CHRISTMAS IN LOVE 2011: ASPETTANDO LA FELICITA' di Fabiola D'Amico

 

Dicembre 1782
Sophie fingeva di ascoltare le preghiere che precedevano l’accensione dell’ultima candela della corona d’avvento. Secondo la tradizione nelle quattro domeniche precedenti il Natale si doveva dar luce progressivamente a quattro ceri, di cui tre viola e uno rosa. Ogni candela aveva un’importanza religiosa, ma il conte, suo padre, assegnava a ciascuno un significato particolare e aveva, come sempre, deciso chi le avrebbe accese: per la candela della pace, la prima, aveva scelto la zia Matilde giacché ora che era stato firmato il trattato di Parigi, che decretava la fine delle ostilità fra Francia, Inghilterra e i nuovi Stati Uniti D’America, poteva tornare a New York e riabbracciare i suoi figli; per la seconda, quella dell’amore, la cugina Marie che si era innamorata e sposata durante la stagione precedente; per la terza candela, che rappresentava la fede, la piccola Mildred che era caduta in un fiume in piena e soltanto un miracolo l’aveva salvata dalla morte. L’ultimo cero, quello rosa, che rappresentava la Speranza, aveva deciso di farlo accendere, ancora una volta, a Sophie. Anche se la giovane non avrebbe voluto, poiché era certa di essere la meno indicata a illuminare di speranza il prossimo avendo perso ogni illusione. Dopo tre lunghi anni di attesa, aveva abbandonato la speranza di rivedere l’unico uomo che avesse mai amato, il suo migliore amico, il suo fidanzato segreto. E da questa disillusione era nata la decisione di accettare l’ennesima proposta di matrimonio. Il pensiero di ciò le fece venire angoscia allo stomaco. Ma che altro avrebbe potuto fare? A ventidue anni non poteva continuare ad aspettare un uomo che per capire cosa voleva dalla vita era sparito. Aveva diritto anche lei alla felicità. Ma l’avrebbe trovata con uno sconosciuto? Si chiese.
Immersa nei suoi pensieri non si accorse che tutti la guardavano in attesa che accendesse la candela. Mascherando l’insoddisfazione con un sorriso storto, si alzò.
Un inaspettato quanto inopportuno battere interruppe la funzione. Tutti gli sguardi si volsero verso la porta: non era mai accaduto che qualcuno sospendesse quel momento. Il Conte corrugò la fronte, mentre la Contessa gli sfiorò la mano per calmarlo.
 Una giovane cameriera entrò trepidante.
– C’è una visita per Lady Sophie!
Tutti gli occhi si spostarono verso la fanciulla che ancora teneva la candela spenta in mano.
La cameriera torse le mani, prendendo fiato: - Milady, si tratta di Mister Patrick.
Il nome del visitatore riecheggiò nella stanza silenziosa, nonostante il numero di ospiti, raggiunse Sophie, oltrepassò il muro del ricordo ed entrò con forza nella mente della donna, che fissò incredula la domestica. Quante volte aveva sognato quel momento? Infinite volte. Dopo tre lunghi anni era tornato. Le sembrò che il pavimento vacillasse e lei con esso.
– È qui?
Marie non ebbe il coraggio di pronunciare altre parole, assentì con la testa.
– O mio Dio!
La candela cadde a terra con un tonfo che risuonò nella stanza ancora silenziosa.
 La contessa prese in mano la situazione e congedò la cameriera: – Fallo accomodare nel salottino giallo.
Infine, guardò la figlia minore e le sorrise dolcemente. – Vai! Segui il tuo cuore e non aver nessun timore.
Sophie ebbe appena la forza di assentire, poi s’incamminò. Un silenzio carico di attesa la seguì. Quando la porta si chiuse alle sue spalle il silenzio divenne mormorio concitato.
Si sentiva inquieta, turbata e confusa. Perché era tornato dopo tutto quel tempo? Che cosa voleva? Proprio ora che aveva deciso di dimenticarlo. Deglutì nervosamente, raddrizzò le spalle ed entrò nella stanza.
Patrick stava fissando impaziente la porta e quando la vide rimase senza fiato. Lunghi capelli neri, morbidamente raccolti sulla nuca, incorniciavano un volto ovale su cui risaltavano grandi occhi blu preoccupati, un piccolo nasino all’insù e una bocca a forma di cuore, che ricordava morbida e arrendevole sulla sua. Indossava un abito azzurro in broccato di seta, con un sottogonna dal colore meno intenso, il cui corpetto evidenziava un decolté formoso che Patrick rammentava candido e procace. Avanzò di due passi, desiderando stringerla a sé per riprovare le sensazioni di una volta.
Sophie arretrò; il cuore le batteva furiosamente, poiché temeva di non conoscere l’uomo che la fissava. Apparentemente sembrava il ragazzo che le aveva fatto scoprire l’amore dei sensi, in realtà era un uomo e c’era negli occhi verdi una durezza nuova. Il suo viso era solcato da una cicatrice sulla guancia destra, che lo rendeva, stranamente, più affascinante e virile di quanto non era stato nel passato.
– Siete ancora più bella di quanto ricordassi! –
Quelle parole la irritarono, piuttosto che lusingarla. Scordò l’emozione di ritrovarlo, dimenticò quanto avesse agognato quel momento e gli rispose con ironia: - Davvero? Pensavo vi foste scordato di me! –
Lui strinse gli occhi sorpresi, ma per nulla scoraggiato, replicò: - Avevo immaginato un’accoglienza più calorosa e non tanta animosità -.
Con un fastidioso sfarfallio allo stomaco, Sophie avanzò leggiadra, portandosi dinanzi al calore del camino, gli diede le spalle. – Animosità? Indifferenza, direi! Perché siete qui? –
Patrick si avvicinò silenziosamente a lei tanto che il suo alito sfiorò il collo scoperto quando parlò: - Sono venuto per portarvi via con me! – Un intenso profumo di rose lo avvolse; si sentì pervadere dall’eccitazione.
Sophie rabbrividì, per brevi istanti, si arrese alle emozioni, ma più forte fu il risentimento, che come la lava incandescente troppo a lungo trattenuta, ora, esigeva la libertà.
Si volse verso di lui, gli occhi fiammeggianti, il seno che si muoveva al ritmo del respiro affannoso; non si rendeva conto di essere affascinante e sensuale. – Che cosa vi fa supporre che sia disposta a seguirvi?
Lui si portò  la mano ai capelli, allontanando un ciuffo ribelle. – Non era quello che mi scrivevate in ogni lettera? - le rispose stancamente.
La lava ribolliva, accendendo fuochi sopiti. – Lettere che si son fermate a più  di un anno fa! Quando voi avete deciso di andarvene in giro per l’America in cerca di voi stesso. Senza prendervi la briga di farmi avere vostre notizie!
– Come avrei potuto? Ho vissuto in posti selvaggi, dove la mia unica compagnia erano gli orsi e i lupi!
L’acredine continuò  a montare, mandando in frantumi ogni parvenza di autocontrollo. – Così, mentre voi esploravate angoli reconditi del mondo, io mi struggevo al vostro pensiero –, gli occhi di Sophie ora erano di un blu intenso e le gote accese del calore dell’ira.
– Ciò che ho fatto, non l’ho fatto per me, ma per noi! Sapevate quanto fosse importante per me crearmi una posizione, al di fuori della mia famiglia!
- Voi, voi, voi! E io?! Io vi amavo per ciò che eravate, ero pronta a qualunque sacrificio pur di starvi al fianco. Ma avete pensato bene di andarvene in guerra e poi in cerca di voi stesso. Ebbene siete arrivato tardi, signore.
- Che cosa vorreste dire? -, le chiese spazientito.
- Voglio dire che mi sono fidanzata, perché ad aspettare voi sarei rimasta una zitella!
Per un attimo, sul suo viso apparve un’espressione di sbalordimento, subito sostituita da una ironica: - È chiaramente una bugia, tutta femminile, per vendicarvi di me. Non portate neanche l’anello di fidanzamento.
Sophie rimase in silenzio, lasciando che le sue parole alimentassero il fuoco incandescente della lava che montava nelle sue vene. – Non porto l’anello di fidanzamento, perché mi sarà dato la notte di Natale.
Stavolta i suoi occhi divennero gelidi, come il mare più freddo. Fece un inchino e si allontanò: - Perdonatemi, devo aver frainteso le vostre promesse.
Sophie lo guardò  esterrefatta: - Non vi permetterò di cambiare le carte in tavola! Io vi ho aspettato quando eravate un soldato! Fintanto che mi facevate avere vostre notizie. Siete scomparso! Ditemi, Patrick, voi in questi lunghi tre anni mi siete stato fedele, nel pensiero e nel corpo?
L’uomo liquidò  la domanda con un cenno della mano: - Questa conversazione sta superando i limiti del decoro.
Il vulcano era sul punto di esplodere. – Voi, dunque, parlate di decenza? Voi che mi avete fatta gemere di piacere tra le vostre braccia? Promettendomi di sposarmi e poi partendo per l’America. State solo cambiando argomento, per non rispondere!
La resa appassionata di Sophie affiorò dai recessi della memoria; pur essendo irritato, il ricordo lo eccitò, per scacciare quell’inopportuna sensazione le disse: – Volete la verità? Sì ho avuto altre donne. Dannazione sono un uomo, dovevo soddisfare dei bisogni naturali!
- Oh certo, voi siete un uomo, tutto vi è concesso. Io solo una donna! Mentre voi soddisfacevate i vostri bisogni, io aspettavo il vostro ritorno. Per giorni, mesi, anni. Perdendo alla fine la speranza di rivedervi!
L’espressione di Patrick cambiò nuovamente, sul viso le labbra disegnarono un sorriso ironico, il tono di voce, non più brusco ma lievemente beffardo: - Siete gelosa!
Il vulcano esplose.
Sophie batté  le scarpette a terra, lanciò un urlo di stizza e poi disse: - Io non sono gelosa. Sono furiosa! Fuori, non voglio più vedervi!
Senza aspettare la sua risposta, posò le mani sul torace muscoloso e lo spinse con tutte le forze, spostandolo di appena un millimetro. Nella furia del momento non si accorse che lui le afferrava le braccia e la stringeva a sé, così si rese conto troppo tardi che il suo viso ora era vicinissimo e le labbra a pochi millimetri dalle sue. Percepì l’odore di tabacco e muschio, la forza della sua presa; era già creta viva tra le sue mani, che si muovevano in una lenta carezza su fino alle sue spalle, per il collo che circondò. Avvertì la lingua lambirle il labbro, invitandola sensualmente a socchiudere la bocca per accoglierlo in sé. Il fuoco dell’ira si trasformò in passione incandescente. Sophie si arrese, ma lui non la baciò subito con la foga con cui l’aveva zittita. Patrick lambì, stuzzicò con lievi morsi il labbro superiore, sfuggì alla lingua di Sophie che, birichina, tentava di raggiungere la sua bocca. Poi, quando il corpo di Sophie si ammorbidì, colmò l’impercettibile distanza tra le loro bocche.
La collera, il rimpianto si sciolsero in eccitazione. Sophie gemette sentendo la sua lingua che languidamente si muoveva contro la propria, in una danza antica e sensuale. Le mani che, prima avevano spinto, ora trattenevano, il seno schiacciato contro il corpo muscoloso. Le dita, ruvide e callose, di Patrick carezzavano il contorno del viso lentamente, sfiorandone la pelle morbida.
I sogni erano diventati realtà.
Labbra contro labbra, lingua contro lingua. Patrick lasciò la sua bocca per baciare ogni centimetro del viso, del collo, assaporando il suo profumo, la sua resa. Le sussurrò dolcemente: – Siete mia, lo siete sempre stata e lo sarete sempre.
Sophie era percorsa da fremiti di piacere, la sua mente ottenebrata da una nebbia di passione. Lo voleva, lo aveva aspettato tanto, era ancora in collera, ma lo voleva e avrebbe inghiottito ogni orgoglio pur di vivere con lui. Nessuno aveva il potere di farla sentire in quel modo. Mentre lui continuava a baciarla sensualmente, un campanellino risuonò tra la nebbia invitandola a riflettere su qualcosa, una frase che lui aveva pronunciato. – Sono venuto a prendervi…- ma non voleva pensare, non poteva pensare, voleva soltanto essere tra le sue braccia.
Appena fuori dalla porta, tutti si spingevano per origliare l’improvviso silenzio. Il Conte, che aveva ascoltato la sfuriata della figlia con un sorriso sulle labbra, incedette sicuro, aprendosi un varco tra la famiglia assiepata; era ora d’interrompere qualunque cosa stesse accadendo lì dentro.
Nell’altra stanza, qualcuno accese il cero della speranza. Le quattro fiammelle sfavillarono allegramente.



FABIOLA D'AMICO è  una trentasettenne Siciliana, laureata in Economia, con studi classici alle spalle. Vive a Bagheria, città delle ville settecentesche, a pochi chilometri da Palermo. Lettrice appassionata fin dalla tenera età dei grandi autori ottocenteschi, legge di tutto, ma preferisce le storie e lieto fine; ha coltivato nel segreto della mente il sogno di scrivere e inventare storie. Storie ambientate nel passato, tra corpetti e crinoline, tra Principi, Conti, Pirati. Tra uomini e donne realmente esistiti e
la versione pubblicata sul blog
protagonisti nati da un’indomabile fantasia. Soltanto negli ultimi dieci anni ha tentato di far diventare un sogno realtà, lottando contro un ambiente a lei estraneo e facendolo nei ritagli di tempo, poiché lavora alle dipendenze del marito come consulente del lavoro, a tempo pieno, ha due figlie meravigliose – Elena e Melissa- e, diciamolo, un marito che dopo quasi 20 anni ancora ama. Ha scritto un paio di racconti per la rivista Confidenze e vari concorsi, poi ho abbandonato i racconti brevi per dedicarsi alla stesura del suo unico, finora, Romance – Il tesoro più grande- (alias L’angelo Nero) uscito nelle librerie nel 2007, che è stato pubblicato a puntate nel 2011 in questo meraviglioso blog. Sul sito http://siti.inail.it/Umbria/catalogoprosa.pdf è possibile leggere un racconto dal titolo Vite Spezzate; nel luglio 2011 è stata selezionata per far parte dell’antologia erotica L’antro di Eros, edito dalla Lite Edition, con il racconto La Spia Ribelle, acquistabile in formato e-book, inoltre sarà presente nella raccolta 365 giorni alla fine dell’anno, edito dalla Delos con il micro racconto Lacrime aride. Una piccola poesia, Senza di Te, è pubblicata nella raccolta Attimi, i cui proventi di vendita saranno devoluti in beneficenza. È in attesa dei risultati di due concorsi importanti: La vie En Rose e il Premio Romance. Nel nuovo anno ci sarà il ritorno del suo Romance, con una revisione più accurata e un nuovo titolo IL TESORO DEL PIRATA, sul mercato e-book in Germania, Austria e Svizzera con la Chichili Agency.  Questo libro ambientato nel 1645 durante l’inquisizione Spagnola in Sicilia, come molte di voi sapranno, rappresenta il prologo di una Saga, composta da 4 libri, ambientata agli inizi del 1800 tra la Sicilia e L’Inghilterra. Sono già pronte le sinossi di altre due storie: una alla corte di Luigi XIV e una nell’Inghilterra Regency.

TI E' PIACIUTO ASPETTANDO LA FELICITA' ? COSA NE PENSI? FRA TUTTE LE LETTRICI ISCRITTE AL BLOG CHE LASCERANNO UN COMMENTO SIGNIFICATIVO A QUESTO E AI SUCCESSIVI RACCONTI DELLA RASSEGNA CHRISTMAS IN LOVE 2011 VERRANNO ESTRATTI GIVEAWAYS A SOPRESA (LIBRI E GADGETS DEL BLOG). LASCIA IL TUO COMMENTO.

22 commenti:

  1. Bè, capisco Sophie tutto sommato... Ma come biasimarla? Probabilmente mi sarei comportata allo stesso modo...
    Un'altra bellissima perla natalizia. Grazie e complimenti ancora!
    E visto che il prossimo racconto è previsto per il 27 auguro al Blog e a tutti i lettori tantissimi auguri di un sereno e felice Natale e che la luce delle quattro candele brilli su di noi!

    RispondiElimina
  2. Un altro bel racconto di natale...complimenti Fabiola!!! E un buon natale a tutte le bibliotecarie :D
    Juliet

    RispondiElimina
  3. Brava Fabiola, c'è il sapore del Natale, dei bilanci che spesso facciamo sul finire di un anno, e un giusto equilibrio fra sfumature romance e realtà di una protagonista nella quale non è difficile immedesimarsi...e visto che siamo alla Vigilia, i migliori auguri a tutte le amiche che leggono i raconti e alle eccellenti bibliotecarie!
    Patrizia

    RispondiElimina
  4. è meraviglioso aspettare la felicità così.... con la quasi certezza di trovarla.... l'amore è la componente fondamentale.... una bella atmosfera quella di questo racconto. bravissima Fabiola D'Amico!

    RispondiElimina
  5. Bel racconto natalizio Fabiola, una storia a lieto fine come in un romance che si rispetti! Simona

    RispondiElimina
  6. Molto ben scritto e davvero coinvolgente... aspetterò con ansia il romanzo che seguirà e che farà penare lui e risolverà il campanellino d'allarme risuolato nei sensi annebbiati di lei.
    Auguri a Fabiola e tutte <3

    Libera

    RispondiElimina
  7. grazie a tutte, la scelta della corona d'avvento, usanza dei popoli nord europei, è stata un'ispirazione a seguito della festa d'avvento dell'asilo che frequenta lA MIA piccina di 17 mesi...
    e si Libera, non c'è nulla ma con il campanellino d'allarme ho tenuto aperta una porta per un possibile romance non regency ma georgiano.. auguri a voi e in particolare alle blogger... a proposito il titolo è aspettando la felicità... grazie

    RispondiElimina
  8. Bel racconto d'impianto classico. Un tocco de "Il Gattopardo" (si aprono entrambi con la famiglia riunita, là x la recita quotidiana del Rosario, qui x celebrare l'avvento) più una spruzzatina di "Orgoglio e Pregiudizio" nella scena della dichiarazione d'amore/scontro tra i due protagonisti. Nonostante la brevità e i pochi accenni, l'atmosfera è molto passionale.

    RispondiElimina
  9. Davvero un racconto d'atmosfera, e con un'emotività che si avverte dall'introduzione, Fabiola, come ha detto nel commento precedente ladymacbeth.
    Buon Natale, cara. Il tuo racconto mi è piaciuto.
    Mariangela Camocardi

    RispondiElimina
  10. Un racconto che inneggia alla speranza non poteva mancare a Natale. Brava, Fabiola! Tantissimi auguri a tutte, ragazze.

    RispondiElimina
  11. Lady il tuo commento mi ha fatto volare per un attimo... un elisir che mi fa pensare che non devo mollare... Tomasi di Lampedusa- Jane... mi sopravvalutano ho pensato... poi ho riflettuto e mi sono detta: mica parlava dello stile ma delle scene.. ho smesso di volare... scherzo mi fa piacere che vi sia piaciuto, anche alla nostra superlativa queen... mi avete emozionato... grazie

    RispondiElimina
  12. Anche se breve ed iniziale, il simbolismo religioso del Natale è davvero idoneo in questo racconto,per poi farne un acceso ritorno alla fine...magica atmosfera e languida passionalità tra i protagonisti...l'amore vince su tutto, anche su l'orgoglio a volte...brava l'autrice!

    RispondiElimina
  13. Ogni volta mi dicevo di visitare questo concorso, promosso da JUneross, perchè ero curiosa di leggere racconti di Natale.. Io amo il natale e le storie natalizie, mi hanno fatto sempre battere il cuore.. Di questo piccolo racconto sn stata contenta.. E' scritto bene e poi mi è piaciuto il fatto che è ambientato prima del nostro secolo.. Complimenti e spero che tutte abbiano trascorso un sereno Natale!!

    RispondiElimina
  14. Un racconto molto carino e passionale.
    Se fossi stata al posto della protagonista avrei preteso di sapere il motivo per cui lui aveva sospeso i contatti. :-)

    RispondiElimina
  15. Ciao Fabiola, beh, anche solo evocare certe atmosfere e certi momenti letterari nn dev'essere semplice cmq, certo che nn devi mollare, ci mancherebbe altro! A presto, auguri.

    RispondiElimina
  16. Mi è piaciuta l'idea delle quattro candele dell'Avvento. Brava Sophie che ne ha dette quattro al bel Patrick, dopo tutto quello che le ha fatto penare! Anche se poi ha fatto bene a non farselo scappare. Ah, l'amour! ANITA GAMBELLI

    RispondiElimina
  17. La speranza e la magia vanno a braccetto nell'atmosfera natalizia, proprio come nel tuo racconto...brava Fabiola!

    RispondiElimina
  18. ciao Emy, per far rientrare la storia delle candele e quella dell'amore ho dovuto sforare di un centinaio i caratteri assegnati, Patrick è partito alla volta delle Americhe e al termine della guerra ha deciso di esplorare le terre sconosciute di quel nuovo mondo alla ricerca di una sua identità, infatti è il 4 figlio di un conte e in Inghilterra non troverebbe la sua strada. chissà forse un giorno ne faro un romanzo... grazie a tutte per i commenti

    RispondiElimina
  19. che dire, mi è piaciuto molto, breve ed intenso, racchiude passione e misticismo. quest'anno sarà veramente difficile votare!

    RispondiElimina
  20. E' un racconto molto bello, ma come altri che ho letto, sembra far parte di una storia più lunga.
    Non è una critica eh! Anzi è la speranza di leggere di più!
    Mi hanno distratta alcune ripetizioni, ma sono bazzecole...
    Bello, interessante e personaggi intensi.

    RispondiElimina
  21. Mi piace mi piace mi piace, ben scritto e intenso,bel caratterino Sophie. Brava Fabiola

    RispondiElimina
  22. bello, mi è piaciuto, in così "poche righe" è riuscita a descrivere una storia d'amore molto coinvolgente, mi sono sentita dentro al racconto tanto mi ha affascinata, complimenti all'autrice Fabiola

    RispondiElimina

I VOSTRI COMMENTI ARRICCHISCONO IL BLOG! GRAZIE. (Se li lasciate ricordatevi di firmarli, ci piace sapere chi siete!)
I commenti contenenti offese o un linguaggio scurrile verranno cancellati.

SEGUITE TRAMITE EMAIL

I RACCONTI RS SELEZIONATI DAL BLOG ORA IN EBOOK!

I MIEI PREFERITI / ROMANZI A 5 CUORI !

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

I contenuti e le immagini sono stati utilizzati senza scopo di lucro ai soli fini divulgativi ed appartengono ai loro proprietari. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei propri diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK

VENITECI A TROVARE SU FACEBOOK
Clicca sull'immagine e vai alla nostra pagina FB

NOI CON VOI...GUARDA IL VIDEO!