USCITO NEGLI USA LAST NIGHT'S SCANDAL, DI LORETTA CHASE



Quando terminai di leggere Lord Perfect di Loretta Chase (terzo romanzo della serie dei Carsington, nonché il titolo della signora che fino ad oggi più mi è piaciuto), subito ne immaginai il seguito, o meglio lo spin off, dedicato alla storia di Olivia e Peregrine, i rispettivi figli dei due protagonisti – Batsheba e Benedict.

Da allora, era il 2006, Mrs Chase ne ha pubblicati quattro di romanzi, nessuno dei quali, però, con i due piccoli eroi, ormai cresciuti e in età di innamorarsi, nel ruolo di protagonisti. Non che non ci contassi, più. Era di certo impossibile che la Chase si lasciasse sfuggire un bocconcino tanto prelibato. E così, finalmente, è stato, in Last Night’s Scandal (384 pagine, Avon paperback, uscito il 27 luglio).

Siamo nel 1831 e Olivia e Peregrine si rincontrano (lui ha vissuto a lungo con lo zio Mr Impossibile in Egitto) dieci anni dopo la loro prima folle fuga. Anche qui le avventure (è lei che trascina lui nei guai, naturalmente) non mancano. I battibecchi e l’amore, neppure. Insomma, se non l’aveste ancora capito, ci troviamo in pieno genere romance brillante, quello che personalmente preferisco, con humour e dialoghi frizzanti, una storia d’amore al peperoncino e una trama tanto improbabile da piacermi un sacco.

Non ho letto il libro, appena uscito negli States, ma a scorrere la trama
sembra quasi che ripercorra fedelmente le tracce di
Lord Perfect. Ritroviamo: un eroe tutto d’un pezzo, un altro lord perfect, insomma (anche Peregrine non è un rake, un libertino, come non lo era suo padre), e un’eroina mooolto vivace e pericolosa, che minerà la composta esistenza dell’eroe; il tema del viaggio (qui la coppia deve arrivare fino in Scozia ) con tutti i suoi siparietti e personaggi caratteristici - come le due anziane chaperone che devono controllare i due giovani a vista (spero che anche qui la parte del viaggio sia ottima come in Lord Perfect); e persino un tesoro cui dare la caccia come nel finale dell’altro romanzo, nascosto in un castello scozzese infestato dai fantasmi.

Che l’autocitazione della Chase sia solo un divertente vezzo o se su questi parallelismi l’autrice ci abbia marciato, ve lo saprò dire dopo aver letto il romanzo.

Differenza importante tra le due storie è l’età dei protagonisti: qui sono poco più che ventenni, mentre in Lord Perfect avevano entrambi superato la trentina. La giovane età di Olivia e Peregrine, confesso, non mi entusiasma perché in generale preferisco protagonisti ben svezzati a giovincelli ancora in fasce. Ma d’altronde è comprensibile che la Chase, avendo lasciato Peregrine e Olivia appena adolescenti in Lord Perfect, non abbia voluto far passare troppi anni tra l'ambientazione delle due storie: il rischio sarebbe stato quello di sconvolgere l'intima natura dei due protagonisti e deludere così la memoria delle molte lettrici che da anni, come me, attendono di leggere la loro storia d'amore.

Chissà se in questo spin off incontreremo anche Benedict e Batsheba, che mi piace pensare ancora terribilmente innamorati? Qualcosa mi dice di sì.

Spero ardentemente che Last Night’s Scandal non mi deluda (come mi ha ampiamente delusa l’ultimo della Chase, Don’t tempt me): l’ho atteso troppo tempo, quattro lunghi anni, per rimanere scottata.

Il romanzo è stato accolto dai blog d’oltre oceano molto bene: Dear Author e All About Romance gli hanno dato una bella A, cioè il massimo.


Non sono bellissime le copertine (Avon) della Chase?



Last Night’s Scandal

Brevissima sinossi.

Dopo essere sopravvissuto ai pericoli dell’Egitto, Peregrine Dalmay, Conte di Lisle, fa ritorno a Londra dove deve fronteggiare la più pericolosa delle minacce, la sua folle famiglia e…Miss Olivia Wingate-Carsington. Figlia di un famigerato e molto aristocratico imbroglione, la deliziosa rossa ha la capacità di mandare Lisle fuori dai gangheri e di coinvolgerlo come se nulla fosse nei suoi scandalosi schemi. E così, quando Lisle deve andare in Scozia per conto della sua famiglia, Olivia vede questa come l’ultima possibilità per una fantastica avventura, anche se in compagnia dell’unico uomo che non riesce a piegare ai suoi capricci. Al termine di un lungo viaggio, i due si ritrovano in Scozia, in un castello pieno di fantasmi. Ma l’unico, vero pericolo che devono affrontare è quello che si nasconde nei loro cuori….


Un estratto del romanzo, dal sito dell’autrice. Enjoy.

The crowd was so thick that at first all the Earl of Lisle could see was the fashionably absurd coiffure rising above the men’s heads. Two birds of paradise seemed to have their beaks stuck into a great loop of . . . red hair. Very red hair.

Only one girl in all the world had that hair.

Well, then, no surprise to find Olivia at the center of a crowd of men. She had rank and a thumping great dowry. That would more than make up for . . .

The crowd parted then, giving him a full view. She turned his way and he stopped short.

He’d forgotten.

Those great blue eyes.

For a moment he stood, lost in a blue as deep as an Egyptian evening sky.

Then he blinked, and took in the rest, from the ridiculous birds hanging over the stiff loops of red hair to the pointed slippers peeping out from under the ruffles and furbelows at the hem of her pale green gown.

Then his gaze went up again, and his brain slowed to a crawl.

Between coiffure and shoes appeared a graceful arc of neck and smooth shoulders and a creamy bosom more than amply on display . . . and lower down, an armful of waist curving out gracefully into womanly hips . . .

No, that had to be wrong. Olivia was many things. Beautiful wasn’t one of them. Striking, yes: the fatally blue eyes and the vivid hair. Those were hers and no one else’s. And yes, that was her face under the absurd coiffure . . . but no, it wasn’t.

He stared, his gaze going up then down, again and again. The room’s heat was suddenly beyond oppressive and his heart was beating strangely and his mind was a thick haze of memories where he was searching to make sense of what his eyes told him.

He was dimly aware that he was supposed to say something, but he had no idea what. His manners had never been quite so instinctive as they ought to be. He was used to another world, another clime, other kinds of men and women. Though he’d learned to fit in this one, fitting in didn’t come naturally to him. He’d never learned to say what he didn’t mean, and now he didn’t know what he meant to say.

At the moment, everything anybody had ever done to civilize him was lost. He beheld a vision that stripped away all the rules and meaningless phrases and proper ways to look and move and shredded them to bits and blew them away.

“Lord Lisle,” she said, with a graceful dip of her head that made the birds’ plumes flutter. “There’s a wager on, as to whether you’d turn up for Great-Grandmama’s party.”

At the sound of her voice, so familiar, Reason began to slog its way through the muck of confusion. This was Olivia, Reason said. Here were the facts: her voice, her eyes, her hair, her face. Yes, her face was different because it had softened into womanliness. Her cheeks were softer, rounder. Her mouth was fuller . . .

He was aware of people talking, of this one asking that one who he was, and another answering. But all of that seemed to be in another world, irrelevant. He couldn’t see or hear or think anything but Olivia.

Then he discerned the glint of laughter in her eyes and the slight upturn of her mouth.

He came back to earth with a thunk that should have been audible on the other side of the great ballroom.

“I wouldn’t miss it for the world,” he said.

“I’m glad to see you,” she said, “and not merely because I’ve won the wager.” She gave him one slow, assessing look that slid over his skin like fingertips and sent heat arrowing straight to his groin.

Ye gods, she was more dangerous than ever.

He wondered whose benefit that look was for. Was she simply exercising her power or was she trying to provoke all her admirers simultaneously by pretending he was the only man in the room?

Excellent work, either way.

All the same, enough was enough.

She wasn’t a little girl anymore—if she’d ever been a little girl—and he wasn’t a little boy. He knew how to play this game. He let his gaze drift down again to her breasts. “You’ve grown,” he said.

Della serie dei fratelli Carsington:

Miss Wonderful - 1° libro (Alistair Carsington e Mirabel Oldridge)- ed.italiana,Miss Wonderful, in collana I Romanzi Mondadori, nr 825.

Mr.Impossible - 2°libro (Rupert Carsington e Daphne Pembroke) - ed.italiana, Mr Impossible in collana I Romanzi Mondadori, Mondadori, nr 845.

Not Quite a Lady - 4° libro ( Darius Carsington e Charlotte Hayward)

Ed ecco, qui, cosa Francy ed io scrivemmo ai tempi di Lord Perfect.

E qui la mia recensione di Don't tempt me.


Vivienne


3 commenti:

  1. Speriamo arrivi in Italia. ^_^

    RispondiElimina
  2. Sicuro!
    Ciao Lady.
    Viv

    RispondiElimina
  3. Ciao!
    io sto facendo ora l'ordine su IBS x avere finalmente questo libro! :-) non vedo l'ora di leggere la storia di quei due ragazzini birbanti! :-D

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!