ROBIN HOOD...un eroe romantico sempre attuale nel nuovo film di Ridley Scott

Esce oggi nei cinema italiani ,in contemporanea con la presentazione all'inagurazione del 63° Festival del Cinema di Cannes ,il nuovo film di Ridley Scott che, rinnovando il binomio con il suo protagonista Russel Crowe, sembrerebbe voler bissare il successo internazionale ottenuto esattamente dieci anni fa con il Gladiatore( Gladiator, 2000). Anche in questo caso si tratta di un film storico e di un personaggio capace al tempo stesso di suscitare le simpatie di un pubblico molto composito: il leggendario outlaw inglese ROBIN HOOD.

Guardando le anticipazioni e il trailer del film sembra che si sia voluto riportare Russel Crowe agli splendori di Massimo Decimo Meridio, il look è più o meno lo stesso e anche il carisma del personaggio non è da meno. Robin Hood, infatti, ricordato in infinite leggende e ballate, appartiene alla cultura anglosassone. E' un eroe che incarna il mito della disobbedienza popolare al potere tirannico e come tale è sopravvissuto nei secoli. Nottingham e la foresta di Sherwood, locations storiche del famoso furilegge, continuano ad essere anche oggi meta di milioni di turisti ogni anno...il fascino di quest'eroe ,insomma, è sempreverde e non ci stupisce che Hollywood di quando in quando decida di appropiarsene.

Il nuovo Robin Hood di Ridely Scott è una mega produzione holliwoodiana che ha messo insieme un eccezionale gruppo di attori. A fianco di Crowe/Robin Hood, infatti, troveremo, fra gli altri, Cate Blanchett/Lady Marian, Mark Strong/Sir Godfrey, William Hurt/Conte di Pembroke, Matthew Macfadyen/Sceriffo di Nottigham, Vanessa Redgrave/Regina Eleonora di Aquitania e Max von Sydow/Sir Walter Loxley.

Un cast formidabile fra i quali spicca la presenza di Cate Blachett che ha secondo me assolutamente il physique du role per interpretare la volitiva Lady Marian ( o Marion) . Da notare,inoltre, la presenta di Matthew Macfadyen/Mr Darcy in un ruolo questa volta tutt'altro che romantico, sebbene di primo piano, visto che veste i panni dell'antagonista di Robin Hood per eccellenza, l'odiatissimo Sceriffo di Nottingham (vedi foto dove Macfadyen ...lo so, non è come Darcy!).

Questa volta la storia che ci farà rivivere le gesta del leggendario fuorilegge medievale è stata in parte riveduta e corretta. In questa nuova versione Robin Hood è infatti un arcere al servizio del re Riccardo Cuor di Leone contro i francesi. Dopo la morte di re Riccardo (1199), Robin va a Nottingham, città sottomessa all'avidità e alla corruzione del suo sceriffo, dove incontra e si innamora della vedova Marion Loxley (Lady Marian), che sulle prime si mostra scettica circa l'identità e le vere motivazioni di questo misterioso crociato. Nella speranza di ottenere la mano di Marion e salvare la città, Robin mette insieme un gruppo di abili mercenari, che prenderanno di mira i nobili vicini allo sceriffo di Nottingham nell'intento di correggere le varei ingiustizie perpetrate. Con un paese reso debole da decenni di guerre fratricide e dall'incapacità politica del nuovo re ( Re Giovanni), vulnerabile alle sommosse interne e alle minacce esterne, Robin e i suoi compagni lotterano uniti per evitare che l'Inghilterra scivoli in una guerra civile e per farla tornare alle glorie di un tempo.

L'epoca in cui è ambientato questo film, il medioevo inglese, è un periodo che in passato ha fatto da sfondo a bellissimi romanzi rosa storici, ma che negli ultimi anni è stato poco considerato, soppiantato nell'interesse delle lettrici da altre epoche , prima fra tutte quella Regency. E' un peccato, perchè ci sono certi romances medievali che, accanto alla storia d'amore pura e semplice, sanno anche fornire informazioni molto interessanti sulla vita , gli usi e i costumi (nonchè sulla storia) di quell'affascinante e lontana epoca storica. Io sono tra quelle che amono i romanzi ambientati durante la conquista Normanna ( non a caso un mio Indimenticabile è Il Lupo e La Colomba/The Wolf and the Dove della Woodiwiss -leggi qui-, insieme a 'L'artiglio del leone / Bride of the Lion di Elizabeth Stuart) e mi piacerebbe poter leggere dell nuove storie che sapessero coniugare con la stessa abilità storia d'amore e backdrop storico. Anche l'epoca narrata nel film di Scott, cioè il XIII° secolo, così densa di avvenimenti e rivolgimenti politici, non è certo priva di fascino.

Il nuovo ROBIN HOOD che ci aspetta al cinema questa settimana sembra essere un po' diverso da quello ricordato in tantifilm precedenti, ma il fascino dell'eroe che combatte per i più deboli e per la donna che ama è sempre intatto...e Russel Crowe non ci dispiace affatto come Robin, soprattutto se doppiato ( come nel Gladiatore) dalla stupenda e sexyssima voce di Luca Ward . Non possiamo perderlo!

PostScriptum. : Ho appena scoperto che anche se il trailer qui sotto è stato doppiato da Ward, in realtà il film non l'ha doppiato lui ma Fabrizio Pucci che si dice abbia un timbro molto simile a quello di Ward. In seguito all'incidente subito durante la sua partecipazione al reality 'l'isola dei famosi' Ward ha riportato uno schiacciamento delle costole che forse ha influito sulla sua capacità di usare come si deve il diaframma ( che ne lavoro dell'attore/doppiatore è essenziale), così che non gli è stato possibile questa volta replicare il mitico binomio. PECCATO!
Fabrizo Pucci, comunque , ha già doppiato Russel Crowe in "A beautiful Mind , "American Gangster e, "State of Play". ( vedi qui il suo sito...merita! ).

Il trailer del film... Enjoy!




Vi piace l'eroe romantico alla Robin Hood? Che ne dite di Russel Crowe in questa parte? Vi piacciono i rosa storici ambientati nel medioevo inglese? Lasciate un commento.

8 commenti:

  1. Questo film mi intriga molto, sia per la qualità della recitazione che per le scen ografie... speriamo solo che la parte storica non vada a ramengo come è accaduto con il Gladiatore XD
    s.

    RispondiElimina
  2. Moray ....sono appena tornata dalla prima niente spoiler tranquilli...

    dalla mia esperienza sul costume: Molto bello con solo alcune imprecisioni ma diciamo decisamente ben fatto

    scenografie decisamente molto belle

    trama: rivista in una chiave davvero carina la nascita della leggenda dell'eroe incappucciato. Troviamo tutti gli allegri compagni, una Maryon davvero ben interpretata, una regina Eleonora e famiglia davvero ben curati.

    l'aspetto storico lascia un pochino a desiderare ma non posso dirti perchè in quanto spoilererei.

    Ciao e buona notte a tutti
    Aria

    PS: il lupo e la colomba l'ho letto per la prima volta 16 anni fa e da allora viene letto e riletto svariate volte all'anno...è uno dei miei libri preferiti così come il Giglio e il Leopardo

    RispondiElimina
  3. Mi intriga molto questo film. L'eroe alla Robin Hood mi è sempre piaciuto un sacco! :-)

    RispondiElimina
  4. Robin Hood è sempre un mito sin dalla versione con Kevin Kostner. Andrò sicuramente a vedere questa versione ma spero che il personaggio non cada troppo nel 'macho'.Come Francy sa, anche io rileggo costantemente 'Il lupo e la Colomba'.

    RispondiElimina
  5. Sicuramente andrò a vedere il film. Perchè mi piace Crowe, la leggenda di Robin Hood e la voce di Ward è straordinaria.
    Messi insieme dovrebbero creare un mix eccellente. Per quanto riguarda la parte storica....ci accontenteremo se il film è ben fatto.

    "Il lupo e la colomba" per me indimenticabile medievale della W. Letto un sacco di volte. Woolf è uno dei miei personaggi maschili preferiti.
    Un abbraccio
    PATTY

    RispondiElimina
  6. Patty, ho appena scritto un P.S. sul post perchè ho scoperto solo oggi che NON è Luca Ward a doppiare Crowe in Robin Hood ma Roberto Pucci, che già l'ha doppiato in altri film e che, a quanto pare, ha un timbro molto vicino a quello di Crowe.

    Peccato perchè la voce di Ward è fantastica, ma visto il curriculum di tutto rispetto di questo Pucci ( che non consocevo)probabilmente non rimarremo deluse. Però mi risulta che il trailer l'abbia doppiato Ward.

    Spero di riuscire a vederlo presto.

    Ciao.
    Francy

    RispondiElimina
  7. Robin Hood per me resta Kevin Costner. ^_^

    RispondiElimina
  8. Brevemente, ragazze.Il film a me è piaciuto, nonostante non ami particolarmente il regista, RIdley Scott. Intanto l'idea del prequel è bella, finalmente scopriamo perché Robin finisca nella foresta di Sherwood a depredare i ricchi per dare ai poveri. E il film, anche se molto buio (l'Inghilterra non brilla certo di luce mediterranea, ma un po' di watt in più non ci sarebbero stati male), tiene bene, e per più di due ore. Cate Blanchett interpreta bene il ruolo di Marion, e Russell, per una volta, mi piace. E' meno bolso del solito e i capelli molto corti e la barba incolta gli rendono grazie. In quanto a GIovanni Senza Terra, be' la colpa è tutta sua... Per informazione nel cast ci sono anche William Hurt (Dio come è invecchiato, e non solo per motivi scenici) e Max Von Sydow.
    Russell non è doppiato da Luca Ward, ma da Fabrizio Pucci che gli aveva già dato la voce in film come State of Play e Beatiful Mind. Vi assicuro che non ha meno testosterone di quella di Ward.
    C'è molta azione, forse troppi morti ammazzati anche, ma il film tiene bene. In quanto all'amore, Robin e Marion si amano, ma si scambiano solo un bacetto...
    In ogni caso, amo rivedere ogni tanto al cinema il vecchio Robin...Da quello interpretato da Errol Flynn a quello sublime di Disney. Senza dimenticare il Robin di Sean Connery e quello da ridere di Mel Brooks.
    Viv

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!