COSCE DI POLLO? PER CARITA'! - EPOCA VITTORIANA E SENSO DEL PUDORE di Adele V. Castellano


L'Amor sacro e l’Amor profano è un’opera a olio su tela di Tiziano dipinta intorno al 1515, oggi conservata alla Galleria Borghese di Roma. Lo stemma sulla fontana-sarcofago appartiene al gran cancelliere di Venezia, Niccolò Aurelio, committente del dipinto per le sue nozze avvenute nel 1514 con Laura Bagarotto. Il gran cancelliere, prima di sposare la donna, ne aveva mandato a morte il padre con l’accusa di alto tradimento. L'opera quindi non era solo un dono di nozze per riconciliarsi con la moglie, ma anche un atto politico. A parte il macabro assassinio del suocero, il quadro è meraviglioso e mette in evidenza l'armonico dualismo dell’Amore. Osservando questo dipinto, ho pensato a un periodo storico in cui anche uno starnuto poteva essere ritenuto sessualmente provocante.

Un indizio? Durante il regno della regina Vittoria d’Inghilterra, latitudine 51°30′30″ N, longitudine 0°07′32″ W (vi risparmio i calcoli, siamo a Londra).

Ebbene sì, pensavo all’epoca vittoriana. Tiziano dunque dipinge l’amore, qualche secolo dopo, nel 1870, John Everett Millais, ritrattista delle dame dell’alta società, dipinge il Cavaliere Errante, ovvero un quadro dove un cavaliere con la corazza sguaina la spada, per liberare una fanciulla nuda legata a un albero.

Per i vittoriani il quadro è vergognosamente impudico, così come il confronto tra la bianca carne tremante della fanciulla e le macchie di sangue sul filo della spada. L’artista alludeva forse a qualcosa di proibito, magari uno stupro? E, orrore degli orrori, intollerabile che la prigioniera volgesse lo sguardo al cavaliere misterioso. Quando mai una donna, per di più ignuda, può avere l’ardire di guardare negli occhi un uomo?

Millais fu costretto per il quieto vivere delle sue clienti (e del suo portafoglio) a ritagliare la testa della fanciulla. Vi cucì un altro pezzo di tela, su cui aveva ridipinto la fanciulla con il volto mestamente girato dall' altra parte. Insomma, signorina legata all’albero, non ha un briciolo di pudore?

Ma più che l’arte poté l’antropologia e, qui lo dico e qui lo nego, gli inglesi avevano qualche imbarazzo con il sesso visto che John Ruskin, che pure doveva aver visto nei quadri decine di nudi, rimase traumatizzato durante la sua prima notte di nozze alla vista del pelo pubico della moglie Effie. D’altronde la pruderie (in inglese prudery, castigatezza ipocrita) è una costante dell’epoca: secondo alcuni fu solo nel 1960, quando il romanzo L’amante di Lady Chatterley fu assolto dall’accusa di oscenità, che «crollarono finalmente le fondamenta dell’ordine vittoriano». Meglio tardi che mai.

Mostrare i piedi, i polpacci, il collo era una provocazione. Imbarazzanti le cosce di pollo nel piatto, uno scandalo se la tovaglia non copriva le gambe del tavolo. Se nel ‘700 avere un amante era più una moda che un'inclinazione alla lussuria, nell'epoca vittoriana era considerato peccaminoso persino provare piacere durante l’atto sessuale. Risultato? La prostituzione era diffusissima. Forse il puritanesimo ha influito sulla storia inglese più di quanto possiamo immaginare. Michel Foucault sostenne che la repressione ottocentesca non era altro che una fonte di sessualità: le pulsioni, strette nel busto rigido, non potevano che prorompere.

Quando Sir Lawrence Alma-Tadema dipinse il bellissimo quadro intitolato Tepidarium, ove una languida donna romana giace esausta più per l’intensa attività fisica che per i vapori delle terme, ne fece un minuscolo dipinto da esibire nel suo studio privato. E, per non correre rischi, lo espose prima in Francia che a Londra perché, anche nell’Inghilterra vittoriana, il peccato veniva sempre da Parigi.

Durante l’epoca vittoriana le ragazze avevano atteggiamenti di modestia esasperati: ballare quattro volte con un giovanotto dava adito a chiacchiere, rimanere sola con lui in una stanza era uno scandalo. L'unica deroga era quando il gentiluomo doveva chiederla in sposa, ma anche questo spesso era fatto di fronte a un pubblico che doveva attestare che non le fosse saltato addosso durante la dichiarazione.

Se una poveretta veniva violentata era costretta a sposarsi su due piedi, perché ormai compromessa. Quando andava bene le appioppavano un partito mediocre disposto a passare oltre il "peccatuccio" per soldi, quando andava male le toccava sposare l'uomo che l'aveva stuprata. Un mondo giusto, nevvero? Naturalmente molti violavano le regole, consumando il matrimonio prima della cerimonia o anche senza un reale impegno. Era nell'interesse di entrambi tacere sull'accaduto e, a volte, mariti e fidanzati erano così sprovveduti da non accorgersi che la loro sposa aveva molta, molta esperienza.

Nel caso il futuro sposo avesse avuto dubbi circa la castità della sposa, poteva richiedere un "esame dell'imene". La ragazza era visitata da alcuni medici che ne controllavano l'integrità. Sottoporsi a questo esame era estremamente umiliante perché si presumeva colpevolezza e in ogni caso, la donna era tacciata di comportamenti lascivi solo per il fatto che altri uomini, oltre al futuro marito, ne avessero esaminato o visto i genitali. Forse vedevano il sesso in ogni cosa perché non pensavano ad altro?

Pamela or The Virtue Rewarded è un romanzo scritto da Samuel Richardson nel 1740, l’eroina è un ottimo esempio di come avrebbe funzionato di lì a poco la società inglese: è povera ma pura e casta e non prende neppure in considerazione le sconvenienti proposte di Mr B, nonostante egli possa mantenerla nel lusso e lei stessa sia infatuata di lui. Pamela è dotata di grande elevatezza morale e corrisponde allo stereotipo della ragazza appartenente alla società puritana inglese del XVIII secolo, una giovane che tiene alla virtù ed alla verginità più che alla sua stessa vita. Ma tranquillizzatevi, dopo tutte le terribili vicissitudini, i nostri eroi convoleranno a giuste e pudiche nozze.

Risale a quel periodo la dicitura ancora oggi in voga di carne bianca, per indicare la carne proveniente da pollame e pesce. In origine questa descrizione era però riservata solo al lascivo petto di pollo, per sostituire la parola "petto" che era troppo osé per i canoni del tempo. Misteri della macelleria. La gamba di un tavolo scoperta era un sacrilegio, per carità copritela o Lord Sebold potrebbe avere uno scompenso cardiaco! Coprire, coprire tutto: zampe di leone dei mobili, i pomoli e gli appoggi di poltrone, tavolini, supporti e angoliere tutto camuffato affinché le menti degli ospiti non indugiassero in pensieri sconci. Sì, del resto alla parola "gamba" si sa, la fantasia galoppa...

Una caviglia scoperta, per un caso fortuito e non intenzionale, era il preludio di un'orgia, secondo i benpensanti. Mai nessuna fanciulla degna di questo nome avrebbe osato sollevare la gonna di pochi centimetri, per mostrare una porzione del suo leggiadro piedino. I gomiti erano una parte troppo intima per essere mostrata con leggerezza ma, stranezza delle stranezze, una profonda scollatura dell'abito era tollerata visto che, per un certo periodo, la moda decretava che il taglio del corpetto dovesse essere due centimetri sopra i capezzoli. Però, però… la scollatura doveva essere coperta da uno strato di tessuto leggero, per non scandalizzare troppo.

Le ragazze perbene non frequentavano musei e mostre sulla classicità, che all'epoca era in piena fase di riscoperta. Scusa Discobolo, vuoi coprirti i genitali? E voi, Miss Lauren, smettete di fissare quelle borsette penzolanti tra le gambe! Il Laocoonte avrebbe potuto traviare le povere fanciulle per tutta la vita e non è forse di quest’epoca la copertura degli stupendi affreschi della Cappella Sistina? Il Papa comandò che Daniele da Volterra, detto il Braghettone, dipingesse le brache a tutti i personaggi di Michelangelo che, orrore orrore, li aveva dipinti nudi. Michelangelo, vero antesignano di Playboy.

Ma erano tempo di grandi cambiamenti sociali. Le donne inneggiavano all'uguaglianza dei sessi, spuntarono le suffragette e si parlò per la prima volta di femminismo. Non solo: i moti per le costituzioni in tutta l'Europa, l'abolizione della schiavitù, il diritto di voto, sono solo alcune delle battaglie che si combatterono in quel secolo, affinché i diritti non rimanessero solo sulla carta.

Anche l'allargamento degli orizzonti (la stampa, il telefono, la radio) sono una conquista di quei tempi, così come quella del cielo e del mare. L'uomo mette finalmente in pratica gli ideali dell'Illuminismo.
Un orizzonte così vasto può essere una mèta ambita ma può anche far paura. I vittoriani, messi di fronte a simili cambiamenti si trovarono spiazzati, spaventati, tentarono di rimanere aggrappati a valori e comportamenti obsoleti per quei tempi. Si opposero perché spaventati a morte specialmente i più conservatori (e all'epoca essere progressisti non era di moda). Per questo motivo molti comportamenti vennero estremizzati nella speranza che, codificando gli aspetti dell'esistenza, questa rimanesse immutata. Forse fu proprio la paura del nuovo che li rese rigidi e bigotti, paura di un mondo diverso da quello fino ad allora  conosciuto.

Per fortuna la scelta vittoriana di ripiombare in un oscuro Medioevo culturale durò poco, perché il mutamento della società fece ben presto piazza pulita di tutte queste fissazioni, aprendo il rigido puritanesimo al mondo moderno. 


L'EPOCA VITTORIANA ( 1837-1801) VI AFFASCINA?
ALLORA VI CONSIGLIAMO ...

LISA KLEYPAS - "POMERIGGIO D'AMORE"(#5 Hathaways)
Beatrix Hathaway si trova più a suo agio in mezzo alla natura che non nelle sale da ballo. Nonostante le Stagioni trascorse a Londra, non è mai stata seriamente corteggiata né conquistata, e si è rassegnata a un futuro senza amore. Quando l'amica Prudence le rivela il proprio disappunto per le noiose lettere che riceve dal suo papabile fidanzato, il capitano Christopher Phelan impegnato nella guerra di Crimea, Beatrix si offre di rispondere al suo posto. Ciò che inizia come un innocente inganno, tuttavia, si trasforma inaspettatamente in qualcosa di profondo e passionale per entrambi, e Beatrix si scopre innamorata. Al suo ritorno, Christopher sarà più che mai determinato a fare sua la donna che attraverso quelle lettere lo ha definitivamente conquistato... Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.


LISA KELYPAS - "PECCATI D'INVERNO" (#3 Wallflowers/ Audaci Zitelle)
Evangeline Jenner è molto timida, e sarebbe anche molto ricca, se solo potesse entrare in possesso dell’eredità che le spetta. Pur di strapparla alle grinfie dei suoi disonesti parenti, è determinata a sfidare le convenzioni e a rivolgere allo scapolo impenitente Sebastian St Vincent la proposta più oltraggiosa di tutte: quella di matrimonio!Trascorrere più di un minuto in compagnia del visconte rovinerebbe la reputazione di qualsiasi fanciulla, ma non quella di Evie, certa di non voler entrare nella sua collezione di cuori spezzati. Tanto riservata quanto testarda, Evangeline è pronta a sfidarlo: si concederà a lui solo quando saprà dimostrarle di essere fedele. Un patto col diavolo o una scommessa d’amore?
Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

SHERRY THOMAS - " PER SEMPRE TUA"
La fine del loro brevissimo matrimonio non ha sorpreso nessuno, men che meno la sposa, Bryony Asquith. Un uomo bello e pieno di talento come Leo Marsden non poteva desiderare di passare la vita con una donna che ha sfidato ogni decoro divenendo medico, e lavorando come tale. Perché quindi, dopo tre anni dall'annullamento, Leo la rintraccia e la raggiunge nel remoto distretto dell'India dove si è ritirata? Perché ha deciso di riportarla in Inghilterra? È tempo di grandi disordini e di ribellioni, ma né le battaglie né i pericoli cui andranno incontro nel lungo viaggio di ritorno impediranno all'amore che un tempo li univa di rinascere.
Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

SHERRY THOMAS - "INTIME PROMESSE"
Da oltre dieci anni sono separati dall’oceano: lei a Londra, lui a New York. Il matrimonio tra lord e lady Tremaine è perfetto, basato sul rispetto, la cortesia e... la distanza. Difficile trovare un compromesso migliore per la società vittoriana. Nessuno si spiega, però, cosa possa aver messo fine a una passione così intensa. Uno scomodo segreto, l’orgoglio dettato da parole troppo a lungo taciute e un’ambizione spregiudicata hanno deciso per loro. Ma adesso una richiesta di divorzio sconvolge l’equilibrio finora mantenuto. Un accordo privato e una scadenza che rimanda tutto all’anno seguente decideranno se la coppia più invidiata di Londra sarà in grado di ricucire gli strappi del tempo oppure se dovrà separarsi per sempre. Riusciranno i capricci del destino a scalfire un sentimento sincero, un desiderio che arde nel profondo del cuore?
Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

VIVIANA GIORGI - "UN AMORE DI FINE SECOLO" 
Un uomo non ha il diritto di essere tanto seducente, che sia un principe o un semplice… Questo pensa Camille Brontee, giovane inglese da poco sbarcata a New York, nell’attimo in cui il suo sguardo si posa per la prima volta sull’impetuoso e imprevedibile Frank Raleigh, scambiandolo per un facchino. E quando, poche sere dopo, lo incontra di nuovo in un palco del Metropolitan, affascinante nel suo impeccabile abito da sera nero, a pensare non riesce neppure, perché il respiro all’improvviso le si blocca in gola. Inizia così, nell’ottobre del 1898, l’avventura di Camille Brontee nel Nuovo Mondo, dove tutto è possibile, dove persino una donna può guadagnarsi un posto in un universo maschile come quello della redazione di un giornale. 
Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

CONNIE BROCKWAY - "CARO NEMICO"

Inghilterra, 1887. All'apertura del testamento di Horatio Thorne, una sola cosa è certa: a contendersi Mill House, leggiadra dimora di campagna, saranno il nipote Avery e Lily, una lontana parente. il giovane però potrà avere l'eredità solo se, nel giro di un lustro, la ragazza non sarà riuscita a ricavarne degli utili. Ma trascorsi quei cinque anni, Avery scoprirà che l'unica cosa che veramente desidera è Lily.
Ti interessa questo libro? Lo puoi trovare QUI.

E SE NON L'AVETE VISTO...

The Young Victoria (2009), con Emily Blunt nella parte di Vittoria e Rupert Friend nei panni di Alberto, racconta l’ascesa al trono e i primissimi, e turbolenti, anni di regno della Regina Vittoria, nonchè la nascita e e la consacrazione del grande amore della sovrana con il marito, il Principe Alberto.
La giovane Principessa Vittoria di Kent erede legittima al trono d’Inghilterra durante gli ultimi anni del regno di suo zio, re Guglielmo IV (Jim Broadbent), viene allevata in vista del suo futuro impegno in maniera piuttosto rigida sia da sua madre, la duchessa di Kent (Miranda Richardson) che da Sir John Conroy (Mark Strong), addetto all’educazione e alla preparazione di Victoria e della sua famiglia all’oneroso ruolo di famiglia reggente. Conroy piuttosto ambizioso, in cuor suo spera che Guglielmo IV muoia mentre Vittoria è ancora minorenne, così che dietro la duchessa una volta nominata reggente ci possa essere egli stesso come potere occulto a tirare le fila della nuova sovrana. Vittoria però ha un carattere piuttosto ribelle e quando sarà il momento si rifiuterà di firmare i documenti che renderebbero Conroy suo segretario personale. Nel frattempo in Belgio lo zio di Vittoria, re Leopoldo I (Thomas Kretschmann), vuole sfruttare la parentela con i Kent garantendo così una solida alleanza tra Gran Bretagna e Belgio. Rendendosi però conto che sua sorella sta perdendo il controllo di sua nipote Vittoria, sempre più ribelle e recalcitrante ai suoi doveri, decide di inviare in Inghilterra suo nipote, il principe Alberto di Sassonia  affinchè seduca la nipote.
Ti interessa questo film? Lo puoi trovare QUI.

****

VI AFFASCINA L'EPOCA VITTORIANA? VI PIACCIONO LE STORIE AMBIENTATE DURANTE IL LUNGHISSIMO REGNO DI QUEEN VICTORIA? QUALE ALTRO ROMANZO CONSIGLIERESTE?


10 commenti:

  1. Difatti... nell' era vittoriana nacque e trionfò l' isteria femminile, fino all' invenzione... del vibratore !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo un film di un po' di anni fa che ripercorreva la storia di qs invenzione... prodigiosa! :-) Mi sfugge il titolo, ma era divertentissimo! Un argomento simile trattato con i tipici aplomb e ironia inglesi, da capottarsi dalle risate!

      Elimina
    2. il film era Hysteria del 2011

      Elimina
    3. Ricordo un film di un po' di anni fa che ripercorreva la storia di qs invenzione... prodigiosa! :-) Mi sfugge il titolo, ma era divertentissimo! Un argomento simile trattato con i tipici aplomb e ironia inglesi, da capottarsi dalle risate!

      Elimina
  2. Alessandra I.20/01/16, 09:38

    Cara Adele, se la storia fosse spiegata come riesci a farlo tu, probabilmente molti studenti non dormirebbero sui libri durante quelle ore!
    Il commento di Mirella qui sopra mi ha tolto le parole di bocca... ehm dalla tastiera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessandra! Per un attimo pensai di dedicarmi all'insegnamento della storia... ma poi la vita mi ha sviata ed eccomi qui, a scrivere di storia in un altro contesto. Oggi mi basta sapere che anche una sola di voi ha rivalutato un periodo storico o un personaggio, grazie ai miei libri. Credimi, per me è già un grande successo. Un abbraccio a tutte le lettrici del blog!

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. troppo divertente, mamma mia che risate....
    è proprio per questo che non amo proprio questo periodo,
    che definirei alluncinante,
    e difficilmente leggo romanzi di quest'epoca.

    RispondiElimina
  5. Grazie, Adele, come sempre. I tuoi articoli sono deliziosi.

    RispondiElimina
  6. Articolo molto interessante!!!!Adoro i romanzi storici che siano dell'epoca vittoriana,romana od altro ancora!!!
    Scoperti grazie a te Adele e qui nel blog e tra un thriller e l'altro(che resta sempre il mio primo amore)
    cerco di rimediare leggendone il più possibile!!!

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!