CHRISTMAS IN LOVE : IL NATALE DI ELIZABETH





Sono sul gradino più alto della scala e mi sporgo per riuscire a mettere la stella sulla cima dell’alto abete sistemato, come ogni anno, nel salone.

Questo non è mai stato il mio compito, ma da quando la guerra ha portato lontano gran parte degli uomini… a noi donne non è rimasto che adattarci. Scendo e noto che Steve mi tiene forte la scala e Giuliette e Georgette si tengono per mano. Hanno un’espressione estasiata e questo mi ripaga di ogni sacrificio. Per avere questo abete ho ricamato una tovaglia natalizia per la famiglia Bennet, ma loro non sanno che il lavoro è stato eseguito da me… Camille è stata così cara da coprire le mie difficoltà economiche ed è rimasta in questa casa anche se io non mi posso più permettere di pagarla, da quando Andrew è stato dichiarato disperso. Si è tutto così complicato ultimamente, ma per i bambini voglio che questo Natale sia un momento di serenità, per quanto possibile.

«Mamma, è… bellissimo!». Gli occhi di Georgette risplendono di gioia.

«Venite, ho preparato della cioccolata calda con i biscotti» ci chiama Camille.

«Evviva, ora sì che è Natale, con l’albero e la cioccolata!» esplode l’esuberante Steve, ma subito dopo aggiunge: «Manca solo papà…». Nella stanza cala il silenzio, finchè Giuliette, la più piccola dei miei tre figli, interviene con l’ingenuità dei suoi quattro anni: «Ma papà tornerà presto, sapete, mamma? Ne sono certa: ogni Natale le mie richieste sono state tutte ascoltate. Dio è buono e anche quest’anno lui mi accontenterà; e io ho chiesto papà…».

Come posso dirle che suo padre non trascorrerà più il Natale insieme a noi? Come faccio io stessa ad accettarlo? Spero sempre sia da qualche parte, impossibilitato a tornare, ma vivo…

«Suvvia, bambini, godiamoci questo momento, dai! Finite le vostre tazze di cioccolata, da bravi, che ora usciamo per ascoltare i canti intorno all’albero della piazza. Ve li ricordate i canti di Natale?» li cerca di distrarre Camille.

«Sì, io sì! Che bello!» e Steve contagia con il suo entusiasmo le sorelline.

Cosa farei senza Camille? È al nostro servizio da sempre, prima ancora era stata la tata di Andrew. Lei è una di famiglia, lo è sempre stata, in effetti.

«Venite anche voi, Mrs Elisabeth?»

«No, cara, andate voi, se non vi spiace, io non sono dell’umore adatto e poi vorrei preparare quel…» e faccio cenno verso la cucina.

In pochi minuti i bambini, ben avvolti nelle loro mantelline e sciarpe, sono in strada con Camille. E io sono libera di dar sfogo alle mie lacrime, mentre preparo con cura il pudding natalizio. Sono quasi tre settimane che lavoro a questo dolce, come ogni anno: i dolci sono la mia passione e non ho mai rinunciato a prepararli.

Sento la porta d’ingresso aprirsi, dev’essere Camille.

«Cosa avete dimenticato?» chiedo asciugandomi le lacrime con il grembiule.

Nessuno risponde. Allora allarmata appoggio il cucchiaio di legno ed esco dalla cucina. E in entrata davanti a me, come un sogno o un fantasma che temo quasi si dissolva, c’è Andrew. Mi fermo, incredula. Lui rimane a fissarmi sulla porta. Ci scambiamo degli sguardi che non abbisognano di parole. Temo che nell’avvicinarmi a lui tutto possa svanire e forse è quello che prova anche lui che non si muove.

«Andrew… sei davvero tu?»

«Oh, sì, Elisabeth, puoi giurarci. E sono davvero a casa, cara?»

«Sì, amore mio, io ti vedo e ti sento…».

«Bene, allora non corro il rischio che tu scompaia come fossi un’apparizione, se mi avvicino a te, vero?»

«Io non vado da nessuna parte…» e nel pronunciare queste parole mi precipito verso a lui e lo abbraccio forte. Un abbraccio caldo che ricambia con vigore. Poi mi solleva il mento e mi bacia delicatamente quasi potessi infrangermi come un prezioso cristallo al primo si bemolle di un eccellente soprano.

Lei mie gambe barcollano e lui mi sorregge premuroso.

«Dammi un pizzicotto, ti prego…» gli dico d’un tratto.

«No, tesoro mio, nessun pizzicotto» e mi bacia nuovamente, con ardore questa volta.

Dai miei occhi chiusi scendono lente e calde perle di gioia e rigano il mio volto illuminato dalla meraviglia.

Quando li riapro vedo intorno a noi i bambini abbracciati a Camille commossa.

Entriamo nel salone e sotto il nostro grande abete ci abbracciamo tutti. In questa vigilia di Natale nessuno di noi potrà essere più felice e appagato di così. La famiglia è finalmente riunita e ora sono certa: ogni difficoltà sarà facilmente superata, insieme.

Quando mio marito prende in braccio la nostra Giuliette, lei, con aria saggia, gli dice: «Io sapevo, padre, che sareste ritornato… siete voi il dono che ho chiesto per questo Natale al buon Dio!».

La magica atmosfera della festa ci avvolge senza eguali e in lontananza i canti coronano questo nostro indimenticabile Natale…
JOELLE LANEIGE (*)


TI E' PIACIUTO QUESTO RACCONTO? TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE ( QUI) E LASCIA UN TUO COMMENTO!





1 commento:

  1. che bella storia! molto commovente! complimenti all'autrice! giusy74

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!