IL DIARIO SEGRETO DELLA CONTESSA di Patrizia Ferrando e intervista all'autrice





Titolo: Il diario segreto della Contessa
Autore: Patrizia Ferrando
Editore: Litho Commerciale
Collana: Cartoline d’amore
Data di Pubblicazione: Agosto 2014
Pagine: 152
Formato: brossura
Prezzo di copertina: € 15,00

"24 dicembre 1926 - Premiere neige et grand froid.
Il gelo arabescava bianchi motivi sui vetri della finestra. La neve, o il tempo trascorso, ovattavano luci e voci della vigilia, fino a trarne un quadro quasi estraneo, piuttosto sfocato. Teresa, seduta sulla poltrona di velluto liso, col solo conforto della coperta ad avvolgerle le ginocchia, ripeteva fra sé certe
melodiose speranze di vigilie remote.”
Palazzo Tornielli a Molare (AL)
Teresa Cordero di Montezemolo, seconda moglie del conte Celestino Tornielli di Crestvolant, tenne un diario tra il 1885 e il 1926: pagine che fanno rivivere il bel mondo di Torino, le giornate autunnali nella dimora di campagna dell’ovadese, i viaggi, i soggiorni a Nervi, ma soprattutto rievocano sentimenti, luci e ombre di una donna che attraversa decenni di trasformazioni storiche e complesse vicende personali…
INTERVISTA ALL'AUTRICE
LMBR:“Il diario segreto della Contessa” è, per tua definizione, un “romanzo non romanzo”. Che cosa significa?
PATRIZA FERRANDO: Poco meno di un anno fa, in maniera che definisco- questa sì!- romanzesca- trovai, da un antiquario, il diario di una nobildonna, scritto fra il 1885 e il 1926. Lo comprai d’impeto, colpita dai nomi notati subito e dalla possibilità di avvicinarmi a un documento così particolare.
Quando ho iniziato ad accarezzare l’idea di far nascere un libro che raccontasse questa storia di donna, mi sono interrogata molto sul modo in cui narrarla: spero di essere riuscita a entrare almeno un poco in un complesso di sentimenti ed esperienze, cercando di usare empatia più che filtri. Alla fine ho deciso di riportare brevi corsivi con frasi del diario stesso, scrivendo poi i capitoli in terza persona. Per documentarmi e dettagliare meglio scenari e contesto storico, ho utilizzato fonti d’archivio, lettere e giornali d’epoca.

LMBR: Chi era Teresa?
Nobildonna
PATRIZA FERRANDO: Teresa era una Cordero di Montezemolo, e, verso i 30 anni, età per l’epoca considerata praticamente da zitella, sposò il conte Celestino Tornielli di Crestvolant, già vedovo e padre di cinque figli.
Teresa ebbe a sua volta altri cinque bambini, fra cui due gemelli, e attraversò un’epoca di enormi cambiamenti sociali, fra Torino, Genova, e la campagna basso piemontese, dal mondo romantico ma inquieto di fine Ottocento, al conflitto mondiale, al dopoguerra pieno di cambiamenti da cui non si sarebbe più tornati
indietro. All’inizio del diario viaggia in carrozza…alla fine in auto; l’aspetto davvero interessante è però la sua evoluzione come donna, come persona.

LMBR: Come è nata l’idea di scrivere un libro partendo dal suo diario?
PATRIZA FERRANDO:La mia prima curiosità nel leggere le pagine del diario, scritte in francese secondo l’uso di molti nobili del tempo, ha riguardato i balli, gli abiti, le usanze del tempo perduto che lungo la strada s’intende anche come un matrimonio combinato divenne, solo dopo anni, un amore bello e grande.
sembravano tornare vive nelle parole di una protagonista. Non per niente le prime pagine furono scritte in pieno carnevale! Il desiderio di tradurre correttamente il tutto, e poi tramutarlo in un romanzo in terza persona, invece ha preso forma quando mi sono resa conto di come, nella lettura, si dipanasse il cambiamento di una ragazza sensibile ma piuttosto immatura in una donna affascinante e consapevole di sé.

LMBR: Pensi che questo libro possa piacere alle appassionate di romance?
PATRIZA FERRANDO: Spero di sì! In fondo, sebbene non contenga elementi di pura invenzione, e innegabilmente alcune pagine siano permeate di tristezza, “Il diario segreto della contessa” racconta dall’interno una figura che non stonerebbe in un romance storico…e parla d’amore e sentimenti.

RINGRAZIAMO PATRIZIA E AUGURIAMO FORTUNA A QUESTO LIBRO CHE SIAMO SICURE AFFASCINERA' MOLTE LETTRICI .






LEGGI UN ESTRATTO DEL LIBRO...


1885, 17 febbraio, Mardi Gras
Ieri sera ho condotto Max al bal d’enfants dal Duca d’Aosta, era delizioso, tutto vestito di peluche azzurro cielo, e ballava così bene da suscitare l’ammirazione generale: era il più piccolo e il più grazioso. Quest’anno sono stata a due feste danzanti date da una dama inglese, che ha offerto splendide serate all’Hotel d’Angleterre.
La frenesia carnevalesca volteggiava senza posa, con un ritmo da galop, simile a un soffio iridescente. Poco importava se cumuli di neve ingombravano gli angoli di strade e piazze, o patine di ghiaccio tramutavano in minaccia gli angoli ombrosi.
I chiassosi baracconi degli spettacoli e dei giochi attiravano una folla ridente, e palazzi e teatri traboccavano di musica e danze, in un susseguirsi di festeggiamenti, messe in scena tra templi di cartapesta e finte belve, accanite gare di cocchi e, naturalmente, balli. Il clima spensierato toccava il popolino quanto l’alta nobiltà. La cameriera personale dava gli ultimi ritocchi al costume della contessa Teresa per la serata conclusiva di quella stagione di maschere, caroselli e inviti, inviti, inviti. La padrona osservava compiaciuta: adorava l’abito da  “notte delle stelle cadenti”, blu scuro e disseminato di cristalli e fili argentei, tenuto per scelta meditata come coup de theatre per il martedì grasso. E le piaceva anche la sua cameriera, unica, fra i domestici, a non appartenere al passato, ai giorni in cui la padrona di casa era la prima moglie di Celestino, la bellissima Walburga, il cui charme spesso tornava in mezze frasi, sempre corredate di aggettivi superlativi, e osservazioni ingenerose. La defunta aveva messo al mondo cinque figli. Accomunati, in misura fra loro differente, dalla fragilità di cosa preziosa che era stata della madre, i frutti di quel matrimonio rimanevano figure discoste; presi fra studi, accademie, collegi, eventuali prospettive nuziali, pensarli evocava in Teresa un’eco simile al suono di panno e legno, provocato dai passi di chi si avvicina con ineccepibile e poco confidente rispetto.
I preparativi costituivano una deliziosa distrazione, senza allontanare la continua, invisibile presenza dei giovani Tornielli. Alcuni punti serrati fissarono una fascia scintillante alla spalla della veste: Costanza, unica femmina fra gli eredi di primo letto di Celestino, era una ragazza assorta, spesso malata, sorrideva di rado. Un velo impalpabile accompagnava il diadema siderale: Alberto, Vittorio, Aleramo preparavano con alterni esiti un futuro da militari che i piani paterni prevedevano con ben poche alternative, a volte ritrosi, a volte scanzonati, mai inosservati nella loro dorata nitidezza.
I guanti vennero rovesciati, e cosparsi all’interno di un lieve strato di talco, da poco le gramaglie del lutto non rabbuiavano il guardaroba: Manfredo, appena poco più che ragazzino, era già disceso nella tomba, come se la sua levità non avesse retto una gelida raffica di vita vera. 
Ma c’erano i bambini di Teresa. Massimiliano, Gabriella, Federico. Max, Lina, Fritz, nei nomignoli affettuosi. Il primogenito, circonfuso d’orgoglio materno, la bambina riservata, e l’ultimo arrivato, sul quale la mamma segnava osservazioni nel diario. Tormentato dalla crosta lattea, piagnucoloso, affidato al seno e alle cure di una nutrice forse non proprio adeguata…

Il buio avvolgeva da ore Torino: l’ora del ballo si avvicinava. Indossare un abito così complesso comportava una lunga serie di passaggi, a partire dallo stringere i lacci del corsetto per concludere col sistemare le stelle di cristalli fra i capelli, passando per la sistemazione delle sottogonne, l’assestamento dei drappeggi, l’uso intenso del passanastri. La contessa osservò l’immagine sfolgorante nella specchiera a psiche, per poi lasciare che a distoglierla fosse il senso dell’enigma che ogni nuova sera continuava a suscitare in lei.
Scese la scala, attenta a non guastare l’effetto del costume. Alla festa sarebbe andata con zia e amiche, posta per età e condizione di donna maritata fra le dame, eppure mai immune dalla curiosità di una damigella alle prime uscite nel bel mondo.
La sera fredda si riduceva allo spazio di un sospiro. La lunga passatoia, fiammante sul marmo degli scalini all’ingresso del palazzo, arrivava fino al punto in cui sostavano le carrozze, impedendo che le brillanti scarpette delle signore e le lustre calzature maschili toccassero l’insidioso selciato.
Un giovane, fermo alla base della scala, lisciò i baffetti fulvi: “ I primi a recarsi alle funzioni penitenziali troveranno la via imbiancata…magari con qualche nostra impronta ancora fresca”, e sembrava più rimarcare la propria appartenenza al regno dei piaceri, o la dissonanza con l’imminente atmosfera del mercoledì d’inizio quaresima, piuttosto che constantare l’approssimarsi di una nuova spolverata di fiocchi. Le stelle rilucevano solo sul costume di Teresa: il cielo basso e plumbeo parlava di neve. L’aria intirizzita sfiorava i visi, subito adombrata dalla distrazione delle torce accese, dei valletti in polpe, dell’arco di cartone e velluto che mascherava perfino il portone come un travestimento moresco. Intorno, la città si allargava come un lago scuro.
“Incantevole! Incantevole! Davvero incantevole!”. Gli acuti ripetitivi di Cristina, esuberante ex compagna di collegio di Teresa, sovrastavano a stento il brusio degli invitati. “Supera di molto le più belle feste dell’anno passato” replicò, svogliata, l’amica, per poi inseguire con lo sguardo, finchè non sparì nell’ombra, la sagoma cinerina di una ragazzetto cencioso.
Un gruppo ridanciano di giovani vestite a festa, forse sartine o modiste dirette a un veglione del teatro, passò sull’altro lato della strada. Sottobraccio le une alle altre, provavano a sbirciare la sfilata di nobili e ricchi signori; Teresa notò la loro spensieratezza, poi il calore dell’atrio la inghiottì come le fauci di un magico drago, sostituendo il fuoco coi parati porpora, e le zanne  coi troppi volti assiepati, i troppi gesti ripetitivi, i troppi comportamenti stereotipati.
“Ma petite…” “Buonasera, signora marchesa…” “…posso complimentarmi per l’eleganza della vostra figliola?” “Carissima! Che splendore di costume…” “Non trovate che le palme dorate siano di gran effetto?”
Nonostante mantelli ricamati, copricapo imponenti, guanti e orpelli stravaganti testimoniassero la sfida- o l’obbligo- della ricerca di un’attesa fantasia, voci e modi riproducevano infiniti incontri simili. Teresa pensò di non essersene mai accorta come allora, o di aver fatto sempre parte di quanti agognavano a recitare al meglio il copione assegnato, inseguendo la precisa esecuzione di un rituale né vero né falso. Una grande specchiera le rimandò di nuovo la sua immagine, che quasi le sembrò estranea. Un battimani richiamava la folla di notabili: stavano per andare i scena i tableaux vivants, grande apertura della festa, intonati all’esotismo dell’insieme.
L’orchestra, nascosta fra alte piante, attaccò una musica d’immaginosa cadenza indiana.
Nelle immense cornici, al crollare dei drappi rosa acceso, giovani e meno giovani fra i più intimi amici dei marchesi R., anfitrioni della festa- ma, infine, domandò Teresa fra sé, i presenti alla sequenza di danze, abiti e trovate badavano davvero chi organizzava un trattenimento o l’altro?-   apparvero in un tripudio di turbanti, gemme e vesti orlate d’oro e pendagli. Il colpo di scena, immancabile, venne con la visione di una tigre impagliata, salutata da reazioni emozionate, gridolini, battiti di ventaglio, stringersi delle signore al braccio dei cavalieri, quasi come se una belva viva e feroce avesse fatto d’un balzo irruzione nella sala. 
Uno scanzonato ufficiale, pro tempore tramutato in raja, stava sguainando la sciabola, pronto ad affrontare l’incruento animale, quando Cristina sbuffò frasi a raffica, quasi all’orecchio di Teresa: “Guarda la povera Maria Adelaide! Ommioddio! Così pallida, trema! Temo che sverrà, ecco suo marito s’è avveduto! Che sia ancora una volta in attesa?”. Sul finire, la tonalità aveva assunto coloriture tra il compatimento e il mistero. Condotta a un sofà, una ventenne minuta, aggrappata al cuscino, veniva circondata da troppa gente, incalzata di domande e raccomandazioni, abbracciata da un paio d’imponenti matrone, assilata con profferte di bicchieri e fazzoletti. Poi, un uomo dai capelli non ancora ingrigiti, distinto nel portamento, più autorevole che manierato, riportò la calma con un’asserzione non udibile. Cristina mormorò circa un medico promettente e dai metodi controversi, ma Teresa notò assai di più come fosse il primo a guardare la giovane colta da malore negli occhi: una scena diversa, mentre tra i palmizi continuava la fittizia caccia.  Le ore seguitarono a scorrere, persi di vista Maria Adelaide, il marito, il dottore, confusi i conoscenti e i nuovi arrivati, fra giovanotti che agognavano a sollecitare la presenza dei loro nomi nei carnet delle bellezze del momento. Comparvero commendatori desiderosi di sedere ai tavoli della cena, valletti che sostituivano le candele, coppie instancabili nelle danze, ballerini affannati fin dalla prima quadriglia. L’insinuarsi dell’alba del Mercoledì delle Ceneri sarebbe potuto avvenire un secolo dopo…


L'AUTRICE

Patrizia Ferrando, è nata a Genova nel 1974 e vive ad Arquata Scrivia.
Giornalista pubblicista, collabora a riviste femminili e blog dedicati a libri e decorazione d’interni, alternando articoli e scrittura narrativa, sempre all’insegna del desiderio di raccontare. Appassionata di storia e di storie, adora inseguire entrambe fra romanzi, arte, cinema e teatro. I suoi luoghi preferiti sono librerie, mercatini, dimore eccentriche e botteghe insolite.


VI PIACCIONO I LIBRI COME QUESTO CHE PRENDONO SPUNTO DA UN DIARIO PERSONALE PER INDAGARE ABITUDINI, USI E COSTUMI DI UN MILIEU SOCIALE E DI UN'EPOCA?

1 commento:

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!