LMBR presenta...LEMONADE di Nina Pennacchi


NINA PENNACCHI, è italianissima ma il suo romanzo, dal titolo insolito e fresco, proprio adatto a questa stagione, LEMONADE, è ambientato nella verde campagna inglese del Kent in piena epoca Regency. Anna e Cristopher , i protagonisti di LEMONADE, con i loro sagaci scambi verbali, espressione di carattere forte e testardo da entrambe le parti, fanno ricordare molto da vicino eroi ed eroine dei migliori romanzi del genere. 
  Ve ne proponiamo un estratto qui sotto e se vi verrà voglia di leggere di più ,potrete farlo, perchè il romanzo è già disponibile sia in libreria che nei bookshops online. 
LA TRAMA DEL ROMANZO
È invincibile.È sconvolgente. È limonata. Kent, 1826.  Christopher Davenport  prepara da anni la sua vendetta. E quando si trasferisce a Coxton, paesino della campagna inglese, sa esattamente cosa lo aspetta. Conosce i suoi nemici, e non li teme. Non teme il padre naturale, Leopold DeMercy. Non teme il fratellastro Daniel. Non teme i fantasmi del suo passato. E di sicuro non teme la limonata. Dovrebbe, però.Oh, milioni di persone vi diranno che è una bevanda innocua e salutare. Non credeteci. Perché basta poco, un attimo di distrazione, per rovesciarne un bicchiere. E averne la vita sconvolta, come scopre anche la giovane Anna Champion.
Caratteri diversi come il giorno e la notte, Anna e Christopher. Tra loro volano schiaffi, baci rubati, dialoghi al vetriolo e mortificanti scuse. Eppure prima di addormentarsi Anna non può fare a meno di ripensare a quell'uomo arrogante, e Christopher non riesce a dimenticare quella strega odiosa.
E quando a Coxton si comincia a vociferare di un probabile fidanzamento tra Anna e Daniel, Christopher decide di strapparla al fratellastro con ogni mezzo... anche il più infame.

                        
Antefatto: qualche giorno è passato da quando Christopher, sorprendendo Anna da sola, le ha rubato un bacio. Dopo questo episodio Anna ha deciso di non vederlo mai più. E il “mai più”, come sempre, si rivela un tempo ridicolmente breve... 
[...] I bambini la guardavano spaventati. Non poteva essere altrimenti; il mago stava per uccidere la dolce principessa, e il principe era ancora nel bosco a combattere contro le sette cavolicchie e i quattro alberi del pane, che lo stavano seppellendo sotto innumerevoli pagnotte appena sfornate.
«E il principe seppe che non poteva aiutare la principessa» continuò Anna, mentre Grace faceva uno strilletto.
Erano seduti su un vecchio tappeto in terra, tra i cuscini usati come sedie, rivolti verso la finestra. Grace era in braccio ad Anna, sulle sue gambe incrociate; i fratellini, a lato. Nora stava su una sedia poco lontano e cuciva; anche lei ascoltava la storia con un sorriso distante, fingendo di pensare ad altro, e borbottando un “Humpf” di tanto in tanto.
«E allora il principe seppe che poteva fare solo una cosa per la principessa; diede la spada al drago, e gli disse: “Portala alla dolce Penelope, caro Grigo, più veloce del vento.” Grigo volò via, aprendo le grandi ali grigie, striate di verde» mimò con le braccia il volo del drago «e in un attimo raggiunse il castello torreggiante del perfido mago.»
Stava forse sottoponendo i suoi fratellini a una tensione emotiva troppo intensa, si chiese Anna? Il momento tanto drammatico, infatti, stava preoccupando i loro giovani cuori.
«E il principe come farà, senza spada?» protestò infatti Dennis. «Non potrà più tagliare le pagnotte, e riempirle di cavolicchie... rimarrà schiacciato dal pane!»
«Il principe sa di rischiare, ma a volte l’amore fa fare sacrifici» spiegò Anna. Filosofia spiccia, che fece tacere il fratellino con tutta la forza della sua inconfutabile banalità. Lei proseguì: «Grigo il Drago portò la spada alla principessa, che riuscì, grazie a quella, a sbucciare l’enorme patatilla, la patata che sfavilla; la tagliò a tocchetti e la buttò in olio bollente, e il profumo che si sparse nel castello fu così buono, ma così buono, che il mago non riuscì a resistere: corse in cucina, e sulla tavola trovò dodici chili di patatilla caldi e croccantini; ci si tuffò sopra, e cominciò a ingozzarsi senza riuscire a smettere; e più ne mangiava, più si gonfiava: e si gonfiò» allargò le braccia «si gonfiò» ancora, un po’ più larghe «si gonfiò così tanto che infine scoppiò, e sparì con un pluff». Mimò con le mani un’evanescente sparizione.
«Pluff» ripeté Grace.
«La principessa volando su Grigo il Drago raggiunse l’amato principe, trovandolo sepolto da una montagna di pane e cavolicchie; e lo salvò. Ed ebbero pane e cavoli per il resto della loro vita.»
«Come noi!» esclamò Grace.
«Esatto!» rise Anna.
«Non mi piacerebbe affatto incontrare una cavolicchia arrabbiata» commentò una voce affettuosa alle sue spalle.
Lucy!
Anna si alzò svelta, insieme ai fratelli e la sorella. Si passò le mani sul vestito, lo rassettò velocemente e si girò, con il sorriso radioso che riservava sempre alla sua amica.
E lo vide.
Lui.

Un calcio alla testa, qualcuno doveva averle dato un calcio alla testa, perché il colpo fu così forte che le gambe le si piegarono, e si sostenne con entrambe le mani sulle esili spalle di Grace, rischiando di farla cadere.
«Ahi!» protestò la bimba.
Anna la guardò con occhi spalancati, e Grace fraintese il suo terrore: «Non mi sono fatta niente, sai» la tranquillizzò, abbracciandole le gambe.
Nora alzò lo sguardo e, vedendo un nuovo ospite, fece un salto dalla sedia. «Oh, santo cielo, signorina Lucy. Non l’abbiamo vista arrivare. È dovuta entrare da sola. E il suo accompagnatore.»
Gli occhi dei bambini si volsero verso quel signore alto. «Il mago!» proruppe Grace, e il suo ditino lo indicò senza esitazione. Lo aveva riconosciuto subito, per via della descrizione che ne aveva fatto la sorella nella fiaba; del resto, con il suo talento per la pittura, non poteva non essere fisionomista.
«Grace!» esclamò Lucy. Ma sotto la mano, corsa subito alla bocca, la risata era già uscita, inconfondibile.
Anna non rideva, invece. Né parlava, se per quello. Né respirava, o si muoveva, o sbatteva gli occhi. Sconvolgimento totale della mente che si esprimeva in immobilità totale del corpo.
(È Christopher Davenport, Anna. Te lo ricordi? Ti ha baciato, una settimana fa. Ti ha umiliato. Ha riso di te, e ha minacciato la tua famiglia.)
La sua famiglia. La sua famiglia, santo cielo, è vero, la sua famiglia, la sua famiglia che era lì con lei, in quel momento! E Anna era spaventata, d’accordo, pavida, senz’altro, ridicola, anche—ma rimaneva pur sempre la sorella maggiore di tre bambini! Drizzò la schiena e si spostò davanti a loro, per proteggerli, con una furia che non credeva di possedere. Come si era permesso di entrare in casa sua, quel farabutto?
Non poteva far scenate, quindi disse: «Nora, ti prego, porta i bambini in cucina e dà loro un po’ di pane».
«Chi è questo signore, Anna?» chiese Anthony.
«Anthony, vai subito in cucina.»
Tono brusco, brusco cenno del capo. Meglio non fare domande, sembrò pensare suo fratello, e seguì Nora insieme agli altri. Un po’ titubante, quello sì.
«Non ti preoccupare, Anthony» lo confortò Grace mentre si spostavano nell’altra stanza. «Tanto farà pluff.»
Ma il mago, nonostante l’ottimismo di quelle parole, stava benissimo. Eccolo, sull’uscio, imperturbabile e calmo. Forse sereno, addirittura. Era Anna, invece, che si sentiva molto vicina a una dissolvenza, e rimase in mezzo alla stanza fissandolo con un odio che non aveva mai provato prima, per nessuno. Odio inoffensivo, ahimè, e infatti lui si limitò a restituirle uno sguardo perfettamente blu e rilassato.
«Anna, stai bene?» chiese Lucy, entrando nella stanza.
“Bene” non era forse il termine più adatto. Anna riuscì a malapena a voltarsi verso di lei, distogliendo gli occhi da quel... da quel...
«So che ti sta antipatico, ma non è stata colpa mia, davvero» le bisbigliò Lucy quando le fu vicina. «Ha voluto accompagnarmi a tutti i costi».
Era così dispiaciuta, la sua amica. E che poteva fare, Anna? Buttarlo fuori casa davanti a lei? Graffiargli il viso fino a togliergli quell’aria soddisfatta? O invitarlo a prendere il tè, e offrigli qualche biscotto, e sorridergli cordiale?
Oh, che maledetto!
Ma non gli avrebbe sorriso, quello no. Respirò profondamente. «Non importa, Lucy» rispose infine con tono spento. «Dovrò ucciderti, naturalmente, ma spero che questo non rovini la nostra amicizia.»
Lucy rise piano. «Staremo solo cinque minuti, te lo giuro» sussurrò. «Poi tornerò di nascosto, dovessi volare su di un drago grigio.»
«Posso entrare, o mi farete rimanere sulla soglia, signorina Champion?» chiese Christopher con perfetta compostezza.
Si divertiva, lui.
Anna lo fissò con rabbia. E paura. E vergogna, una dannata vergogna, che non meritava di provare. Non seppe cosa rispondergli; poi vide lo sguardo di Lucy, interrogativo, e disse quello che mai avrebbe voluto: «Accomodatevi. Prego. Qui». La sua voce suonò terribilmente patetica e agitata. Lei era terribilmente patetica e agitata.
Christopher entrò nella stanza. Imponente, proprio come lo ricordava. Si sedette, e perfino il divano sfondato, che in genere inghiottiva gli ospiti, non poté nulla contro di lui, che anche da seduto rimase terribilmente... grande. E inevitabilmente minaccioso. Ma perché era lì? Era solo uno sfortunato caso? Oppure... oppure era ancora arrabbiato con lei? La prospettiva le rammollì il cuore, e le viscere. Dio del cielo, i suoi fratellini, in cucina. Suo padre, nell’orto.
Oh, perché era lì, quel signore? [...]
Nina Pennacchi, LEMONADE, collana Primo Libro , Neftasia editore , 2011, pp.402, euro 19,00
LEMONADE è già acquistabile su tutti i principali bookshops online, come IBS , link:http://www.ibs.it/code/9788860381521/Pennacchi-Nina/Lemonade.htm
Per qualsiasi commento o informazione, potete contattare Nina Pennacchi scrivendo a: ninapennacchi@katamail.com

Vi e' piaciuto questo estratto?  Vi piacerebbe leggere tutto il romanzo? Avete domande da fare all'autrice? Come al solito  aspettiamo i vostri preziosi commenti...anche per cercare di vincere una  copia di questo romanzo!

32 commenti:

  1. si decisamente mi piacerebbe leggerlo, è per questo che incrocio le dita e spero nella fortuna

    RispondiElimina
  2. Non mi dispiace affatto questo romanzo....vedremo se sarò fortunata.

    RispondiElimina
  3. La limonata mi ha fatto subito correre il pensiero al duca di ghiaccio della Balogh e la famosa scena della limonata sull'occhio!!!
    Che bello, sembra un rapporto amore/odio! con protagonisti che si tengono testa nel confronto? interessante novità, grazie.
    Maristella

    RispondiElimina
  4. Ho già sentito parlare del romanzo e vorrei veramente leggerlo perchè l'idea della limonata è originale :)

    RispondiElimina
  5. Delfina R.26/08/11, 19:04

    Sembra molto intrigante. L'estratto mi incuriosisce. W le penne italiane!!! Delfina R.

    RispondiElimina
  6. Sembra molto avvincente....mi piacerebbe leggerlo !
    Cinzia

    RispondiElimina
  7. I romanzi ambientati in epoca regency sono tra i miei preferiti e la trama di Lemonade mi attira molto, in quanto è originale e frizzante. E poi come si fa a resistere ai dialoghi sagaci di due protagonisti che non si sopportano...sono la parte migliore di un romanzo.
    L'estratto è molto carino. Il fatto che Anna attribuisca al cattivo della fiaba le sembianze di Christopher la dice lunga su quanto non lo sopporti e di come non riesca a toglierselo dalla testa.
    Tento la fortuna :-)

    RispondiElimina
  8. Mi piace molto la trama di questo romanzo e poi l'estratto è irresistibile

    RispondiElimina
  9. Sarà senz'altro tra i miei prossimi acquisti, anch'io amo molto l'ambientazione Regency.

    RispondiElimina
  10. Adoro i romanzi regency...sarà una delle mie prossime letture!!
    S.A.

    RispondiElimina
  11. L'estratto mi è piaciuto molto e ha
    alimentato la curiosità verso questa storia, se poi dico che il periodo di ambientazione è tra i miei preferiti...il libro è assolutamente da leggere!
    Daisy

    RispondiElimina
  12. Bello ed avvincente, chissà se la fortuna bussa alla mia posta!

    RispondiElimina
  13. L'estratto mi è piaciuto molto^^
    Sembra un romanzo molto avvincente e lo stile dell'autrice mi ha catturata!!

    RispondiElimina
  14. L'estratto fa ben sperare..mi piacerebbe molto leggerlo ..adoro i dialoghi frizzanti e i protagonisti che non cadono da subito l'uno nelle braccia dell'altra...
    Incrocio le dita!!!
    Juliet

    RispondiElimina
  15. originale la scelta dei nomi della favola e l'ambientazione della scena che ho letto è evocativa di giorni lontani passati ad ascoltare mia mamma, grazie, Cristina

    RispondiElimina
  16. Mi piacerebbe davvero vincere questo romanzo, la trama mi incuriosisce e mi è piaciuto molto l'estratto.
    Incrocio le dita!!!

    RispondiElimina
  17. In questo periodo sto leggendo romanzi ambientati ai giorni nostri ma non mi dispiacerebbe un salto nel passato ....

    RispondiElimina
  18. E' proprio un libro da leggere. Il titolo e le prime pagine mi fanno ben sperare. Adoro i battibecchi verbali, le farfalle nello stomaco, o meglio i colpi in testa, insomma le "mazzate d'amore" mi intrigano.
    L'estratto ti invoglia a leggerlo.
    Incrocio le dita anch'io....

    RispondiElimina
  19. Sono quella di prima che non ha lasciato il nome.
    Tiziana.

    RispondiElimina
  20. Ciao, ragazze, e grazie 1000 per i vostri gentilissimi commenti! Non sapete quale emozione è per me leggerli, e trovare il mio libro presentato su questo meraviglioso blog!

    Un abbraccio a tutte, Nina Pennacchi

    RispondiElimina
  21. La presentazione di Lemonade mi ha incuriosito ma soprattutto una italianissima scrittrice che scrive Regency mi incuriosisce ancor di più!
    Aspetto la recensione di questo libro da parte de LMBR.
    Cmq, forza Nina!
    Anna B

    RispondiElimina
  22. Mi è piaciuto molto l'estratto... mi piacerebbe vincere questo libro :)

    Agnese

    RispondiElimina
  23. Davvero stuzzicante questa coppia "lui uomo arrogante", "lei strega odiosa".
    Amo molto le storie di odio/amore e schermaglie. Tento la fortuna, altrimenti mi procurerò sicuramente questo libro.
    Grazie per il lavoro interessantissimo che fate con il sito!
    Loredana.

    RispondiElimina
  24. Mi ispira molto la trama,speriamo di essere fortunata!

    RispondiElimina
  25. Adoro questo blog e trovo molto interessanti tutte le recensioni dei libri che presentate...infatti per "colpa" vostra la mia libreria sta scoppiando! =)...Mi piace molto la trama e l'estratto di questo libro; i dialoghi sono sagaci e divertenti e la lettura risulta molto piacevole, proprio come un fresco bicchiere di limonata in una calda giornata estiva!
    Non posso proprio lasciarmelo scappare e quindi...incrocio le dita! =)
    Eloisa

    RispondiElimina
  26. grazie per le dritte! incrocio le dita. Sabrina

    RispondiElimina
  27. Cosa dire? Adoro il regency, la limonata e questo estratto mi ha fatto venire un gran voglia!
    Speriamo bene!
    Serena

    RispondiElimina
  28. Uau! Si legge tutto d'un fiato. La mia immaginazione mi ha spinta ad immaginare cosa succede dopo che Christopher si è seduto sul divano. Magari, dato che il divano era sfondato,è sprofondato ed Anna si è presa la sua bella rivincita. Adesso la curiosità di conoscere cosa ha scritto l'autrice mi spinge ad acquistare il libro.
    Stefania

    RispondiElimina
  29. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  30. spero di essere ancora in tempo per partecipare ;) la copertina del libro mi piace molto e il titolo e' davvero carino e accattivante ! sono molto curiosa ;)

    ciao.mary64@gmail.com

    RispondiElimina
  31. Seguo questa autrice da quando scrive i suoi racconti su braviautori.it. Una scrittrice con la S. maiuscola che sa unire alla fantasia uno stile impeccabile ricco di metafore, simbolismi e profonda conoscenza dell'animo umano. Mi piace e l'ammiro molto.
    Tania Maffei
    tania9gatti@gmail.com

    RispondiElimina
  32. bellissimo sto libro!!!!! oddio non riesco a scordarmi di cristofer il protagonista ,una figura che ti entra dentro....notevole !!!!

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!