Sempre a proposito di copertine...

Giorni fa mi è capitato di leggere di un sondaggio fatto dall’editore Penguin in materia di cover art, che ha portato a questa conclusione (non certo sorprendente) :
"According to consumer research conducted on what factors matter to people when they decide whether or not to pick up a book in a bookshop, the cover design comes out as most important. " ( the Penguin UK blog: "YourSpace")

'Secondo una ricerca fatta fra i consumatori su quali siano i fattori che determinano la scelta di un libro in libreria, la grafica di copertina risulta quello più importante.'
Ancora una volta salta fuori il discorso copertine, che, a quanto pare, giocano un ruolo primario nella vendita di un libro (di qualsiasi genere esso sia). Personalmente non posso dire di essere totalmente immune dal fascino di una copertina ben fatta, ma di regola non è mai un 'fattore acquisto' determinante, anzi, in una scala da uno a quattro, metto senz’altro al primo posto il genere del romanzo ( perché ci sono certi generi che scanso in partenza, non importa quanto bella sia la copertina o quanto invitante sia il riassunto), al secondo il nome dell’autrice, se la conosco e mi piace come scrive, al terzo l’argomento del romanzo e solo all’ultimo la copertina, per quanto invitante possa essere. Non penso di essere l'unica ad avere quest'abitudine, ma evidentemente molti si comportano diversamente, se dobbiamo prestar fede al sondaggio Penguin.

Ad un mio post precedente, in cui trattavo il problema delle copertine dei romanzi rosa che fin troppo spesso mostrano cover arts 'poco presentabili in pubblico', ha lasciato un interessante commento Lisa, che si occupa del marketing dei romanzi Harmony alla Harlequin/Mondadori, la quale da 'addetta a i lavori' non ha potuto far a meno di osservare:
il dilemma nella scelta delle cover è sempre lo stesso: raffinate e moderne o tradizionali e appassionate? Non ci crederete, ma quelle che trasmettono più "coinvolgimento", sono sempre e comunque le più apprezzate, almeno in termini di venduti.

Io non faccio fatica a crederlo invece, perchè sono molto consapevole del fatto che noi lettrici da questo punto di vista siamo molto spesso un po' 'schizofreniche'. Da un lato sappiamo che un libro che ha due persone mezze nude e avvinghiate in copertina non sarà un libro che riusciremo a leggere come se nulla fosse in treno o nella sala d'aspetto del dentista e la cosa ci scoccia, ma dall'altro, al momento di scegliere un libro piuttosto che un altro dall'espositore, l'occhio non può fare a meno di cadere sul viso affascinante, sui bei muscoli esposti, sugli incredibili bicipiti, sui pettorali a tartaruga da acquolina in bocca e...zac!scatta l'istinto e, senza rendercene pienamente conto, il bel muscoloso è fra le nostre mani!

Comunque si guardi la cosa, siamo sincere, non possiamo non ammettere che, se non sappiamo nulla nè dell'autrice nè della trama, fra un libro con una copertina più attraente ( ed appositamente studiata per attrarci istintivamente) e una più neutra, quello con la copertina più attraente sarà il primo ad essere scelto. Forse poi, una volta che l'avremo fra le mani, la trama non ci convincerà o non ci convincerà il prezzo, o la pagina che abbiamo sbirciato, e alla fine non lo compreremo. Ma sarà comunque lui ad avere avuto fra i due, o i molti, la prima chance di vendita: quello con la copertina più attraente ( e un bell'uomo mezzo nudo in copertina attira l'attenzione di molte!). Di questi più o meno inconsci comportamenti, le case editrici sono pienamente al corrente (grazie a continue ricerche di marketing) e chiaramente hanno tutti gli interessi affinchè continuino. Perciò se le copertine tradizionali alla fine risultano quelle più attraenti per le lettrici, numeri di vendite alla mano, perchè cambiare? Una ragione potrebbe essere il fatto che cercare di andare incontro anche alle ragioni di coloro che provano imbarazzo nel mostrare in pubblico le loro letture potrebbe essere anch'esso un investimento potenziale, visto che la lettura pubblica di un libro può essere una buonissima forma di pubblicità indiretta.

Al momento in Italia la maggior parte dei romanzi rosa esce con copertine piuttosto classiche, agli abbracci più o meno calienti pare non si voglia proprio a rinunciare. Ci sono però anche da noi alcuni tentativi di cambiamento. La collana Harmony History, ad esempio, mette in primo piano il nome dell'autrice e il titolo del romanzo rispetto all'immagine dei protagonisti, che viene relegata sul fondo della copertina, mentre la Harmony Romance e la Harlequin Romantic Noir, privilegiano cover arts d'atmosfera , dove l'immagine umana è affiancata a elementi di paesaggio o nature morte. Personalmente preferisco la soluzione degli stepbacks, le copertine 'doppie' , che hanno un'immagine neutra in copertina e un caldo abbraccio girato pagina, così la nostra voglia anche visiva di 'romance' anche viene appagata, ma non dobbiamo preoccuparci delle occhiate indiscrete se ci capita di leggere il romanzo in giro. Però sembra che in Italia questo escamotage non sia ancora stato preso in considerazione dalle case editrici.

Insomma, forse sono rimasta una delle poche ma per me è ancora valido il detto che consiglia di ‘non giudicare il libro dalla sua copertina’, anche se rimanere ancorati ai propri principi e non andare oltre le apperenze a volte è davvero difficile! Un esempio? La copertina che fa bello sfoggio di sè all'inizio di questo post: si tratta dell'edizione americana di LORD PERFECT (2006) il piacevolissimo romanzo di Loretta Chase. Che posso dire? E' stato davvero amore a prima vista! Tanto che anche se non si fosse trattato di un libro della Chase, che è una delle mie autrici preferite fin dai tempi di Lord of Scoundrels, lo avrei comprato comunque perché completamente stregata dalla sua copertina, o meglio dall’uomo sulla sua copertina(!) raffigurato lì, solo, in primo piano, mollemente appoggiato allo stipite di una porta, in una posa che è sicura e sensuale allo stesso tempo, i pantaloni aderenti, l’ampia camicia bianca aperta casualmente sul petto muscoloso e quello sguardo intenso che toglie il fiato! Quale donna non vorrebbe essere guardata così dal proprio partner? Io certamente sì! Questa copertina ha attirato talmente la mia attenzione da farmi dimenticare la ragione per cui quando compro un romanzo l'aspetto grafico è una delle ultime cose a cui do importanza...

Ho scoperto che la cover artist si chiama Judith York ma non so purtroppo chi le ha fatto da modello. Ha qualcosa che vagamente mi ricorda Paul Newman da giovane, forse per quella fossetta sul mento o per lo sguardo un po’ sfacciato...(avete presente Ben Quick de La lunga estate calda? ) Decisamente affascinante al di là delle varie somiglianze. Come dare quindi torto a Bathsheba Wingate e alla sua reazione la prima volta che vede Benedict Carsington?

He leant against the window frame, offering those within the exhibition hall a fine rear view of a long, well-proportioned frame,expensively garbed. He seemed to have his arms folded and his attention upon the window, though the thick glass could show him no more than blurred images […].

The woman surresptitiously studying him decided he would make the perfect model of the bored aristocrat. Supremely assured. Perfectly poised. Immaculately dressed. Tall. Dark.
He turned his head, presenting the expected patrician profile.
It wasn’t what she expected.

She couldn’t breathe.

Eh…sì, sono assolutamente solidale con Bathsheba ....come resistere a uno così sexy?!
Nel romanzo in realtà Benedict Carsington, Viscount Rathborne, è descritto come tutt'altro che sfacciato, anzi lui è il 'perfetto' gentleman inglese, educato, freddo, distaccato...ma noi romance fans sappiamo bene cosa c'è spesso dietro la maschera di un eroe apparentemente algido e trattenuto...è per quello che questa tipologia di eroe ci piace tanto! (ebbene sì, lo ammetto, è uno dei miei archetipi di eroe romantico preferiti!)

Tornando al discorso copertine mi piacerebbe guardare un po' più a fondo all'argomento e far partire un mini sondaggio per vedere qual è il nostro atteggiamento verso le copertine e quanto influenzano i nostri acquisti? Davanti a una copertina molto accattivante ci lasciamo tentare? O, viceversa, davanti a una copertina scialba passiamo oltre, senza dare chance a un romanzo che potrebbe valere la pena? E se la copertina di un libro è un po' imbarazzante lo compriamo ugualmente o ci rinunciamo?

VOTATE AL MINISONDAGGIO CHE TROVATE QUI A DESTRA IN ALTO SUL SIDEBAR! VEDIAMO COME LA PENSIAMO IN MATERIA COPERTINE...TRA UN MESE I RISULTATI!

Question Mark


2 commenti:

  1. Mi trovo d'accordo con le tue considerazioni, per me la copertina è importante, in quanto è la prima cosa che colpisce, ma poi gli elementi che veramente contano sono: la trama e l'autrice/autore.

    P.S.:anche a me piace quella tipologia di eroe dei romance ... ;)

    RispondiElimina
  2. Cosa penso delle copertine? Francy Tu hai detto praticamente tutto. Posso solo aggiungere che mi piacciono abbastanza quelle della leggere editore: hanno classe e sono sobrie. Le ultime che m vengono in mente sono quelle di Intime promesse, lezioni di seduzione e menage a trois. Almeno le puoi esibire in metro treno parchi ecc. Per quanto mi riguarda nella scelta del libro assolutamente autrice sono imprescindibili dalla scelta. Però sono belle anche quelle dei libri della Showalter dui demoni guerrieri.....

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!