TITANIC...A 100 ANNI DAL TRAGICO EVENTO IL FILM DI CAMERON TORNA AL CINEMA IN 3D

Il TITANIC affondò nella notte fra il 14 ed il 15 aprile del 1912 con 1.517 persone a bordo. A cento anni da quei fatti, esce oggi nei cinema una scintillante versione in 3D del famoso film del 1997 da 11 Oscar di James Cameron che del TITANIC raccontava i fasti e il tragico destino.
Se mai siete partiti per una crociera, l’effetto che deve avervi fatto la mastodontica nave, che vi avrebbe a breve accolto, deve essere stato sconvolgente. Cosa abbiamo pensato noi euforici crocieristi varcandone l’ingresso? Al Titanic. E, come allora, ci siamo chiesti: chi mai, cosa mai potrebbe affondare una tale meraviglia di metallo e tecnologia avanzata? Eppure è successo, anche a cento anni di distanza. Pur di fronte a un evento differente, ciò che è accaduto alla Costa Concordia ci ha inevitabilmente riportato alla tragedia del Titanic. Nonostante infatti la struggente storia d’amore degli sfortunati Jack e Rose, quella del Titanic è stata una tragedia di immani proporzioni e pure se siamo portati a pensare al transatlantico che affonda dolcemente e dolcemente si adagia sul fondo del mare a 4.000 metri di profondità, non andò affatto in questo modo, il corpo si spezzò, il film di Cameron ne offre un’accurata ricostruzione, e i due tronconi precipitarono negli abissi vorticando e schiantandosi.
Ma come dimenticare la dolcezza della storia tra il re del mondo, uno squattrinato artista di strada, e la bella aristocratica in difficoltà economiche purtroppo promessa allo spregevole re dell’acciaio? E il tema musicale? My heart will go on mi fa venire i brividi ancora oggi e vi prego di farmi rivedere cento altre volte ancora la scena finale in cui la centenaria Rose getta in mare, là dove è affondata la nave, il Cuore dell’Oceano, il gioiello che ha conservato per tutta la vita a ricordo del breve incontro con Jack. Morendo, quella stessa notte, la sua anima raggiunge il relitto in fondo al mare e mentre si avvicina la nave torna quella d’un tempo, gli interni si illuminano e una porta si apre: Rose viene invitata a entrare. Ci sono tutti, li riconosce, le sorridono, e qualcuno si inchina al suo passaggio, ma più importante tra tutti c’è Jack in cima alla sontuosa scalinata che l’aspetta. Staranno di nuovo insieme, per l’eternità. Come il Titanic, la sua storia non verrà mai dimenticata, sarà raccontata per sempre, lo ha detto Robert Ballard, esploratore della National Geographic Society che per primo individuò e esplorò i resti del transatlantico.

Molte altre navi sono colate a picco nei secoli, una tra tante la nostra Andrea Doria nel 1956 dopo uno scontro con una nave svedese, e molte vite sono andate perdute, ma il Titanic è scolpito nell’immaginario collettivo. C’è chi sostiene che il suo fascino sia indissolubilmente legato all’eccesso che rappresentava: era molto grande ed esageratamente lussuoso ed è affondato in acque estremamente gelide e profonde. Sono morte tante persone di terza classe e personaggi ricchi e famosi, come il comproprietario dei grandi magazzini Macy’s che morì assieme alla moglie che non volle saperne di lasciarlo. Alla loro stanza, la più elegante della nave, si ispirò il regista Cameron e la regalò idealmente a Rose; quando Jack la ritrae lei si trova in quella stanza fedelmente riprodotta. L’immortalità del Titanic è inoltre legata al capitano, al suo ultimo viaggio prima di ritirarsi, che restò fino alla fine al suo posto; ai marconisti, che non smisero di inviare richieste di soccorso; e all’orchestra, che suonò finché le fu possibile.
Finiva un’epoca, l’epoca edoardiana in Inghilterra. Il Novecento era appena iniziato e aveva portato una ventata di innumerevoli novità: ascensori, automobili, aerei, la radio. C’erano ottimismo, fiducia nel progresso, un incredibile numero di persone inseguiva un sogno e nubi minacciose incombevano all’orizzonte, venti di guerra, una follia che coinvolse troppe nazioni e infine il buio.
Era il suo viaggio inaugurale, era il 10 aprile e il Titanic salpava dal porto di Southampton, esistono foto che ne immortalano la partenza. Una signora domandò se fosse sicuro e chi gli vendette il biglietto la rassicurò dicendole che neanche Dio in persona avrebbe potuto affondarla. Dio no, ma un iceberg sì.
Per vedere come si presentavano i suoi interni occorre spiare quelli fotografati della sua gemella, la Olympic. Il resto delle indagini lo fanno sul relitto dal 1985 i Rov, sofisticati robot inviati sul fondo a filmare e a scandagliare ciò che rimane. Ancora molto. Sono state esplorate le suites, dotate dei comfort di ultima generazione. E’ ancora visibile il bagno turco arredato con squisita raffinatezza. Sono stati rinvenuti svariati oggetti, tra cui il menu dell’ultima cena e un anello di platino e diamanti dentro una borsetta di pelle. Le vetrate artistiche nei saloni di prima classe sono ancora intatte…

A cinque giorni dalla partenza, alle due e venti del mattino, il 15 aprile 1912 il transatlantico più famoso della storia scompariva e riappariva nel mito...
Dopo 15 anni il film di Cameron torna restaurato al cinema in versione 3D e i canali satellitari History Channel e National Geographic Channel propongono attorno alla data del centenario diversi documentari che ricostruiscono ciò che avvenne prima, durante e dopo, attraverso le testimonianze di chi sopravvisse. Potete anche navigare in acque sicuro nel sito del National Geographic o leggere Titanic forever di Claudio Bossi, De Vecchi editore.  O riascoltare la voce di Cèline Dion e... preparare un fazzoletto.





 GUARDA IL TRAILER DEL FILM

VI RICORDATE QUANDO AVETE VISTO PER LA PRIMA VOLTA QUESTO QUESTO FILM? ANDRETE A VEDERLO/RIVEDERLO IN QUESTA NUOVA SUGGESTIVA VERSIONE?

14 commenti:

  1. Ho già prenotato il posto, ultima fila centrale x lunedì pomeriggio, gli occhialini x la visione in 3D già in borsa :-), sì, vabbe', è vero, nn sono proprio a piombo.
    Certo che mi ricordo la prima volta che l'ho visto quand'è uscito (quando? 14 anni fa? Ma tu pensa...). Era il blockbuster del momento, grandioso già allora in 2 dimensioni, be' si sa, Cameron ha sempre fatto le cose in grande.
    Vi saprò dire.

    RispondiElimina
  2. pietra miliare della mia vita da teen ager...
    peccato il 3d mi faccia venire un'emicranea pazzesca!

    RispondiElimina
  3. Neanche a dirlo, posti prenotati e fazzoletti pronti, solo a leggere la recensione ho gli occhi gonfi.
    Simona

    RispondiElimina
  4. Io non l'ho mai visto e non ho alcuna intenzione di guardarlo. Solo il pensiero mi mette ansia, come tutte le cose riguardanti il Titanic.
    Ludo.

    RispondiElimina
  5. A me sinceramente il 3D non piace preferisco vedere i film alla vecchia maniera=) è uno dei miei film preferiti, mi ricordo ancora la prima volta che l'ho visto, ero ancora una bambina! E da allora l'ho rivisto diverse volte e ogni volta piango come una fontana... Mi è proprio venuta una gran voglia di rivederlo...

    RispondiElimina
  6. Il titanic è il mio film preferito, quando è uscito questo film avevo 4 anni, mi ricordo che all'asilo avevo la maglietta del titanic, con il volto di Leonardo di Caprio, quindi penso di averlo visto a quell'età!!!comunque il film l'avrò visto un milione di volte, lo so a memoria!!!quindi è ovvio che vado a vederlo!!!!
    Non vedo l'ora, io volevo andare oggi, ma al mio ragazzo non andava bene!!!mi sto letteralmente mangiando le unghie!!!!

    RispondiElimina
  7. L'ho visto quando uscì la prima volta 14 anni fa insieme a quello che è diventato pochi mesi dopo mio marito. La splendida canzone di Celine Dion è stata la colonna sonora delle nostre nozze, quindi per noi ha una grande valenza emotiva. Penso di andarlo a vedere in occasione di queste feste ovviamente farò scorta di fazzoletti!

    Ilaria

    RispondiElimina
  8. Sfido chiunque a non averlo visto la prima volta.. Mi ha fatto commuovere ed è un colossal di quelli che meritano!! Di Caprio affascinante l'ho visto solo in questo film, xkè poi quando è cresciuto non mi è piaciuto più.. Una storia d'amore bellissima, purtroppo arricchita da un finale tragico e da un evento storico molto drammatico!! Sicuramente andrò a vederlo!!

    RispondiElimina
  9. @eva Io non l'ho mai visto e non intendo farlo (vedi sopra),
    Ludo.

    RispondiElimina
  10. Cassandra Rocca06/04/12, 22:32

    Mi ricordo ancora la sera in cui sono andata al cinema con mio fratello! Ero una ragazzina che non piangeva mai... Dopo questo film mi si è aperto "il rubinetto" e non ho più smesso! -.-
    A parte gli scherzi, bellissimo film, ma piango ogni volta che lo vedo... e non andrò a rivederlo, anche perché detesto cordialmente il 3D, mi fa venire mal di testa...

    RispondiElimina
  11. Ho visto Titanic per la prima volta al cinema, ci sono andata insieme ad un'amica ed entrambe ne siamo rimaste estasiate e abbiamo pianto come fontane. Con gli anni io e l'amica ci siam perse di vista, ma il film lo rivedo volentieri ed ogni volta mi provoca le stesse emozioni.
    Non credo che vedrò la nuova versione al cinema, perchè il 3D provoca il mal di testa pure a me. :)

    RispondiElimina
  12. Ho visto il Titanic quando è uscito la prima volta al cinema ma non mi ha coinvolto più di tanto perciò non andrò sicuramente a rivederlo.
    Daisy

    RispondiElimina
  13. Io ci vorrei andare mercoledì (per pagare di meno) e sarà anche il primo film che vedrò al cinema in questo formato. ^_^
    L'ho visto per la prima volta con un'ex-amica nel cinema della mia città (che ora ha chiuso). Ricordo che fu il film che inaugurò il cinema e le sedie erano di legno. ^_^

    RispondiElimina
  14. *_* come non ricordarlo?
    ha sempre il suo fascino e io non nascondo che mi commuovo sempre alla fine!!! ^^

    mi piacerebbe vederlo in 3D, ma nn so se alla fine ci andrò :(

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!