Christmas in Love 2017: "UN'ALTRA POSSIBILITA' " di Camilla Ferri



Navigare è sempre stato il sogno della mia vita da quando, a 9 anni, avevo viaggiato verso la Sicilia con i miei genitori su un traghetto che faceva servizio tra Civitavecchia e Palermo. Quella nave piccola, poco pulita e che puzzava di treno aveva rovesciato i miei orizzonti. Si può vivere bene sul mare. La terraferma acquista un valore differente, più vero, se osservata da una certa distanza. Una lezione che non avevo mai scordato anche se poi la vita mi aveva dirottato da un’altra parte. Sì, perché crescendo avevo scoperto di amare terribilmente la terra e tutti i tesori che ancora si ostinava a nascondere. Archeologia, la mia passione più profonda, l’altra metà del mio cielo personale. E infatti un bel giorno di un quasi quattro anni fa, Luca, fidanzato storico, mi aveva imposto di decidere tra lui e l’archeologia. Non avevo avuto dubbi: avevo scelto la passione per il mondo antico, comprendendo in quel momento come la storia con quel ragazzo timido, dagli occhi azzurri come un lago di montagna, non fosse così profonda come mi ero ostinata a credere per tutti gli anni dell’università.
E così mi ero tuffata con entusiasmo nel mio lavoro, felice di aver compreso alla fine quale direzione dare alla mia vita. Dalla mia parte, però avevo solo la determinazione e il desiderio di scavare, riportando alla luce brandelli nascosti del passato; contro di me, un sistema universitario non sempre limpido nelle assegnazioni di borse di studio, di assegni di ricerca, per non parlare poi dei posti di assistente universitario.
Eppure, con la caparbietà che mi aveva contraddistinto fin da piccola, avevo sconfitto il mostro. Dopo infiniti tentativi e numerose porte in faccia, avevo vinto un concorso come assistente universitario del mitico professor Bellagamba, ordinario della facoltà di Archeologia greca e romana dell’Università di Torino. Simpaticamente chiamato Cicciobello da generazioni di studenti falciati ai suoi esami. Da quel giorno la mia vita era cambiata. Non che lo stipendio fosse quel granchè, ma almeno vedevo riconosciuti tutti gli sforzi messi in atto per arrivare fino a lì, insieme alla incredibile possibilità di fare il lavoro per cui sentivo di essere nata. Da allora, avevo macinato migliaia di chilometri su ogni mezzo possibile per andare a scavare, convinta che fosse la mia unica travolgente passione, il mio unico amore. Dare vita a ciò che vita non ne ha più, perchè ha già avuto il suo tempo in dono dagli dei. Sfidare il tempo, il dio Chronos, ecco che cosa mi affascina di più di questa scienza.
Ed è stato proprio quell’amore assoluto a portarmi su una mega nave da crociera, facendo riaffiorare in me quelle sensazioni provate da bambina. Sensazioni forti che, lo capisco solo ora, erano sopite, ma mai davvero scomparse.

Dopo mesi e mesi di lavoro indefesso in diverse parti del Mediterraneo, lo stesso mio professore mi aveva imposto una vacanza. Ad essere sinceri, io non mi sono mai fidata del tutto di quell’ometto basso e tarchiato con due furbi occhietti azzurri che lo facevano sembrare un simpatico bidello. Quando dava in escandescenze, era capace di sollevare anche il preside della facoltà. Moralmente, ovvio.
“E’ il momento che si prenda una vacanza, Silvestri. Ha dato molto alla ricerca, ma non può vivere sempre qui. Là fuori c’è una vita. Non può stare all’Università anche quando le formiche fanno a gara per andare in montagna!” aveva tuonato, mentre lo inseguivo parlandogli di uno scavo in Medio Oriente. Mi affannavo a stargli al passo mentre cercavo sullo smartphone una foto inviatami da un collega americano sullo stato degli scavi a Nisa, in Iraq. Si era fermato all’improvviso in mezzo al corridoio semi deserto, strappandomi di mano il cellulare e rischiando che gli finissi addosso.
“Domani è il 20 dicembre. Lei è ufficialmente in ferie fino al 15 Gennaio 2018.”  La sua voce chioccia e baritonale aveva rimbalzato per il corridoio di vetrate, ormai scure, dal momento che ormai erano le 8 passate da un bel pezzo. Un bidello ossuto aveva occhieggiato da un’aula, spinto dalla curiosità di sapere chi fosse la vittima designata di Cicciobello.
Lui, il professore, se ne era andato restituendomi lo smartphone sulla mano ancora aperta, come la mia bocca.
Non ero stata in grado di replicare. Mentre tentavo di imporre la mia volontà alla parte inferiore del viso, lui aveva alzato una mano grassoccia e, come per scacciare una mosca, aveva aggiunto: “Si faccia una crociera, almeno sarò certo che nell’acqua non potrà scavare!”
Deglutii l’aria, ma lo presi in parola. Voleva che andassi in vacanza per non scavare, benissimo: ci sarei andata, ma poi non avrebbe potuto fermarmi su nessuno di quei progetti che coltivavo da tempo nella mia testa. 
E così eccomi qui, prossima a vedere da vicino un mostro metallico dei mari e a tornare al mio elemento preferito, dopo la terra. Forse Cicciobello non aveva torto.

“Accidenti! Ma quanto è grande! Sul depliant dell’agenzia le dimensioni non mi sembravano così... colossali!”
La nave, ormeggiata ad una banchina del porto di Savona, sembrò apprezzare quell’esclamazione di sorpresa, emettendo un fischio profondo che mi echeggiò nel petto. Lo scafo bianco risaltava in maniera impressionante sullo sfondo azzurro del mare e del freddo cielo di dicembre.
Due giorni a Natale, avrei potuto fare altre mille cose interessanti e invece mi trovavo a rimirare un gigante dei mari. Senza accorgermene, lasciai la maniglia del trolley che cadde rumorosamente a terra. Nemmeno sentii quel tonfo disperato e, per essere certa delle dimensioni, tolsi anche gli occhiali da sole. Niente da fare: era enorme anche a occhio nudo. Qualcosa nella mia mente si agitò, forse i miei ricordi felici di bambina che scorrazzava sui ponti delle navi traghetto.
“Le è caduta la valigia...”
Calde, basse onde sonore mi colpirono come la risacca sulla spiaggia. Mi voltai di scatto, quasi irritata per quella voce che mi aveva fatto tornare sulla terraferma quando io cercavo di individuare le analogie tra quel mostro metallico e i delicati legni delle navi di Caligola affondate nel lago di Nemi.
Chi era quel tipo davanti a me? Apollo lo splendente, la statua ripescata nel Tevere e ora in bella mostra a palazzo Massimo a Roma? O forse un Apollo di Leocare nella sua posa così eroica?
Mi imposi di non mostrare alcuna emozione e tentai di chiudere la bocca. Cosa non facile di fronte a due spalle larghe, un sorriso accattivante e due occhi del colore delle foreste germaniche ai tempi di Arminio. Di fronte alla bellezza, di qualsiasi genere è difficile rimanere lucidi, scatta la sindrome di Stendhal, lo dicono anche gli psicologi.
Deglutii e tirai le labbra in una specie di sorriso. Con fatica distolsi lo sguardo da quelle schegge verdi che mi osservavano divertite e li diressi verso il mio trolley, disteso sul selciato grigio come un cane svenuto.
“Grazie” mi riuscì di dire gracchiando come un’aquila. Mi schiarii la voce, non potevo uscire in modo così disastroso da quell’incontro che qualche dio benevolo aveva deciso di concedermi.
Mi abbassai per prendere la maniglia, ma lo sconosciuto fu più rapido di me e, a pochi centimetri dalla meta, le nostre teste cozzarono sonoramente.
“Ahia! Per essere un Apollo hai la testa dura!” borbottai seccata.
“Come, scusa?”
Feci rapidamente marcia indietro, “Niente, è che ho la testa dura.” Mi massaggiai la chioma ricciuta contribuendo a scompigliarla ancora di più del solito. I corti capelli castani di lui invece, erano in ordine rigoroso, nemmeno fosse appena uscito dal barbiere.
Fu più svelto e afferrò in fretta il manico del trolley, “Tieni, non vorrei scontrarmi due volte nello stesso giorno con una bella ragazza... Io mi chiamo Andrea”, aggiunse tendendomi la mano destra, dita lunghe, unghie corte e pulite.
“Piacere di fare la tua conoscenza, sono Giulia.” Risposi stringendogli la mano, una presa forte e decisa che, lo ammetto, mi disorientò un poco. Qualcosa, credo, passò tra di noi, perché nella mia memoria quell’istante è senza tempo. Mi sentii come catapultata da un’altra parte, preda di una strana vertigine.
“Anche tu in vacanza?” chiese gentile, riportandomi, a sua insaputa, nel mondo reale.
Annuii, pronta, scacciando la sottile inquietudine che aleggiava ancora dentro di me: “Diciamo che sono stata costretta a riposarmi un po’ e allora ho scelto lei.” indicai con un cenno della testa la mole imponente della nave che già si animava di turisti ansiosi di partire.
Le vacanze di Natale sono un periodo perfetto per una crociera, e anche uno dei più cari, aveva sentenziato Clara, la mia più cara amica. Ma ero stata fortunata: con un last minute, avevo ottenuto una cabina esterna ad un prezzo non eccessivo.
“Vogliamo andare?” chiese l’Apollo avvicinandosi pericolosamente al mio fianco destro. Quella voce mi riportò di nuovo al presente. Mi sentii in dovere di dire qualcosa.
“Da qua i passeggeri sembrano formiche agitate.”
Mi morsi la lingua, non era propriamente quella che si dice un’osservazione arguta. A parte che sulla Terra forse due persone, al massimo tre, avrebbero apprezzato espressioni più auliche, men che meno il tipo belloccio di fianco a me.
Come al solito: se sono belli non hanno cervello, la voce di Clara, nitida nella mia testa.
“Sei entomologa?” chiese curioso.
“Accidenti! Conosce anche qualche parola difficile”, mi trovai a pensare. E per aggiungere un pizzico di pepe in più alla mia confusione, fu allora che Eolo decise di cambiare direzione ai venti freddi che imperversavano sul golfo ligure di Ponente: un aroma di pulito e muschiato mi investì in pieno. Stordita da profumo e da una domanda così intelligente, balbettai: “Sono archeologa, lavoro a Torino.”
“Non sapevo che ci fossero scavi anche in città.”
Confortata dalle opinioni di Clara sul sesso opposto, la mia lingua lunga partì prima di ricevere l’autorizzazione del cervello. “Presso l’Università di Torino” sottolineai piccata, “In realtà, giro un po’ per tutto il Mediterraneo, terroristi e guerre permettendo.” Ovviamente sorvolai sul fatto di essere stata quasi costretta dal mio capo a prendermi una vacanza. 
Lui si abbassò un po’, facendomi sentire piccolina rispetto alla sua considerevole altezza.
“Stavo scherzando” mi sussurrò, un guizzo divertito negli occhi. In quel momento chiesi a una qualsiasi divinità infera di aprire una voragine e di inghiottirmi all’istante, ma non ci fu nessun dio pagano che si prese la briga di ascoltarmi per cui dovetti indossare un sorriso di circostanza e allontanarmi con noncuranza dalla mia gaffe.
 “Forse è meglio accelerare il passo” suggerii quasi correndo verso la nave. Il freddo era pungente nonostante il cielo limpido e cercai riparo nel bavero del giaccone scuro che mi aveva accompagnato diligente nella mia ultima missione a Trento. Cercai di richiamare alla mente i resti della casa del vetraio con quella miriade di schegge colorate disseminate sul pavimento in romanissimo cocciopesto non pensando agli strali gelati di quel vento malefico e soprattutto agli sguardi incuriositi di quell’esemplare statuario che camminava accanto a me.
In grazia a qualche dio benevolo, gli stridii dei gabbiani che volavano alti e il vocìo crescente dei turisti riempirono quei momenti di silenzio imbarazzante. Mi misi in fila e presi un bel respiro, ero in vacanza: non mi dovevo distrarre.
Ma quel profumo era sempre dietro di me a ricordarmi che le distrazioni a volte fanno bene.
Mi raddrizzai ancora di più e cercai di non pensare a nulla che non fosse la vacanza, le escursioni, il viaggio, il mare.
L’ingresso sul ponte principale della Diadema fu spettacolare. Altro che navi traghetto: qui tutto era  immenso e luminoso. Luci, luci ovunque, dosate con equilibrio su una tavolozza che virava dal rosso all’azzurro e al verde. Un albero di Natale, alto almeno un paio di metri troneggiava a pochi passi dalla zona dove un fotografo sorridente con tanto di cappellino rosso e pon pon bianco d’ordinanza scattava le foto di rito dell’imbarco.
Feci pochi, timidi passi e intravidi lo scalone centrale il cui corrimano era un tripudio di nastri rossi e rami verdi di pino. Ogni mio respiro era accompagnato dalla voce baritonale di Michael Buble. Ero davvero abbagliata. Mi sfuggì un ansito di stupore.
“E’ quasi disorientante, vero?” Senza pietà, la voce dell’Apollo mi fece tornare in me.
Sobbalzai al sentirla così vicina, mi voltai di scatto e lo vidi a pochi centimetri dal mio viso. Riuscii ad indovinare la scaglie oro in quegli incredibili occhi verdi. Quella sua vicinanza ebbe il potere di disorientarmi, sentii serrare un nodo in gola, nemmeno fosse stato quello di Gordio, tagliato da Alessandro Magno con una spada. In quel giovane uomo c’era qualcosa che mi faceva perdere il controllo della mia essenza più profonda. Era pericoloso, forse.
Sbattei le palpebre un paio di volte. No. Non dovevo farmi incantare in quel modo. Richiamai alla mente le immagini del mio ex fidanzato e un grumo di rabbia mi chiuse lo stomaco. Ecco un altro uomo che mi avrebbe costretto a scegliere, mi dissi facendo leva sul mio orgoglio. Meglio sola. Nessuna complicazione, di nessun tipo, ripetei nella mente. Cercai di mostrarmi disinvolta tirando le labbra in quello che, nelle mie migliori intenzioni, sarebbe dovuto essere un sorriso.
“Già, ma non è la prima volta che viaggio in nave” osservai, glissando sul fatto che le altre esperienze erano state su bagnarole rispetto alla meraviglia su cui mi ero appena imbarcata.
L’Apollo, cioè Andrea, finse di non cogliere il tono piccato della mia risposta e mi chiese a quale ponte si trovasse la mia cabina. A quel punto la dea Fortuna intervenne e fece sì che per la mia pace mentale fossimo assegnati a due ponti differenti, posizionati agli estremi opposti della nave. Avevo buone speranze di non incontrarlo più, conclusi, alzando una mano mentre le porte scorrevoli dell’ascensore si chiudevano. La sua ultima azione fu il gesto cavalleresco di lasciarmi l’unico posto libero su uno dei numerosi ascensori a vetri e la sua mano che stava passando nei capelli corti.
Il suo sorriso devastante fu l’unico ricordo che decisi di portare con me. Avrei fatto di tutto per non rivederlo, decisi.
Allungai il collo per ammirare un simpatico Babbo Natale che stava facendo il suo ingresso, ormai sotto di noi, al centro della pista da ballo in tek del ponte centrale.

Devo ammettere che fu un’esperienza indimenticabile, il mare, il vento, il profumo della salsedine e la pace profonda della navigazione mi diedero l’impressione di essere rinata. Ogni giorno riuscivo a scovare un angolo diverso dove rintanarmi dopo le escursioni che avevo deciso di effettuare.
Una volta la sdraio accanto alla colonna colorata di giallo della piscina su cui si spandevano benevoli raggi di sole filtrati da una copertura mobile di vetro trasparente; un’altra volta la poppa della nave a fianco di uno dei numerosi alberi di Natale dai tradizionali colori vivaci. Quei momenti in cui mi immergevo in un romanzo piuttosto che in un saggio di archeologia mi permettevano di viaggiare con la mente. Un viaggio nel viaggio, avvolta da un’atmosfera unica come quella delle feste di fine anno e benedetta da un mare quasi sempre calmo e un cielo limpido. Il mio desiderio di bambina si era avverato, dopo tutto.
Ad essere sinceri, qualche volta mi sembrò di intravedere l’Apollo ma preferii osservarlo da lontano. Gustavo la mia libertà ed era tutto ciò che desideravo in quel momento.
La notte di Natale fu spettacolare: in un tripudio di luci e colori, passai dal teatro ad una delle sale da ballo, osservando i visi felici e rilassati di chi viaggiava con me e condivideva la mia stessa esperienza. Anche le trite e ritrite musiche natalizie che a casa faticavo a sopportare dopo averle sentite qualche volta, qui erano la cornice ideale a rami di vischio, nastri rossi e orpelli vari che decoravano ogni angolo della nave. Quella vacanza era stata necessaria. Tra me e me, ammisi che Cicciobello aveva avuto una bella idea. Il fatto che viaggiassi da sola mi permetteva di essere del tutto indipendente e libera da ogni vincolo. Scoprii una volta di più che non mi pesava affatto, anzi: era un motivo di soddisfazione.

L’ultima sera trovai il giornale di bordo con le indicazioni per lo sbarco dell’indomani. La certezza di dovermene andare mi colpì come una frustata. Senza accorgermene, all’idea di lasciare quel bel mondo associai l’immagine dell’Apollo dagli occhi verdi incontrato poco prima dell’imbarco. Il cervello mi diceva di non pensarci più, ma, come al solito il cuore e lo stomaco facevano le bizze. Non erano d’accordo, loro. Alla fine decisi di tacciarli, occupandomi d’altro.
Pur non amando la vita mondana, gli abiti lunghi e i tacchi a spillo, avevo deciso di fare uno strappo alla regola per la sera della cena con il capitano. Mi vestii con l’unico abito elegante che mi ero portata, lungo e scollato, di uno splendente grigio con inserti rossi che ben si addiceva alla mia carnagione e ai miei colori così… mediterranei. Mi sfuggì un sorriso al pensiero di quella volta in Marocco dalle parti di Volubilis, quando una guida del posto aveva chiesto a Marco, il mio collega, a quale tribù appartenessi.
Raccolsi i miei capelli ricci lasciando libera solo qualche ciocca ribelle. Non potevo essere davvero perfetta, non era la mia natura. Calzai un paio di sandali argento, esageratamente alti per i miei gusti, ma ormai non avevo scelta. Feci un respiro e uscii. Mi aspettava una bellissima ultima serata, mi dissi, mentre mi avviavo verso il salone centrale di uno dei ponti più in alto. Mi affacciai per un istante dalla vetrata, il velluto nero del mare rifletteva le luci della nave, ammantata dal buio freddo della notte. Una falce di luna splendeva discreta e silenziosa in angolo. Credo che fu il momento più bello della mia vacanza. Lo struggimento della partenza imminente che non è ancora divenuto realtà, il piacere e la consapevolezza di avere vissuto momenti sereni, comprendendo che quello era il posto in cui avrei voluto essere in quel momento. Mi strinsi nello scialle nero e un lieve sorriso agitò le mie labbra, avevo già capito tutto a 9 anni, pensai.
Musica, un sottofondo delicato di voci, luci e penombre. La cena del capitano non poteva non essere che perfetta. Al tavolo dove ero stata assegnata c’era una coppia di anziani della zona di Milano che avevano deciso di regalarsi una vacanza. Avevamo fatto subito amicizia. La signora Nilde ricordava mia nonna, capelli bianchi e spirito pratico. Lui, Liborio, burbero per dovere ma con un cuore grande quanto la nave su cui viaggiavamo.
“Allora, cara,” mi chiese la signora,”ti è piaciuta la vacanza?” La mano solcata da sottili vene azzurrine a toccare con noncuranza il raffinato centrotavola con candela rossa e verdissimi rami di pino.
Alzai un sopracciglio, sapevo che prima o poi qualcuno mi avrebbe costretta a fare un esame di coscienza. Tanto valeva farlo adesso e non pensarci più.
“Direi di sì. E’ stata una navigazione tranquilla. Forse il mio capo aveva ragione quando mi ha consigliato di staccare la spina e fare una crociera.”
“Senta, so che non dovrei essere così curiosa, ma me lo chiedo da quando si è seduta davanti a noi con quello splendido sorriso...” Un’occhiataccia del marito mi fece intuire dove volesse andare a parare. “Non ha trovato nessuno con cui condividere questo periodo di svago?...” Intercettò lo sguardo di Liborio e corresse il tiro. “Un’amica, un parente...”
Prima che me ne rendessi conto le mie labbra si erano già allargate in un sorriso sincero. Quella donna mi faceva davvero sentire a casa. Posai il tovagliolo in grembo più per abitudine che per prendere tempo.
“Ho scelto di viaggiare da sola per avere un po’ di spazio per me. Ho molte amicizie e anche un buon numero di parenti simpatici ma avevo davvero bisogno di solitudine e ho capito di avere fatto la scelta giusta quando vi ho conosciuti. Se avessi avuto compagnia come avrei potuto apprezzare le persone che hanno viaggiato con me?”
Liborio intervenne con i suoi baffoni grigi che si muovevano ad ogni respiro, “Ogni persona che passa nella nostra vita è unica. Si lascia un po’ di sè e si porta via un po’ di noi...”
“C’è chi si sarà portato via molto ma non ci sarai mai chi non avrà lasciato nulla.” conclusi. “Borges è uno dei miei scrittori preferiti.”
Mentre il cameriere portava il piatto degli antipasti Liborio guardò la moglie con un sorriso affettuoso, “... E questa è la prova evidente che due anime non si incontrano per caso.”

Il vento era freddo e salato. Il mare, divinamente calmo, faceva bene alla mia anima. Dopo cena ero uscita all’aperto, volevo prendere un po’ d’aria. Avevo trovato un angolo tra una panca di legno e una rientranza della parete, abbastanza protetto per poter resistere qualche minuto con l’unico riparo dello scialle e del cappotto sopra l’abito di gala. Stare da sola mi aveva fatto bene. Mi sentivo rigenerata, desiderosa di affrontare nuove sfide. Il buio del cielo, mischiato con quello liquido del mare, mi comunicava una grande pace. Pensai che avrei voluto farne parte, in quel momento.
Chiusi gli occhi e respirai a fondo il profumo della salsedine. D’un tratto, mi sentii avvolta da un aroma familiare, qualcosa che avevo già sentito e che mi suggeriva sensazioni contrastanti in fondo all’anima. Aprii gli occhi nell’esatto momento in cui quella voce prese a parlare con un tono basso e gradevole.
“Anche a me non piace molto la confusione. Il dio del mare deve essere onorato con il rispetto e il silenzio.”
Mi voltai di scatto, ma cozzai contro un muro di solidi muscoli. Alzai lo sguardo e, nella penombra degli eleganti lampioni che chiazzavano di luce calda il ponte, riconobbi subito il bel ragazzo dagli occhi verdi con cui mi ero scontrata una settimana prima. In nessun modo volevo dimostrare la mia sorpresa, cercai di sembrare disinvolta. Mi spostai un po’ a destra nella speranza di mettere tra me e quell’esemplare di maschio un refolo d’aria. Ma incontrai un tronco che finiva con la sua mano appoggiata alla ringhiera del parapetto.
Spazientita, decisi che forse con le parole avrei ottenuto qualche cosa, “Ma... dove eri finito? Credevo che qualche tritone ti avesse divorato.” Rabbrividii, non so se per il freddo o per il suo sguardo così cupo. Gli occhi di un verde così profondo da temere di vederne il fondo. Eppure una parte di me era curiosa di sapere cosa ci fosse nell’anima di quello splendido sconosciuto.
Nella penombra vidi brillare una chiostra di denti bianchi, chissà perchè mi ricordarono il lupo di quella famosa foresta germanica. Il sorriso fu accompagnato da un suono basso e prolungato, più simile ad un ringhio che ad una specie di risata.
Scoprii che mi divertivo a prenderlo in giro. “No. Aspetta: forse il tritone ti ha mangiato solo la lingua. Sono esseri terribili, metà pesce e metà umani, tutti coperti di verde. In realtà è una divinità di origine fenicia...”
Qualcosa di morbido atterrò sulle mie labbra, simile ad un petalo di rosa che si appoggia sull’erba. Il mio cuore si rifiutò di ascoltare il cervello, obbligando il mio corpo a rimanere immobile. Forse era davvero quello che volevo. Fu un bacio tenero, come se lui aspettasse una risposta da me. Lo apprezzai molto. Che sapesse leggermi nel pensiero?
Si ritrasse appena, lo spazio di un respiro. Più che vederli, sentii i suoi occhi su di me, una carezza per la mente prima che per il corpo.
Mi appoggiai alla balaustra, il freddo del metallo mi restituì un minimo di lucidità. Riuscii a guardarlo in modo interrogativo.
Lui alzò le spalle larghe, fasciate da una giacca nera dal taglio perfetto: “Era l’unico modo per farti tacere.” Si avvicinò di nuovo, “Ora ascolta: ti ho osservato per tutta la crociera. Lo sbarco a Marsiglia, quando hai fatto compagnia a quella donna con il bambino piccolo e avete vagato per le bancarelle del Vieux-Port.”
“Conosco bene Marsiglia, so quanto sia suggestiva nel periodo natalizio. Perché negarle il piacere di un pomeriggio sereno? Il marito aveva deciso di non sbarcare… cosa si è perso”, sbuffai.
“Oppure a Palma quando sei riuscita a contraddire la guida a proposito della cattedrale di Santa Maria.”
“Non ha detto che sotto l’impianto arabo probabilmente c’è un tempio romano. E poi le ho parlato in spagnolo, in modo educato. I fedeli in preghiera davanti quel monumentale presepe non si sono accorti di nulla.”
“E quando siamo arrivati a Cagliari? Hai passato tre quarti della giornata tra l’anfiteatro e la villa di Tigellio, mentre la guida scortava tutti gli altri nel centro storico con quell’enorme albero di Natale in Piazza Costituzione.”
“L’attribuzione della villa a Tigellio Ermogene è errata. Non sono mai stata a Cagliari, quale occasione migliore per colmare una lacuna sullo stato dei lavori di scavo in città? Lo shopping non mi interessa.” Sentenziai.
“Alla Valletta hai cominciato a sproloquiare sui dipinti di Michelangelo nell’oratorio della Cattedrale.”
“E’ la Concattedrale, ad essere precisi.”
“Nel Pantheon nonostante alberi, presepi e musica in tema natalizio, sembravi in adorazione di qualcuno visibile solo a te, forse ti era apparso Giulio Cesare in persona?”
“Magari fosse stato così” sospirai.
Inutile, non volevo dargliela vinta. Presi un respiro e attesi la critica successiva. Era una specie di battaglia e a me le sfide sono sempre piaciute.
Scosse la testa, sorridendo. “Sei unica” mormorò forse a se stesso. Ne approfittai per prendere in mano la situazione.
“Deduco di essere stata seguita, ti posso denunciare per stalking.”
“Il bacio è piaciuto anche a te e non lo puoi negare” aggiunse con una punta di sfida negli occhi, evitando volutamente la mia minaccia.
Ringhiai di rabbia. Come poteva leggermi dentro in questo modo?
“Giulia, non hai ancora capito che volevo conoscerti davvero? I tuoi capelli ricci, i tuoi occhi scuri, l’eleganza innata che possiedi mi hanno colpito, è vero...”
“Quasi quanto la capocciata...”, lo interruppi, ma confesso che in quel momento maledii la mia lingua indomabile.
“Ma quello che ho visto in questi giorni è l’anima di una giovane donna gentile, altruista e caparbia.” concluse, come se non lo avessi mai interrotto.
Sospirai incrociando le braccia, il cappotto si aprì facendo intravedere la pelle nuda della scollatura e la stoffa tesa dell’abito, Andrea non fece nulla per nascondere il suo sguardo sul mio corpo.
“Tu non sai nulla di me e io non so nulla di te. Ti ho intravisto una settimana fa.” Ripartii alla carica, non mollare. Mai.
“Sono un cardiochirurgo e lavoro all’ospedale di Pavia. Salvo le vite delle persone. E’ la mia gioia più grande pensare di offrire un’altra possibilità a chi arriva senza speranza. Soprattutto se sono bambini.”
Per poco non mi cadde la mascella. La mia rabbia era scomparsa, soffiata via dal vento impetuoso delle sue ultime parole. Anche l’ultimo baluardo di buon senso o, forse, di ostinazione era stato abbattuto da quel giovane uomo con disarmante facilità.
Mi ritrovai a parlare ascoltando le parole che uscivano dalla mia bocca, quasi senza rendermene conto.
“Il mio amore per l’antichità è simile al tuo, anche io faccio rivivere ciò che sembra muto per sempre.” Avrei voluto almeno usare un tono inquisitorio e minaccioso, e invece suonarono come una resa. 
Ancora una volta mi diedi della stupida. Non volevo cedere a quello che il cuore andava dicendomi da quando l’avevo incontrato una settimana prima.
Non dovevo fidarmi: “Chi mi dice che sei davvero ciò che dici di essere?” chiesi, sperando in una sua esitazione.
Lui armeggiò con il telefono che aveva estratto da una tasca degli eleganti pantaloni scuri dello smoking. Mi parò davanti una schermata con il suo nome, cognome, titoli di studio, master, iscrizione all’albo dei medici di Milano, specializzazione in cardiochirurgia e impiego al San Matteo di Pavia. La luce azzurrata dello smartphone squarciò il buio intorno a noi come fosse un colpo di spada.
Un sorriso divertito si dipinse sulle sue labbra espressive.
“Scusami...” cercai di giustificarmi. “Ma come potevo davvero essere certa delle tue parole? Sei uno sconosciuto...”
Lui si avvicinò, “Non più. Da quando ti ho visto lasciare il trolley facendo voltare tutti i presenti, ho capito che eri speciale. Ti ho anche liberato della presenza di quel tipo invadente a Cagliari.”
Mi misi una mano gelata sulla bocca, “Eri tu allora che lo hai fatto sparire dietro a quel vicolo...”
“E alla Valletta ho fermato la guardia della cattedrale, con una scusa” – aggiunse, sollevando una mano dal palmo quadrato – “prima che venisse a buttarti fuori.”
Alzai lo sguardo timorosa, l’unica cosa positiva in quel momento era la penombra che nascondeva il mio rossore sulle guance. Stavo cedendo come le mura di Costantinopoli sotto il tiro dei cannoni turchi. Da qualche parte, una voce mi suggerì che era proprio quello che volevo.
“C’è dell’altro?” chiesi, cercando di concentrarmi sul suo volto. Inutile, nella penombra era ancora più affascinante.
“Nel Pantheon eri bellissima, ti ho immaginata con indosso una tunica e una stola e, secondo me, eri davvero a colloquio con Giulio Cesare.”
Sorrisi per davvero questa volta.
Ma non potei fare a meno di puntualizzare: “O tutto o niente.” Dissi seria. “Scavare è la mia vita.”
“Lo so”, la sua presenza, ancora più vicina. Ormai il suo alito alla cannella mi sfiorava le guance. “A me non piace molto la confusione, preferisco la tranquillità della suite per la cena. Invece nonna Nilde e nonno Liborio sostengono che cenare al ristorante permetta di fare incontri interessanti. Forse questa volta avevano ragione loro.”
Un singulto di sorpresa, coperto forse dall’infrangersi delle onde sullo scafo della nave,  mi salì dalla gola. Il cuore mi martellava in petto, mi sentivo accerchiata dal Fato. Ma era una sensazione positiva.
Lui proseguì, “Mi hanno raccontato di avere avuto al loro tavolo una ragazza speciale, un’archeologa dal sorriso affascinante e dai capelli ricci e indomabili. E no. Non farei mai nulla che potesse farti soffrire.”
Lo confesso: mi gettai tra le sue braccia e mi persi in quegli occhi verdi foresta. Da qualche parte, ne ero certa, quel discolo di Cupido rideva insieme a suo zio, il dio del mare.

Fine


CHI E' L'AUTRICE...
Camilla Ferri è nata il primo marzo 1972. Abita da sempre in un piccolo paese della provincia di Novara, affacciato sulla pianura padana e ricco di storia. Forse questo è stato uno dei motivi che l’hanno spinta ad amare la Storia e a laurearsi in Lettere Classiche all’Università di Torino. Con il marito e la figlia viaggia spesso, soprattutto in Italia, alla ricerca di angoli nascosti da riscoprire, perché il desiderio di imparare è per lei fondamentale. Dopo una serie di impieghi differenti, insegna con grande soddisfazione in una scuola secondaria. A volte si lascia prendere dalla fantasia e scrive racconti e romanzi perlopiù ambientati nel mondo antico, gelosamente custoditi nel suo pc. Si diletta a fare editing per amore della scrittura e delle sue amiche.


****
VI E' PIACIUTO UN'ALTRA POSSIBILITA'? 
LASCIATE QUI SOTTO LE VOSTRE IMPRESSIONI E PARTECIPATE ALLA NOSTRA RASSEGNA COME COMMENTATRICI. 
A FINE RASSEGNA PREMIEREMO LE PIU' ASSIDUE.

GRAZIE A CHI METTERA' IL LINK A QUESTO RACCONTO NELLE SUE PAGINE SOCIAL. AIUTATECI A FAR CONOSCERE I NOSTRI RACCONTI A ALTRE LETTRICI.



CHRISTMAS IN LOVE VI TERRA' COMPAGNIA CON I SUOI DOLCISSIMI RACCONTI NATALIZI FINO AL 31 DICEMBRE. 
NON PERDETELI!



39 commenti:

  1. :D Profondo, Ironico, Invogliante a viaggiare, Divertente e Romantico :-* L' Autrice é stata DAVVERO BRAVVISSIMA : le auguro ogni bene ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri26/12/17, 23:22

      Grazie infinite e buone feste

      Elimina
  2. Il racconto è molto intrigante e avvincente, mentre i personaggi sono molto realistici. La novella è ben scritta e la trama è scorrevole. I riferimenti alla mitologia classica sono stati un'ottima idea: i rimandi al mondo greco e romano sono quelli che mi hanno affascinato di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri26/12/17, 23:24

      Grazie mille?



      Elimina
  3. Leggendo questo racconto mi sono immedesimata nella protagonista. Un viaggio che avrei voluto fare da ragazza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri26/12/17, 23:25

      Sono felice di averti fatto viaggiare almeno con la fantasia. Buone feste

      Elimina
    2. Camilla Ferri26/12/17, 23:28

      Sono contenta che ti sia piaciuto. Buone vacanze

      Elimina
  4. Bellissimo racconto .. vorrei essere al posto del protagonista .
    Complimenti all'autrice che per un attimo mi ha fatto sognare .. un emozione veramente unica
    Un bel regalo di Natale grazie Camilla spero di leggerti ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri26/12/17, 23:29

      Grazie mille e buone feste

      Elimina
  5. Francesca Ferazza24/12/17, 16:55

    Racconto scorrevole e avvincente, ricco di riferimenti alle passioni dell' autrice, che ho la fortuna di conoscere personalmente: la storia antica e i viaggi per terra e per mare. Attraverso questo scritto, Camilla ci mostra uno spaccato della sua personalità colta, sensibile, romantica e ammantata da un pizzico di mistero...Buon cammino nell'affascinante mondo della scrittura creativa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri26/12/17, 23:31

      Ti sono grata per le belle parole e per il tuo sincero augurio

      Elimina
  6. Gran bell'esordio per questa autrice colta, sensibile e raffinata. Un incontro insolito e stuzzicante con un uomo molto interessante. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri26/12/17, 23:32

      Grazie mille!

      Elimina
  7. Affascinanti gli elementi storici che intersecano elegantemente il racconto come un ricamo sulla seta cangiante delle parole di Camilla,musicali e immaginifiche. Ottimo lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri26/12/17, 23:47

      Grazie mille, Gabriella e buone feste

      Elimina
  8. Bellissimo racconto! Mi è venuta voglia di una crociera. :) Meravigliosi i riferimenti storici e le descrizioni. Giulia è un personaggio che è impossible non amare!

    Nora June

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri26/12/17, 23:33

      Grazie infinite!

      Elimina
  9. Lungi da me criticare i pareri altrui, ma trovo veramente eccessivo definire i personaggi ralistici.Una giovane archeologa che per le vacanze di Natale sceglie di partire da sola per una crociera dove incontra un aitante cardiochirurgo single in vacanza con i nonni a me sembra fantascientifico! Il racconto è un po' contorto, zero dialoghi, troppe spiegazioni, citazioni mitologiche sparse un po' a caso. È solo il mio parere ma pur trovando lo spunto per la storia carino, non ho apprezzato il modo in cui la brevità del racconto è stata gestita dall'autrice :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri26/12/17, 23:35

      Mi spiace che il mio racconto non ti sia piaciuto. Magari il prossimo ti piacerà. Buone feste a te

      Elimina
  10. Racconto appassionante letto tutto d'un fiato! Come al solito le citazioni e i riferimenti storici lo rendono prezioso, pur mantenendo il suo carattere volutamente leggero e romantico. Brava Camilla!

    RispondiElimina
  11. Bellissimo racconto che rivela la sensibilità e la profonda cultura classica della sua autrice. Una favola moderna che rieccheggia i miti antichi. Complimenti.

    RispondiElimina
  12. Mi è piaciuto molto !!! Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri26/12/17, 23:36

      Grazie infinite, Marina e buone vacanze

      Elimina
  13. Racconto interessante.
    Ai personaggi non manca certo l'autostima, caratteristica che ho incontrato in molte persone reali, ma più difficile da attribuire ai protagonisti che di solito vivono conflitti interiori importanti. Per questo apprezzo la capacità e il coraggio di rappresentare caratteri diversi.
    I riferimenti storici mi sono piaciuti, anche se a mio parere sono troppi in un racconto breve, racconto che vedrei molto bene come spunto per un romanzo o una serie di romanzi, dove le nozioni archeologiche potrebbero essere sviluppate e diventare parte di un'avventura, e perché no, di nuove scoperte. Camilla Ferri promette bene e grazie alle sue conoscenze può scrivere grandi cose. Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri29/12/17, 13:06

      Grazie infinte! Chissà che non metta in pratica i tuoi suggerimenti. Buone feste!

      Elimina
  14. Grazie per aver condiviso la parte ancora nascosta. Ben scritto ed ambientato. Giulia mi è molto simpatica e vorrei saper vivere la solitudine e l'indipendenza con lo stesso spirito. Spero che ci sia un seguito....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri29/12/17, 13:07

      Grazie infinite! Un abbraccio

      Elimina
  15. Il racconto è scorrevole, ben scritto e di piacevole lettura:una pausa ideale nello stress della vita quotidiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri29/12/17, 13:09

      E' proprio lo spirito con cui l'ho pensato e l'ho scritto. Grazie

      Elimina
  16. Mi sono piaciute le similitudini storiche e i vari riferimenti, ma secondo me sono un po' troppe. Ci sono più riferimenti mitologici/storici/ecc.. che non scambi di battute con il lui di turno. Manca qualcosa, secondo me, però il potenziale c'è tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri29/12/17, 13:10

      Grazie per il tuo commento. Lo so... devo ancora migliorare

      Elimina
  17. Anna Lisa Cacioppo30/12/17, 11:13

    Complimenti...il racconto mi è piaciuto molto e l'ho letto tutto d'un fiato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri05/01/18, 15:19

      Grazie Annalisa

      Elimina
  18. Mi è piaciuta l'ambientazione e in generale il racconto. La protagonista è molto indipendente e decisa a starsene per conto suo, perciò, in un racconto così breve, le interazioni con il suo lui sono state poche.
    Mi sono piaciute le brevi informazioni sui luoghi visitati e i riferimenti alla storia. Trovo anch'io che questo racconto sia solo una stuzzicante anticipazione di una storia che ha bisogno di un più ampio respiro.
    Buon proseguimento,
    E.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Camilla Ferri05/01/18, 15:18

      Grazie infinite

      Elimina
  19. racconto molto carino ricco di rimandi al mondo antico adattissimo per il periodo delle feste dove ognuno puo' viaggiare se non con il corpo almeno con la fantasia.brava Camilla Ferri.Elisabetta

    RispondiElimina
  20. Camilla Ferri11/01/18, 16:02

    Grazie mille, Elisabetta

    RispondiElimina
  21. Grazie per questa crociera. Nel racconto ho trovato citazioni che mi hanno fatto rivivere momenti magici lontani nel tempo. A parte ricordi e nostalgie, il racconto avrebbe meritato più spazio ma va bene anche così. Ciao!

    RispondiElimina
  22. racconto molto dettagliato dal punto di vista storico,
    cosa che ho apprezzato molto. i protagonisti però non li ho capiti molto, questa indifferenza durante la crociera non mi è piaciuta, avrei preferito che in qualche modo ci fosse stata un po' più di interazione, perchè altrimenti come fanno in lei a emergere i sentimenti nei confronti di lui? una cosa che non capisco è perchè è così importante per lei che lui si una cardichirurgo e solo dopo che l'ha scoperto gli ha dato una possibilità!! il finale mi è piaciuto molto!

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!