DUE CUORI IN FUGA di Mary Balogh (Mondadori) -> Recensione

Autrice: Mary Balogh
Titolo originale: The Escape
Traduttore: Maria Grazia Bossetti
Genere: Storico / Regency
Ambientazione: Galles, 1815 circa
Pubb.originale: Dell, 2014, pp.394
Pubblicazione italiana:  Mondadori, collana Emozioni n. 39, giugno  2015, pp. 208
Parte di una serie: 3° serie Survivors' Club
Livello sensualità: MEDIO
Disponibile in ebook? Sì,  €3.99

TRAMA: Sopravvissuto alle guerre napoleoniche, sir Benedict Harper si sforza di andare avanti, sebbene profondamente segnato nel corpo e nello spirito. Non si aspetta di ritrovare la speranza nella bellissima donna che ha quasi travolto con il proprio cavallo. Provata dal lungo periodo di sofferenze e dalla morte del marito, Samantha McKay decide di rifugiarsi in Galles per sottrarsi al controllo dei parenti, e Ben si offre di accompagnarla. Complice la vicinanza imposta dal viaggio, nasce tra loro un'intensa attrazione. Ma cosa può offrire a una donna un uomo così lacerato nell'anima? Ed è possibile, per una donna ferita nel cuore, amare ancora?


Una cosa che mi fa entrare subito in empatia con i personaggi di un romanzo e con la storia stessa è il livello di 'verità' in cui sono descritti. So di stare leggendo una storia inventata, ma allo stesso tempo mi piace credere che da qualche parte, due secoli fa, un uomo e una donna abbiano davvero potuto vivere quella storia. Mary Balogh in questo libro riesce dare ai suoi protagonisti la giusta dose di spessore e calore. Non sono personaggi di cartone, stereotipi da romanzo di maniera, ma un uomo e una donna che si incontrano in un momento importante, il momento in cui devono fare delle scelte, decidere che direzione dare alle loro vite. Non un momento facile, insomma. Entrambi ambisco ad avere una vita più soddisfacente, più autonoma, meno in balìa delle decisioni altrui. Come si inseriscono l'amore e il desiderio in tutto questo? Come nella vita reale, con un po' di fatica, con impulsi in conflitto fra loro. La FUGA a cui accenna il titolo del romanzo più che fisica è una fuga esistenziale. Un genuino desiderio di libertà.
All'inizio del romanzo, 4° della serie Survivors' Club, tutti i membri del club si incontrano al meeting annuale presso la tenuta del Duca di Stanbrook, Penderris, in Cornovaglia. Chi non ha letto i romanzi precedenti forse farà un po' fatica a capire 'chi è chi' in queste prima pagine, ma c'è di buono che non è una scena lunga e poi l'incontro finisce e la Balogh segue il protagonista, Sir Benedict Harper, costretto a causa di gravi ferite alle gambe a camminare con due bastoni mentre si avvia verso la casa di sua sorella nella contea di Durham. Così conosciamo anche la sua vicina, Samantha McKay, rimasta vedova da qualche anno e la sua antipaticissima cognata Matilda. Samantha è stata accanto al marito, ferito in guerra, per cinque lunghi anni. Nonostante il Capitano Mathheew McKay fosse un incallito donnaiolo, incurante delle sofferenze della moglie, Samantha ha fatto il suo dovere di moglie assistendolo per tutti quegli anni, ha anche sofferto per la sua
scomparsa, ma non ora non  può più obbligarsi a sentirne la mancanza. Dopo tanti mesi di sofferenza, solo da poco la donna ha ripreso a vivere le abitudini del passato e vorrebbe potersi dedicare a qualche passeggiata sotto il sole, in compagnia del simpatico cane Tramp. Proprio mentre sta passeggiando con Tramp Samantha viene quasi atterrata e ferita da un uomo a cavallo, Sir Ben Harper.... Uhmmm vi ricorda qualcosa questa scena? Sono sicura di sì. Lì per lì nessuno dei nostri protagonisti ha idea chi sia l'altro, ma quando la sorella di Ben fa una visita di buon vicinato a Samantha e Matilda, Ben la segue per scusarsi. I loro incontri successivi sono piacevoli ed educati, i due conversano con facilità e humour. Si piacciono e si avverte una reciproca attrazione. Quando il suocero di Samantha manda i suoi scagnozzi per riportarla a casa e richiamarla ai suoi doveri di 'brava vedova', Samantha decide di fuggire e rifugiarsi in un piccolo cottage in Galles ereditato da sua madre. Ben si offre di accompagnarla, non potendo lasciarla fare il viaggio da sola, senza scorta. Quel viaggio insieme approfondirà la loro amicizia ma farà aumentare anche l'attrazione. 
La fuga per Samantha, che non è mai stata accettata dalla famiglia del marito a causa del suo sangue zingaro, è un modo per tornare ad avere una vita dignitosa, senza un marito egoista e fedifrago, lontana dalla famiglia di lui che l'ha sempre disprezzata.
Anche Ben desidera 'scappare': grazie alla sua determinazione è sopravvissuto ed è riuscito a
Cottage sul mare...come quello di
Samantha?
camminare di nuovo, guadagnando in autostima. La depressione è però sempre incombente, per non poter più fare quello per cui era portato, essere un soldato, condurre gli uomini in battaglia e per non essere più attraente come uomo, non poter più ballare.
La FUGA in Galles sarà soprattutto un viaggio di scoperta personale di due persone ferite dalla vita e il cottage sarà per loro il rifugio ideale, un affascinante costruzione di pietra, vicino a una spiaggia solitaria. Il setting ideale per un idillio. Però Samantha dovrà affrontare il difficile incontro con l'uomo che ha testardamente ignorato sua madre per anni: Bevan, suo nonno. E ci saranno diverse incomprensioni ancora da risolvere. Nonostante cedano volentieri alla passione (galeotta la splendida spiaggia solitaria), Ben e Samantha capiranno solo a poco a poco di essere giusti l'una per l'altro.
Indubbiamente in questo romanzo la Balogh concentra la sua attenzione più sullo sviluppo dei caratteri che sugli eventi. I protagonisti sono maturi e verosimili. E i personaggi secondari interessanti. Il ritmo è rallentato per poter far godere a pieno delle descrizioni dei sentimenti e dei luoghi (qualcuna non apprezzerà forse questo aspetto, ma è una parte del suo bello a mio avviso. Ed essendo la Balogh gallese, ha profuso in questo libro tutto il suo amore per la sua terra d'origine). 
DUE CUORI IN FUGA è una storia che parla di rigenerazione e perdono. Di seguire i propri sogni e impegnarsi per raggiungerli. I veri cambiamenti nella vita si guadagnano solo a piccoli passi.
Dopo aver letto questo libro vi verrà voglia di avere anche voi un cottage di pietra vicino al mare e di poter gustare uno dei favolosi pasti 'all-Welsh' della signora Pierce!








MARY BALOGH DICE DEL LIBRO...
DAL SITO HAPPYEVERAFTER 


HEA: Mary, raccontaci qualcosa del nuovo libro.
MB: Il mio nuovo romanzo, The Escape (Due cuori in fuga) , è il terzo, dopo The Proposal e The Arrangement di una serie in sette parti, conosciuta come The Survivors' Club (Il Club dei sopravvissuti). Le storie riguardano sei uomini e una donna che in passato hanno trascorso tre anni in Cornovaglia nella casa di uno di loro per rimettersi da varie ferite subite durante le guerre napoleoniche. Cinque di loro erano militari , una la moglie di un ufficiale ed era con lui quando morì in seguito alle torture subite in prigionia. Un altro di loro è un duca, a cui appartiene la casa nella quale sono stati durante la convalescenza. Lui non ha combattuto direttamente nelle guerre contro Napoleone, ma lo ha fatto il suo unico figlio che è morto in battaglia e dopo poco da quella notizia la moglie si è suicidata. The Escape (Due cuori in fuga) è la storia di Sir Benedict Harper. Ha subito lo schiacciamento di entrambe le gambe durante una carica a cavallo. Dopo sei anni riesce a camminare, ma solo appoggiandosi a dei bastoni fatti apposta per lui e deve fare i conti con il fatto che non camminerà mai più come prima, nè potrà mai tornare alla sua carriera militare che tanto ha amato. Dopo essere stato al raduno annuale del Club dei Sopravvissuti, Ben decide di andare al nord per stare con la sorella mentre decide del suo futuro. Ed è lì che incontra Samantha McKay, la vedova di un altro ufficiale, morto da poco, dopo
aver combattuto a sua volta a lungo contro ferite di guerra. Dopo un disastroso primo incontro, Ben e Samantha non sono molto inclini alla reciproca simpatia; Samantha in particolare non vuole avere più niente a che fare con un altro soldato ferito. Ma le circostanze la forzano a scappare da casa sua per raggiungere il lontano Galles e un piccolo cottage che non ha mai visto. Ben fa quello che farebbe qualsiasi gentiluomo e insiste per andare con lei, sebbene i lunghi viaggi siano un'agonia per lui a causa delle sue gambe. In Galles Samantha scoprirà qualcosa della sua storia personale e rimetterà insieme la sua vita, conquistando una forma di indipendenza. E sarà sempre in Galles che Ben riuscirà inaspettatamente a scoprire la risposta alle sue domande sul futuro. Nel frattempo, naturalmente, si innamoreranno, sebbene conquistare una nuova vita per se stessi e stare insieme possa sembrare una combinazione impossibile. Come succede spesso nei miei libri, è solo dopo che i personaggi guariscono e sono di nuovo in grado di essere autonomi che riescono a trovare il modo di amare e stare insieme alla persona che amano.

HEA: Quali sono le cose che preferisci in questo romanzo?
MB: Sono tre in particolare:
Sir Benedict Harper è uno dei sette 'sopravvissuti' alle guerre napoleoniche. Le sue gambe sono rimaste schiacciate in modo talmente serio che gli è stata suggerita l'amputazione. Che lui ha rifiutato, girando che sarebbe tornato a camminare e a ballare. Tutta la sua vita aveva sempre girato attorno alla sua salute fisica e alle sue capacità atletiche e la sua posizione di ufficiale di cavalleria era tutto per lui. Riuscire a fargli accettare la realtà e fargli trovare nuovi sbocchi per la sua vita, senza che perdesse il suo spirito, è stata una sfida che mi è piaciuta molto.
Mary con mamma e sorella in Galles
Samantha McKay non è stata padrona della sua vita per molti anni, in quanto moglie di un uomo ferito e dominante e nuora di un uomo potente e tirannico. Ora, da vedova, sta affrontando una vita con ancora meno potere. Accompagnarla lungo la storia, mentre forgia per se stessa una vita indipendente e dignitosa è stata pura gioia per me.
Quando Samatha scappa dal tirannia del suocero, va nel Galles del Nord dove possiede quello che pensa sia un cottage diroccato. La maggior parte della storia si svolge là. Il Galles è il mio paese d'origine e sento per quella terra un amore appassionato, come la maggior parte delle persone per la loro patria. Questa ambientazione mi è quindi molto cara.

****
 SERIE SURVIVORS' CLUB
1. The Proposal (2012) - ed. italiana: LA PROPOSTA,  Mondadori, I Romanzi Emozioni, nr 17, agosto 2013 Hugo Emes, Lord Trentham e Gwen, Lady Muir LEGGI QUI la ns recensione
1.50.The Suitor (2013) - novella solo in ebook -  Philippa Dean e Julian Crabbe inedita
2. The Arrangement (2013) -ed. italiana: LA LUCE DELL'AMORE,  Mondadori, I Romanzi Emozioni, nr 31, ottobre 2014 - Vincent Hunt, Visconte di Darleigh e Sophia Fry - LEGGI QUI la ns recensione

3. The Escape (2014) - ed. italiana: DUE CUORI IN FUGA,  Mondadori, I Romanzi Emozioni, nr 39, giugno 2015 -  Sir Benedict Harper e Samantha McKay
4. Only Enchanting (2014) - Flavian, Visconte di  Ponsonby e Agnes Keeping
5. Only a Promise (2015)Ralph Stockwood e Chloe Muirhead
6. Only a Kiss (2016) - Lady Imogen Barclay e Percival Hayes, Conte di Hardford
****

L'AUTRICE
Mary Balogh, una delle più acclamate e premiate autrici contemporanee del genere storico/regency, è nata a Swansea, nel Galles, terra di mare e montagne,canzoni e leggende. Un bagaglio di emozioni che l'autrice ha portato con sè quando decise di trasferirsi in Canada con un contratto di tre mesi come insegnante. Quella che doveva essere un'esperienza temporanea si è però trasformata in una nuova vita, perchè in Canada Mary ha incontrato Robert che ha sposato e con il quale ha avuto tre figli. In Canada Mary ha anche iniziato la sua carriera di scrittrice, pur continuando a fare l'insegnante a tempo pieno. Il suo primo successo, A Masked Deception, scritto a mano nei ritagli di tempo sul tavolo della cucina, uscì nel 1985 e vinse in quell'anno il premio della rivista Romantic Times come miglior opera prima nel genere regency. Molti romanzi e racconti hanno seguito negli anni quel primo successo e oggi Mary Balogh è una scrittrice romance a tempo pieno e ogni suo libro è atteso con impazienza da milioni di fedeli lettrici in tutto il mondo.
VISITA IL SUO SITO: http://www.marybalogh.com/

TI PIACEREBBE LEGGERE QUESTO LIBRO? L'HAI GIA' LETTO? COSA NE PENSI? QUAL E' IL ROMANZO DELLA SERIE CHE TI E' PIACIUTO DI PIU'? PARTECIPA ALLA DISCUSSIONE.



2 commenti:

  1. A me è piaciuto molto. Non è il mio preferito della serie, che rimane il primo, ma anche questo è veramente bello ed interessante. Il suo ritmo lento, le sue introspezioni, il fatto che riusciamo perfettamente a vedere la crescita e il cambiamento dei personaggi... tutto contribuisce a confermare la mia opinione che Mary Balogh sia in assoluto la migliore scrittrice di historical romance (in particolare regency) che abbia mai letto. Grazie a lei, davvero, si viene trasportati a due secoli e mezzo fa, ci si muove negli ambienti che lei descrive meravigliosamente, siano essi piccoli cottage sul mare o grandiose ville immerse nella campagna inglese, si vive con i protagonisti, si ama, soffre e gioisce con loro
    Più leggo i romanzi della Balogh (magari anche andando a riscoprire cose del passato), più mi rendo conto che veramente non basta documentarsi un po' su un'altra epoca e ricalcare schemi e stereotipi di genere per dire di aver scritto uno "storico"... brave quasi come lei, ritengo che siano davvero poche: la Kleypas, ad esempio, e tra le più giovani, Sarah MacLean e Sherry Thomas. Brave *come lei*, nessuna.

    RispondiElimina
  2. inutile dilungarsi adoro questa scrittrice!

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!