METTIAMOLI A NUDO

Abito a Milano. E va bene direte voi, e allora? Sappiate che in città abbiamo grandi palazzi. Con facciate a volte spoglie e tristi, su cui vengono appiccicati smisurati cartelloni pubblicitari.  
Ebbene, qualche mese fa, mi trovo a passare in auto per una via del centro città. Sullo sfondo che vedo? La facciata di una palazzina di cinque piani con la gigantografia di una tipa. La foto è in bianco e nero e lei è immortalata di spalle, su una terrazza. La tipa si gira, ammicca. Potrebbe essere una bella inquadratura, con un orizzonte di alberi e due grattacieli che sembrano affacciati sul  polmone verde di New York, Central Park.
La pubblicità di Silvian Heach ritirata dai muri di Milano
Silvian Heach”, si legge sotto ma non è che si noti molto la scritta, in effetti. L’occhio mi cade su qualcos’altro e se cade a me proprio , potete giurarci che ci sarà stato un incidente proprio qui davanti, se a guidare era un maschietto. Mi guardo intorno alla ricerca di frammenti di fanali, di strisciate di pneumatico o di parafanghi staccati da un impatto violento con uno spartitraffico. Ce ne sono. Alzo gli occhi. Siamo nel 2012 e ancora a questi punti. Che tristezza. 
Immaginate di che parlo? Se non vi fosse chiaro, recente è la “farfallina” svolazzante sul palco di Sanremo. Mi inchino alla sagacia di Maurizio Corona che come agente e talent-scuot, è astuto ed impagabile. Come conosce gli uomini lui… 
Recente, ancora, è la polemica, passata anche su queste pagine, delle copertine di romance o di riviste destinate a noi donne e con sopra donne discinte o scosciate o a metà vestite. Vero è che la copertina, per molte di voi, non rappresenta l’essenziale. Un libro si compra per i contenuti. Verissimo. Ma perché questa abitudine, questo malcostume, di usare sempre la figura di una donna nuda? Per rasoi, cioccolatini, prodotti cosmetici, pneumatici, auto, moto, biciclette, colla…  sempre e solo donne, donne, donne. Nude, nude, nude. BASTA, per pietà! 
Jean Louis David (1748 - 1825)  - Patroclo
Qui voglio perorare la causa del NUDO maschile. Chi ha detto che ci offende? Chi ha detto che gli uomini nudi sono sgraziati e poco invitanti con quel coso che… insomma, avete capito no?… che penzola? Ebbene, fanciulle mie, mi spiace ma l’armonia è maschia, pendolo o non pendolo. Fatevi un giro nella bottega di Mirone, Prassitele o Fidia. Loro conoscevano bene il corpo di un uomo. E diciamoci la verità, come in tutte le cose, gli antichi avevano la loro santa ragione.

Grecia, VIII secolo a.C.: un pantheon di figure maschili soppianta quelle femminili. Basta con Era, Gea, Gaia e la figuretta della fertilità che “impazza” dall’Età del Bronzo. Sappiate che questo archetipo di femmina circolava come oggi fa la foto di Belem Rodríguez. A poco a poco spariscono i grandi seni, i glutei poderosi, i fianchi adatti al parto facile: “oops, scodellami ‘sto pargolo, bella mia, che la specie deve prosperare!” Ecco, cose così, chiaro? Qualcuno per fortuna dice basta. Forse una donna, o forse un uomo. Non lo sapremo mai.

Fatto sta che, in Grecia, succede quel che io imploro oggi a gran voce: si rappresentano dèi maschili nudi (finalmente) e dee che invece vengono con rigorosa attenzione rivestite (meno male). Il maschio, l’uomo, l’
ànthropos greco o il vir latino sarà da ora in poi ritratto in costume adamitico (Adamo non aveva la foglia di fico, che fu aggiunta dalla censura cristiana) e compito suo sarà umanizzare, strappare dal mito le divinità dell’Olimpo. 
Il Cronide in bronzo di Capo Artemisio
Saranno da ora in poi scolpite riproduzioni tanto splendide quanto realistiche, ricavando i canoni della scultura che ancora oggi sono i suoi comandamenti.
Non solo in statue di eccelse proporzioni, come i due tirannicidi Armonio ed Aristogene, o i celeberrimi Bronzi di Riace ma anche in decorazioni di imponenti  architetture: esempio eccelso l’Apollo del frontone occidentale del tempio di Zeus ad Olimpia o le metope sul Partenone  che raffigurano la lotta, senza esclusione di colpi, tra un Centauro e un Lapita.

Che pensare poi del 
Cronide di bronzo di Capo Artemisio, in cui l'equilibrio mirabile di braccia e gambe forma una figura simile alla lettera chi dell'alfabeto greco (χ), secondo una modalità compositiva assai in voga nel periodo arcaico della scultura greca. Nulla, nella Storia dell'Arte, accade per caso e c’è di che perdere la testa, credetemi ragazze.
L'Hermes di Prassitele
Il nudo maschile, glorificazione della vita, della bellezza e della perfezione, era la regola assoluta per gli scultori greci come lo era per gli atleti, che mostravano i loro corpi superbi e liberi da ogni costrizione alle Olimpiadi.
Maestri come Mirone (il Discobolo), Policleto (il Doriforo), Prassitele (Hermes) e Lisippo (l’Apoxyomenos, l’atleta che si deterge il corpo dopo la gara), infonderanno alle loro opere una carica di corporea sensualità, di armonia, di vuoti e di pieni così ben proporzionati da indurre, in colui (o colei) che osserva, sguardi di aperta ammirazione e di struggente desiderio.
Chi di noi non sospira davanti alle esplicite e sensuali nudità del Fauno Barberini o non si commuove alla drammatica potenza dei gesti del Laocoonte?


Il Torso del Belvedere
E chi non ha mai sognato di trovarsi di fronte, in carne e muscoli, la potenza atletica e appassionata del misterioso modello che posò per il Torso del Belvedere? Il tempo ce lo ha restituito invalido, sfegiato, offeso. Ma anche così il messaggio è chiaro: muscolatura possente e vigorosa, forse un eroe nella sua eterna bellezza, forse Aiace che medita il suicidio, seduto su una roccia. Aiace,  il più alto, il più robusto, secondo solo al cugino Achille. Chirone lo ha educato per trasformare l'uomo in un guerriero, unico nell'Iliade a non aver bisogno dell'aiuto degli dèi. Forza, virtù, costanza. Un uomo vero che quel blocco di marmo martoriato ci restituisce senza dubbi, nè incertezze. 
Il Fauno Barberini
Intorno al I- II secolo, quindi in epoca romana, ecco l’Ermafrodito, sempre da un originale greco. La bellezza dei tratti né maschili né femminili di quella figura adagiata su un letto ci irretiscono, giocando sull’ambiguità del lato posteriore esposto e di quello anteriore, che ci sarà per sempre negato.
Ermafrodito… ma chi era costui? Figlio di Ermes ed Afrodite, divenuto adolescente decise di avventurarsi per il mondo allora conosciuto. Giunto sulle rive di un lago abitato dalle ninfe, fu adocchiato da Salmace. La ninfa, colpita da tanta bellezza e perfezione (eh, lui di certo si aggirava nudo, non ho dubbi!) perse la testa e come lui si tuffò nelle cristalline acque, zac!, lo strinse a sé. A quel punto chiese agli dèi di potersi unire a lui, per sempre. Gli dèi erano tipi dispettosi e quindi i due saranno trasformati in un solo essere, metà uomo e metà donna. Bontà loro. (lo racconta Ovidio nelle Metamorfosi)
Ecco, proprio Ermafrodito potrebbe essere l’apoteosi del mito della bellezza, di questi atletici corpi nudi, di questi guerrieri o divinità che saranno i precursori del dio Priapo romano dal membro smisurato, o dei satiri sempre sessualmente eccitati in giro per le selve, a caccia di giovani fanciulle da deflorare. 
Il nudo maschile incarna la bellezza, l’armonia, la perfezione un equilibrio mirabile che non avrà più eguali nella Storia dell’Arte umana. Non a caso, ancora oggi dopo quasi tre millenni, ci aggiriamo a bocca aperta di fronte alla potenza artistica di questi capolavori.
L'Ermafrodito, Galleria Borghese - Roma
E questi corpi di maschia simmetria hanno goduto, nei secoli successivi, un lusinghiero e ininterrotto successo, proseguito con l’età romana.

Poi arrivò il Cristianesimo e tutto venne coperto, censurato con foglie (di fico) e drappeggi di stoffa.
 Giotto ci prova ad uscire dalla nebbia, nella Cappella degli Scrovegni di Padova, coi corpi esposti dei suoi dannati ma così pallidi e disumanizzati che forse, ai piedi di Lucifero, sono già bestie. 
Nudo rimane solo il Cristo sulla croce ma ormai i canoni sono quelli della disperazione, del peccato e dell’espiazione. E nudo non lo è del tutto: sul suo inguine giace, quasi sempre, un miracoloso drappo che si regge nel nulla più completo o sul suo scarno bacino.
La Chiesa tuona dal suo scranno e da ora in poi, vietati i corpi nudi. Sarà l’apoteosi della morale sessuofobica, che durerà fino al Rinascimento. Leonardo restituisce dignità ai maschi nudi con l’Uomo Vitruviano, universo ben proporzionato e poi il genio di Michelangelo,  degno erede dei lontani classici greci, ci porta a toccare con il “dito” del suo Giudizio Universale, l’apice dell’arte d’Occidente. 
Lisippo, L'Apoyximenos
Immortale il suo David in Piazza Signoria, con quella sua pigra mollezza che è solo apparenza, solo un’illusione: in realtà ci vollero tre anni per far uscire da un blocco di marmo un tale eroe che toglieva il fiato allora come lo toglie adesso. Espressione ideale del Rinascimento, il nudo eroico divenne sinonimo di forza, potenza e bellezza. Maschile, ovvio. Bei tempi. 
Rinasce il nudo con Caravaggio, che recupera i modelli dalla strada e li dipinge con crudo realismo, Annibale Carracci e Guido Reni e l’epoca vede il nascere di accademie artistiche dedicate esplicitamente al nudo (anche femminile). Nell’Ottocento la fotografia sostituirà sempre più la raffigurazione scultorea e si affiancherà a quella pittorica, con l’immediata crudezza di un immagine.  
Il David di Michelangelo
Ma il nudo maschile è già al tramonto. Al suo posto, secondo David Leddick curatore del libro “The male nude” (1999), la società impose la commercializzazione esclusiva di nudi femminili poiché erano erotici e piacevano ai “signori”.  Visto che era un mondo maschilista e a gran parte degli uomini non piaceva la vista di un proprio simile nudo, nessuno si pose il problema se qualche donna avrebbe mai potuto apprezzare il corpo senza veli di un bel maschio adulto e nella piena, dirompente sua sessualità.
Un’altra scusa che trovarono? Un uomo nudo ha i genitali esposti, la donna no. E la produzione fotografica maschile, dato che aveva un mercato quasi esclusivamente omosessuale in un mondo in cui l'omosessualità era reato in molte nazioni occidentali, divenne  ben presto tabù.
Non so che ne pensate voi ma io, a questo punto, mi sono fatta un'opinione e penso che un 'immagine di David Gandy (un caso che si chiami David?), in tutta la sua maschia armonia, non abbia nulla a che fare con farfalline svolazzanti, virginei culetti o seni riempiti di silicone e innaturalmente sodi. Preferisco il marmo. Preferisco il bronzo.

David Gandy fotografato da Mariano Vivanco



VISTO CHE IMMAGINIAMO CHE L'ARGOMENTO VI SOLLETICHI L'IMMAGINAZIONE ASPETTIAMO DI LEGGERE I VOSTRI COMMENTI. PIU' EROI DAI CORPI SCULTOREI ANCHE SULLE COPERTINE ROMANCE?







11 commenti:

  1. Direi proprio di si Adele!!!
    Se nell'800 avevano capito che la fotografia del nudo femminile era più forte commercialmente...perchè non sostenere una bella immagine sexy e maschile sulle copertine di un genere che è comprato per la maggior parte da donne???
    In fondo le lettrici di romance non si vergognano mica ad ammettere di essere stuzzicate da un bel ragazzo nel pieno della sua maturità (ovviamente in senso lato ;)) posto in copertina..anzi forse sono più imbarazzate da quelle copertine che snocciolano donne semi svestite..
    Juliet

    RispondiElimina
  2. Concordo, approvo e sottoscrivo.
    Voglio vedere un bell'uomo sulle copertine dei romanzi!
    Se n'era un pò discusso anche a proposito del romanzo della Leight, infatti io adoro la controcopertina di Francy,un bel "Bronzo di riace" sarebbe sicuramente apprezzato da molte lettrici.
    Chi di noi non immagina le forme del protagonista maschile dei romance?
    La pubblicità di D&G , che ha proprio come protagonista DavidGandy, per me è una boccata d'aria nuova., e poi sinceramente veder ogni volta donne fantastiche mezze nude aumentano i miei complessi e mi irritano come se noi donne fossimo tutte così.
    Siamo nell'era dell'uguaglianza dei sessi e dei diritti, quindi io voglio vedere un bel tronco di gnocco , anche il mio occhio di donna vuole la sua parte.

    RispondiElimina
  3. Si, si ,si!Adele hai fatto centro, basta con queste donne mezze nude per pubblicizzare qualsiasi cosa, non se ne può più.Con questo non voglio dire che la sostituzione perfetta sarebbe l'uomo mezzo nudo perchè spero sempre che la fantasia di quelli che creano le varie pubblicità sia vasta e varia ma credo che qualche bel ragazzo sulle copertine di libri rivolti a un pubblico quasi totalmente femminile non guasterebbero...anzi proporrei a Francy, visto il suo buon gusto, di suggerire qualche idea per le prossime uscite.Posso concludere dicendo che anch'io come te preferisco il marmo e il bronzo.
    Un saluto
    Daisy

    RispondiElimina
  4. Splendido articolo Adele che condivido in pieno.
    Ma credo che fin quando ci saranno degli uomini a dirigere l'editoria italiana, continueremo a vedere sempre le stesse copertine.
    Da quanto tempo chiediamo di darci copertine diverse?
    Ultimamente è migliorato qualche cosa ma veramente poco; comunque noi continueremo a far sentire la nostra voce, giusto?
    Se chi parteciperà alla Vie en rose facesse presente questa richiesta, sarebbe interessante sentire la risposta!
    Mari

    RispondiElimina
  5. Ho recentemente visto il David dal vivo (la statua che credete!) ed è uno spettacolo, davvero!
    Credo che Mari abbia ragione... l'unica è continuare a farci sentire!
    Elena

    RispondiElimina
  6. Io sinceramente preferisco le copertine con gli uomini...a proposito il ragazzo nella foto è stupendo.Però se dovessi scegliere una copertina per un romanzo sceglierei qualcosa di un tantino più sobrio,niente pettorali in bella mostra.

    RispondiElimina
  7. Rimango sempre incantata dalla maschia bellezza di sculture come il David di Michelangelo o il Fauno Barberini.
    Niente male anche il maschietto in carne ed ossa David Gandy^^.
    Vorrei anch'io più eroi dai corpi scultori in copertina, ma sono d'accordo con arti23 per quanto riguarda la sobrietà. Meglio intravedere qualcosa e lasciare il resto all'immaginazione (o ai calendari^^).
    Spero proprio di vedere presto delle cover con un bel cavaliere dall'attegiamento fiero e valoroso, oppure con un affascinante pirata con l'aria da conquistatore. =)

    RispondiElimina
  8. Rimango sempre incantata dalla maschia bellezza di sculture come il David di Michelangelo o il Fauno Barberini.
    Niente male anche il maschietto in carne ed ossa David Gandy^^.
    Vorrei anch'io più eroi dai corpi scultori in copertina, ma sono d'accordo con arti23 per quanto riguarda la sobrietà. Meglio intravedere qualcosa e lasciare il resto all'immaginazione (o ai calendari^^).
    Spero proprio di vedere presto delle cover con un bel cavaliere dall'attegiamento fiero e valoroso, oppure con un affascinante pirata con l'aria da conquistatore. =)

    RispondiElimina
  9. Bel post, argomento interessante. Be', nn posso certo dire di restare indifferente davanti a tanta grazia di Dio (il tizio della pubblicità D&G l'ha notato persino mio marito, il che è tutto dire!), però anch'io sono più propensa x la sobrietà: meglio accennare, suggerire che sbattere in faccia.

    RispondiElimina
  10. Allora, mettiamola così, se su un romanzo si sceglie di mettere una copertina un po' osè ( tipo quella del famoso Passione della Leigh)invece di una sobria con paesaggi vari o fiori o ritratti di sobrie fanciulle, allora tanto vale metterci un bel maschi con bei pettorali annessi. E no, io la donna non la voglio, non me ne frega proprio niente. Perchè è l'eroe che mi interessa è lui che 'mi fa sognare'. Se poi c'è una coppia variamente discinta, anche in quel caso lì,copertina attira sguardi per copertina attira sguardi preferisco bicipiti gonfi e mandibole squadrate con quel po' di barba che fa vissuto. Qualcosa da guardare oltre che da leggere insomma! :o)

    RispondiElimina
  11. Anche io voglio vedere ritratti bei ragazzi nelle copertine dei nostri amati romance, non capisco perché ci siano donne mezze svestite il più delle volte !!!! Io voglio un uomo mezzo svestito se proprio dev'essere !!!! :-)
    Silvia :-)))

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!