RICETTE DEL CUORE: PROFUMO DI CANNELLA


In questi cupi giorni di fine autunno, forieri del freddo inverno a venire, mi assale la nostalgia del tempo che non ritorna e allora  mi basta aprire la credenza e annusare l’aroma dolce e pungente della cannella per ritrovarmi bambina, colma di trepida aspettativa, dinanzi ai dolci tradizionali preparati con infinita pazienza per le feste: rose di leggerissima sfoglia, delicate come trine, fritte sul fuoco del camino e ricoperte di miele, diavolini di zucchero colorato, e polvere della mia spezia preferita. Un sottile filo di cannella, inoltre,  costituiva il cuore dei cannellini, che non erano mica fagioli, ma i miei confetti preferiti. Hmmm … il profumo dell’infanzia … che meraviglia!
Se come me siete cannella-dipendenti, eccovi qualche notizia in più.
Un po’ di storia
Citata già nella Bibbia e usata dagli Egizi per l’imbalsamazione, e dai Greci come digestivo, la cannella è stata utilizzata fin dall’antichità. I Romani ne lamentavano la scarsità e il prezzo troppo alto.
Per tutto il Medioevo venne considerata così rara e preziosa da essere portata in dono alle famiglie reali dell’epoca. La famosa Scuola Salernitana ne riconosceva le virtù e citava: “aumenta sempre gli stimoli dell’amore, e dell’intelletto”. Nel Rinascimento Nostradamus la inserì addirittura fra gli ingredienti di un suo filtro d’amore mentre la capacità di stimolante sessuale venne sancita perfino nei trattati medici del Cinquecento.
Col passare del tempo però, questo aspetto fu dimenticato a favore delle sue qualità aromatiche. Il pizzico di droghe a cui si riferivano le ricette dell’Ottocento, comprendeva sempre la cannella, oltre a pepe, chiodi di garofano e noce moscata.
Origini   
La spezia è ricavata dai rami e dai fusti di un albero il Cinnamon zeylanicum. Essiccata al sole, la corteccia si arrotola fino a formare le classiche stecche che verranno commercializzate così o ridotte in polvere. La qualità più pregiata è quella proveniente dallo Sri Lanka, che è più chiara e profumata e viene conosciuta anche come Cannella Regina. La varietà Cassia, invece, è di colore rossastro e aspetto rugoso e risulta molto meno aromatica.
Occhio al colore, quindi, e allo spessore delle stecche: più  sono sottili, migliore è la qualità!
Proprietà
La cannella possiede indubbie qualità: è considerata utile in caso di cattiva digestione, gonfiore addominale, flatulenza. E’ antisettica e antibatterica. Poiché ha un effetto riscaldante, nella medicina Ayurvedica e in quella tradizionale cinese viene usata contro i disturbi legati al freddo (influenza, raffreddore) e per alleviare i dolori mestruali. Recenti studi condotti in Inghilterra su pazienti affetti da diabete di tipo 2, sembrano confermare la sua capacità di abbassare la glicemia, contrastare l’ipertensione, ridurre il peso in eccesso. E’ certamente uno dei più potenti antiossidanti. Il suo olio essenziale possiede qualità antimicotiche e aiuta la circolazione se frizionato sulla pelle.
Utilizzo
Noi siamo abituati ad associare la cannella con i dolci di frutta, il cioccolato, le creme, il vin brulé. Invece nella gastronomia orientale e creola viene usata anche con le carni e i piatti salati.
Io trovo delizioso l’abbinamento con il tè. Il gusto orange cinnamon è uno dei miei preferiti.
Eccovi la ricetta di un semplice infuso che vi aiuterà in caso di digestione difficile.
Mettete mezzo cucchiaino di polvere in una tazza di acqua bollente, lasciate in infusione per 10 minuti insieme a una scorzetta d’arancia (senza la parte bianca). Se desiderate un gusto più intenso prolungate il tempo d’infusione. Filtrate.
Attente a non superare le tre tazze al giorno e non somministratelo a bambini di età inferiore ai due anni.
Infine, se vi piacciono i rosoli fatti in casa, perché non  provate a preparare il liquore alla cannella?
Richiede un lungo periodo di maturazione, perciò sarà pronto per Natale.
E cosa c’è di meglio di un bicchierino di questo nettare ambrato, per coccolare il vostro compagno in una fredda sera invernale? Chissà, potreste anche scoprire che Nostradamus aveva ragione …
Ecco gli ingredienti:
10 stecche di cannella
500 g di alcool da liquori a 95°
500 g di acqua
400 g di zucchero
Lasciate in infusione le stecche spezzettate con l’alcool in un contenitore di vetro ben chiuso e al buio.Dopo 20 giorni, filtrate. Sul fuoco sciogliete lo zucchero con l’acqua fino a ottenere uno sciroppo che lascerete poi raffreddare. Aggiungete l’alcool, mescolate e travasate in una bella bottiglia. Consumate dopo una settimana.
Il liquore potrà diventare una simpatica idea regalo per le prossime feste, così come la marmellata di mele e cannella, una delle mie preferite, che è semplicissima da preparare.
Io la realizzo con 1 kg di mele, 500 g di zucchero, e cannella in polvere a piacere. Sbucciate le mele, le taglio a pezzi e le metto in una pentola d’acciaio con pochissima acqua (giusto il fondo). Una volta cotte, diventano una morbida purea a cui aggiungo lo zucchero e mescolo bene. Lo zucchero si scioglie velocemente ma ci vorrà un po’ di tempo perché la frutta si addensi. Una volta addensata, è importante mescolare in continuazione perché non si attacchi. La cannella l’aggiungo solo alla fine, quando la marmellata avrà raggiunto la consistenza giusta. Per capirlo basta fare la prova del piattino (se 1 cucchiaino di marmellata versato sopra un piatto vi resta attaccato e non scivola via, vuol dire che è pronta). Sono certa che un regalo realizzato con  le vostre mani renderà  doppiamente felice la persona che lo riceverà.

E adesso veniamo ai consigli di lettura...
Gabriella, garofano e cannella” del pluripremiato Jorge Amado, racconta fra le altre, la storia di una splendida mulatta, sensuale e innocente al tempo stesso, che ha il profumo di garofano e il colore della cannella e dell’arabo Nacib perdutamente innamorato di lei. È anche l’affresco, ricco di colori, profumi e immagini di una cittadina brasiliana, Ilheus negli anni Trenta. Da leggere assolutamente!
Come non ricordare l’ormai famoso “Amore, zucchero e cannella” di Amy Bratley che quest’anno ha scalato le classifiche? Un libro che ha suscitato però pareri contrastanti. C’è chi, invogliato dal titolo accattivante, è rimasto poi molto deluso. Altri, come me, hanno trovato la storia abbastanza gradevole seppure troppo scontata. Sia chiaro che di cannella nel romanzo non c’è neanche l’ombra: una trovata della casa editrice per attirare i lettori.
Un romanzo insolito e coraggioso è “Il profumo della cannella”di Yazbek Samar, la storia delicata e intensa di un amore saffico nel mondo arabo.
Zenzero e cannella”di Sarah Kate Linch, racconta la storia di Connie, critico gastronomico, che in partenza da New York per la seconda luna di miele, capisce di essere stata piantata in asso dal marito. Partirà ugualmente per Venezia dove si concederà una vacanza e si consolerà con un bel gondoliere. Tornata in patria, un incidente metterà tutto in discussione. Un libro dallo stile ironico e divertente. 
Infine “Sandalo e cannella”, di Erielle, è un racconto storico erotico, dal sapore speziato e un po’ retrò. Sesso e amore nei mari del sud, fra tempeste  e velieri. I protagonisti sono l’aristocratica Isabel e il dispotico capitano di un clipper in rotta verso Canton. Ecco la trama: giunta nel Nuovo Mondo per dedicarsi al commercio, lei si risveglia una notte nel letto del capitano Bradley, priva di ricordi recenti. Cercherà in tutti i modi di fuggire ma non si può sfuggire al proprio destino …
E per concludere questa carrellata sulla mia spezia preferita, una dolce filastrocca inglese:
Di cosa sono fatte le bambine?
Zucchero e cannella
e ogni cosa bella.




VI INTERESSANO I LIBRI SEGNALATI DA LILY? LI POTETE TROVARE QUI:



VI PIACE LA NOSTRA NUOVA RICETTA DEL CUORE? LA PROVERETE? AVETE LETTO QUALCUNO DI QUESTI ROMANZI?

6 commenti:

  1. Brava Lily!
    Io adoro la cannella. la metto anche sopra la frutta fresca. E profumo la mia casa con la cannella, e non solo a Natale.
    Ciao!
    Viv

    RispondiElimina
  2. Che bello questo post!!! :)

    RispondiElimina
  3. Proverò sicuramente la ricetta della marmellata mele e cannella che a mio avviso è un connubio perfetto...post molto bello, si sente il profumo del Natale che si avvicina.

    RispondiElimina
  4. Un post delizioso. Mi segno subito la ricetta ^_^

    RispondiElimina
  5. Veramente interessante qs post! Nn sapevo che la cannella si potesse usare anche nei piatti salati, in genere ne preferisco il profumo al sapore (la mia essenza profumata preferita x la cucina è l'olio aromatizzato arancio/cannella), però sicuramente la proverò quanto prima sulla carne, adoro fare gli esperimenti in cucina! Grazie Lily! :-)

    RispondiElimina
  6. Grazie a tutte.
    E' sempre un piacere condividere le mie ricette con le amiche del blog.
    Un caro saluto da
    Lily

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!