Roma 42 d.C.- Cuore Nemico : Un altro imperdibile estratto!

Oggi terminiamo in bellezza la settimana quasi tutta dedicata al libro della 'nostra' Adele Vieri Castellano ( uscito il 31 gennaio) con un altro esclusivo estratto del libro in cui appare un nuovo personaggio che...ha già tutte le caratteristiche del futuro eroe! Massimo Valerio Messalla, è un giovane scapestrato dell'aristocrazia romana che, vedrete, ci darà grandi soddisfazioni!

ESTRATTO DA ROMA  42 DC - CUORE NEMICO (Leggereditore)
Massimo Valerio Messalla era sdraiato in una delle cubicola più eleganti del lupanare di Calpurnia Gioviale, il corpo magro abbandonato sopra alle coltri. Unico segno di vita, poiché teneva gli occhi chiusi, il pene vigoroso e lucido di saliva che due lupe si contendevano, entrambe a quattro zampe sopra al corpo del giovane.
Erano nude e alticce visto che al giovane Messalla non piaceva sbronzarsi da solo e i suoi amici dividevano con lui i dolci momenti della gloriosa gozzoviglia.
C’erano Ottavio Coedio Proculo del ceto equestre e Paolo Fabio Sertorio. Paolo era accomodato su una poltrona, un vero trono degno di re Mida con cuscini e un drappo che ben si accordava ai suoi riccioli dorati. La sua pelle lattea contrastava con quella nera e lucida della giovane che faceva il suo dovere, davanti alle virili cosce spalancate.
Ottavio Coedio Proculo, allungato sul divano, si sollevò d’un tratto sui gomiti e diede un’occhiata ai suoi amici. Afferrò un lembo del panno di lino che pendeva dalla spalliera e si pulì degli umori appiccicosi emettendo un sonoro sospiro.
«Ho bisogno d’aria.» Si lamentò.
Il corpo nudo di Messalla vibrò nell’orgasmo accompagnato da un basso lamento mentre una delle due lupe chine su di lui dirigeva il getto di sperma sulla faccia dell’altra, ridendo sguaiata. Egli sussultò ancora per qualche istante poi il lamento mutò in una risatina soddisfatta, una palpebra si aprì e l’iride esaminò la stanza posandosi su Proculo, che si stava dirigendo barcollante verso la porta.
«Ottavio, dove vai?» Gracchiò con la voce così roca da essere irriconoscibile.
«Per gli dèi, sto soffocando.» Fu la risposta dell’amico che spalancò la porta e sparì.
Massimo si costrinse ad aprire anche l’altro occhio, sospirò ancora un po’ tremante e si guardò il pene ormai moscio che una delle due non aveva smesso di trastullare.
«Piantala!» Comandò con un tono perentorio che sarebbe piaciuto a suo padre, posto che fosse usato sul fronte di qualche provincia dell’Impero e non nei ranghi osceni di un lupanare.
La giovane si rifugiò spaventata in un angolo del grande letto insieme alla compagna e Massimo si sollevò cauto per non tormentare né la testa che girava né lo stomaco, che sembrava in procinto di precipitare dal Saxum Tarpeium.
Si ritrovò seduto, i piedi nudi sull’irritante ruvidezza della stuoia.
Erano piedi grandi e ben fatti che dovevano sorreggere un corpo longilineo come quello di gran parte dei Valerii, provenienti dalla zona di Reate. Gente altezzosa con lineamenti che da soli conferivano una certa aria di superiorità.
Massimo aveva gli zigomi rilevati intorno a un naso aquilino che non stonava affatto con la bocca carnosa, in quel momento storta in una piega scontenta. Le sopracciglia erano spesse sopra agli occhi azzurri, la sinistra resa imperfetta da una piccola cicatrice frutto della bacchettata di un arcigno maestro dell’infanzia.
I capelli ondulati erano neri come carbone e si sarebbero conservati così fino alla tarda età, com’era capitato al famigerato nonno, arricchitosi a spese dei Numidi.
In piedi si stiracchiò sfiorando il soffitto di travi e gesso, le braccia indietro, le costole in evidenza e poi camminò fin sulla soglia curioso di scoprire dove fosse finito Ottavio, di tutti i suoi compagni quello che preferiva, con cui era cresciuto.
Il giardino era ben curato e se non fosse stato per i gemiti, le donne nude e gli uomini che entravano e uscivano dalle numerose stanze avrebbe potuto pensare di essere a casa sua.
Il senatore Gaio Valerio Messalla,
padre di Massimo
Un sorriso sornione gli sollevò gli angoli della bocca e una fossetta gli spuntò sulla guancia destra.
Il vecchio rompiscatole sarebbe morto di crepacuore ma lui si sarebbe divertito eccome a trasformare l’avita villa degli antenati adagiata sull’Aventino, una delle più grandi di Roma, in un gigantesco, orgiastico lupanare.
In fondo lui sapeva fare solo quello e solo quello lo divertiva. Sesso, bevute e ozio possibilmente in compagnia di qualche attore comico o qualche musico, giusto per riempire le lunghe ore della notte.
Attraversò un filare di cespugli dove una coppia si stava sollazzando al ritmo cadenzato di un amplesso. Non si voltò neppure a guardare le cosce filiformi di lei, per quella sera si sentiva esausto e anche un po’ schifato. Gli capitava sempre più spesso così pensò che per dimenticare i ricordi avrebbe finito di ubriacarsi appena scovato l’amico.
Ed eccolo là, piegato sopra alla vasca tonda al centro della quale un trittico di ninfe mostrava le grazie, eccolo il più bel sedere virile di Roma a detta di Marcello Manio Lucinio e l’amico, di quel particolare dell’anatomia maschile, se ne intendeva eccome.
«Se ti vede Marcello in questa posizione stavolta non gli scappi. Per fortuna stasera non è della partita.» E gli schioccò di piatto una manata sulla natica dal colorito lunare.
Ottavio Coedio Proculo si girò con una smorfia e con un balzo gli saltò addosso. Rotolarono sull’erba densa di rugiada come giocosi cuccioloni, le membra nude attorcigliate, le mani che mollavano pugni e sberle più rumorose che offensive fino a quando l’impeto si smorzò e si ritrovarono viscidi, raffreddati e col fiato corto a braccia spalancate, a fissare il cielo.

«A Marcello Manio piacciono le donne.» Puntualizzò Ottavio posando la mano sul cuore impazzito nel petto.
«Sì, e io domattina parto per il fronte germanico.»
Scoppiarono a ridere sguaiati. La storiella di suo padre che voleva spedirlo come giovane tribuno fin sul Limes li aveva divertiti per tutto l’inverno.
Che idea ridicola.
Tra loro calò il silenzio, colmato dagli schiamazzi incessanti del lupanare. Massimo sollevò un braccio come per toccare le stelle.
«Li vedi laggiù Orione e il Cane Maggiore?» disse puntando un dito sull’angolo di cielo a oriente «quella luminosissima è Sirio e là c’è l’Auriga, a forma di pentagono.»
Si udì un fruscio. Ottavio aveva piegato un ginocchio e si era messo comodo, un braccio sotto la testa. Lui invece si sollevò sul gomito.
«Quella è l’Orsa Maggiore e sopra alle nostre teste c’è il grande quadrilatero di Pegaso e poi Andromeda e Perseo e lassù il più bello: il triangolo incompiuto di Cassiopea.»
«Quando parli così sembri un astronomo. Fai paura, Massimo. Troppa scienza, troppa solennità.»
Il braccio del giovane Messalla calò brusco e il suo naso aquilino puntò l’amico.
«Sono solo vaghi ricordi. Non leggo più di astronomia, da tempo. Non leggo più niente.»
«Già, lo so bene.»
Massimo levò lo sguardo da sotto le ciglia aggrottate e fissò Ottavio.
«Sono affari miei.» Rispose.
Ottavio avrebbe voluto dirgli qualcosa ma si trattenne. L’ultima volta che aveva tentato di consolarlo e dirgli che la vita continuava, che un giorno avrebbe trovato un’altra donna da amare, che era così per tutti, Massimo lo aveva quasi strangolato e non si era fatto vedere per settimane. Tacque, era meglio averlo sottocchio e divertirsi con lui piuttosto che perderlo.
«Amico, un tempo avevamo altri sogni.» Si limitò a sussurrare.
Massimo Valerio Messalla arricciò il labbro e si lasciò cadere di nuovo nell’umidità fragrante del prato.
«Ora preferisco le cosce delle donne e un buon bicchiere di Falerno.» Dichiarò convinto.
«Non hai tutti i torti.» Sghignazzò Ottavio.
Quando tornò a guardare gli astri piantati nel cielo, Massimo sospirò e ripensò al poema di Manilio che aveva letto tante volte alla donna amata, che gli era stata strappata per sempre, e alla frase rimasta impressa nella sua memoria: “…su un carro solitario solcherò il cielo, con una barca tutta mia fenderò le onde.” ....



COME AVETE TROVATO QUESTO NUOVO ESTRATTO DI ROMA 42 DC  E IL PERSONAGGIO DEL GIOVANE MASSIMO?

2 commenti:

  1. Posto solo ora.
    Non posso fare che complimenti all'amica Adele. Brava, veramente brava.
    Miriam

    RispondiElimina
  2. Adele V. Castellano04/02/13, 10:18

    Grazie Miriam, un abbraccio virtuale che spero di rendere reale alla Vie en Rose a Firenze... ma ho avuto brave maestre! E mi sfugge un veloce consiglio a tutte le aspiranti scrittrici: leggete, leggete e leggete... soprattutto le italiane, imparerete molto perché NON sono traduzioni!

    Un bacio a tutte!

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!