NEW PENS FOR ROMANCE presenta GEORGETTE GRIG



La Mia Biblioteca Romantica è felice di inaugurare il suo nuovo spazio dedicato alle aspiranti autrici romance con un estratto della cara amica Georgette Grig. BUONA LETTURA!

Cara Francy, care amiche de La Mia Biblioteca Romantica, tocca a me rompere il ghiaccio di questa nuova rubrica dedicata alle New Pens for Romance.
Per prima cosa auguro a tutte le aspiranti scrittrici - e mi ci metto anch'io - di farcela. Poi dico loro di non mollare, perchè lo scoramento è il nostro peggior nemico.
E veniamo al mio estratto, tratto da un regency che sto ancora scrivendo (sono quasi alla fine). Il titolo non l'ho ancora deciso, ci sto pensando.
Non è facile presentare un capitolo avulso dal resto del romanzo, senza raccontare quanto avviene nelle pagine precedenti e in quelle successive. Sarebbe più facile se fosse il primo capitolo. Ma non lo è.
Ho scelto per LMBR un capitolo nel bel mezzo della storia in cui compaiono solo i due protagonisti (per evitare a chi legge di farsi troppe domande).
E' una scena di (tentata, non illudetevi!) seduzione. Non vi direi di più, non vi spiegherei nient'altro. Prendetelo così com'è. E ditemi, se ne avrete voglia, cosa ne pensate. Ciò che mi interesserebbe sapere da voi è se sono riuscita a rendere palpabile l'attrazione esistente tra i protagonisti. La tensione erotica, in altre parole.
Sarò riconoscente per ogni commento e ogni critica, positiva o negativa che sia.
Con affetto


Georgette


Ecco il mio estratto...

SEBASTIAN voleva che quello fosse il momento, credeva, almeno, che lo fosse. Dobbiamo parlare le aveva detto. Ma era una menzogna. Era altro che voleva da lei. Per parlare, come forse lei si aspettava, era troppo nervoso, troppo distratto, per non dire a disagio. Perché ogni volta che la guardava non riusciva a pensare ad altro che al momento in cui l’avrebbe finalmente avuta. A come l’avrebbe avuta. Non che quest’ultimo particolare avesse molta importanza. L’attesa, infatti, l’aveva portato non tanto a fantasticare sull’aspetto romantico della cosa, quanto su quello più fisico e primordiale. Era troppo vivo in lui il ricordo di come l’aveva baciata, dieci anni prima, e soprattutto di dove l’aveva baciata. E di come lei aveva risposto e reagito ai suoi baci. Dio! Che stupido era stato a non capire, ad abbandonarla al suo destino senza lottare. O quasi.
Anche se faticava ad ammetterlo, non era un sogno romantico, il suo, ma un desiderio di possesso. Totale e assoluto. Non considerava Madeline come un capriccio da soddisfare, per poter dire a se stesso di averla avuta, di avere finalmente portato a termine quanto iniziato tanto tempo fa. Ma una conquista per la vita.
Per.
Sempre.
Sempre, la parola che non aveva neppure mai osato pronunciare davanti ad una donna, ora sembrava non essere dopotutto tanto spaventosa. Sembrava del tutto naturale ed appropriata.
Era stata una strana giornata, quella. Osservare Madeline nella casa dove era cresciuto e dove probabilmente sarebbe invecchiato lo aveva condotto lungo i pericolosi sentieri dell’immaginazione. Come sarebbe stato svegliarsi ogni mattina di fianco a lei? Sentire ogni giorno il suo profumo? Accarezzare i suoi capelli morbidi e neri ogni sera? Avere il suo corpo ogni notte?
In quel preciso istante, mentre coprivano insieme la breve distanza che li separava dalla sala del biliardo, era proprio quanto sarebbe accaduto ogni notte ad attizzare maggiormente la sua fantasia.
Come un cane da caccia fiuta la preda, Sebastian colse il profumo di Madeline, quel profumo che sembrava accompagnarla sempre e che sapeva di agrumi.
Chiuse gli occhi e inspirò profondamente, provocando in lei una reazione di ironica perplessità:
“Vi sentite bene, my lord? Forse avete bevuto troppo? Magari sarebbe meglio rimandare a domani la nostra conversazione?”
“No Madeline, non la rimanderemo a domani. Ed io… non mi sono mai sentito meglio.”
Erano ormai nella sala da biliardo.
“Meglio così, my lord. Non vorrei che accampaste delle scuse sul vostro precario stato di salute quando dovrete accettare la sconfitta che mi preparo ad infliggervi”.
“Credete di potermi battere, Madeline? Ne siete proprio certa?”
Si girò e chiuse la porta. La chiave girò nella toppa.

Lei non disse niente, ma si limitò a guardarlo non tanto sorpresa o preoccupata, quanto divertita. Come se lui l’avesse sfidata, e lei avesse accettato la sfida. Prese dalla rastrelliera una stecca e la valutò attentamente.
Era così bella e naturalmente provocante che non riusciva a toglierle gli occhi di dosso. E nello stesso tempo sembrava essere perfettamente a suo agio, fatta per vivere fra quelle antiche mura, accanto a lui. Gli era parso così normale vederla conversare amabilmente con i suoi genitori, come se fosse un’abitudine quoitidiana. E papa et maman a loro volta l’avevano trattata con un affetto e una simpatia che non riservavano a tutti. Probabilmente –pensò sorridendo - perché i pettegolezzi sulla loro liaison li avevano preceduti.
Maman già si immagina circondata da nipotini da viziare!
Come posso darle torto? Anche lei deve aver visto in Madeline la donna giusta per me. E mio padre? Deve essersi sentito sollevato: ho trentacinque anni, ormai, e delle responsabilità precise. Non ultima, quella di dare al casato il prossimo erede.
Mentre rigirava con aria esperta tra le mani la stecca, Madeline sembrò curiosamente leggergli nel pensiero. Con aria innocente, disse: “In quanto alla nursery, my lord, sembra che la duchessa vostra madre stia pensando di riaprirla presto. E di rinfrescare l’appartamento comunicante con il vostro.”
“Davvero?” rispose Sebastian proseguendo sul medesimo tono ironico.
“Voi non conoscete il motivo di tali progetti, vero?”
Sbattè esageratamente le ciglia, sempre interpretando il ruolo della ingenua.
“Perché mai dovrei, Madeline?”
L’aveva raggiunta con due sole falcate, come una fiera pronta a colpire. E la guardava divertito, pronto a lanciarsi su di lei.
Madeline pensò fosse più saggio allontanarsi. SI diresse al tavolo da biliardo. Le braccia incrociate sul petto, lui rimase immobile a fissarla mentre con grazia e abilità disponeva sul tavolo le biglie.

“Secondo Nelly, la femme de chambre che vostra madre gentilmente mi ha messo a disposizione, si dice che presto prenderete moglie.”
”Davvero?” ripetè Sebastian con l’espressione stupita di un putto dipinta sulle sue belle labbra di belva affamata.

“E non avete ancora sentito il meglio, vostra futura grazia…”
Lui si mise a ridere. Gli piacevano le donne di spirito. Che sapevano prendersi gioco di lui, almeno quando era lui a permetterglielo.

La osservò prendere la stecca e allungarsi sul tavolo per colpire la prima biglia.
Il suo cuore mancò un battito, anzi due. La visione inattesa di quel corpo sensuale e disponibile che si stendeva sul biliardo, di quel bellissimo derrière che gli si offriva senza alcun pudore alla vista, gli tolsero il respiro. Sì. Quella donna, la donna della sua vita, era Madeline. Doveva essere lei. Per quale inesplicabile, impossibile ragione, altrimenti, si sarebbe sentito tanto determinato e in preda ad una fastidiosa agitazione che non era semplice eccitazione fisica?
Era un desiderio più completo, quello che provava. Più subdolo e passionale. Fastidioso e prepotente. Era una devastante smania di possederla. Totalmente. Corpo e mente. Presente e futuro. Se avesse potuto tornare indietro nel tempo, avrebbe preteso anche il suo passato.
SI sentiva preda di una frenesia esaltante e primitiva, onnipotente e …. del tutto incurante della volontà di Madeline.
La volontà di Madeline…
Deglutì, respirò profondamente e cercò di concentrarsi sulla loro conversazione.
“Aspetto con trepidazione di conoscere il meglio, Madeline.”
”Sarà per me un onore, my lord, rivelarvelo. Sappiate, allora, che dalle cucine ai piani nobili di Belrham Court circola un solo nome riguardo alla futura duchessa. E credo a causa di pettegolezzi di recente giunti da Londra.”

“Un solo nome, dite? La mia reputazione di tombeur de femmes….”
“…di donnaiolo incallito, vorrete dire…”
“… ne uscirà completamente rovinata!”
“Dovrei compatirvi per questo, Lord Cumberlane?”
Lui le sorrise. E si avvicinò. La loro conversazione, frizzante e sarcastica, non lo aveva distratto dai pensieri che ancora lo stavano tormentando. Come la terrorizzante e fastidiosa sensazione che lei potesse rifiutare di corrispondere il suo stesso desiderio, quella passione che lo stava subdolamente annientando.
Impossibile.
Forse non immediatamente, ma vi si sarebbe sottomessa, come ci si sottomette inevitabilmente alle forze della natura, con timore, forse, ma anche con riverenza. Avrebbe accettato, nonostante le sue folli idee sul matrimonio, di sposarlo. E molto presto.
Ma non aspetterò il matrimonio per averti, Madeline. Non mi comporterò da gentiluomo, questa volta.
Era certo che la forza primitiva che sentiva crescere in sé lo stesse guidando verso una sicura vittoria.
“Sì, nonostante la vostra dubbia reputazione, circola un solo nome, Sebastian. Non indovinate quale?”
“Forse il vostro?”
“Molto sagace, vostra futura grazia.
Il sorriso di Sebastian lasciò il posto ad un’espressione intensa, di sfida.
“E ciò vi dispiace, Madeline?”
”Sì, dal momento che non è vero. Che ci sposeremo, intendo. Sono convinta che questa situazione creerà imbarazzo e incomprensioni tra me e i vostri genitori, Sebastian. Sarebbe meglio se spiegaste al duca e alla duchessa che tra noi non c’è nulla.”

Detto ciò, si girò verso il biliardo e pretese di studiare la sua mossa.
Ignara dei pensieri che tormentavano il suo avversario di gioco, Madeline colpì con precisione e seguì il cammino della boccia sul tavolo verde. Quando la palla si fermò, disse:
“A voi, my lord” .
La stecca stretta tra le mani, un’espressione ironica sul viso leggermente arrossato per lo sforzo, Madeline sembrava soddisfatta di se stessa.
Il biliardo era l’ultimo dei pensieri di Sebastian. Era stato la scusa per rimanere solo con Madeline. Che a Belrham Court si facessero pettegolezzi sul loro matrimonio non era un gran problema. Sedurre Madeline era il vero, unico problema su cui la sua attenzione in quel preciso momento si stava focalizzando. Deglutì, come messo alle strette. Strinse la stecca fra le mani, prese posizione e colpì con disinvolta abilità.
“Bel colpo, my lord”, disse Madeline, battendo le mani. Poi si preparò a colpire di nuovo. Indugiò qualche secondo e prese la mira.
“E se non fossero solo pettegolezzi, Madeline? Se la nursery potesse servirci, dopotutto?”
“Scherzate, vero, Sebastian?”
Ancora.

La visione del corpo della donna allungato sul tavolo verde lo distrasse ulteriormente dalla conversazione e lo tentò ancora.
Lo fai apposta, a provocarmi, Madeline?
Questa volta non seppe resistere. Le si avvicinò silenziosamente fin quasi a sfiorarla.
Inconsapevole di quanto lui le fosse vicino, lei fece scivolare con un colpo secco la stecca fra le dita, colpì la biglia e rimase immobile ad osservarla mentre rimbalzava contro quella di Sebastian.
Un ottimo colpo, che Madeline sottolineò con un piccolo urlo di approvazione e un: “Non vi aspettavate che fossi una così valida avversaria, vero Sebastian?”
“Al contrario, Madeline. Ma non illudetevi di vincere. Non ve ne darò la possibilità.”
Un’ improvvisa sensazione di pericolo si impadronì di lei.
Che lui non stesse riferendosi al gioco era lampante.

La sua voce era roca, bassa, determinata. E inspiegabilmente vicina. Madeline sentì un brivido correrle lungo la schiena e un pericoloso languore crescerle nel ventre e scendere ancora più in basso. Il cuore si dimenticò di battere un colpo.
Se vincerai, pagherai cara la tua vittoria. Io combatterò, fino alla fine.
Si rialzò dalla posizione di tiro, e fu in quel momento che comprese di essere bloccata. Di fronte era il tavolo da biliardo a impedirle di avanzare. Dietro, era Sebastian a chiuderle ogni via di fuga. E non era difficile capire con quali intenzioni.
Non farlo, per l’amor di Dio, non tentarmi.
Le girava la testa, non riusciva a ragionare. Stava perdendosi nel calore del corpo di Sebastian, nel suo profumo, nel suo respiro.Se si fosse lasciata andare, se avesse abbassato le difese, lui l’avrebbe stretta, e poi…. Le avrebbe fatto provare ciò di cui Madeline sentiva sempre più forte il bisogno e che mai più, dopo quella notte con lui, aveva provato. Aveva rincorso per dieci lunghi anni quella sensazione magnifica, sperando inutilmente che fosse suo marito a farla rivivere dentro di lei. Una sensazione che poteva ancora sentire impressa sul suo corpo e che solo Sebastian aveva saputo donarle. Una sensazione di meraviglioso abbandono, di totale fiducia cui stava suo malgrado cedendo. Quell’uomo sapeva come esercitare il suo potere su di lei.
Invece di piegarsi agli ordini che provenivano dalla ragione, stava rispondendo pericolosamente ai segnali che lui le stava inviando, al suo desiderio, alla sua feroce sensualità. Stava consegnandosi a lui.
No.
Non si sarebbe arresa tanto docilmente.
A lui, che nel frattempo aveva appoggiato le mani sul bordo del biliardo e la teneva prigioniera in un abbraccio simbolico: i loro corpi non si toccavano, ma Madeline sapeva che presto,
se non avesse fatto qualcosa, qualsiasi cosa per evitarlo, avrebbero preso fuoco. La tentazione di abbandonarsi contro il corpo forte ed esigente di Sebastian era quasi dolorosa. La tentazione di girarsi per vedere riflesso nei suoi occhi il suo stesso desiderio, una crudele tortura che le avrebbe negato l’ultima possibilità di fuga. Le loro bocche sarebbero diventate una cosa sola. E poi….
Pensò assurdamente che lei avrebbe perso la scommessa e dovuto pagare pegno. E il Cielo solo sapeva cosa sarebbe potuto succedere se fosse rimasta sola con Sebastian per dieci ore.
Ma se si fosse lasciata baciare, non solo avrebbe perso la scommessa. Avrebbe perso la sua libertà.
Lasciò la stecca e si attaccò con tutta la sua forza al bordo del biliardo. “Cosa state facendo, Sebastian?”
Si accorse che la sua voce tremava, come il suo corpo.

“Sto ammirando il vostro delizioso collo. Non ho mai visto un collo tanto morbido e desiderabile.” Il respiro di Sebastian, fresco e profumato di whiskey sulla pelle, la fece sussultare.
E quando le labbra di sua signoria si posarono avide sulla sua nuca e incominciarono a scendere soffici e voluttuose lungo la linea del collo verso la spalla, Madeline ebbe la pessima idea di trattenere il respiro e inclinare la testa dal lato opposto per lasciare che lui proseguisse indisturbato il suo cammino. Più che un incoraggiamento, una resa totale.
“Cosa state facendo, Sebastian?”
Ripetè, in un sussurro quasi disperato, le gambe ormai piegate dal peso dei suoi baci.

“Lo sai quello che sto facendo. E sai cosa faremo, tra poco. Tu ed io. Come deve essere. Non voglio più aspettare. Madeline, non posso più aspettare.”
Lei si lasciò sfuggire un gemito. Un segno della sua imminente resa che alimentò ulteriormente –come se ce ne fosse bisogno - il fuoco che ardeva in Sebastian. Lui emise un lungo sospiro e le sue labbra presero a mordicchiarla.
Noi non faremo niente, Sebastian.”
Incurante delle parole poco incoraggianti della donna, lui riprese a parlare:
“Dopo aver ammirato il tuo bellissimo, delicato e candido collo – mormorò intercalando ogni parola con baci che non lasciavano dubbi sulle sue mire- ho intenzione di proseguire lungo le spalle e risalire sino al viso, così….”
Ora le sue mani non erano più appoggiate sul biliardo, ma la stavano stringendo, accarezzandole dolcemente il ventre. Ora stavano risalendo….

Lei le prese tra le sue, cercando di fermare quella follia. Ma erano mani grandi, e forti, e calde, e ormai erano già sul suo seno e stavano giocando slealmente con i suoi capezzoli.
Dannazione a lui! Non era così che doveva andare. Cosa sarebbe successo della sua vita se avesse ceduto al desiderio e fatto l’amore con lui? Se gli avesse concesso di possederla, anima e corpo?
Nell’ultimo tentativo di difendersi chiese:
“E’ per questo che mi avete portato a Belrham Court, my lord, per sedurmi? Avevate proprio bisogno di un’altra conquista da aggiungere al vostro lungo elenco?”
Ma dicendo così non si negava a lui, al contrario stava abbandonandosi totalmente a lui. I loro corpi erano stretti, i loro visi si toccavano e lei poteva percepire chiaramente quanto lui la desiderasse.
“Non voglio sedurti. Voglio fare l’amore con te, questa sera e ogni giorno che verrà. Voglio recuperare il tempo che ci hanno rubato. Ma soprattutto, ora, voglio baciarti, Madeline. Sono anni che sogno la tua bocca, il sapore delle tue morbide labbra.”
A queste parole, lei vacillò e non riuscì a controllare un gemito.
Che lui prese come una palese dichiarazione di resa.
Sicuro della sua imminente vittoria, tentò di farla ruotare su se stessa, ma lei, in un ultimo sforzo di volontà, rimase saldamente ancorata al tavolo e non glielo permise. Cercò un appiglio, un’ ancora di salvezza cui aggrapparsi saldamente per riemergere da quelle acque tumultuose, dove sarebbe volentieri affogata. Con un estremo sforzo, riconquistò faticosamente il dominio di se stessa e con voce divertita, stonata in quel momento incendiato dalla passione, disse:
“Eh no, non mi bacerete, my lord, non perderò tanto facilmente la scommessa. Sarete voi a perderla!”
Anche lui si mise a ridere, in parte sollevato dalla piega ironica che aveva preso la loro conversazione: nello stato di assurda, ingorda eccitazione in cui si trovava avrebbe anche potuto commettere una sciocchezza. Costringerla a… No non lo avrebbe mai fatto.
“E’ per non perdere la scommessa che mi stai resistendo, Madeline?”, chiese come se stessero parlando di una corsa di cavalli. “Se ti lascerai baciare, ti concederò comunque la vittoria, e raddoppierò il tempo della mia penitenza. Lo triplicherò, anzi, e farò ciò che mi chiedi senza protestare. Ma ora, lasciati baciare…”
Le sue labbra stavano mordicchiandole il collo, i lobi delle orecchie e le spalle, leccando e succhiando con tale voluttà che le forze di Madeline ancora una volta vacillarono. Mentre con il pollice della mano sinistra Sebastian le accarezzava le labbra e la cicatrice sul mento (“adoro la tua piccola cicatrice” le aveva sussurrato) con la lingua adesso le tormentava l’angolo della bocca.

Un altro promettente gemito di Madeline riportò sua signoria allo stato di primordiale eccitazione da cui la sua stessa ragione aveva tentato pochi secondi prima di metterlo in guardia.
La prese per la vita e tentò di farla ruotare su se stessa.
Ma lei si mise a ridere. E non cedette. Disse invece:
“Se adesso acconsentissi a baciarvi, accettereste dunque di ubbidirmi ciecamente per trenta giorni?”
“Per tutta la vita….Voglio la tua bocca, Madeline. Adesso.”
”E un bacio, un semplice bacio, placherà il vostro desiderio?”
Sicuro che lei stesse cedendo, di averla ormai in pugno, la voce sempre più roca, rispose: ”No Madeline. Non placherà né il mio né il tuo desiderio….Ti voglio, e non posso più aspettare….”
Chissà per quale curioso motivo Madeline trovò all’improvviso la situazione buffa. Forse perché, se lui avesse continuato a spingerla contro il biliardo, presto ci sarebbero rovinosamente caduti sopra entrambi, in modo più comico che sensuale. Forse perché assaporava la penitenza cui lui avrebbe presto dovuto sottostare se non si fosse lasciata baciare. Forse perché già pregustava la sua espressione attonita quando l’avrebbe lasciato lì, da solo, a raffreddare il proprio ardore e a sbollire la sua rabbia. Un uomo deluso e inappagato poteva diventare pericoloso, ma anche estremamente ridicolo.

“Allontanati, Sebastian.”
Era un ordine, secco e preciso, quello di Madeline, ma nella mente arrogante ed eccitata di Lord Cumberlane si trasformò nel suono dolce di mille promesse proibite.

“Adesso”, aggiunse Madeline allontanando da sè le sue belle mani che la stavano tentando in mille modi, che erano tornate a giocare prepotentemente sul suo seno e sul suo ventre, che si erano spinte dannatamente in basso…
…e se gli cedessi?
Poi, irrigidendosi un poco, sempre dandogli le spalle, attese risoluta che lui si piegasse al suo volere, che accettasse la sua decisione, che si allontanasse da lei. E così lui fece, con una lentezza che lei giudicò crudele e tentatrice. La sciolse dal suo abbraccio, come se qualcuno o qualcosa lo stesse strappando dal paradiso. Poi fece due increduli, titubanti passi all’indietro, i più gravosi e faticosi di tutta la sua vita, quasi non riuscisse a comprendere per quale misteriosa e crudele ragione la completezza per anni cercata ed inseguita gli fosse stata in pochi istanti promessa e poi negata.
Non sentire più il confortante e virile calore di Sebastian contro il suo corpo fu per Madeline come una ingiusta e crudele punizione, cui la sua più intima natura si stava ribellando. Ma era un sacrificio necessario, una mortificazione inevitabile per raggiungere la sua libertà. Mai e poi mai sarebbe stato il lato del suo carattere più incosciente, primitivo e troppo, decisamente troppo, incline alla passione ad avere il sopravvento. SI sarebbe affidata solo alla sua mente. E Sebastian avrebbe trovato un posto nella sua vita, solo quando lei lo avesse deciso. Se fosse stata la sua mente a decidere, non il suo inaffidabile ventre!
Cercò di calmarsi. Di non pensare al calore di Sebastian, alle sue labbra, alle sue mani.

Non ci risucì.
Ciononostante, cercando di nascondere la sua fragilità dietro a quei gesti rassicuranti, si sistemò la scollatura, si lisciò la gonna e poi lentamente si girò. Temeva, e a ragione, che un solo sguardo sarebbe bastato a Sebastian per comprendere quanto le fosse apparso faticoso e ingiusto resistergli.
Rimasero lì, in silenzio, uno di fronte all’altra, ancora sconvolti dall’intimità selvaggia che per pochi secondi li aveva sopraffatti, dalla inevitabile consapevolezza di appartenersi.
Madeline cercò di comprendere i segnali che provenivano dall’atteggiamento di Sebastian. Il suo respiro era breve ed affannato. Le mani strette a pugno, il corpo leggermente tremante, la mascella contratta. Era incredulo e turbato, come se si fosse reso conto all’improvviso di aver perso una battaglia che credeva vinta. Furioso, più che deluso.
Nei suoi occhi, neri di rabbia, c’era molto più del semplice desiderio frustrato di un uomo per una donna. C’era disperazione. Propositi di vendetta. Impazienza. C’era un’ arrogante consapevolezza del proprio potere. E una primordiale brama di possesso.
Sei mia, dicevano i suoi occhi.

Non ancora, risposero quelli di Madeline, scintillanti alla fiamma delle poche candele ancora accese nella stanza. Gli stessi occhi di quella gattina che aveva cercato di sedurlo anni prima.
Madeline lo stava sfidando, apertamente. Ma non sarebbe stato saggio e prudente per lei aspettare che Sebastian reagisse a quella sconfitta. Doveva battere in ritirata, vigliaccamente, velocemente, prima che fosse troppo tardi. Così, sforzandosi di apparire sicura di se stessa, con un conclusivo: “Buona notte, my lord” fece per andarsene.
Ma lui le bloccò il passo e prendendola per un braccio la obbligò a guardarlo.
“Non sarà un buona notte, Madeline, senza te”… mormorò. E nella sua voce lei non riconobbe, come sperava, l’inevitabile accettazione della disfatta. Ma la consapevolezza di una futura, ineluttabile vittoria.
Non mi avrai, Sebastian, non ancora almeno. Non così.
Gli occhi di Sebastian bruciavano. E così le dita di Sebastian, che le cingevano il braccio senza alcuna delicatezza. Per un istante la volontà di Madeline vacillò, ma non fu che un attimo. Con piglio determinato (quanto le era costato fingere freddezza!) guardò la mano di Sebastian stretta intorno al suo polso con occhi duri e severi, tentando così di celare il disagio che stava crescendo in lei.
“State esagerando, Sebastian. Lasciatemi immediatamente.”
Lui non si mosse, e non la lasciò.
Lei alzò un sopracciglio.
“Vi ho già augurato la buona notte, Sebastian! Forse avrei dovuto rispettosamente chiedere il vostro permesso prima di congedarmi?” fece ironica.
Lui sostenne per qualche istante il suo sguardo, poi tenendolo stretto con entrambe le mani si portò il polso di Madeline alla bocca e glielo baciò con labbra umide e avide, mordendo e leccando e succhiando la pelle bianca e delicata dell’interno del braccio, salendo e salendo ancora verso la spalla nuda.
Lei sussultò e non potè evitare di emettere un gemito, un maledetto, rivelatore gemito di piacere.
Mentre le sue labbra continuavano ad accarezzarle l’interno del braccio, le chiese: “Perché mi respingi? Perché se anche tu mi vuoi?”,
Lei scosse il capo, cercando di liberarsi.
“Sebastian, vi prego, lasciatemi.”
”Avete paura di me?” I suoi occhi erano ormai due fessure infuocate di passione e di rabbia.
”Non è di voi che ho paura, Sebastian, ma di me stessa. Non lo capite?”

Le labbra di Madeline tremarono e i suoi occhi implorarono pietà.
Sebastian l’aveva umiliata. L’aveva costretta ad ammettere la propria debolezza. Le aveva dimostrato che già era sua e promesso silenziosamente che presto, molto presto, il suo orgoglioso no sarebbe diventato un intimo e sottomesso .
“Vi detesto, per quel che mi avete fatto stasera, Sebastian.”
Riluttante, lui la lasciò.
“Madeline…”mormorò.
Ma lei già se ne stava andando.
Cercando di ricomporre quel poco che restava della sua dignità, sforzandosi di non correre, le gambe vacillanti, Madeline raggiunse la porta, girò con mano malferma la chiave ed uscì tremante dalla sala del biliardo. Ray, seduto fuori dalla stanza, probabilmente di guardia per ordine del suo padrone –considerazione che fece intimamente infuriare Madeline- , si alzò per augurarle la buonanotte e sogghignò spudoratamente quando un potente dannazione e il fragore di qualcosa che veniva rotto con furia risuonò nella stanza vicina. Ray rise. Madeline si girò, con aria spaventata e interrogativa.
“Niente di preoccupante, my lady. My lord deve aver spezzato un paio di stecche.”
Il silenzio venne rotto da un altro rumore, molto più forte e violento del precedente.
“Credo che sua signoria se la sia presa anche col tavolo da biliardo. Penso che domani dovrò tornare a Londra per ordinarne uno nuovo,” aggiunse l’uomo, sogghignando. “Forse è meglio che lo fermi, prima che distrugga tutto il palazzo. Buona notte, my lady”, disse l’uomo inchinandosi.
Madeline si abbandonò a un sorriso forzato, e senza aggiungere altro si diresse verso lo scalone. L’idea che Sebastian fosse furioso la ripagava solo in parte di quanto le aveva fatto, di come slealmente le aveva dimostrato che non sarebbe riuscita a resistergli ancora a lungo. Di come crudelmente si era compiaciuto del potere che pretendeva avere su di lei.
Ma per quanto modesta, era comunque una soddisfazione. ...



Ringraziamo GEORGETTE GRIG per aver partecipato con entusiasmo alla nostra iniziativa ed essere stata la prima a inaugurare lo spazio New Pens for Romance.


Vi è piaciuto questo brano? Avete voglia di leggere di più del romanzo da cui è tratto? Questo spazio è dedicato sia alle scrittrici che alle lettrici, perciò i vostri commenti sono più che benvenuti!


35 commenti:

  1. Che bello ....bravissima !!!!
    Sono rimasta in sospeso fino alla fine...
    interessanti i caratteri dei due personaggi ,a quando il seguito ??

    Complimenti
    Cinzia

    RispondiElimina
  2. Complimenti.
    Se tutto il romanzo è scritto così sarà un successo. Non vedo l'ora di leggerlo, decisamente hai saputo stuzzicare la mia curiosità. Quando potremo sapere come finirà tra Sebastian e Madeleine?

    Rachele.

    RispondiElimina
  3. Oggettivamente è un testo scritto moooolto bene. Il ritmo è forte, ben scandito, i termini puliti, senza sbavature. Amo i periodi brevi e decisi, attraverso cui il carattere dei personaggi trova una suaforza espressiva peculiare. L'approfondimento psicologico è raffinato, non indugia eccessivamente ma nello stesso tempo è profondo, attento. Credo che questo romanzo meriti seria attenzione seria da parte di chi pubblica romance in Italia: è qualitativamente parlando, di un livello assai superiore rispetto a certe autrici di oltreoceano. Sono semnpre stata convinta del fatto che le autrici italiane abbiano una marcia in più, sia per preparazione che per stile, e il brano postato da Georgette ne è una prova.
    Il suo è uno stile maturo, la tensione erotica e spirituale si sente, e moltissimo. C'è lo iato tra corpo e anima che è descritto con una forza rara. Sinceramente, trovo il livello di Georgette molto alto e non posso che augurarle ogni bene...
    so...Go, Georgette, Go!!

    RispondiElimina
  4. Precioso, Georgette!!! Mis aplausos, creo que es esta escena con una tensión sexual muy muy buena, con un erotismo muy elegante... eres una maestra del "tira y afloja", como decimos en España.

    Felicidades!!! Lo que nos has mostrado tiene una altísima calidad literaria. Te deseo lo mejor y estoy segura de que tarde o temprano algún editor se fijará en tu expléndida novela que nada tiene que envidiar a las mejores novelistas anglosajonas.

    Siento escribirte en español, pero en italiano no sería capaz de expresar lo mucho que me ha gustado tu relato. Eres una escritora fantástica.

    RispondiElimina
  5. Ciao Georgette, condivido quanto detto fin qui. Una scioltezza narrativa che non è improvvisata, la tua, e che coinvolge il lettore con un ritmo che rende subito partecipi di ciò che avviene tra Medeline e Sebastian. Che altro aggiungere se non: brava? Come Olivia, il mio augurio è di arrivare presto alla pubblicazione del tuo romanzo.
    Mariangela Camocardi

    RispondiElimina
  6. Per il momento un confuso, imbarazzato e felice "grazie di cuore" per i vostri commenti così esagerati. Sono felice, non posso negarlo, ma anche assolutamente consapevole che un estratto non fa primavera . Purtroppo.
    Vi ringrazio e vi abbraccio
    Georgette

    RispondiElimina
  7. L'attrazione tra i due protagonisti è più che palpabile, esce dalle righe e coinvolge il lettore. Sono molto curiosa di sapere come evolve la storia ma anche di sapere cos'è succeso tra i due protagonisti anni prima...Complimenti sinceri
    Daisy

    RispondiElimina
  8. Aiutoooooooooooo, dove trovo questo libro da leggere????
    Complimenti sono una fedele lettrice del tuo romanzo a puntate che ho molto amato. Questo brano, però, era decisamente migliore. La tensione fra i due protagonisti era palpabile e sinceramente vorrei sapere sia com'è cominciata la storia sia com'è finita.
    Quindi: dove possiamo leggere questo bel romanzo?
    A presto, in attesa di buone nuove
    Liz

    RispondiElimina
  9. Georgette, non posso che unirmi alle altre. Spero di vedere presto un tuo libro in libreria perché mi piace moltissimo il tuo stile. Io ho le idee ma non ho uno stile accattivante di scrittura (secondo i miei giudizi). eheheheheheh
    ^_^ Complimenti!

    RispondiElimina
  10. Grazie di cuore a tutte. Pensavo che qualche freccia avvelenata sarebbe arrivata, ma spero ancora nei prossimi giorni. Liz, sarò felice di fartelo leggere ed avere la tua opinione non appena l'avrò finito. Sono a 3/4 del lavoro, ma ultimamente non ho avuto molto tempo per andare avanti, così Madeline e Sebastian non sanno ancora quale sarà il loro destino.... e potrei ancora decidere di separarli per sempre! (scherzo).
    Grazie ancora per le vostre parole di apprezzamento e incoraggiamento
    Un bacio
    Georgette

    RispondiElimina
  11. ..ma che stile!!!!tanto di cappello!!!!!
    Meriti un futuro di gloria...
    Continua così...
    p.s io non invio racconti perchè mi tranvate di sicuro dopo un inizio così alla grande!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. ..ma che stile!!!!tanto di cappello!!!!!
    Meriti un futuro di gloria...
    Continua così...
    p.s io non invio racconti perchè mi tranvate di sicuro dopo un inizio così alla grande!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Samanta, non scherzerai mica, vero? Non vorrai lasciarmi sola? Proprio tuo? Forza e coraggio, ti aspettiamo presto.
    Grazie, comunque, per il tuo commento
    Georgette

    RispondiElimina
  14. Mi unisco a Samantha... dopo un inizio tanto folgorante, il mio sembrerà Biancaneve e i settenani scritto da un'analfabeta! x______x

    RispondiElimina
  15. dopo tanta..perfezione come si fa ad aggiungere il mio ..insomma, come si dice, per quanto mi riguarda, dalle stelle alle stalle.
    Ci sto lavorando...ma non sarà certo a questi livelli. Pur non amando altri periodi storici. Sono quella del periodo vittoriano e post vittoriano.
    Complimenti vivissimi!

    RispondiElimina
  16. A me è piaciuto. L'autrice ha saputo rendere affascinanti i personaggi e la tensione erotica è alta. L'unica cosa che secondo me sta male è quando ha scritto:
    Per.
    Sempre.
    Sarebbe stato più corretto: Per sempre.
    Capisco che si volesse creare uno stacco per mettere in evidenza il desiderio del protagonista, ma sta male ugualmente da un punto di vista grammaticale. Al limite si può sottolineare il significato di quelle due parole usando il carattere corsivo.
    A questo proposito, mi permetto di segnalare a tutte le aspiranti scrittrici (di romance o qualsiasi altro genere letterario) il seguente blog:
    http://illaboratoriodiscrittura.blogspot.com/
    Attualmente abbiamo proposto un interessante esercizio di scrittura creativa, ma abbiamo anche intenzione di dare l'opportunità agli autori di presentare degli estratti come questo per farli giudicare ai lettori.
    Se qualcuno è interessato può passare a farci visita.

    RispondiElimina
  17. Cara Luna 70, grazie per aver lasciato il tuo commento. E certo verrò a far visita al sito che ci segnali. In quanto a
    Per.
    Sempre.
    non è grammaticalmente corretto, lo so bene, ma è forte, enfatico. SPezza in due e rende meno banale il classico e un po' trito per sempre. In un altro capitolo sono riuscita anche a mettere l' acrostico di una parola. Desiderio. Ogni frase inizia con una lettera della parola DESIDERIO e finisce con un punto a capo. Anche se non ortodosso, il tutto raggiunge una forza espressiva a mio avviso interessante.
    Quello delle singole parole di una frase -che può essere anche molto più lunga di per sempre- separate da un punto e magari anche da un a capo è un vezzo stilistico ( non corretto dal punto di vista della grammatica, ok) che si ritrova molto spesso nella letteratura di genere americana. Da cui ti confesso essere particolarmente ispirata.
    E tu non scrivi? Se sì, mandaci un tuo pezzo, saremo felici di pubblicarlo.
    Grazie per la tua segnalazione, e per il tuo commento gentile
    Georgette

    RispondiElimina
  18. Grazie per la spiegazione. Io solitamente non leggo in lingua originale (salvo qualche raro caso) e non mi era mai capitato di notare questa usanza. Una sorta di "licenza poetica" se vogliamo così definirla.
    Cmq sì, scrivo anch'io ma al momento mi sto dedicando al fantasy storico (o time travel) e non al romanzo rosa. Mi sembra di aver capito che l'iniziativa indetta da voi riguardi solo questo genere letterario, o sbaglio? Però non si sa mai... magari terminato il libro che sto scrivendo ora mi dedicherò al romance. Mi piace cambiare, devo ammetterlo. Grazie della proposta e in bocca al lupo per il tuo libro!

    RispondiElimina
  19. Anche a me l'estratto è piaciuto perché l'autrice è riuscita a rendere bene la tensione che c'è tra i due protagonisti e poi lei invece di cedere subito e sciogliersi come un cioccolatino(spesso nei romance quando i due protagonisti si baciano la pagina dopo fanno l'amore) lo lascia a bocca asciutta, ma quanto resisterà, visto che lo desidera anche lei?!
    Cristina

    RispondiElimina
  20. @ Luna '70.
    New pens for romance non ospita esclusivamente romance, nonostante il nome della rubrica. Su questo blog parliamo anche (è vero, un po' meno) di fantasy e paranormal, per cui...
    sei la benvenuta.
    Ciao

    RispondiElimina
  21. Sono felice di constatare che il primo numero della nostra rubrica per aspiranti scrittrici 'New Pens for Romance' non poteva avere portabandiera migliore!

    Ringrazio di cuore la cara GEORGETTE GRIG che ha voluto regalarci un pezzo super intrigante della sua nuova fatica letteraria (dopo 'Zitta e Ferma Miss Portland!' ) di cui spero potremo leggere presto altri stralci (se sarà ancora così gentile da regalarceli! ). Personalmente ho molto apprezzato il modo in cui Georgette è riuscita a creare la tensione erotica tra i protagonisti che, non smetterò mai di dirlo, è il vero sale di questo tipo di romanzi. Lo stile di Georgette anche a me sembra ancora più sicuro e curato in questo nuovo estratto.E non mi dispiace affatto che l'eroina non sia la solita mammoletta in balia dell'eroe. Un bell'esempio di come si possa scrivere 'rosa' anche se non si è anglosassoni. E' ora che i nostri editori se ne accorgano!

    BRAVA GEORGETTE! Aspettiamo di leggerti ancora!

    Francy

    RispondiElimina
  22. Carissima Francy, grazie per avermi ospitata ancora sul tuo blog, che come sai è per me un punto di riferimento nelle mie scelte di lettura. Grazie per avermi dato un banco di prova. Scrivere è bello di per sè, è una passione, ma scrivere con la consapevolezza che qualcuno ti leggerà, è ancora meglio. Mi batteva il cuore pensando a come le tue lettrici avrebbero accolto il brano, ma oggi sono molto felice ed onorata dei loro commenti.
    Spero che nelle prossime settimane LMBR pubblichi altri estratti: onestamente, non vedo l'ora di leggerli.
    Ancora grazie infinite a te e alle amiche che mi hanno letto e commentato. Grazie anche da parte di Madeline e Sebastian.
    Con affetto
    Georgette Grig

    RispondiElimina
  23. Beh, grazie. ci penserò! :-)

    RispondiElimina
  24. Riesco solo oggi a prendermi il tempo di leggere l'estratto di Miss Grig.
    Conoscevo già lo stile di Georgette perchè avevo letto i primi capitoli di "Zitta e ferma Miss Portland" e già lì avevo dato il mio giudizio positivo.
    E questo estratto non fa che confermare la mia opinione.
    Complimenti davvero.

    RispondiElimina
  25. Grazie Veronica,
    grazie per aver trovato il tempo di leggere il mio estratto (il tempo è la nostra vera prigione) e per il tuo giudizio positivo, che mi riempie di gioia.
    Un abbraccio
    Georgette

    RispondiElimina
  26. Complimenti, Georgette!
    Viene senz'altro voglia di leggere l'intero romanzo, dopo questo assaggio così efficace ed intrigante.
    Hai già trovato un editore? Ti auguro in bocca al lupo e spero che il tuo sogno si realizzi!

    Francesca

    RispondiElimina
  27. Grazie Francesca, sei davvero gentile. Per la verità sto terminandolo in questi giorni. Un altro romanzo l'ho già inviato a un paio di editori. Spero, ma non troppo. Grazie per il tuo gentilissimo commento
    Georgette

    RispondiElimina
  28. Ciao, sono ancora in tempo per un commento? Mi hanno segnalato quest'iniziativa solo oggi ;-)
    Avviso, sono un po' rude e diretta nei commenti, ma non voglio offendere nessuno!

    Allora prima di tutto complimenti, perché lo stile è buono, c'è un'ottima caratterizzazione dei personaggi e mi piace come hai descritto l'azione. Vorrei giusto fare un appuntino sullo stile.
    Lo stile è molto "inglese". Periodi cortissimi, spezzati, diretti, quasi nessuna subordinazione nelle frasi, ma una coordinazione continua fatta attraverso una punteggiatura pesante. Diciamo così: gli anglosassoni sono molto avvezzi a questo stile, anche perché la loro lingua è impostata in maniera molto diversa dalla nostra. Ma per un lettore italiano è davvero faticoso leggere così. Nella seconda metà del brano, ti sei ripresa bene e la subitaneità delle scene descritte si adatta molto meglio a questo stile di scrittura, ma la prima parte mette in serie difficoltà. Specie in questo punto:

    "Era un desiderio più completo, quello che provava. Più subdolo e passionale. Fastidioso e prepotente. Era una devastante smania di possederla. Totalmente. Corpo e mente. Presente e futuro. Se avesse potuto tornare indietro nel tempo, avrebbe preteso anche il suo passato."

    Immagino che questo artificio ti sia servito per rendere il pensiero incalzante, ma l'effetto è, secondo me, davvero troppo spezzato e fa perdere la scorrevolezza del pezzo.
    In breve, penso tu sia molto brava (pure se il regency non è assolutamente la mia ambientazione preferita, quindi, ancora più brava :-) ), però quest'aderenza allo stile anglosassone impedisce, a mio parere, una lettura più fluida.
    Comunque, molto brava, complimenti! ^^
    V

    PS: un errorino grammaticale "Se la nursery potrebbe servirci, dopotutto?"... al posto di "potrebbe" ci va un "potesse" ;-)

    RispondiElimina
  29. Grazie per il tuo commento, V. Lo stile è volutamente secco, anglosassone di ispirazione, come ben hai sottolineato. Forse occorre incominciare il romanzo dall'inizio perchè entri nell'orecchio , forse è solo questione di gusto. Forse in questo capitolo, per necessità, è più marcato che in altri capitoli. Personalmente, reputo che -non sto parlando di me, ma dei romanzi in lingua originale che leggo - risulti alla lettura più fluido di certe lungaggini e pesantaggini (concedimi il neologismo) che la nostra lingua impone. Ma anche qui, è questione di gusto, o di abitudine.
    Grazie, comunque, dei tuoi commenti gentili.
    In quanto all'errorino, hai ragione. Mi è sfuggito in pieno. Forse la frase prima era concepita in modo diverso, con condizionale necessario. Non mi ricordo. Dico ciò perchè la frase completa è:
    “E se non fossero solo pettegolezzi, Madeline? Se la nursery potrebbe servirci, dopotutto?”
    Come vedi, nella prima parte del periodo c'è il congiuntivo. Ciò mi fa pensare di aver fatto delle correzioni o delle aggiunte, e di non essermi accorta di aver riportato (il taglia e incolla è spesso una calamità) il verbo com'era nella prima stesura. Non cerco giustificazioni (anche se mi secca da matti quando sbaglio): l'errore c'è. Ti ringrazio di avermelo fatto notare. Rileggendo, non me ne ero accorta.
    Lo correggo subito sul mio manoscritto.
    Spero leggerai anche gli altri estratti della rubrica.
    Un caro saluto
    Georgette

    RispondiElimina
  30. Ciao cara, sono contenta che non ti sia offesa. La verità è che sono un po' diretta nei commenti, ma non c'è vena polemica dietro. Pure io penso che un taglia-incolla ti abbia perso un pezzo di frase per strada, a me capita spessissimo! :-D
    Sì, hai ragione, è questione di gusti. I miei due autori (entrambi USA) preferiti hanno stili diametralmente opposti: uno fa periodi che occupano una pagina, l'altra ha, come massimo, una riga e mezza, eppure li apprezzo entrambi!
    Altri estratti? Altri estratti? Cavolo, mi perdo le cose! Ci darò un'occhiata più che volentieri: adoro questo genere di post! ^^
    V

    RispondiElimina
  31. A differenza dell'ultimo commento postato, ho trovato lo stile di questo capitolo, in questa particolare descrizione, molto efficace e coinvolgente.
    L'unico neo è la frustrazione di non sapere cosa è accaduto prima e cosa accadrà dopo.
    Grazie Georgette per averci regalato un assaggio della tua nuova storia.
    Lessi in pochi pomeriggi il tuo frizzante "Zitta e Ferma Miss Portland!" che ha avuto, per me, lo stesso effetto di questo unico capitolo: quello di acchiapparmi e di voler conoscere l'intera storia e, questo, penso che, per una scrittrice, sia un ingrediente fondamentale quanto necessario.
    La lettura è sempre stata il mio pane quotidiano, ma immagino quanto possa essere difficile e, nel contempo, elettrizzante, scrivere: un pò come avere di fronte un blocco di granito informe e renderlo con le proprie abilità e la propria esperienza qualcosa di perfetto, unico e meraviglioso.
    Ed è, solo, come lettrice che chiedo a te e a tutte coloro che s'accingono a scrivere di non dimenticare quanto sia importante riversare nella storia le vostre emozioni, i vostri desideri, i vostri sentimenti.
    Fate sempre in modo che la vostra storia non sia soltanto frutto di tanto studio e d'innumeroli letture, che pure è basilare, ma che sia, anche e soprattutto, "figlio" di quel che sentite e di quel che provate, dando, così, la vostra impronta, il vostro tocco a quel che state creando.
    Di certo, avrò dato un suggerimento banale, ma, a volte, può capitare di far proprie la trama, la tecnica e l'espressione delle autrici che si prediligono, rischiando di far apparire la propria storia come un semplice riflesso di quel che si è letto e amato.
    Va bè, scritto ciò, non mi resta che augurarti un grandissimo In Bocca al lupo, Georgette

    RispondiElimina
  32. Ringrazio tantissimo le amiche che hanno lasciato i loro commenti all'estratto di Georgette anche a una settimana dalla sua pubblicazione. Grazie a Maria per i suoi consigli sul fatto che nelle storie debbano soprattutto trasparire i sentimenti oltre alla tecnica. Sottoscrivo in pieno.

    A te ' V ' dico grazie per il commento e anche la tua critica costruttiva. E ho anche corretto l'errorino verbale che era sfuggito anche a me.Personalmente però non trovo che il brano che citi sia troppo spezzato. Forse perchè, visto che anche io, come Georgette, leggo sempe in inglese, sono abituata a questo tipo di stile meno involuto rispetto a quello italiano e lo prediligo. Lo stile, comunque, è uno degli aspetti che si prestano di più a un'interpretazione di tipo soggettivo, per cui tutti i punti di vista hanno una loro valenza.
    In generale ritengo che le critiche costruttive siano molto d'aiuto a un'autrice, che ha bisogno degli 'occhi altrui' per riuscire a giudicare la sua opera in modo oggettivo.

    Un caro saluto a tutte.
    Francy

    RispondiElimina
  33. Cara V. Non ti preoccupare, la schiettezza è una dote che apprezzo. Posso essere molto più schietta di quanto non sia stata tu, volendo. Sarei curiosa di conoscere i tuoi due autori preferiti.
    Grazie per la cortese risposta.
    Un caro saluto
    GG

    Cara Maria, non posso che dirti grazie. Spero che prima o poi potrai leggere anche questo mio secondo romanzo, che non è ancora finito, purtroppo. Il tuo commento mi ha reso doppiamente felice: davvero hai letto Zitta e ferma Miss Portland! in due giorni?
    Grazie anche per il tuo consiglio, che forse dovrebbe essere una regola per tutti coloro che amano scrivere. Io non ho molte ambizioni. Solo quella di riuscire a creare delle storie che prendano il lettore, con lo stile che sento mio e che sicuramente, negli anni, cambierà. Scrivere mi piace perchè mi fa sentire bene. Ma il solo pensiero di avere dato qualche minuto di sogno o di innocente divertimento a qualcuno mi fa sentire ancora meglio (e incredula).
    Grazie ancora. E se vuoi rimanere in contatto con me, cosa che mi farebbe piacere, scrivi sulla blog chat (in alto a destra sul sidebar) de LMBR.
    Un abbraccio
    GG

    Cara Francy, che dirti se non un sentito grazie?
    GG

    RispondiElimina
  34. Beh, i miei autori preferiti sono sicuramente Tad Williams (in assoluto!) che in USA è venerato per la sua produzione letteraria, mentre in Italia, purtroppo, è quasi sconosciuto (hanno tradotto 5 dei suoi libri in tutto). Avverto tutti che se lo volete leggere in lingua originale è decisamente complesso. Per capirci, tradotto in italiano sembra di leggere un brano del Manzoni, quindi se non siete proprio skillatissime in inglese, meglio una traduzione!
    L'altra, dallo stile diametralmente opposto (più anglosassone, appunto), è L. K. Hamilton, di cui trovate anche ampia produzione tradotta in italiano. Ve li consiglio entrambi!
    V

    RispondiElimina
  35. Viv carissima...impossibile essere spietata...devo farti i complimenti...caspita tosta Madeline...e Sebastian...davvero molto intrigante!!

    Cosa devo fare per leggere tutto il romanzo??? =^__^=

    Bacioni
    Lady Akasha

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!