AL CINEMA CON LADY M. : 'PARADISO AMARO' e 'HYSTERIA'

COSA ANDARE A VEDERE AL CINEMA?

PARADISO AMARO, di Alexander Payne, con George Clooney, Shailene Woodley, Amara Miller
Matt King, avvocato hawaiiano di successo, sta attraversando un momento drammatico ed estremamente delicato della propria vita: la moglie è ricoverata in ospedale in stato di coma irreversibile in seguito ad un grave incidente nautico e lui si ritrova improvvisamente a dover gestire le due figlie di dieci e diciassette anni. Inoltre, la sua famiglia è intestataria di un fondo che detiene la proprietà dell'ultimo immenso appezzamento di terreno vergine di tutte le Hawaii e su di lui incombe, in quanto amministratore fiduciario del fondo, la responsabilità della decisione finale in merito alla vendita dell'ultimo vero paradiso incontaminato delle isole. 
Gruppo di famiglia in un esterno. Matt è un distratto e superimpegnato professionista che, procacciando il benessere materiale della propria famiglia, ritiene pienamente assolto il proprio dovere di marito e di padre. Ciò che vede dall'osservatorio della propria scrivania lo appaga e lo culla nell'illusione di appartenere alla famiglia patinata e perfetta delle pubblicità. Invece la famiglia vera, quella della vita di tutti i giorni, è un oggetto sconosciuto, pericoloso da maneggiare come un ordigno inesploso, nodo di incomprensioni, tensioni e frustrazioni, eppure è anche l'unica ancora di salvezza di cui disponiamo per tentare di restare a galla nell'oceano quasi perennemente tempestoso della vita. Il concetto portante del film è che i componenti di una famiglia sono come le isole di un arcipelago: benché facciano parte di un tutto, sono separati e, in definitiva, soli e, così alla deriva, si allontanano lentamente. Purtroppo è penoso riconoscerlo, ma il dolore separa emotivamente le persone, anche (o forse soprattutto) coloro che dovrebbero essere le più vicine; nei momenti di crisi, benché parte di una famiglia, cioè di un'istituzione che, in teoria, dovrebbe offrire sostegno ai propri membri, ognuno tende a bastare a sé stesso, a cercare di arrangiarsi da solo come può, con buona pace delle anime belle convinte che la sofferenza, soprattutto quando condivisa, avvicini e rinsaldi i rapporti interpersonali. Un film piuttosto lento, in cui, in pratica, succede poco o niente di veramente eclatante, si tratta semplicemente della vita che scorre, con tutte le sue difficoltà, in questo caso specifico quella di un avvocato americano e della sua famiglia, ma potrebbe trattarsi di quella di ognuno di noi, gli accadimenti sono quasi tutti interiori ai personaggi. Stridente il contrasto tra alcune inquadrature e panorami di struggente bellezza e i drammi che vivono i protagonisti. Anche la musica, dolce e vagamente ipnotica, contribuisce a creare un'atmosfera straniante in contrasto con i dolenti personaggi e i loro affanni. Finale non falsamente consolatorio e sdolcinato, per fortuna, semplicemente ci si rende conto di avere ben poca scelta e ci si aggrappa dove si può per non affogare. 
GUARDA IL TRAILER


HYSTERIA, di Tanya Wexler, con Maggie Gyllenhaal, Hugh Dancy, Jonathan Pryce, Rupert Everett 
Londra, 1880. Il dottor Mortimer Granville è un giovane medico entusiasta del proprio lavoro, ricettivo nei confronti di tutti i recenti traguardi della medicina moderna. Questo atteggiamento, però, lo rende inviso presso i colleghi più anziani e dalla mentalità chiusa, così, dopo l'ennesimo licenziamento, trova finalmente una nuova occupazione presso lo studio del dottor Dalrymple che cura, con successo, l'isteria femminile attraverso la stimolazione vaginale manuale. Qui ha l'opportunità di conoscere e frequentare le figlie del suo principale: Charlotte, la primogenita, ribelle, idealista ed impegnata in campo sociale e la quieta e dolce Emily, "l'angelo del focolare". Grazie alle sue doti di apertura mentale, curiosità ed intraprendenza, al caso e ad una buona dose di fortuna, finirà con l'inventare il vibratore.
Biografia, più o meno romanzata, del dispositivo elettrico più amato dalle donne (lasciate perdere lavatrice e lavastoviglie). La fine del XIX° secolo, mentre la seconda rivoluzione industriale è ormai in pieno svolgimento, è un periodo di grande fermento in ogni campo della vita umana, sia scientifico, con le strabilianti innovazioni dell'elettricità e del telefono, che socio-politico, con il recente movimento delle suffragette, origine di una nuova consapevolezza del proprio valore che, lenta ma inesorabile, si fa strada tra le donne e le classi sociali meno abbienti. Probabilmente, solo un simile substrato socio-culturale avrebbe potuto rappresentare un terreno fertile per l'invenzione di quello che, secondo una nota finale del film, è ancora a tutt'oggi il gadget erotico più diffuso al mondo. A dir la verità, forse è anche utile specificare che il periodo Vittoriano era caratterizzato da un estremo puritanesimo (ed estrema ipocrisia) nei costumi sessuali, infatti il vibratore non era stato pensato inizialmente in chiave erotica, bensì come coadiuvante medico nel trattamento dell'isteria femminile (diagnosi definitivamente abbandonata, per fortuna, nel 1952). 
Una commedia romantica, garbata e divertente, anche se molto meno "rivoluzionaria" di quanto l'argomento potrebbe lasciar pensare, tant'è vero che si conclude con una canonica proposta di matrimonio, con tanto di anello e innamorato inginocchiato davanti alla fanciulla dei suoi sogni.
Dialoghi leggeri e spumeggianti, ricchi di doppi sensi ma mai volgari, con il grande pregio di indurre al riso scanzonato e al sorriso indulgente su di un argomento delicato e facilmente manipolabile come il piacere sessuale femminile.
GUARDA IL TRAILER 



 
Posti in piedi in Paradiso, di Carlo Verdone, con Carlo Verdone, Pierfrancesco Favino, Micaela Ramazzotti
Tre estranei neodivorziati sono costretti alla convivenza per far fronte alle spese.
50 e 50, di Jonathan Levine, con Joseph Gordon-Levitt 
Un approccio leggero ed ironico alla malattia.






AVETE VISTO QUALCUNO DI QUESTI FILM? VI PIACEREBBE? COSA NE PENSATE? CONDIVIDETE CON NOI LE VOSTRE IMPRESSIONI.

4 commenti:

  1. Cara Lady M stasera sono andata a vedere 'Paradiso Amaro' e concordo al 100% con la tua recensione, un film amaro fin in fondo come dice il titolo, che offre un'ottima interpretazione di Clooney, che come attore si sa mettere in gioco anche con ruoli che non esaltano il suo fascino, per fortuna, anzi, qui è lui è pure il perdente.

    Fra i film che segnali mi ispira 'Posti in piedi in paradiso' per la prossima settimana...spero meriti!

    GRAZIE PER QUESTA UTILE RUBRICA!La seguo semmpre.

    Antonia

    RispondiElimina
  2. Caspita, non avevo idea di cosa trattasse il film Hysteria, adesso mi hai proprio incuriosito e lo voglio vedere!!! non avrei mai pensato che si parlasse di "stimolazione vaginale" nel 1880! per guarire l'isteria femminile poi??? ahahahaha
    grazie e ciao Maristella

    RispondiElimina
  3. Adele V. Castellano05/03/12, 22:41

    Lady, la tua rubrica è davvero utilissima... sai quanti film "mattone" eviterò???

    Grazie carissima, un bacione!!!

    RispondiElimina
  4. Sì, è vero, presento una preoccupante tendenza x i film-pacco (secondo la definizione scientifica di mio marito). Adesso però, si vede che con l'età m'è venuto il cuore tenero, lo dico in anticipo a chi mi vuole accompagnare, una volta ero molto più carogna e tergiversavo... ;-)
    Sarà x quello che quando dico che vado al cinema, c'ho il vuoto pneumatico intorno?
    Baci a tutte.

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!