CHE FINE HA FATTO LA' COMMEDIA ROMANTICA' ?

E' un dato di fatto, non ci sono più le commedie romantiche di una volta, anche solo come quelle di dieci anni fa, e non capisco perchè. La penuria non è imputabile solo al cinema americano, anche in quello di casa nostra alla commedia sentimentale vengono lasciati piccoli, piccolissimi spazi e la fiction in TV non riesce a rimediare più di tanto a questa mancanza. Il nostro è un paese dove il genere sentimentale è considerato di serie B non solo nei libri, ma anche al cinema, e non a caso quel poco che ci viene offerto solitamente proviene dalla televisione, e il pù delle volte non è nemmeno di produzione italiana .
Del mio stesso parere sembra essere l'autore di questo simpatico articolo apparso sul Telegraph qualche anno fa, che ho tradotto, sicura che divertirà anche voi! Buona lettura!


PERCHE' LA COMMEDIA SENTIMENTALE MODERNA E' DA BUTTARE

Le commedie romantiche hanno perso sapore, spirito e fascino. ‘I protagonisti maschili di oggi semplicemente non sono all’altezza’, dice David Gritten [famoso critico cinematografico n.d.t].

C’è un momento bellissimo in un film di Stanley Donen del 1963, Sciarada (Charade), in cui Audrey Hepburn chiede a Cary Grant: “ Sai cosa c'è che non va in te?E lui: “ Cosa?Niente.”, risponde la Hepburn. E’ una delle battute più memorabili del film, ma i dubbi che sia basato su una fragile premessa vengono spazzati via da The Truth About Charlie, il confuso remake di Sciarada del regista sceneggiatore Johnatan Demme. Naturalmente Demme nel remake fa interpretare ai suoi protagonisti la stessa scena. Ma quando Thandie Newton chede a Mark Wahlberg “ "Sai cosa c'è che non va in te?”, si teme che lei possa prendere un bel respiro e cominciare a snocciolargli una lista. Perché la verità su…Wahlberg è che sebbene sia solido, competente ed adeguato alle modeste necessità dei film di Hollywood, manca di sapore, leggerezza, spirito, arguzia e fascino. In una parola: non è Cary Grant.

Ma chi può esserlo? Insieme alla magnifica coppia Katherine Hepburn e Spencer Tracy, Grant rimane ancora oggi il migliore interprete di commedie sentimentali sul grande schermo. Ma guardando il povero Wahlberg mi rimane l’impressione di un uomo impassibile che si guarda malinconicamente le scarpe, così mi risulta difficile non arrivare alla dolorosa conclusione che la commedia romantica non sia più quella di una volta.

E non si tratta solo di malinconica nostalgia. La commedia romantica in passato era espressione di sex-appeal, smagliante e spumeggiante spirito, dialoghi fatti di botta e risposta pronunciati alla velocità della luce ( pensate a La signora del venerdì, Scandalo a Filadelfia e Susanna). Non stupisce che sia presto diffusa una diceria riguardo al genere, cioè che la commedia sentimentale fosse molto più difficile da scrivere di quanto non sembrasse. Così come non ci stupisce il fatto che molti gioiellini del genere siano stati scritti da coppie: Ben Hecht e Charles MacArthur, Garson Kanin e Ruth Gordon, Phoebe e Henry Ephron, Billy Wilder and IAL Diamond.

E pensare che molte commedie sentimentali old-style furono scritte con propositi assolutamente diversi. La Costola di Adamo ( Adam’s Rib) con Tracy e la Hepburn è anche un dramma giudiziario con marito e moglie avvocati impegnati su fronti opposti. L’appartamento (the Apartment) era soprattutto un’accusa alla vacua ambizione di certi manager. Anche Sciarada, con la sua trama leggera e improbabile, si rifà abbastanza palesemente ai thriller di Hitchcock. Si capisce che quelle storie d’amore erano parte di una realtà più problematica.

Gli amanti sembravano anche più grandi. Le commedie romantiche erano meno discriminatorie riguardo all’età rispetto a oggi e presentavano personaggi già navigati. Non è un caso che Cary Grant sembri un affascinante uomo di mondo in Sciarada, aveva 58 anni quando lo girarono.

Tracy e la Hepburn sono universalmente considerati la coppia reale della commedia romantica, ma lui aveva 42 anni e lei 35 quando debuttarono come coppia in La donna dell’anno ( Woman of the Year) . Entrambi avevano più di quarantanni quando fecero La costola d’Adamo e c’è ancora in giro la storiella che lui continuasse a trascinarla fuori campo per provarci visto che i loro personaggi sembrano non riuscire a togliersi le mani di dosso.

Un tempo le commedie romantiche erano molto brillanti, con trame che sottolineavano gli ostacoli sociali che rendevano impervia la strada verso il compimento della storia d’amore . Il titolo che la scrittrice Cherry Potter ha dato al suo libro sulle commedie romantiche , Ti amo, ma ( I Love You But), riassume piuttosto bene questa tendenza. Così La costola di Adamo è ‘ ti amo ma siamo avversari in pubblico, parti avverse di un processo’. L’appartamento è ‘ ti amo ma sono ambizioso e tu sei l’amante di quel donnaiolo del mio capo”. In Sciarada, Audrey Hepburn ama Cary Grant, ma lui ha così tante supposte identità che non sa chi lui sia realmente.

Confrontate questa ricchezza con due esempi recenti: in Serendipity /Quando l’amore è magia(2001) John Cusack and Kate Beckinsale , entrambi già coinvolti in una relazione con altre persone,passano una serata perfetta insieme a Manhattan. Chiaramente sono fatti l’uno per l’altra ma lei non vuole dargli il suo nome o il suo numero perché, dice, sarà il caso a decidere se sono fatti per stare insieme. Ma chi si comporta così? E’ solo un goffissimo espediente ideato dallo sceneggiatore per tenerli separati per buona parte del film.

Persino peggio è Prima dell’alba ( Before Sunrise) (1995),in cui un giovane americano (Ethan Hawke) e una ragazza francese (Julie Deply) si incontrano a Vienna. Passano una notte a parlare e a fare l’amore. E…è tutto. Non c’è sviluppo drammatico, nè tensione, nè idea di un mondo al di fuori della coppia in questa storia. E’ un esercizio in autoreferenzialità.

Un eccezione moderna è il britannico Richard Curtis che scrive commedie romantiche che hanno decisamnete un po' di sugo. Il suo Notting Hill una mordace moderna variazione del vecchio adagio: "Ti amo, ma io non sono nessuno e tu sei l'attrice più famosa del mondo." Curtis è una rarità: uno sceneggiatore di prima qualità che ha scelto di cimentarsi nel campo della commedia romantica. Sono pochi quelli che fanno lo stesso, il che spiega perchè il genere sia oggi meno apprezzato e solo un pallido spettro di se stesso. E' un peccato, perchè molte delle nostre attrici hanno dimostrato di essere all'altezza del compito. C'è Julia Roberts, naturalmente; Renèe Zellwegger del Diario di Bridget Jones; Gwyneth Paltrow, la cui presenza diede lustro al modesto Sliding Doors.

No, il problema sta più negli interpreti maschili. Sono pochi quelli che sembrano voler rischiare ad interpretare ruoli da protagonista in film romantici e nasce il sospetto che pochi possano farlo. In parte questo si deve al fatto che lo stile di recitazione è cambiato negli ultimi trenta o quarant'anni. Sugli attori di oggi pende la lunga ombra del Metodo Stanislavski. Gli uomini devono guardare a fondo in se stessi alla ricerca di una motivazione per i loro personaggi; è roba seria, difficile da far quadrare con la commedia romantica, che richiede secco umorismo,una follia appena controllata e essere pronti a portare uno smoking sembrando allo stesso tempo sciocchi e sofisticati

Chi può farlo? Vengono in mente due nomi ovvi: George Cloony e Hugh Grant. Clooney è stato eccezionale in Out Of Sight, una commedia romantica dentro a una storia alla 'caccia al ladro'; ma ora lui sembra più propenso a fare film con Steven Soderbergh. Grant è super conosciuto in Inghilterra, forse è per quello che tendiamo a sottostimarlo così tanto, ma quando dà il massimo ci fa tornare con la mente alla migliore commedia romantica.

Chi altro? Edward Norton ha già interpretato la bella e misconosciuta Keeping Faith ( "Ti amo ma sono un prete cattolico e il mio rivale in amore è un rabbino). Ma sembra aspirare a qualcosa di più importante. Robert Downey Jr sarebbe fantastico ma è difficile da scritturare fra una galera e l'altra. Johnny Depp ha il physique du role ma preferisce vestirsi di stracci e adottare quello che lui ingenuamente pensa essere un accento irlandese prima di arrivare a mettersi adosso lo smoking.

Noi inglesi possimo vantare candidati plausibili: Colin Firth può interpretare brillantemente l'impassibile etero. Ewan MacGregor potrebbe fare magistralmente una commedia romantica, così come immagino potrebbe farlo Jude Law. Ma, a giudicare da Un amore a cinque stelle ( Maid in Manhattan), Ralph Fiennes farebbe bene ad evitare il genere a meno che qualcuno non gli fornisca prima un rilassante per i muscoli facciali.

Quanto agli attori più su in età, solo perchè Cary Grant e Spencer Tracy furono interpreti romantici stellari di mezza età non significa che la regola si applichi a tutti. Sì, mi riferisco a lei, Harrison Ford, così pesante e affaticato nel l'imprudente remake di Sabrina. E a lei, Richard Gere, così tronfio e pieno di sè in quell'orrendo Autunno a New York (Autumn in New York).

E il resto? Tom Cruise è una vera stella del cinema ma tutte le volte che addocchia una bella donna sullo schermo senti che preferirebbe guardare in uno specchio.Tom Hanks sembra un bravo ragazzo ma è davvero lui l'uomo che tutte sognano? Matthew McConaughey ? Senza personalità. Ben Affleck? Idem. E come abbiamo già avuto modo di dire, non Mark Wahlberg. Mai.

Ci sorprende che così tanti attori oggi pensino che la commedia romantica sia al di sotto delle loro capacità. Secondo me è vero se mai il contrario: è al di sopra.

* La versione originale di questo articolo si può leggere qui.

SPENCER TRACY E KATHERINE HEPBURN...DIVINI!



Siete daccordo con la teoria dell'articolo? Avete visto una commedia romantica che vi è piaciuta recentenente? Quali sono i vostri interpreti preferiti? E gli italiani riescono a fare secondo voi questo tipo di film? Qualche esempio? Lasciate un commento.

13 commenti:

  1. Ciao,
    bellissimo articolo e soprattutto veritiero. Faccio molta fatica a ricordare una commedia romantica da salvare:sono tutte molto scontate e banali. Ricordo con piacere 'UN COMPLEANNO DA RICORDARE' e 'SACCO A PELO PER TRE'. Stiamo parlando pero' di filmetti di 20/25 anni fa con protagonisti adolescenti....

    Michela

    RispondiElimina
  2. E' vero. Ultimamente non ho più visto una commedia romantica decente! A me piacevano tantissimo quelle interpretate da Julia Roberts: "Pretty woman", "Notting Hill", "Se scappi ti sposo". Mitiche!!!

    RispondiElimina
  3. E' vero. Ultimamente non ho più visto una commedia romantica decente! A me piacevano tantissimo quelle interpretate da Julia Roberts: "Pretty woman", "Notting Hill", "Se scappi ti sposo". Mitiche!!!

    RispondiElimina
  4. ladymacbeth06/09/10, 18:16

    Ho apprezzato molto l'articolo in sé, interessante e scritto bene. Personalmente, però, non sarei così pessimista, ricordo commedie sentimentali abbastanza recenti molto gradevoli e ben fatte; cito alla rinfusa come mi vengono in mente: "L'amore non va in vacanza", "Down with love", "Love actually", "Quattro matrimoni e un funerale" (d'accordo non è recentissimo, in compenso è un capolavoro). Tra gli italiani ho adorato "Ex".
    Ciao a tutte e grazie.

    RispondiElimina
  5. Stefania G.07/09/10, 11:52

    Ciao.
    Non è una consolazione, ma negli ultimi anni non ci sono state delle idee brillantissime per nessun genere, fatta qualche eccezione. A mio avviso, questa carenza, è dovuta allo sciopero degli sceneggiatori che è durato a lungo. Vedremo prossimamente cosa ci propineranno, mah.....
    Comunque per il NOSTRO genere preferito i titoli carini sono pochi da ricordare, ma recenti ed interessanti per me sono stati:
    "La dura verità", "Una proposta per dire sì", "Scrivimi una canzone", tutti con attori "in parte".

    RispondiElimina
  6. Cara LADYMACBETH i titoli che citi mi vedono daccordo , primo fra tutti 'Quattro Matrimoni'...che però è uscito nel 1994! Personalmente adoro 'C'è Posta per te' e 'French Kiss' ( per non parlare del mitico 'Harry ti presento Sally') ma ahimè sono tutti pre 2000. A me l'italiano EX non è piaciuto gran che, mentre devo dire che 'Manuale D'Amore' mi ha molto divertito, anche il secondo ( sembra ce ne sarà presto una nuova puntata...).

    Naturamente concordo anche con te, STEFANIA G., MANCANO LE IDEE AL CINEMA IN GENERALE, e ti ringrazio perchè 'Una proposta per dire sì' mi era sfuggito, sono andata a vedere il trailer e mi sembra molto carino! Non mi sembra sia uscito nella mia città. Recentemente mi sono rivista anche '27 volte in bianco' e 'Qualcuno come te' e devo dire che sono entrambi molto carini ( infatti ho deciso di comprarli inDVD)...ma sto ancora aspettando 'L'Harry ti presento Sally' del 2000 !

    Francy

    RispondiElimina
  7. Bellissimo questo articolo, di cui condivido molte opinioni. Come Luna70 apprezzo tantissimo Julia Roberts e tutti i suoi film, sia le commedie romantiche, che quelli più seri o drammatici. Nel panorama maschile salverei qualche attore in più rispetto a quelli citati (ad esempio Ruper Everett), ma tutto sommato sono d'accordo. Julia Roberts e Hugh Grante dovrebbero fare più film insieme!

    RispondiElimina
  8. Perché da buttare???questi sono i film che più adoro....chi non li ama non li capisce...ciao ciao

    RispondiElimina
  9. Ciao Iaia, in realtà l'intervista si riferisce a certi film romantici moderni che secondo il giornalista non avrebbero la verve e non sarebbero interpretati come quelli classici degli anni'40/'50 e forse ha ragione. Poi che fra quelli più recenti ce ne siano comunque di carini, per fortuna, non ci piove, ma quel modo di fare cinema, certe interpretazioni...sembrano difficili da rivederere nei film più recenti...ma noi speriamo sempre!

    Francy

    RispondiElimina
  10. molto bello questo articolo e molto veritiero: anche a me piacevano tanto le commedie romantiche con meg ryan ( peccato che poi si sia stancata di fare questi film!)mi piace anche la roberts, la zellweger ( mitica in bridget: spero che lavori ancora con colin firth!)recentemente ho visto 27 volte in bianco e la dura verita: commedie molto carine

    giovedi su la5 ( digitale) ho visto SOMETHING NEW un film che mi è piaciuto con simon baker ( il biondino di the mentalist)

    ciao mari

    RispondiElimina
  11. Stefania G.12/09/10, 23:18

    Ciao.
    Sono andata al cinema a vedere "Amore a mille miglia": strepitoso. Sono uscita dal cinema con le lacrime agl'occhi dal ridere, è anche molto romantico.
    Per quanto riguarda l'articolo mi sembra che si dimentichi di un elemento importantissimo per le commedie romantiche: i comprimari. Per esempio come sarebbero film come "Notting Hill" senza il coinquilino di Hugh Grant? Oppure "Il matrimonio del mio migliore amico" senza lo strepitoso Rupert Everett?
    Non sono solo gli attori e sceneggiatori che non vogliono confrontarsi con una VERA commedia, ma anche i registi. Nell'articolo si parla di Cukor o Wilder che hanno una filmografia con prevalenza di commedie eccezionali, ultimamente nessun regista è paragonabile.
    Un attore che mi piace molto e che mi sembra versatile e non demenziale è Steve Carrell. L'ho visto in diversi film, ma in "La vita secondo Dan" mi è parso adatto al genere.

    RispondiElimina
  12. Ciao Stefania, grazie di aver detto la tua sull'argomento e anche di averci segnalato il nuovo film 'Amore a Mille Miglia'. Non è che hai voglia di scriverci su una piccola recensione da pubblicare eh? Sarebbe carino!
    Se ne hai voglia mandala in allegato a: irosadifrancy@gmail.com

    Francy

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!