CHRISTMAS IN LOVE 2011 : SEDUZIONE SOTTO L'ALBERO di Simona Liubicich

 

 
Londra, 24 dicembre 1810
L’uomo era chino sulla tastiera del pianoforte, le mani scorrevano abili senza spartito, gli occhi socchiusi. Componeva a caso e la musica si diffondeva gradevolmente nell’aria; all’esterno del palazzo, riparata dalle siepi di bosso, Ofelia lo osservava attraverso i vetri della finestra offuscati dalla bruma gelata. Un sontuoso abete natalizio dominava nel salotto, parato a festa con creazioni di vetro soffiato veneziano e nappe di seta colorate. I chiaroscuri, creati dal riflesso tremolante delle candele, conferivano al volto del conte quell’aria tenebrosa ed impenetrabile che lo contraddistingueva, il profilo aristocratico ed i capelli, un manto d’ossidiana che gli sfiorava le ampie spalle.
Coraggio Ofelia, si ordinò mentalmente, devi solo entrare e lui sarà costretto a dare soddisfazione a tuo padre, quando Margaret vi scoprirà… Non avrebbe mai sposato quel pingue omuncolo di Elliott Rothford; la sua faccia foruncolosa le rammentava un rospo di stagno e quelle mani umidicce…Dio, le inducevano la nausea. Come aveva potuto suo padre prometterla ad un essere a tal punto ripugnante? Lady Ofelia Lancaster, figlia del barone di Boyle, era innamorata da sempre del conte di Stafford anche se lui non l’aveva mai degnata di un solo sguardo; forse ella non era condiscendente come le “signore” che lui abitualmente frequentava, oltraggiando a ogni piè sospinto anche la santità del vincolo matrimoniale ma possedeva doti sottili come l’intelligenza, cosa assai rara nelle donne di quel tempo; era un’ottima interlocutrice ed aveva un fascino esotico, senza contare la sua dote, degna di una sovrana.
Si avvicinò  alla porta e tirò lo spesso cordone di seta del campanello, il cuore in gola mentre i primi fiocchi di neve iniziavano a scendere su Londra, ammantando tutto in una gelida e candida quiete. La porta si aprì; il maggiordomo, rigido nella livrea, la soppesò con aria altezzosa. Ofelia sollevò la falda della cuffietta da passeggio, rivelando i grandi occhi cobalto dei Lancaster.
“Milady, santo cielo, vogliate perdonarmi ma non vi avevo riconosciuto. Ma, giungete… sola?” Chiese, guardandosi attorno stupito.
“Sì Conrad, devo vedere il conte. Subito.” I favoriti dell’uomo tremarono,  sconcertato da cotanta richiesta; si fece da parte e con un inchino la fece accomodare. Ofelia non esitò; il gelo era attanagliante e nella carrozza zia Margareth, sua complice, attendeva il momento opportuno per piombare in casa e recitare la sceneggiata. E’ una follia mia cara, le aveva detto. Quando tuo padre si accorgerà della trama che stai ordendo, andrà su tutte le furie ma peggio ancora, non voglio pensare alla reazione di Lord Stafford. Che Dio ci aiuti…
Conrad l’aiutò  a togliersi il mantello foderato in pelliccia e mentre lei si sistemava le pieghe dell’abito cremisi che ricadevano pesanti sino a terra, egli s’avvicinò alla porta del salottino privato del suo padrone.
“Vi annuncio immediatamente, milady.”
“Oh no, per favore. Farò da sola Conrad, è una cosa piuttosto…riservata.” L’uomo la fissò con evidente disorientamento; una dama nubile, senza chaperon a casa di uno scapolo incallito in una notte senza stelle. Seppur angustiato per la situazione sconveniente, Conrad non osò fermare la giovane che, il mento sollevato, si diresse alla porta di quercia a doppio battente. Posò la mano sulla maniglia, riflettendo per un momento sulla grandezza del gesto che si apprestava a compiere, poi aprì.
La musica avvolgeva la stanza in un’atmosfera di incanto natalizio; Ethan era dinanzi a lei, bello come un dio pagano. Troppo tardi ormai per tirarsi indietro, quando richiuse la porta alle sue spalle, lui volse lo sguardo ambrato nella sua direzione, sorpreso da quell’invasione privata e inaspettata.
“Ofelia Lancaster, che cosa ci fate qui? E’ forse accaduto qualcosa? State bene?” Si alzò e la raggiunse in un paio di falcate, sovrastandola. Coraggio Ofelia, si disse mentre le ginocchia le tremavano.
“Io, ecco…Io vi amo Ethan.” Mormorò in un soffio.
“Che…cosa?” Rispose lui sollevando un sopracciglio. “E siete venuta qui questa sera, immagino senza accompagnatrice, per confessarmelo?” Si sporse verso di lei, gli occhi due pozze dorate; Ofelia istintivamente abbassò il viso, pudica.
Ethan non aveva mai guardato a lei come ad una donna; era il migliore amico di suo fratello Jacob e lei era sempre stata nulla più di una giovinetta con le ginocchia sbucciate che incontrava d’estate a Westbury, nella tenuta di campagna. Adesso gli stava di fronte, maledettamente affascinante, pensò e stava dichiarando…di amarlo! Non c’è limite alla comicità delle situazioni, pensò sarcastico.
“Ofelia, Ofelia” Sussurrò a pochi pollici dal suo viso che stava arrossendo in modo stupendo “Una nobildonna a casa di un impenitente; non vi pare rischioso, nonché terribilmente sconveniente? Che diranno vostro padre e vostro fratello?”
“Non m’importa.” Rispose ostinata scuotendo la testa; la cuffietta si inclinò su un lato, lasciando scivolare fuori una ciocca di capelli. Ethan la prese tra due dita e se la rigirò nella mano. Sembravano fili di seta dorata.
“Li portate sempre così, castigati sotto questi orribili copricapi?”
“Io…beh, sì.”
“Perché? Ricordo che da bambina possedevate una cascata d’oro che vi arrivava sin la vita. Sono ancora così?”
“Sì milord.”
“Toglietevela. Voglio vederli.” La giovane ubbidì e sciolse, le mani tremanti, i nastri da sotto il mento, lasciando ricadere un turbine di ricci color oro che le avvolsero il viso facendo risaltare ancor di più il blu dei suoi occhi. Ethan rimase senza fiato; come aveva fatto a non accorgersi mai di Ofelia? Era una bellezza fuori dall’ordinario, pensò osservando il seno pieno che faceva capolino dalla scollatura e quella bocca tumida, fatta per essere baciata. Femmina pericolosa
“E ditemi,” le sussurrò, infilando entrambe le mani in quella soffice massa aurea “che cosa  avreste intenzione di fare ora? Forse…Sedurmi?”
Mio Dio, devo essere completamente impazzita, pensò ma il magnetismo di Ethan era qualcosa di sorprendentemente afrodisiaco. Ofelia socchiuse gli occhi, in attesa di un qualcosa che non accadde affatto. Quando risollevò le palpebre, lo scorse che l’osservava divertito; avvampò per la vergogna. Si stava prendendo gioco di lei!
“Perdonatemi.” Gli rispose sdegnata “Avevo dimenticato che lord Stafford è abituato a ben altro tipo di signore, correggetemi se sbaglio.”
La ricordava timida e chiusa come un riccio; per contro, era diventata una splendida donna ma con fiato in gola da sfinire un morto e la lingua tagliente come una lama. Per un attimo fatale, Ethan sprofondò in quegli occhi che parevano laghi in cui perdersi…Cristo, pensò mentre l’eccitazione gli tirava la patta delle brache; immobilizzandola contro la parete le catturò la bocca con un bacio impudico che a Ofelia fece girare la testa. Era già stata baciata in precedenza ma questo andava al di sopra di ogni sua immaginazione. Socchiuse le labbra sotto le sue e la lingua di Ethan affondò nella sua bocca, famelica, mentre le mani iniziavano a sfiorarla, regalandole solo un assaggio di ciò che sarebbe potuto accadere in seguito. I seni divennero improvvisamente sensibili sotto il velluto dell’abito, il ventre dolente. Perché zia Margareth non arrivava? Il tempo trascorso con lui era già sufficiente a scatenare uno scandalo anche se in cuor suo Ofelia non aveva alcun desiderio che quel dolce tormento terminasse. Gli allacciò le braccia al collo, aderendo al suo corpo e perdendo la cognizione del tempo; Ethan la sfiorava come aveva fatto poc’anzi con i tasti del pianoforte, ogni nota una nuova magia che si riversava nell’aria, carica di passione.
La porta si spalancò all’improvviso con un tonfo secco.
Ofelia si staccò bruscamente, portandosi le mani alla bocca, gli occhi sgranati per il turbamento. Lord Gerard Lancaster occupava l’intero vano con la sua mole possente, gli occhi iniettati di sangue. Dietro di lui, la zia in lacrime ed un esterrefatto Elliott Rothford, il viso porcino sudato e l’aria indignata.
“Scellerata! Se pensavi di imbrogliarmi per non sposare Lord Rothford e farti compromettere da questo libertino, ti sbagliavi di grosso! Grazie al cielo sono stato avvisato in tempo da mia sorella del tuo colpo di testa!”
“Traditrice!” Le urlò Ofelia mentre la donna abbassava mesta il capo. “Non sposerò mai quel maiale, piuttosto entrerò in convento!”
“Vedremo, figlia scriteriata! E voi, lord Stafford, ringraziate ch’io sia giunto in tempo e che siete un ottimo amico di famiglia. Spero che questa sordida storia non esca mai da queste mura o ve la vedrete con me in persona!” ringhiò al conte.
“Milord, non sono io ad aver sedotto la vostra affascinante figliola, in verità è accaduto il contrario e lungi da me ficcare il naso in faccende che non mi riguardano.” Rispose quasi annoiato. “Milady Ofelia, è stata una piacevole liason ma adesso dovrei dedicare la mia attenzione alla corrispondenza di lavoro. Vogliate scusarmi.” Terminò, liquidandoli tutti con un gesto noncurante della mano.
“Vile arrogante, io… Vi detesto! ” Gridò Ofelia mentre il padre la trascinava di forza fuori casa e la porta si richiudeva con un colpo…
Ofelia si alzò a sedere sul letto, portandosi una mano al petto, madida di sudore. Cielo, che incubo, pensò.
Il sole filtrava mite attraverso le cortine; era la mattina di Natale e lei si voltò verso il corpo nudo sdraiato al suo fianco, chinandosi a baciarlo dolcemente.
“Mmmm, che ore sono?”
“Credo che abbiamo ancora un poco di tempo per noi prima di scendere dabbasso per il pranzo. Buon Natale Ethan.” Gli mormorò a fior di labbra. L’uomo si sollevò su un gomito, guardandola con quegli occhi gialli da predatore.
“Lady Stafford, siete un’impudente!”
“E voi un diavolo tentatore, marito mio.” Mentre si abbandonava tra le sue braccia, Ofelia sorrise al ricordo di quella visione onirica; quella sera di un anno prima le cose erano andate esattamente come lei le aveva programmate. All’inizio non era stato semplice affrontare la furia cieca di un libertino che non aveva alcuna voglia di accasarsi e che era stato subdolamente “incastrato”, ma la passione tra i due era divampata sino a trasformarsi in amore, un amore profondo che li avrebbe accompagnati per tutta la vita… 




SIMONA LIUBICICH, classe 1970, origini fiumane. Sposata e mamma, Scrittrice per GVE,  pubblicata con Romance Magazine, “365 racconti horror per un anno” ,“Il magazzino dei mondi” e selezionata con Irene Pecikar per “365 racconti sulla fine del mondo” di Delos. Autrice del romanzo contemporaneo “Sfumature del deserto” pubblicato nel 2010 e collaboratrice per il blog ”Tuttosuilibri”.
Nella “sacca delle meraviglie” ha in serbo uno storico terminato, un lavoro in fase di ultimazione per l’inizio del 2012 ed un importante progetto in embrione.


TI E' PIACIUTO SEDUZIONE SOTTO L'ALBERO ? COSA NE PENSI? FRA TUTTE LE LETTRICI ISCRITTE AL BLOG CHE LASCERANNO UN COMMENTO SIGNIFICATIVO A QUESTO E AI SUCCESSIVI RACCONTI DELLA RASSEGNA CHRISTMAS IN LOVE 2011 VERRANNO ESTRATTI GIVEAWAYS A SOPRESA (LIBRI E GADGETS DEL BLOG). LASCIA IL TUO COMMENTO.

28 commenti:

  1. Che bel racconto!L'idea di base forse non è tra le più originali ma per me il matrimonio riparatore è sempre un ottimo motivo per leggere un libro....complimenti per la scioltezza della scrittura a
    Simona
    Daisy

    RispondiElimina
  2. Bellissimo! Fra quelli letti finora è quello che mi è piaciuto di più. Brava, Simona!

    RispondiElimina
  3. Bel racconto!! mi sono piaciute la trama e l'atmosfera...sarebbe bello vedere l'idea completamente sviluppata in un romanzo:D
    Complimenti!!
    Juliet

    RispondiElimina
  4. Leggero, nonostante contenga in poco spazio tutta una serie di elementi tradizionali del regency, e molto grazioso! Brava Simona...

    Patrizia

    RispondiElimina
  5. complimenti Simona, bel racconto, anche se concordo con Daisy sull'idea di fondo, ma io so quanto sia difficile essere originali, davvero curiosa di conoscere gli antefatti di questa storia.
    fabiola

    RispondiElimina
  6. Bel regency, coraggiosa e fortunata la protagonista che rischia davvero tutto nell'esporsi in quella maniera. ANITA GAMBELLI

    RispondiElimina
  7. Uno dei racconti più belli fino ad ora,un classico con un finale che ti "salta addosso" un po' troppo all'improvviso ma è ben scritto, quindi si può perdonare. Non dimentichiamo i vincoli della lunghezza massima consentita! I personaggi sono ben caratterizzati e ci starebbe davvero bene qualche riga in più, per sapere l'antefatto e come la nostra Ofelia riesce a convincere l'affascinante conte... brava Simona, in bocca al lupo per tutto!

    RispondiElimina
  8. Uno dei più belli letti fino ad ora! Credo che il vincolo dei caratteri abbia affrettato la conclusione, peccato. Comunque davvero molto bello!
    Lunaspi

    RispondiElimina
  9. Davvero carino e ben scritto! Impossibile non finire di leggerlo una volta cominciato... complimenti all'autrice!

    RispondiElimina
  10. Ciao Simona, il tuo racconto è uno di quelli che mi è piaciuto di piu. Molto bella l'idea del sogno con quel piacevole risveglio. Complimenti!
    Monica

    RispondiElimina
  11. Oh che bello Simona! Certo qualche battuta in più avrebbe reso più fluido il racconto, ma tutto sommanto sei stata davvero brava!

    Libera

    RispondiElimina
  12. Bel racconto, Simona! Crei sempre delle piacevoli atmosfere! Mi piacerebbe poter leggere uno sviluppo di questo racconto ;-)

    RispondiElimina
  13. Vorrei ringraziare tutte le lettrici per i graditissimi complimenti ricevuti. Volevo un racconto natalizio, regency, la mia passione e perchè no, un poco piccante senza sfociare nell'esagerazione. Una parentesi romantica da condividere con tutte voi, scritta di getto in un pomeriggio di pioggia, sognando un grande amore ambientato nell'800. Buon Natale a tutte voi
    Simona

    RispondiElimina
  14. Simona! Ma che bello! Mi è piaciuto un sacco! Soprattutto il carattere e le descrizioni dei due protagonisti!

    RispondiElimina
  15. Un racconto piacevole e ben scritto, l'unica nota stonata è il finale un po' affrettato. :-)

    RispondiElimina
  16. Situazione e personaggi sono un classico del genere; le descrizioni sono giocoforza brevi, ma precise ed evocative. Il finale un filino affrettato, ma, probabilmente, nn si poteva fare altrimenti. L'escamotage del sogno è carino, anche se, forse, volendo proprio cercare il pelo nell'uovo, sintomatico del fatto che Ofelia non ha la coscienza perfettamente candida; sotto, sotto, sa di aver giocato sporco, ma tant'è, la posta in palio era alta e lei nn è certo tipo da farsi sottomettere senza reagire. Mi permetto di proporre un sottotitolo a Simona: Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. :-)

    RispondiElimina
  17. Davvero bello!! Credo che fino ad ora sia quello che mi è piaciuto di più!!
    Ho quasi sperato che continuasse più a lungo, mi sarebbe piaciuto leggere di come l'eroina riesce alla fine a conquistare l'uomo che ama dopo il matrimonio.
    Complimenti!!

    RispondiElimina
  18. Complimenti Simona...molto carino e ben scritto. Mi unisco al coro di quante vorrebbero vedere il racconto trasformarsi in un romanzo, sviluppando magari meglio la parte che lo precede...buone feste, Monica

    RispondiElimina
  19. Racconto che avvince dall'inizio, quindi valido per il lettore che vuole sapere come la protagonista uscirà da un 'guaio' da lei stessa cercato. Aleggia bene il pentimento contrapposto al desiderio, buona la figura maschile, a me particolarmente cara se si tratta di un tenebroso contorto. Ottimo, e forse di più, il colpo di scena finale che taccio perchè è da leggere e apprezzare. Brava Simo!

    RispondiElimina
  20. Complimenti Simona! questo è il racconto in stile regency che al momento ho apprezzato di più.
    davveno ben scritto e spero che nel futuro tu possa regalarci qualche altra "chicca" come questa.
    Katia

    RispondiElimina
  21. Per il momento è il racconto che mi è piaciuto di più, ci sono tutti i miei elementi preferiti: la giovane sfacciata che deve salvarsi dal matrimonio con un uomo che odia, il libertino e il matrimonio riparatore.
    Brava.

    RispondiElimina
  22. Devo dire davvero originale, molto bella l'idea dell'incubo trasformatosi in sogno...molto coinvolgente il flashback che sorprende e attira ancora più nella narrazione passionale e romantica, come il genere rosa predilige!

    RispondiElimina
  23. Ormai ti leggo "quasi ovunque", Simona, ma è questa la strada per arrivare lontano. Un affettuoso in bocca al lupo per i tuoi sogni.
    Mariangela Camocardi

    RispondiElimina
  24. sensuale, intrigante, romantico, spensierato e perfettamente in sintonia con il periodo natalizio!!!

    RispondiElimina
  25. Bello Simona, mi piace molto! E poi mi hai completamente spiazzata con il colpo di scena finale!

    RispondiElimina
  26. Bellissimo racconto!!!complimenti all'autrice che è davvero bravissima.

    RispondiElimina
  27. Piacevolissima lettura. Racconto non solo accattivante ma anche ben scritto. Complimenti davvero!

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!