DOPPIO GIOCO (# The Lick Series) di Kylie Scott (Newton Compton)

Autrice: Kylie Scott
Titolo Originale: Deep
Traduzione: Chiara Beltrami
Genere: Contemporaneo
Ambientazione: Portland (Oregon)-USA
Pubblicazione originale: St. Martin’s Griffin, 2015, pp.271
Pubblicazione italiana: Newton Compton, ebook:  21 Febbraio 2017 pp.320; carataceo: prossimamente.
Livello di sensualità: MEDIO-ALTO
Parte di una serie: 4° (e ultimo) The Lick Series (Stage Dive Series)
Disponibile in e-book: sì a € 5,99

TRAMA: Con un test di gravidanza positivo, la vita ordinaria di Lizzy Rollins sta per cambiare completamente. E per sempre. A Las Vegas si è lasciata andare e ha passato una notte con Ben Nicholson, il bassista degli Stage Dive. Ma Lizzy lo conosce bene. Sa che Ben non è il tipo d’uomo in cerca di una storia seria e duratura. D’altra parte per Ben Nicholson Lizzy è off limits. Assolutamente. Perché è la sorella minore della moglie di Mal Ericson, il batterista degli Stage Dive. Mal mette in guardia Ben: la sua “nuova sorellina” non si tocca. Non importa che ne sia follemente attratto, che lei sia dolce e sexy: tra loro non può esserci niente. Niente oltre a quello che è successo a Las Vegas. Eppure adesso c’è qualcosa che li lega, forse nel modo più profondo possibile. E chissà che anche i loro cuori non siano destinati ad avvicinarsi…

Doppio Gioco è il titolo italiano di Deep (a Stave Dive novel), quarto e ultimo libro della The Lick Series di Kylie Scott. Cerco di non pensare alla copertina e ai titoli fuorvianti, alla sinossi inesatta,
rilasciata dalla CE che pubblica in Italia l’autrice Kylie Scott ( quella qui sopra l'abbiamo sistemata), e alla traduzione troppo letterale e poco adattata, perché voglio parlare della bella storia che questa autrice ci ha regalato. Si chiude la serie sugli Stage Dive, ma ci sono le basi per la serie spin-off Dive Bar grazie all’introduzione del bel Vaughn. Da inguaribile rockettara romantica non potevo non amare questa serie, ma soprattutto Kylie Scott che in tutti i suoi libri mi ha fatto prima di tutto emozionare, ma anche ridere, commuovere, riflettere, divertire, struggere e appassionare alla storia d’amore. È stato così anche leggendo Doppio Gioco e la bellissima e complicata storia d’amore tra Ben Nicholson, l’imponente e barbuto bassista donnaiolo degli Stage Dive e Lizzy Rollins, la dolce, giovane e bella studentessa di Psicologia. Nei precedenti libri della serie abbiamo intuito che tra Lizzy e Ben fosse scattata la scintilla, ma Ben è stato avvisato, Mal è stato chiaro, non può avvicinarsi troppo a lei, non può flirtare e/o fare sesso con sua cognata, pena avere contro l’amico batterista e quindi creare problemi all’interno della band. Ogni membro degli Stage Dive vive per il rock e per la band, sono sempre stati loro quattro contro il mondo, più che amici, proprio fratelli e nessuno di loro vuole fare qualcosa che possa nuocere agli altri e al gruppo. Ben si tiene a distanza, è attratto da Lizzy, ma cerca di tenere i rapporti tra loro sul piano platonico e di amicizia, ma dall’altra parte c’è una ragazza caparbia, che sa quello che vuole e non gli rende facile il compito di starle lontano. La fatidica notte di passione folle a Las Vegas rappresenta tutto ciò che non dovevano fare, ma che non riuscivano più a trattenere.
Il libro parte proprio con Lizzy che capisce di essere incinta, in una scena corale spassosissima dal sapore tragicomico tutti scoprono che la sorellina di Anne aspetta un bambino, e che il padre è Ben. Ho apprezzato che Kylie Scott non abbia giocato sul nascondere la gravidanza o non far capire subito ai vari personaggi chi fosse il papà. Il percorso che aspetta Lizzy e Ben è quello di accettare questo cambiamento inatteso, adattarsi allo sconvolgimento che rappresenterà il bambino, imparare a gestirlo insieme anche se il loro rapporto è fortemente complicato. Il punto di partenza dopo tante traversie pare essere l’amicizia, ma poi… Dico solo che la costante altalena emotiva è coinvolgente e tiene incollate alla lettura.
I rapporti complicati tra Ben e Lizzy, la tensione tra Ben e Mal, una vecchia conoscenza che decidere di fare la sua entrata in scena, le problematiche relative all’essere in Tour (finalmente gli Stage Dive sono in Tour! Mi stavo dimenticando che fossero una band rock) non fanno altro che aggiungere pepe alla storia, cosa che chi ama questo genere di libri, solitamente gradisce. Io di certo ho apprezzato perché mi sono goduta ancora di più quando i protagonisti raggiungono la loro felicità e finalmente il meritato equilibrio. La scena in cui Mal e Ben “fanno pace”, anche grazie a Jimmy e David è fantastica, dal morire dal ridere, e raccoglie l’essenza dell’essere una famiglia, la stramba famiglia degli Stage Dive, composta da persone che si sono scelte e che si amano veramente. 
Lizzy è uno di quei personaggi che entrano subito nel cuore, è dolce, ironica e divertente, molto
intelligente, ma soprattutto molto matura per la sua età. Soffri con lei, ridi con lei, ti innamori di Ben con lei, e questo grazie alla scrittura coinvolgente della Scott. Ben per me è stato un diesel, l’ho amato gradualmente, non da subito, come non pensavo possibile visto che David, Mal e soprattutto Jimmy mi avevano colpita e affondata all’istante, ma poi anche il bel bassista mi ha conquistata. Ben è un grande musicista, un amico fidato, una spalla per tutti, ama la sua libertà, è molto indipendente, ed è totalmente spaesato quando capisce che diventerà padre. Mi è piaciuto tantissimo il suo percorso, l’ho trovato realistico, ma mi ha fatto anche arrabbiare per poi, alla fine, commuovermi, e tanto. 
La coppia è una bomba, gli scambi tra loro sono sempre esplosivi che si parli di discorsi seri, litigi o sesso. Come sempre Kylie riesce a mettere insieme dei carachters che insieme fanno scintille.

Ho adorato tutte le scene corali con i membri degli Stage Dive e le loro amate. L’autrice ci ha abituate bene, ci regala sempre scene divertenti, imbarazzanti, tragicomiche e deliranti, che non puoi non amare se questi quattro rocker ti sono entrati nel cuore. 
Il finale non delude, Ben e Lizzy daranno tante soddisfazioni, ma a me personalmente è mancata un po’ più di coralità, perché oltre che concludersi la storia d’amore dei due protagonisti, si chiude anche la storia degli Stage Dive. Ho versato qualche lacrimuccia sapendo che non avrei più letto di questi personaggi che ho amato tanto, e questo è successo perché mi hanno coinvolta ed appassionata. Ringrazio Kylie Scott per questo viaggio emozionante. 
A questo punto posso solo consigliare a chi non ha letto la serie di prenderla in mano dall'inizio e godersi un viaggio divertente ed emozionante. A chi non ha letto Doppio Gioco consiglio invece di sbrigarsi a chiudere il cerchio e poi sperare insieme a me che la Newton o un’altra CE decida di pubblicare la serie Dive Bar. 
Buona lettura e Stay Rock! Stay Stage Dive!









THE LICK SERIES (STAGE DIVE SERIES)

1. Lick (2013)- ed.italiana: TUTTO IN UNA SOLA NOTTE , Newton Compton, 
aprile 2015 - David Ferris e Evelyn Thomas - Leggi QUI la ns recensione
2. Play (2014) -
 ed.italiana: E' STATO SOLO UN GIOCO , Newton Compton, 

ottobre 2015 - Malcom Ericson e Anne Rollins -  Leggi QUI la ns recensione
3. Lead (2014) - 
ed.italiana: NESSUN PENTIMENTO, Newton Compton, 

marzo 2016 - Jimmy Ferris  e Lena Morissey -  Leggi QUI la ns recensione
4. Deep (2015)- 
ed.italiana: DOPPIO GIOCO, Newton Compton, 

febbraio 2017 -Ben Nicholson e Lizzy Rollins
SERIE SPIN-OFF " DIVE BAR "
1. Dirty (2016) - Vaughan Hewson e Lydia Green
2. Twist ( aprile 2017) - Joe Collins e Alex Parks

****
L'AUTRICE

Kylie Scott è autrice bestseller del «New York Times» e «USA Today», è da sempre appassionata di storie d’amore, rock’n roll e film horror di serie B. Vive nel Queensland, in Australia, con il marito e due figli, legge, scrive e non perde troppo tempo su internet. La Scott è stata eletta nel 2013 migliore autrice dell'anno dalla Romance Association australiana e i suoi libri sono già stati tradotti in sei lingue.

VISITA IL SUO SITO: www.kylie-scott.com



VI INTRIGA LA TRAMA DI QUESTO ROMANZO? L'AVETE GIA' LETTO? COSA NE PENSATE? QUAL E' IL ROMANZO DELLA SERIE CHE AVETE PREFERITO? VI PIACEREBBE CHE LA NEWTON CONTINUASSE LA PUBBLICAZIONE ANCHE DELLO SPIN-OFF DEGLI STAGE DIVE ?PARTECIPATE ALLA DISCUSSIONE.
Grazie a chi collabora con noi inserendo sulle sue pagine social il link a questa recensione.

12 commenti:

  1. A me è piaciuto meno del precedente, ma sempre meglio di tanti altri libri del momento!
    Poi ci sono tutti gli altri con le loro storie a far da contorno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me il più bello dei quattro resta Nessun Pentimento(Lead), la storia di Jimmy e Lena è quella che mi ha emozionata di più. Però, proprio come dici tu Samathalarossa, Doppio Gioco è una lettura molto piacevole anche in confronto a diversi libri del momento. Uno dei punti di forza di Kylie Scott è proprio la coralità che fa da contorno, la presenza degli altri ti strappa sempre una risata o fa innesco nella trama. David in questo libro l'ho sentito poco, ma Mal e Jimmy ci hanno dato parecchie soddisfazioni, così pure Lena, Anne ed Ev.

      Elimina
  2. ho trovato questo libro davvero brutto paragonato ai precedenti della serie. la storia non decolla, c'e' solo un tira e molla infinito intorno a questa gravidanza che quando diventa eccessivo si risolve con la dichiarazione sul palco nelle ultime 5 pagine. veramente deludente soprattutto se confrontato con i precedenti. luisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se confrontato con i precedenti della serie risulta sotto tono, soprattutto la prima parte. Non l'ho trovato brutto Luisa,ma sicuramente, almeno per me è il meno bello dei quattro. Speriamo che pubblichino la serie Dive Bar, magari ci convincerà di più.

      Elimina
  3. Complimenti per la recensione, davvero molto bella e si percepisce che è fatta col cuore, adoro come scrivi Mary Lou. Non ho ancora letto questo quarto ed ultimo capitolo di questa serie che, sono sincera non mi ha preso più di tanto, nel senso che non è scattata la scintilla del farmi dire: questa va diretta tra i libri che classifico indimenticabili o bellissimi, però comunque qualcosa di buono l'ho trovato quindi sicuramente leggerò questo quarto capitolo ma volando basso e con poche aspettative. Qualcosina di buono anche nei precedenti c'era, ma secondo me erano più le cose che stonavano. Il primo l'ho trovato veramente inverosimile e molto adolescenziale negli atteggiamenti dei protagonisti, per fare un esempio: c'è modo e modo nel descrivere il colpo di fulmine di due che si innamorano dopo un giorno che si conoscono e mi ricordo che feci davvero fatica a finirlo. Il secondo mi era piaciuto di più per le battute divertenti di Mal che a mio modesto parere avevano salvato il libro altrimenti simile al primo. Senza quelle battute divertenti, credo che l'impostazione data dall'autrice ai personaggi della band, mi avrebbe fatto desistere dal continuare la lettura, cosa che non mi piace fare. Non so, ho percepito che l'autrice con la scusa che fossero rocker, li facesse sembrare solo dei ragazzini viziati e poco credibili, voglio dire, non è perchè uno ha fama e successo deve per forza non essere un po' maturo. Il terzo su Jimmy è forse quello riuscito meglio alla scrittrice, ma anche lì avrei preferito che ci fosse più racconto introspettivo del personaggio Jimmy, che a mio avviso è il meglio riuscito e quindi quello su cui l'autrice avrebbe potuto lavorare meglio. Certo, non ha aiutato una casa editrice che davvero ha fatto uno scempio nella traduzione per poi accorgersene e aggiustare il tiro. La cosa buona di questa serie credo sia la coralità di alcune scene, ma purtroppo a mio avviso non basta. La Scott è stata brava a inserire battute divertenti, cosa non facile, ma sul piano sentimentale ed emozionale mi ha trasmesso poco. Comunque tutto sommato una serie carina, da leggere se non hai pilastri di altre autrici da leggere nel kindle, ma niente di più, si salva appunto per le battute divertenti. La trama di questo quarto libro mi intriga, peccato che Ben purtroppo non emerga nei tre libri precedenti (per fare un paragone: Jimmy sin dalla prima scena ti mette curiosità, Ben non mi sono quasi accorta che esistesse per tre libri a livello di impatto emotivo e attrazione ormonale) quindi ho il terrore che anche in questo quarto il suo personaggio sia poco riuscito. Comunque mi riservo di leggerlo sperando di potermi ricredere :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sunset per averci lasciato il tuo commento sulla serie. Io l'ho letta in inglese e l'ho trovata molto carina, il terzo libro emerge a mio parere alla grande sugli altri, ma in un panorama N/A non sempre il massimo dal punto di vista della scrittura, Kylie Scott emerge alla grande. Le tradizioni italiane,purtroppo,può darsi che non rendano giustizia fino in fondo all'autrice,perciò consiglio chi può di leggeseli in originale . Inoltre la scelta di raccontare le storie dal punto di vista delle protagoniste, ha in parte limitato le introspezioni sui protagonisti, che in ogni caso a mio parere riescono comunque ad emergere bene tramite dialoghi e comportamenti.

      Elimina
    2. Francy grazie a voi perchè date sempre recensioni molto obiettive e piacevoli da leggere, concordo in pieno con quello che hai detto, il massimo sarebbe davvero leggere in lingua, purtroppo per una come me che capisce l'inglese ma non a livello da poter leggere un libro in lingua deve affidarsi alle CE italiane, che a volte fanno davvero dei disastri, l'esempio pratico è questa serie, la traduzione davvero non rende giustizia, e sono d'accordo anche col fatto che non ce n'è: i libri scritti col solo punto di vista della protagonista perdono in partenza a livello di qualità, a meno che non sei una autrice davvero di altissimo livello e riesci a esprimere attraverso gli occhi di chi fa il pov i pensieri dell'altro, i pov alternati in questo caso sarebbero stati davvero un quid in più, comunque concordo, rispetto a altri new adult scadenti questo comunque non è di basso livello.

      Elimina
  4. Ti ringrazio Sunset :), si, sicuramente è una serie che ho amato, non la più bella che abbia mai letto, ma, mi ha regalato delle belle emozioni. Tra tutti i personaggi descritti da Kylie Scott anche per me Ben è quello che è emerso meno. Credo che l'autrice abbia dosato i personaggi a seconda del taglio della caratterizzazione che ha dato ad ognuno di loro. Mi spiego meglio, Mal viene descritto come esuberante, eccentrico, sempre in movimento, un gran chiacchierone ed infatti è quello che emerge di più tra tutti e quattro i libri. Un simpatico ed adorabile prezzemolino, sempre molto protagonista in ogni libro della serie. David e Jimmy sono più "l'uomo giusto al posto giusto" ed infatti si sentono nei vari libri, ma senza diventare centrali se non in quello in cui sono protagonisti. Ben è uno che si fa gli affari suoi, uno che pensa solo alla musica e che sta poco sotto i riflettori, passa quasi inosservato nei primi tre libri,non colpisce particolarmente.Il risultato è stato renderlo poco d'impatto come dicevi tu. Non coinvolge subito, ma leggendo il libro si impara a conoscerlo. Io alla fine l'ho apprezzato molto.Anche secondo me il terzo della serie, quello su Jimmy e Lena è stato il più bello. La stessa autrice ha dichiarato che sono la sua coppia preferita, e si sente mentre si legge. Le battute divertenti e le scene corali non ti deluderanno, e chissà magari apprezzerai anche Ben e Lizzy. Buona lettura!!

    RispondiElimina
  5. Bene Mary Lou non mi resta che leggerlo, come dicevi Ben è un diesel e quando partono poi per quelli non c'è niente per nessuno :-D <3

    RispondiElimina
  6. Ho letto Questo libro ultimo di una serie che ho amato tutto d'un fiato! Credo che il ritmo e la scelta delle scene fatte da kylie siano molto in linea con la caratterizzazione dei personaggi. Ben è pienamente convinto del suo modo di vivere ed inoltre tiene alla band e ai suoi amici/fratelli perciò tutto quell'esitare e poi prendersi tempo per cambiare è stata una scelta non frettolosa e che ho molto apprezzato perché odio quando da una pagina all'altra i personaggi cambiano improvvisamente. c'è un altalena emotiva in questo libro che ti strugge! Sono d'accordo con Mary Lou sulla mancanza dell'epilogo corale, sì ci voleva per salutare tutti e poi per l'assenza di David d che è stato relegato in un angolo. Però poi mi sono detta che nessun autrice fa una scelta del genere senza un motivo e in effetti se ci penso la presenza dei personaggi è quasi dettata da quello che è il loro carattere: David è quello riservato che aiuta ma non sta mai in prima fila, Jimmy quello che interviene quando si deve dare una smossa agli animi o nelle decisioni importanti, Mal è onnipresente perché esuberante, scoppientante e poi c'è BEN che come nella sua natura vive e lascia vivere pur non perdendo un colpo e sviluppando una sua idea su tutte le dinamica che degli altri. Forse mi sbaglierò ma questo per me è talento: riuscire a dosare i personaggi in base alla loro natura. Kylie per me è un mito! Se lo leggerete non sprecherete il vostro tempo anzi vi rimarranno nel cuore. A me già mancano! Stay rock! Stay STAGE DIVE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tuo commento Moonlight. Anche io penso che una scrittrice talentuosa come Kylie Scott scriva in un determinato modo con consapevolezza. Anche secondo me ha sempre presentato i personaggi secondo la loro caratterizzazione. Poi, è chiaro, non sempre può piacere quello che un'autrice fa, magari questa sua scelta ha reso Ben meno incisivo nella prima parte del libro. Si purtroppo nell'epilogo è mancata quella coralità che ha sempre contraddistinto i libri sugli Stage Dive. Per me è mancata anche un pò di musicalità, visto che Ben viene descritto come il più musicista di tutti. Speriamo di leggere presto la serie Dive Bar.

      Elimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!