla, allora diventava un chiodo fisso.”
Giulia e Luca sono amici da una vita e frequentano lo stesso collegio svizzero per giovani facoltosi. Durante un viaggio a New York, un attentato terroristico li costringe a convivere a stretto contatto nel lussuoso hotel dove soggiornano.
L'irrazionalità, la spavalderia e i tormenti interiori di lui, si scontreranno con la bellezza, l'ingenuità e i valori di lei. Un continuo contrasto di momenti agro-dolci che cambierà per sempre le note regole dell'amicizia tra uomo e donna. Tra baci rubati, promesse infrante e gelosie, riuscirà il tenebroso Luca a rinunciare a tutto per lei? BitterSweet, New York è una serie di storie d'amore autoconclusive, tutte diverse tra loro, tutte ambientate a New York e tutte scritte dalle autrici Flora A. Gallert e Claudia Crocioni. BitterSweet significa agrodolce e non c'è modo migliore per descrivere l'unione della penna dolce e delicata di Flora Gallert con quella più aspra e profonda di Claudia Crocioni. Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

*****
LE AUTRICI

Flora A. Gallert  è nata in provincia di Caserta. Fin da piccola ha sempre amato trascorrere i suoi pomeriggi leggendo e pian piano ha imparato ad amare anche la scrittura. Ha iniziato a scrivere nel periodo dell’adolescenza tenendo un diario segreto quando, per via di un trasferimento e ostacolata dalla timidezza, si ritrovò senza amici. Ad oggi continua ad essere una ragazza molto riservata, che ama la compagnia di poche persone ma che allo stesso tempo sa stare bene con se stessa.
Considera la sua vita uno splendido controsenso: di giorno si diletta con materie scientifiche e di notte sogna mondi fantasy o storie d’amore da favola. 
***
Claudia Crocioni è nata a Roma. Si è laureata in Lingua e Letteratura Italiana senza smettere di lavorare per la ditta artigiana di famiglia. Tra i suoi interessi ci sono l'amore per la scrittura e per i viaggi. Attualmente vive a Ladispoli e opera nel settore editoriale e redazionale.


TI INTRIGA LA TRAMA DI QUESTO ROMANZO E TI PIACEREBBE LEGGERLO? L'HAI GIA' LETTO? COSA NE PENSI? PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE.

Grazie se condividerai il link di questa recensione sulle tue pagine social o la suggerirai agli amici.

Nessun commento:

Posta un commento

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!