CHRISTMAS IN LOVE 2011 : UN REGALO BELLISSIMO di Patrizia Ferrando


“Il regalo più bello? La tua felicità!”.  Marta leggeva e rileggeva il volantino su cui troneggiava un ammiccante Cupido con berretto natalizio; avrebbe potuto sottoscrivere le prime righe sotto lo slogan: quando le feste di fine anno si avvicinano, la solitudine pesa di più, ed è triste non avere accanto qualcuno per condividere allegria,vacanze, brindisi, coccole….ma su quella carta patinata, si proponeva anche una soluzione, apparentemente facile. Si allineavano annunci di uomini e donne in cerca dell’anima gemella, invitando a rivolgersi ad un’agenzia matrimoniale. “Saremo il tuo portafortuna!” stava scritto in fondo, accanto ad un altro Cupido, stavolta alla guida di una slitta carica di cuori. Marta gettò il foglietto nella borsa, chiedendosi perché non si fosse ancora decisa a buttarlo via.
La giornata in ufficio si presentava più tetra del consueto, e non solo a causa del cielo grigio e degli alberi ormai nudi fuori dalla finestra, sul viale spoglio della cittadina che le luminarie non rallegravano. Il centro pubblico dove Marta lavorava si occupava di “servizi alla persona”: suo compito era coordinare assistenza e supporto ad anziani, disabili, famiglie disagiate sparse nei paesini dell’entroterra. Se a volte si era sentita orgogliosa di riuscire a migliorare, almeno in piccoli aspetti , l’esistenza di persone in difficoltà , in altri momenti -come quel mattino- a prendere il sopravvento erano lo sconforto per tanto dolore e la desolazione di fronte al cinismo e all’indifferenza di troppi.
Il bar dove si recò nella pausa era già addobbato: i calendari dell’Avvento le ricordavano il senso di gioiosa attesa provato da bambina, un orso di peluche esclamò “Merry Christmas!” mentre le consegnavano lo scontrino, i dolci e i pupazzi parlavano di una convivialità, di un mondo famigliare che temeva non le sarebbero appartenuti più…da quanto tempo non c’era nessuno accanto a lei? Sarebbe stata capace d’innamorarsi ancora? Chiederselo ed estrarre dalle borsetta la pubblicità dell’agenzia matrimoniale fu un solo istante. In strada, Marta afferrò telefonino e coraggio e compose il numero: dovette, mentre ascoltava gli squilli, scacciare l’immagine di Federico, e del giorno in cui, non vista, lo aveva sentito ridere e spiegare a due suoi amici che mai e poi mai avrebbe perso tempo…con una come lei. Poi, una voce melliflua rispose, e nel giro di un paio di minuti le fissò un appuntamento per due giorni dopo.
L’agenzia si trovava nel capoluogo di provincia, a circa mezzora di treno: questo significava recarsi in ufficio col cappottino verde e l’abito stampato scelti per l’occasione, portare le scarpe col tacco per sostituire le ballerine, più adatte per la corsa verso il binario, col carico di una borsa piena di bozze per una relazione e del crescente batticuore per una scelta così repentina.
Comunque, organizzata come sempre, Marta giunse davanti al condominio liberty in pieno centro con un minimo d’anticipo. Qui, l’atmosfera del Natale aleggiava raffinata e frizzante; passavano signore con shopper colorate da cui occhieggiavano pacchetti curati, le vetrine luccicavano di cristalli e ricami sugli abiti da sera, e una cartoleria esponeva splendidi cartoncini d’auguri d’ispirazione vittoriana. La ragazza, ferma sul marciapiede,respirava profondamente, ripetendosi che non era difficile.
Ma, all’improvviso, sentì un forte colpo alla spalla e si ritrovò a terra, con le gambe in una ridicola e innaturale posizione, le carte del lavoro sparpagliate e una bella décolléte scagliata a distanza. “Signorina,mi scusi…si è fatta male?” La voce proveniva da circa un metro e novanta di altezza, ma davanti al naso di Marta c’erano solo delle eleganti scarpe stringate. “No, no” stava già borbottando, quando l’uomo in giacca e cravatta che le era letteralmente piombato addosso si chinò. Respinse il braccio con cui la sosteneva, ma non poté non notare il profumo. “Lasci che l’aiuti…” disse lui, iniziando a raccogliere i fogli usciti dalla borsa, e ignorando la maniera un po’ goffa con cui la giovane donna fissava la smagliatura che le attraversava la calza, tentando d’infilarsi con finta disinvoltura la scarpa perduta.
Gli strappò  quasi di mano gli incartamenti, senza farlo finire di domandare “Posso fare qualcosa per lei…? Almeno offrirle un caff…” “Grazie, sto bene e voglio solo andarmene” concluse scuotendo i riccioli biondi, scompigliati nel trambusto, e lanciando all’uomo dal bel viso deciso un rapidissimo sguardo verde…tanto veloce da non far capire che quegli occhi profondi andavano gonfiandosi di lacrime di frustrazione. Si defilò in una via laterale, lasciando l’affascinante investitore con la mano inutilmente tesa e un’altra frase mozza sulle labbra: “Mi perd…”. Seduta in una chiesa, Marta pianse di rabbia e solitudine, sopraffatta dalla malinconia e dalle melodie diffuse dall’organo nella navata deserta , per la prova di un concerto. Telefonando poi all’agenzia, accennò ad un contrattempo-poco importava che fosse troppo abbattuta o troppo in disordine per presentarsi- e accettò passivamente un nuovo appuntamento, per l’indomani, nonostante fosse dubbiosa sul’opportunità di ritentare l’impresa. Eppure desistere le sembrò più spiacevole che riprovare: così, il giorno dopo, pressappoco alla stessa ora, si apprestava a spingere la lucida maniglia d’ottone per entrare nell’atrio del condominio. Una voce maschile la fece trasalire. “Buongiorno!” “Di nuovo lei…?”sibilò Marta, pentendosi subito del suo tono seccato. “Io qui ci lavoro, e sono andato a bere quel caffè che non mi ha concesso di offrirle…” commentò lui stringendosi nelle spalle” e comunque…potrei dire lo stesso di lei” rise infine. “Mi scusi…è vero…io sono qui per…per…”. Marta scorse freneticamente le targhe a lato del portone: Notaio Banti…Dr. Nicoli- Geriatra…Eyes investigazioni…Studio pediatrico La luna crescente…Studio legale associato…ecco: Studio dentistico Ferrari Rosi. “Per andare dal dentista!” esclamò, pregando in cuor suo che il cognome del suo interlocutore non fosse né Ferrari né Rosi. “Mi consentirà almeno di scortarla in ascensore,scende un piano prima di me” ammiccò lui, cedendole il passo mentre teneva aperto il battente. Ci fu un breve scambio di presentazioni davanti all’albero decorato dalla portinaia: “Edoardo De Nittis”  “Marta Garberi”. Nell’ascendere quattro piani, Edoardo osservò la  grazia di quella donna così chiusa, che non faceva che toccarsi i capelli…e il rapido alzarsi e abbassarsi del seno…pensando che, con ogni probabilità, era terrorizzata dal trapano.  “Fa bene a mettere in buone mani il suo sorriso…è così bello…” concluse mentre lei scendeva: ottenne in cambio un ringraziamento sussurrato, e un cenno di saluto, scorto attraverso grata di ferro e cristalli, mentre il datato ascensore ripartiva. Circospetta, Marta scese due rampe di scale. Nel frattempo, il Dottor De Nittis vide che le era caduto un orecchino nella cabina…ma due gemelli con impeccabili cuffiette blu, vezzeggiati da una mamma fiera di aver già riacquisito la sua taglia 42, attendevano per il vaccino: in fondo, ragionò,  se Marta era una paziente di suo zio, non sarebbe stato così difficile restituirglielo, e magari… rivederla.
Nel salotto color pesca dell’agenzia matrimoniale, la funzionaria non nascose l’espressione delusa: aveva capito che quella cliente tergiversava, ma credeva che si sarebbe convinta ad iscriversi, ad approfittare dell’opzione per “incontrare da subito il futuro”…e invece no, se ne era fuggita dopo la consegna della nota informativa. Tre ore dopo, a sollevare il sopracciglio fu il pediatra, davanti a suo zio che laconicamente comunicava “Non conosco nessuna Marta Garberi…e oggi niente bionde, carine e nervose…solo nervose, casomai!”. E adesso? Un nome, un orecchino…e che altro? Lo scontro involontario del giorno prima, i fogli dappertutto: Edoardo ricordò nitidamente un logo ed una sigla. Ma dove gli aveva già visti? Continuò a chiederselo a casa, fino a che non rivolse attenzione alla possibilità di una ricerca in internet: digitò nome, cognome e la sigla che rammentava. Comparve un sito che includeva un organigramma, e tra le foto c’era un gruppo di ragazzini di ogni etnia, ad un centro estivo: in mezzo, vestita con minore cura, ma riconoscibilissima dal sorriso dolce, stava Marta.
I preparativi per la festa dei bambini, da organizzare per la Vigilia con fondi perfino più limitati rispetto agli anni precedenti, assorbirono buona parte della giornata, una di quelle in cui Marta si tratteneva in ufficio più a lungo. Mancava poco più di una settimana a Natale, e c’era ancora tanto a cui pensare! Imbruniva, quando Barbara, una delle stagiste, arrivò con un sorrisetto malizioso: “C’è un pediatra…che chiede di te…gran bel tipo, però” “Un pediatra?” chiese Marta senza alzare la testa dai preventivi dell’ingrosso di giocattoli. “L’ho fatto accomodare nello studio della direttrice!” “Addirittura? E come si chiama?” “Non me lo ricordo, scusa…lo ha detto, però io poi gli ho chiesto se era un medico, sai, per la borsa, se si occupava del progetto di prevenzione della cataratta e…l’ho dimenticato…” ridacchiò.
Edoardo, attraverso la porta aperta, osservava le poche persone ancora in anticamera. Notò gli stivali di gomma inadatti al freddo portati da un bimbo, e la brutta tosse di una donna dal volto arrossato. Poi comparve Marta, e lui poté godersi lo stupito spalancarsi di quegli occhi.
“Volevo dirti che il fratello di mia madre è un ottimo dentista, se deciderai di consultarlo, che se vi occorrono pediatri, ci siamo io e mia sorella, restituirti questo…e rapirti, perché non ammetto si rifiuti un mio invito a cena” Lei si morse il labbro: “Ecco, io , non sapevo…grazie per l’orecchino, ma..” “Niente, non mi interessa niente…se non portarti via da qui…”.
Nel pomeriggio del 22 dicembre iniziò a nevicare; Marta però, col braccio di Edoardo che le circondava le spalle, non sentiva freddo. La pista sul ghiaccio sembrava bellissima, gli zampognari simpatici, la cioccolata calda più profumata e dolce. Squillò il cellulare: dall’altra parte c’era l’ormai riconoscibile voce flautata: “Signorina Garberi? Ci siamo viste in agenzia,volevo sapere cosa ha deciso, sa, a fine anno la promozione scade!” “Posso risponderle che siete stati il mio portafortuna, e per questo vi ringrazio…” “Vuole dire…che si è fidanzata?” “Buon Natale!” la salutò Marta. Voleva concludere in fretta, anche perché era difficile parlare in maniera asettica mentre Edoardo le depositava piccoli baci tra orecchio e collo. Si voltò a guardarlo, accarezzandogli il viso: “Buon Natale, mio bellissimo regalo” soffiò sulle sue labbra morbide.



  




PATRIZIA FERRANDO E' NATA A GENOVA IL 16 SETTEMBRE 1974, E VIVE IN PROVINCIA DI ALESSANDRIA. GIORNALISTA PUBBLICISTA, SI OCCUPA ANCHE DI ORGANIZZAZIONE D’ EVENTI.
SCRIVE RACCONTI E BREVI MONOLOGHI, NON NECESSARIAMENTE ROMANCE MA SPESSO INCENTRATI SU FIGURE FEMMINILI. HA VINTO SVARIATI PREMI LETTERARI, TRA CUI IL “CASTELFIORENTINO” E IL “PREMIO ANMIL” PER STORIE SUL TEMA DEGLI INCIDENTI SUL LAVORO.  IN DUE DIVERSE EDIZIONI HA FATTO PARTE DELLA ROSA DEI FINALISTI DEL PREMIO ARTURO LORIA DI CARPI.
UN SUO RACCONTO, “QUALCOSA D’INTERESSANTE”, E' STATO PUBBLICATO SUL NUMERO 1 DI ROMANCE MAGAZINE. ATTUALMENTE LAVORA AD UNA RACCOLTA DI RACCONTI, STORICI E NON, ACCOMUNATI DALL’AMBIENTAZIONE IN ANTICHE DIMORE, E AD UN ROMANZO ISPIRATO ALLE VICENDE DELLA SUA FAMIGLIA TRA OTTOCENTO E NOVECENTO, MENTRE QUASI CONCLUSO è UN ROMANCE CONTEMPORANEO. 
TRA LE SUE PASSIONI, OLTRE A QUELLA DOMINANTE ED ONNIVORA PER LA LETTURA, CI SONO L’ANTIQUARIATO, I GATTI, LA STORIA DEL COSTUME E IL CINEMA.CONDUCE PRESENTAZIONI LETTERARIE, ALL’INSEGNA DEL DIALOGO INFORMALE, ED INCONTRI CON GLI AUTORI…AMA L’AUTUNNO, LE PORCELLANE INGLESI, LE SFUMATURE E I VECCHI DIARI.
 VISITA IL SUO SITO:

TI E' PIACIUTO UN REGALO BELLISSIMO? COSA NE PENSI? FRA TUTTE LE LETTRICI ISCRITTE AL BLOG CHE LASCERANNO UN COMMENTO SIGNIFICATIVO A QUESTO E AI SUCCESSIVI RACCONTI DELLA RASSEGNA CHRISTMAS IN LOVE 2011 VERRANNO ESTRATTI GIVEAWAYS A SOPRESA (LIBRI E GADGETS DEL BLOG). LASCIA IL TUO COMMENTO.

23 commenti:

  1. Che bel modo di iniziare la giornata: leggere due bei racconti.
    Un regalo bellissimo è un racconto delicato e carino: l'amore appare nel momento che meno te lo aspetti.

    RispondiElimina
  2. Bel racconto:D
    Molto dolce e raffinato..complimenti:D
    Juliet

    RispondiElimina
  3. Oooohhh. Le coincidenze! Come adoro questi finali!!!!
    Ti lasciano proprio un bel sorriso stampato in faccia e ti regalano una nota di serenità per la giornata.
    Complimenti!

    RispondiElimina
  4. Dolcissimo e romantico come si addice all'atmosfera pre-natalizia: un bel sogno che si avvera quando si accendono le luci dell'albero! Complimenti Patrizia!

    RispondiElimina
  5. Davvero un bel racconto, romantico e molto natalizio. Brava, Patrizia!

    RispondiElimina
  6. L'atmosfera natalizia si rispecchia in pieno in questo racconto. Complimenti Patrizia!

    RispondiElimina
  7. ciao pat... un racconto molto tenero, di quelli che ti fanno sperare... fabiola

    RispondiElimina
  8. molto dolce e determinato il personaggio di Marta ;-)

    RispondiElimina
  9. E brava Pat! Ottima traccia di un romance con tutte le carte in regola per farsi leggere tutto d'un fiato! Direi che sarà meglio che tu ti metta al lavoro per ampliarlo e farne un libro il prima possibile....Simo

    RispondiElimina
  10. L'amore all'improvviso e si accendono le luci attorno a Marta. Dolce e delicato. ANITA GAMBELLI

    RispondiElimina
  11. Semplice, dolce, romantico e molto ben scritto. Bellissimo racconto, brava Patrizia!
    Francesca M.

    RispondiElimina
  12. Grazie a tutte! In effetti volevo scrivere un racconto senza dubbio natalizio, con qualche pennellata di ottimismo e di bonaria magia delle coincidenze...sono davvero felice che vi sia piaciuto.

    Patrizia

    RispondiElimina
  13. Deliziosa atmosfera, bella trama per essere incentrata in un racconto così breve, estrosa creatività e magneticità romantica nelle descrizioni, per non far mancare neanche una meravigliosa umanità nell'esporre emozioni e sensazioni di vita....

    RispondiElimina
  14. La vita dovrebbe essere come questo racconto, colma di soprese natalizie anche quando non è Natale. Brava Patrizia. Auguri.
    Mariangela Camocardi

    RispondiElimina
  15. molto dolce, attualissimo per i temi sociali e con un finale che più romantico non esiste, insomma poter dire al mondo intero che qualcuno ci ama!
    cri

    RispondiElimina
  16. Un bel racconto che nella sua brevità risulta comunque completo e corredato da lieto fine (ce ne sono altri che ci abbandonano sul più bello :( sigh!).
    Mi piacciono le relazioni che iniziano con un incontro/scontro, le trovo romantiche e divertenti^^.

    RispondiElimina
  17. Veramente un racconto molto grazioso, che infonde serenità e fiducia nella vita e nelle sue tortuose coincidenze, in perfetto stile natalizio, benché abbia anche il merito di nn risultare né stucchevole né melenso e nn era facile, dato l'argomento. Una piccola favola moderna, un invito a vedere il bicchiere sempre pieno, un inno all'ottimismo che mi ha indotta a pensare a film come "La vita è meravigliosa", "Miracolo sulla 34° strada", "La leggenda del Re Pescatore", "Miracolo a Milano". Un sorriso che scalda il cuore.

    RispondiElimina
  18. Dolcissimo questo racconto, mi ha colpito molto la solitudine e la malinconia della protagonista. Molto bello
    Ciao Monica Rizzi

    RispondiElimina
  19. Non so come ringraziarvi per tante parole incoraggianti e gentili...davvero mi avete scaldato il cuore. A voi tutte, auguri per giorni sereni e per quanto di più bello desiderate!

    Patrizia

    RispondiElimina
  20. Cara Patrizia, ho letto il tuo racconto solo oggi e devo dire che mi ha commosso...una bella favola moderna, perfetta per questi magici giorni di festa...magari da rileggere sotto ad un abete illuminato a festa...buone feste anche a te, Monica

    RispondiElimina
  21. Oddio ero arciconvinta di aver già commentato :(
    Patrizia è bellissimo questo racconto. Mi piacciono le coincidenze fortuite POSITIVE, tanto quanto gli equivoci che durano un romanzo intero mi portano prurito!
    Bravissima!

    Libera

    RispondiElimina
  22. Trovo questo racconto scritto veramente bene. Le descrizioni così accurate mi hanno fatto entrare nelle varie scene. E la storia è adattissima, così romantica e natalizia.
    Che bello...

    RispondiElimina
  23. Libera e Lullibi...ho visto adesso i vostri commenti...e vi ringrazio!

    Patrizia

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!