BOB IL DISTRUTTORE DI GUINZAGLI di Sue Brown (Triskell) -> Recensione


Autrice: Sue Brown
Titolo originale: Bob the Destroyer of Leads
Traduttore: Victor Millais
Genere: MM
Ambientazione: UK, Londra
Casa Editrice: Triskell Edizioni, pp.127, 6 novembre 2015
Pubblicazione originale: Sue Brown’s Stories, 16 maggio 2013
Livello di sensualità: MEDIO/BASSO
Disponibile in ebook: Solo in Ebook, euro 3,49

TRAMA:  Bob è un beagle con un gran brutto carattere. Mangia ogni guinzaglio acquistato dal suo disperato padrone, Will Duffy. Un attimo prima gli sta passeggiando accanto e l’attimo dopo sta correndo libero e trionfante lungo la strada, con Will che lo rincorre.
Questo è solo un gioco per Bob fino al giorno in cui, strappando il decimo guinzaglio, viene investito dall’auto di Lawrence Taylor. Lo scontro gli fa perdere conoscenza e lo lascia con la zampa posteriore rotta. Will deve chiedere a Lawrence un passaggio dal veterinario e sopportare che l’uomo lo rimproveri fino a destinazione. E cosa ancora peggiore, Will scopre che Lawrence è un addestratore di cani!
Bob viene ingessato ed è costretto a indossare il cono della vergogna. Naturalmente, Lawrence pensa che tutto ciò di cui Will e Bob necessitano siano alcune ore di addestramento, se non fosse che Bob non ha ancora incontrato un addestratore che non è riuscito a fare desistere. Lawrence ce la farà a portare a termine il lavoro?


Dolcissima Sue Brown con questa serie Lyon Road Vets, storie delicate e non troppo osé come invece altri suoi scritti, ma con delle riflessioni profonde circa la natura del rapporto uomo/animale da compagnia.

In questo secondo capitolo ci presenta Bob, un Beagle vivacissimo che a causa della sua incontenibilità finisce addosso a un’auto e diritto alla clinica veterinaria per un intervento d’urgenza. Il suo proprietario,
Will, è un ragazzo che dalla vita ha ricevuto grandi dispiaceri trasformati in profondo dolore, che gli causa una depressione talmente forte che per qualche anno non è potuto uscire di casa, andare al lavoro, stare in mezzo alla gente. Non ha potuto vivere. Su consiglio della sua psicologa adotta Bob, che con il suo carattere irruento gli rallegra le giornate e riempie quel vuoto affettivo che la morte dei genitori ha lasciato. Finché non finisce sotto a una macchina dopo aver strappato il guinzaglio. La macchina appartiene a Lawrence, addestratore di cani, uomo dal carattere forte, che non accetta un no come risposta. Lawrence si impone nella vita di Will, nonostante questi cerchi di allontanarlo con ogni mezzo.
Attraverso il rapporto di Will con il suo cane, l’autrice mette in evidenza come la responsabilità nei confronti di qualcuno di indifeso, anche se si tratta di un animale, sproni chi vive una situazione di depressione a far leva su se stesso per essere presente e d’aiuto. La preoccupazione di Will non è tanto “Chi mi terrà compagnia adesso?”, quanto “Sarò in grado di occuparmene?” e questo dimostra come la cura verso un altro essere, faccia di un soggetto depresso qualcuno che si dia degli stimoli per essere attivo e presente, si ponga delle domande non egoistiche, volte a desiderare il benessere di colui del quale se ne ha la responsabilità. Un messaggio, sicuramente romanzato, ma perfettamente recepibile su quanto sia importante la pet therapy, su quanto potere di guarigione abbia un piccolo esserino peloso su di una persona che soffre di depressione.
Attraverso il nascente rapporto con Lawrence, invece, la Brown ci dà modo di vedere le cause della depressione, cosa spinge Will a isolarsi e a costruire muri invisibili per allontanare chiunque. Will vive la perdita dei genitori con forte senso di colpa, si attribuisce la causa della morte adducendo il fatto che lui era presente e per questo motivo sono morti. Allontana Lawrence non per masochismo, visto che prova dei sentimenti per il ragazzo, ma per una sorta di autoconservazione, per evitare di soffrire nuovamente, conscio del fatto che, un nuovo dolore, una nuova perdita, lo annienterebbe del tutto. Innamorarsi, permettersi di far entrare qualcuno nella sua vita, vuol dire dargli un potere che Will non è sicuro di voler accordare. Per questo allontana Lawrence, ma si rende anche conto che la sofferenza causata della lontananza è qualcosa di simile a una perdita vera e propria. I meccanismi di difesa adottati da chi soffre di depressione sono complicati e assolutamente personali. La Brown non entra nel merito più di tanto, ma li accenna per dare modo di capire le scelte di Will. 
Ho giudicato il livello di sensualità medio / basso poiché non ci sono particolari scene erotiche. Will ha diciassette anni quando rimane orfano, ne consegue che, ora che ne ha ventidue, si trova totalmente privo di esperienza e si approccia al sesso sì con desiderio, ma anche con la cautela dettata dalla paura del rapporto di coppia. C’è però una scena che è di una sensualità incredibile, dove Will e Lawrence e due amici, Evan e Peter, i protagonisti del libro precedente, tutti e quattro completamente vestiti, raggiungono l’orgasmo attraverso carezze e stimoli visivi. Questo per ribadire che una brava autrice, quando imposta una storia che ha un registro romantico e dolce, sa come far apparire eccitanti e sensuali i suoi protagonisti, senza bisogno di dirty talking o di forzare la situazione pur di inserire la famosa scena erotica-sesso-spinto-a-più-non-posso, che la lettrice in linea di massima si aspetta.
Valuto questo romanzo 4 cuori per la bravura della Brown nel raccontare una storia che ha delle situazione drammatiche ma senza appesantirle o renderle più incisive rispetto alla leggerezza e alla dolcezza che fanno da conduttrici per tutto il libro. 
 








LA SERIE LYON ROAD VETS

Hairy Harry’s Car Seat (Lyon Road Vets, #1) - ed. italiana:  Il posto di Harry Quattrozampe - Triskell
Bob the Destroyer of Leads (Lyon Road Vets, #2)  - ed. italiana:  Bob il distruttore di guinzagli - - Triskell
Hazel Takes Over (Lyon Road Vets, #3) di prossima pubblicazione
Stormin’ Norman (Lyon Road Vets, #4) di prossima pubblicazione


L'AUTRICE

Sue Brown appartiene al suo cane e ai suoi due bambini. Quando non è impegnata a eseguire i loro ordini, si reca all’università, per ascoltare le lezioni sui teologi del passato. Tuttavia spera sempre che i professori non le facciano delle domande, poiché la sua mente è indaffarata a tramare il modo di far innamorare due cowboy.
Sue ha scoperto il genere gay maschile mentre guardava un programma tv dove c’erano due uomini che si baciavano. Prima di trovare il coraggio di sfondare nel mondo della narrativa vera e propria, Sue scriveva racconti fan fiction.

VISITA IL SUO SITO: http://www.suebrownstories.com/


TI INTERESSA QUESTO LIBRO? L'HAI GIA' LETTO? COSA NE PENSI? CONOSCI QUESTA AUTRICE? QUALE ALTRO SUO ROMANZO CONSIGLIERESI?

Nessun commento:

Posta un commento

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!