SOLO DI NOTTE di Sherry Thomas (Mondadori) -> Recensione e intervista all'autrice

SOLO DI NOTTE
di SHERRY THOMAS
Titolo originale: His At Night
Traduttore: Laura di Rocco
Genere: Storico
Ambientazione: : Inghilterra, 1897
Pubblicazione: ed. Bantam Books, maggio 2010, pp.417
Pubblicato in Italia: ed. Mondadori, collana I Romanzi Classic nr 1128, maggio 2016, pp.240
Parte di una serie: Non proprio ma ha legami con Intime Promesse
Livello sensualità: ALTA
Disponibile in eBook: sì, € 3,99

TRAMA: Elissande Edgerton è una donna disperata, prigioniera nella casa dello zio tiranno. Solo attraverso il matrimonio può sperare di riprendersi la libertà che desidera. Ma come trovare l’uomo giusto? La scelta ricade su lord Vere, un agente segreto del governo che sotto le mentite spoglie di scapolo innocuo ha stanato alcuni dei criminali più subdoli di Londra. Niente però può metterlo in guardia dalle trame di Elissande. Costretti a un matrimonio di convenienza, i due scoprono di avere ciascuno un piano segreto. La seduzione è la loro unica arma contro un oscuro segreto del passato: impareranno a fidarsi l’uno dell’altra, abbandonandosi ai piaceri della passione?

"Possibile che dopo aver fatto la scelta più disperata della sua vita potesse ritrovarsi con un uomo con l'intelligenza di Odisseo la bellezza di Achille e l'abilità amatoria di Paride...?"
*Libro letto in edizione originale.
Sherry Thomas, chi mi legge lo sa, per me è un'autrice da comprare a scatola chiusa. E questo HIS AT NIGHT/ SOLO DI NOTTE non fa eccezione. E' un romanzo molto piacevole, con un inizio spedito, una parte centrale un po' stagnante, e una fine con i fuochi d'artificio che ci ripaga di qualche sbadiglio suscitato dalla parte centrale. La scrittura della Thomas mantiene le sue caratteristiche di ricchezza e scorrevolezza e come al solito è un piacere leggerla (in lingua originale). C'è forse qualche pecca nello sviluppo della trama che, partita bene, a un certo punto, come ho detto, si siede un po', ma... non demordete, è cosa da poco, poi si riprende e alla fine dà diverse soddisfazioni. Problema che forse non avrà chi legge l'edizione italiana, perchè come sempre più spesso accade (ahimè) è praticamente dimezzata (240 pagine) rispetto all'originale (470 pagine). Confido sul fatto che sia proprio la parte 'lenta' che alla Mondadori hanno deciso di tagliare e non altro. Naturalmente è un'abitudine che mi dà i nervi, ma se i tagli non si possono evitare, che almeno siano fatti in modo opportuno.
La sinossi in quarta di copertina riassume molto bene la trama. Elissande Edgerton e Spencer Russell Blandford Churchill Stuart ( "Penny" per gli amici), Marchese di Vere, non sono quello che mostrano di essere. Entrambi hanno passato metà della loro vita a mentire, dando agli altri un'immagine diversa di se stessi. Perciò, quando si incontrano e dopo breve tempo si sposano ( perchè Elissande vede nel sempliciotto Marchese di Vere l'unica opportunità di fuggire da una vita tetra e da uno zio tutt'altro che amorevole a cui è stata affidata dopo la morte dei genitori), inizialmente anche fra loro due  la recita continua. Vere, per ragioni che scoprirete, ha deciso di seguire l'insegnamento di Amleto e di fingersi pazzo, o meglio, un po' strambo e naif quando è in società per poter svolgere in modo più libero i suoi incarichi di agente segreto. Infatti, tutto il Ton lo conosce come un adorabile sciocco a cui piace chiacchierare  a ruota libera di qualsiasi cosa gli passi per la testa. Nessuno (a parte colleghi e superiori) sa che dietro a quella maschera si nasconde in realtà uno degli agenti più in gamba, seri e controllati di Sua Maestà Britannica. Questa parte della trama mi ha ricordato molto da vicino quella de La Primula Rossa; anche nel libro della baronessa Orczy il protagonista era un agente segreto che si fingeva un lezioso damerino per potersi muovere incontrollato in certi ambienti. E in quel romanzo, come in questo, sarà proprio la moglie, dopo un po', a sgamare la  farsa. Nella Primula Rossa ci arriva per un'improvvisa deduzione, in SOLO DI NOTTE perchè in certi momenti d'intimità Vere non può fare a meno di ... essere stesso, smettendo di blaterare a vanvera e svelando ragionamenti tutt'altro che astrusi (oltre a un fisico da dio greco). E questa scoperta, cambierà completamente il rapporto fra loro. Perchè a quel punto Elissande vorrà sapere chi è veramente l'uomo che ha sposato e cominciando a conoscerlo, desidererà conquistarlo. Se inizialmente il piano di Vere era quello di sposare Ellie e abbandonarla subito dopo nella sua tenuta di campagna, per tornare ai suoi incarichi a Londra, quello della ragazza era di sopportare alla bene meglio il marito sempliciotto ed essere per lui una buona compagna in cambio della libertà (non solo sua ma anche dell'adorata zia inferma per amore della quale non aveva mai tentato di allontanarsi da casa dello zio e che è riuscita a portare con sè). La coabitazione porterà Vere a conoscere sua moglie e a rimanere affascinato non solo dal suo corpo (che l'aveva colpito appena l'aveva vista) ma anche dalla sua intelligenza acuta e dal suo carattere indipendente. E man mano che si conoscono, sempre meno voglia Vere avràdi vederla partire per sempre.
E' un innamoramento lento ma inesorabile quello che spinge l'una nelle braccia dell'altro queste due persone che il destino ha costretto  per anni a vivere nella finzione. La loro unione si rivelerà un sodalizio di anime simili,  in cui poter finalmente smettere di fingere e trovare se stessi. Il bello di questo libro, insomma, sta nel lento dipanarsi di questo avvicinamento di anime. E la Thomas è molto abile a descriverci ogni piccolo particolare di questa dolce capitolazione, cioè quell'innamoramento a cui nessuno dei due voleva arrivare. La scena della notte di nozze in cui entrambi bevono 'per farsi forza' è divertentissima.
Nel romanzo esiste anche una parte gialla, di investigazione che riguarda lo zio di Elissande, e viene dato anche un piccolo spazio a un'altra storia d'amore  fra il fratello di Vere, Freddie ( chi ha letto Intime Promesse si ricorderà  di lui) con l'amica d'infanzia Angelican di cui mi sarebbe piaciuto leggere di più. Anche con Freddie e  Angelica Vere ha  portato avanti per anni la sua farsa, così non mi ha stupito più di tanto la reazione violenta del fratello quando scopre che il caro "Penny" non è diventato così in seguito a una caduta da cavallo,  ma perchè recita una parte. Sinceramente faccio un po' fatica a credere che tuo  fratello non si renda conto che stai solo facendo finta di essere strambo, però allo stesso tempo mi piace il fatto che solo Elissande abbia avuto quella rivelazione riguardo alla vera natura del marito, perchè sostanzialmente lei e Vere sono uguali : entrambi hanno finto di essere qualcun altro. Elissande mostrando allo zio  un carattere docile e sottomesso che non le appartiene, e Vere decidendo di nascondersi dietro la maschera del fool per investigare.
SOLO DI NOTTE  ha un'ambientazione vittoriana, come i romanzi precedenti dell'autrice, ma non è tanto il background storico a fare da padrone, qui, quanto l'incredula scoperta, nonostante le premesse, di avere accanto a sè la propria anima gemella. E l'intesa non è davvero solo mentale, l'eros fra questi due è incredibile.
Alla fine del romanzo la Thomas tira naturalmente anche le fila della trama gialla, dove non mancano i colpi di scena, ma ho trovato molto più soddisfacente la conclusione della trama romantica, che sono sicura vi farà chiudere  il libro con un bel sorriso sulle labbra.
SOLO DI NOTTE forse non sarà il miglior romanzo di Sherry Thomas, ma è certamente una lettura più che gradevole, pensiero a quanto pare condiviso anche da molte iscritte all'associazione Romance Writers of America che nel 2011 l'hanno votato miglior romance storico del 2010, assegnandogli l'ambito  premio Rita. 








IN OCCASIONE DELL'USCITA DI HIS AT NIGHT/ SOLO DI NOTTE NEGLI STATI UNITI AVEVO FATTO A SHERRY THOMAS UNA BREVE INTERVISTA. ECCO LE  SUE RISPOSTE (SE VUOI LEGGERE L'INTERVISTA IN INGLESE CLICCA QUI):

LMBR: Cosa ti ha dato l'ispirazione per HIS AT NIGHT/SOLO DI NOTTE? 
Sherry Thomas: Dopo NOT QUITE A HUSBAND/PER SEMPRE TUA avevo bisogno di consegnare una proposta per il mio prossimo libro. La mia prima proposta non fu accettata. Così mi trovai a guardarmi attorno alla disperata ricerca di qualche idea. Visto che già in passato mi ero rivolta a Meredith Duran per trovare l'ispirazione ( una delle scene più cruciali in PER SEMPRE TUA era la mia versione della famosa scena del mappamondo in THE DUKE OF SHADOW - libro tradotto in Italia con il titolo di Cuori nell'ombra - la implorai di farmi dare un'occhiata in anteprima a WRITTEN ON YOUR SKIN (Sulla tua morbida pelle) , convinta che lì avrei trovato la mia musa. E avevo ragione. I primi capitoli di WRITTEN ON YOUR SKIN  su un uomo che non è così carino e innocuo come sembra e di una ragazza che non è così oca come può sembrare, mi hanno conquistata. Decisi su due piedi che avrei scambiato il sesso dei protagonisti, cioè che avrei avuto un eroe che non è così stupido come sembra e un'eroina molto meno dolce di quello che appare e quella sarebbe stata la mia premessa.

LMBR: La trama, con l'eroe che è un agente segreto, mi dà l'impressione che quello che leggeremo sarà un po' diverso dai tuoi romanzi precedenti. E' così? Dobbiamo aspettarci un po' più di azione questa volta? 
Sherry Thomas: Questo romanzo ha decisamente una trama che si sviluppa di più all'esterno rispetto alle mie storie precedenti. C'è un'investigazione in corso che vuole far luce sui presunti misfatti dello zio dell'eroina. Probabilmente la maggiore differenza con i miei libri precedenti è che non si tratta di una storia di amore ritrovato. Questa volta l'eroe e l'eroina non si sono mai conosciuti prima e questa per me è una cosa nuova. 
LMBR: Qualcosa della trama, forse il fatto che Vere si presenti come di uno 'degli scapoli più innocui e idioti dell'alta società' mi fa venire in mente La Primula Rossa. E' solo una coincidenza o avevi in mente il famoso romanzo della Baronessa Orczy quando hai scelto quella copertura per Vere? 

Sherry Thomas: In realtà avevo più in mente MR.IMPOSSIBLE di Loretta Chase,  che mi è piaciuto moltissimo. L'eroe di Mr. Impossible viene scambiato dall'eroina all'inzio del libro per uno stupido sempliciotto. HIS AT NIGHT ha un eroe che viene scambiato per uno stupido sempliciotto all'inzio del romanzo, ergo ho scritto Mr.Impossible. Si scoprirà invece che si tratta dell'anti-Mr.Impossible. Rupert, il 'vero' Mr.Impossible è infatti il tipo più incontrollabile, solare e diretto che si possa sperare di incontare in Romancelandia. Vere di HIS AT NIGHT è esattamente l'opposto: represso, riservato, e...dannato. Non ho mai scritto di un eroe dannato prima d'ora -- ferito sì, ma dannato mai. Ma Vere è proprio messo male.
LMBR: Questo nuovo romanzo è in qualche modo collegato ai tuoi libri precedenti? 
Sherry Thomas: Sì, questo è un quasi sequel di PRIVATE ARRANGEMENTS/INTIME PROMESSE, perchè Vere è il fratello maggiore di Freddie, un importante personaggio secondario di PA. E anche Freddie avrà la sua storia d'amore in questo. 
LMBR: La trama in quarta di copertina non dice molto dell'eroina Ellisande Edgerton,a parte il fatto che si deve sposare per fuggire da una situazione familiare insopportabile.Ci puoi anticipare qualcosa della sua personalità? 
Sherry Thomas: Elissande ha una personalità interessante per il fatto che quando chi legge la incontra per la prima volta pensa che sia probabilmente dannata quanto Vere. Ma non è così. E' determinata e in effetti deve fare delle scelte un po' opinabili per riuscire a sottrarre se stessa e sua zia dagli abusi dello zio, ma possiede una grandissima gioia di vivere e ama la vita e tutto ciò che di bello la vita può offrirle, ed è questa brillante vivacità ad attirare suo malgrado l'attenzione di Vere. 

LMBR: I tuoi romanzi che mi piacciono di più sono quelli con storie in cui i protagonisti hanno il tipico rapporto di odio/amore. E in HIS AT NIGHT ? 
Sherry Thomas: Oh, sì, c'è decisamente un rapporto odio/amore in HAN, misto a molti preconcetti da ambo le parti, perchè lei lo ritiene un completo idiota e lui la vede come una tremenda opportunista. Spero che vi piacerà viaggio che li porterà a scoprire la verità uno dell'altra. E grazie per avermi ospitata sul vostro blog! Come sempre è un piacere e un privilegio essere qui. 
Sherry
****

I ROMANZI DI SHERRY THOMAS IN ITALIANO
Private Arrangements (2008) - ed italiana : INTIME PROMESSE , Leggereditore, 2013 - LEGGI QUI la ns recensione
Delicious (2008) - ed italiana : TENTAZIONI DELIZIOSE , Leggereditore, 2013 - LEGGI QUI la ns recensione
Not Quite a Husband (2009) 
- ed italiana : PER SEMPRE TUA , I Romanzi Mondadori Classic, 2015 
LEGGI QUI la ns recensione
His at Night (2010) 
- ed italiana : SOLO DI NOTTE , I Romanzi Mondadori Classic, 2016
The One in My Heart (2015) - inedito

****
Fitzhugh Trilogy
0.5. Claiming the Duchess (2014) - racconto inedito
1. Beguiling the Beauty (2012) -  
ed italiana : INGANNEVOLE BELLEZZA , I Romanzi Mondadori Classic, 2014 - LEGGI QUI la ns recensione
2. Ravishing the Heiress (2012)
 -  ed italiana : UNA PAZIENTE CONQUISTA , I Romanzi Mondadori Classic, 2015 LEGGI QUI la ns recensione
2.5. A Dance in Moonlight (2012) - novella inedita
2.5. A Dance in Moonlight (2013) 
- novella inedita
2.75. The Bride Of Larkspear (2012) 
- novella inedita
3. Tempting the Bride (2012)
  ed italiana : SEDUZIONE DI UNA SPOSA , I Romanzi Mondadori Classic, 2015 -
London
1. The Luckiest Lady in London (2013) - inedito

****
L'AUTRICE

SHERRY THOMAS è arrivata negli Stati Uniti dalla Cina all'età di tredici anni. Un anno dopo, con tutto l'inglese imparato fin lì e il suo fidato dizionario cinese-inglese stava già divorando le 600 pagine di un romance storico fra quelli allora in auge. La lettura di storie sentimentali l'ha quindi aiutata a imparare la lingua e l'ha prepararla alla sua futura carriera di scrittrice romance.
Sherry vive a Austin in Texas con il marito e due figli. Quando non è impegnata con la scrittura, le piace leggere, fare giochi elettronici con i suoi ragazzi e ancora leggere.
VISITA LA SUA PAGINA FB:


TI INTRIGA LA TRAMA DI QUESTO ROMANZO? TI PIACEREBBE LEGGERLO? L'HAI GIA' LETTO? COSA NE PENSI? PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE E SCRIVI SE VUOI LA TUA RECENSIONE DEL LIBRO.
Clicca su G+ per diffondere questa recensione su Google.

13 commenti:

  1. Qualcuno ha avuto la possibilità di leggere sia l'edizione estesa in lingua originale e quella italiana 'copia e incolla'? Se si cosa ne pensa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente questa volta non l'ho fatto Alessandra, ma devo dire che il numero di pagine in meno dell'edizione italiana è un po' imbarazzante...

      Elimina
  2. Ormai da tempo compro tutti i libri di questa autrice che mi riservano sempre grandi emozioni. Ha una capacità di descrivere i sentimenti che poche altre a mio avviso eguagliano.

    RispondiElimina
  3. Praticamente hanno tradotto metà romanzo... complimenti mondadori!

    RispondiElimina
  4. Ragazze volevo rassicurarvi: ho sia l'edizione italiana che quella originale e, pur non avendo fatto un confronto pagina per pagina, mi sembra che non sia stato tagliato nulla.
    Anzi, aggiungo che la traduzione è veramente superba, e la Thomas non mi sembra un'autrice facile.
    S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della rassicurazione S. Mi fa molto piacere saperlo. La Mondadori solitamente ha ottime traduzioni.Solo non capisco questa differenza così grande nel numero di pagine fra un'edizione e l'altra visto che entrambe sono edizioni da grande distribuzione che prevedono molte righe per pagina... in ogni caso, la tua testimonianza ci riassicura.

      Elimina
  5. Care bibliotecarie, ormai siete il mio faro nella notte, e spessissimo prendo spunto dalle vostre recensioni per le mie letture (lo faccio ormai da un paio d'anni, da quando ho il lettore kindle e leggo molti più romance, anche in inglese... quando trovo qualcosa che mi intriga, faccio anche la ricerca sul blog e vedo se l'avete recensito anche voi ;) a volte mi stupisco che alcune scrittrici non ci siano, ma generalmente mi trovo sulla stessa vostra lunghezza d'onda. Ho fatto questo preambolo velocissimo :P per dire che ho letto anche His at night, e mi è piaciuto! come sempre, grazie!

    RispondiElimina
  6. I tuoi complimenti ci fanno sentire fiere di quello che facciamo,grazie! Ma...qui sono le scrittrici che ti stupisci di non trovare recensite? Sono curiosa...magari puoi darci qualche idea per nuove letture.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se in parte possa essere una questione di genere... ma non trovato Sophie Kinsella, ad esempio. Non amo molto la serie di I love shopping, ad esempio, ma molti dei suoi libri singoli sono carini e scritti bene, e non li ho trovati tanto diversi da altri che consigliate voi. Mi piacciono anche i suoi che firma Madeleine Wickham, ma forse sono troppo poco "spensierati", in certi momenti?
      Altra che ho visto poco è Anna Campbell... ho letto diversi libri della serie "Sons of sin" e mi sono piaciuti. Mi sembra di aver visto poco Karen Swan di cui ho letto un paio di libri carini, ed effettivamente avevo notato l'assenza di Anna Premoli. I suoi libri li ho letti praticamente tutti, la sua è una scrittura molto scorrevole, alle volte pure troppo, ma ho ritrovato questa stessa caratteristica anche in alcuni romanzi segnalati da voi, che non mi sembravano così diversi, come forma. Ma mi sono anche sbagliata: pensavo che aveste segnalato un libro che ho trovato molto noioso (come forma) di Christina Lauren, e invece non ne avete mai parlato! :D
      quindi bene, ritiro parte di quanto scritto in precedenza, buonanotte!

      Elimina
    2. Se Sophie Kinsella non viene trattata su questo blog cara Clelia una ragione c'è. La mia biblioteca romantica è un blog interamente dedicato al genere romance e la Kinsella scrive Chick lit, che imparentato alla lontana con il romance, ma non ne fa davvero parte. Qualche volta, passiamo il confine e proponiamo alle nostre lettrici libri che non sono veri e propri romance, ma avviene davvero di rado, di solito cerchiamo di rimanere nei ranghi del genere. Questo non significa che non leggiamo altri generi nella nostra vita, solo non ne parliamo qui. Diversamente da altri blog, cha trattano tutti i generi di letture noi ci siamo, diciamo così, "specializzate". Circa Anna Campbell, hai ragione, non rientra nei particolari favori di nessuna di noi. Mentre confesso di non aver mai letto Karen Swan. Visto che l'hai citata mi sono informata, vedo che alcuni suoi romanzi hanno la parola Tiffany nel titolo...sarà per quello? DA che è scoppiata la mania di mettere la parola Tiffany o New York nei titoli dei romance mi ci tengo alla larga. ;-) Circa la Premoli, dico la verità, il nostro rapporto con lei è partito prevenuto, perchè il suo primo romanzo era, diciamo le cose come stanno, una rilettura nemmeno tanto velata di Parctice Makes Perfecyt di Julie James ( che spero tu conosca e abbia letto perchè è bravissima) e le scopiazzature non ci sono mai piaciute molto. Poi, per fortuna, ha anche tirato fuori farina del suo sacco e la serie delle Bocconiane sembra proprio carina. Io non sono tra le sue fans più sperticate, ma sono libri simpatici.
      In ogni caso, così come diamo noi a voi nostri suggerimenti di lettura, spero che anche tu quando avrai letto un bel libro ce lo segnalerai. Siamo sempre alla ricerca di buone letture!

      Elimina
    3. :D Hai ragione, tra New York e Tiffany certi titoli sembrano davvero tutti uguali, peccato... Grazie della spiegazione, adesso ho capito bene la vostra mission!

      Elimina
  7. I tuoi complimenti ci fanno sentire fiere di quello che facciamo,grazie! Ma...qui sono le scrittrici che ti stupisci di non trovare recensite? Sono curiosa...magari puoi darci qualche idea per nuove letture.

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!